Connect with us

Cronaca

Quando il turista è proprio idiota…

Vacanziere 19enne manda in frantumi il fonte battesimale della chiesetta di Baia Verde mentre gli amici (geni anche loro!) lo riprendono col cellulare. Denunciato per danneggiamento

Pubblicato

il

In vacanza a Gallipoli distrugge il fonte battesimale della chiesetta di Baia Verde, riducendola in pezzi.


Gli agenti del Commissariato di Polizia di Gallipoli lo individuano e denunciano per il reato di danneggiamento.


All’alba del 2 agosto scorso a Baia Verde un gruppetto di giovanissimi vacanzieri provenienti dalla provincia di Ancona, dopo aver trascorso la notte in discoteca, hanno indossato il costume con l’intento di andare al mare e fare un bagno alle prime ore della mattina.


Prima di arrivare al mare, però, uno dei ragazzi della comitiva, passando dalla chiesetta all’aperto di Baia Verde, ha pensato di entrare nel piccolo luogo di culto e, dopo aver tentato di buttare giù l’altare, senza riuscirvi, ha buttato giù l’acquasantiera, rompendola in mille pezzi con il solo scopo di compiere un atto goliardico alla presenza degli altri amici vacanzieri che lo riprendevano con il cellulare.

I filmati della “bravata”, poi diffusi sul web, e l’ausilio delle immagini di videosorveglianza cittadina, hanno permesso agli investigatori della Polizia di Stato di accertare la dinamica del fatto sino e risalire all’alloggio del gruppetto dei giovani.


L’autore del reato è stato individuato nonostante lui e i testimoni fossero ripartiti per Ancona il giorno dopo l’atto vandalico.


Attualità

Leonardo Donno dopo l’aggressione in parlamento: “Io non mollo”

Il deputato salentino: “Io non mi fermo, il Movimento 5 Stelle non si ferma. Per questo martedì saremo in piazza per dire NO al folle progetto dell’autonomia differenziata e del premierato. Saremo in piazza con le nostre bandiere tricolore per dire NO a chi vuole spaccare la coesione e l’unità nazionale”

Pubblicato

il

L’onorevole Leonardo Donno, dopo la ormai nota aggressione subita in parlamento, è tornato sul larga mento innanzitutto per ringraziare  tutti “per il sostegno, siete stati tantissimi”.

Poi entra nell’argomento: “Le immagini che sono rimbalzate in questi giorni nelle tv italiane ma anche all’estero valgono più di mille parole. La verità è sotto gli occhi di tutti, come è chiaro che stringere la bandiera del nostro Paese per qualcuno è un oltraggio che lo porta addirittura a indietreggiare”.

Il deputato salentino passa al contrattacco: “Questo è il centrodestra. Questi sono i ‘patrioti’ che a un gesto pacifico hanno risposto con la violenza. E quando al peggio non c’è mai fine spuntano pure le sanzioni dell’Ufficio di presidenza che hanno messo sullo stesso piano l’aggredito e l’aggressore. Siamo alla farsa”.

Nonostante il dolore e la rabbia provati Leonardo Donno non si arrende: “Forse pensano di fermarci, o di prendere in giro gli italiani. La verità è che non ci fanno paura”

Infine l’annuncio: “Io non mi fermo, il Movimento 5 Stelle non si ferma. Per questo martedì saremo in piazza per dire NO al folle progetto dell’autonomia differenziata e del premierato. Saremo in piazza con le nostre bandiere tricolore per dire NO a chi vuole spaccare la coesione e l’unità nazionale”.

Continua a Leggere

Cronaca

Cumulo di rifiuti abbandonati a Tricase, la segnalazione: “E se…?”

Il messaggio al sindaco di una nostra lettrice: “Inasprire le regole sulla differenziata potrebbe avere effetto contrario”

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo una segnalazione giunta in Redazione ed accompagnata da una considerazione.

Foto di cumuli di spazzatura da Tricase, in pieno centro abitato, in via Quintino Sella a pochi giorni dall’annunciato inasprimento di regole e controlli in merito alla differenziata ed all’utilizzo degli appositi sacchetti.

La domanda, indirizzata al sindaco dalla nostra lettrice, è: “E se tutto questo spingesse gli incivili ad un aumento dell’abbandono dei rifiuti?”

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase: donna ritrovata senza vita in casa

È accaduto nel quartiere di Sant’Eufemia. Tra le ipotesi degli inquirenti prende piede quella del suicidio

Pubblicato

il

Tragedia nel rione Sant’Eufemia a Tricase.

Attoniti gli abitanti del quartiere per quanto accaduto in via del Gonfalone.

Una donna di mezza età del posto è stata ritrovata in casa senza vita.

Non vi sono dichiarazioni ufficiali a riguardo ma a quanto trapela gli inquirenti propenderebbero all’ipotesi del suicidio.

La donna non era sposata e viveva sola in casa.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus