Connect with us

Cronaca

Riaperte indagini su morte per dissanguamento di operatore sanitario di Montesano

Dopo l’archiviazione la denuncia-querela dei familiari: oltre alla fidanzata (indagata per omicidio preterintenzionale) iscritti nel registro degli indagati anche 5 operatori del 118

Pubblicato

il

Riaperte le indagini sulla morte di Giorgio Simone, operatore sanitario originario di Montesano Salentino deceduto nell’aprile 2020 nel Piacentino in circostanze sospette, a margine di una lite con la sua fidanzata.


Il primo filone giudiziario si era chiuso con una archiviazione già nel 2021. La prima ricostruzione valutava l’accaduto come una fatalità: il giovane, all’epoca dei fatti 28enne, avrebbe sfondato una porta vetrata con un calcio, porta che la fidanzata, con cui avrebbe litigato, si sarebbe chiusa alle spalle pochi istanti prima.


Da lì il profondo taglio al polpaccio che ne provocò la morte per dissanguamento.


Una ricostruzione che non ha mai convinto i familiari della vittima che, nei mesi seguenti l’archiviazione, hanno lavorato per raccogliere elementi utili alla riapertura del caso.


Ebbene, ora la Procura di Piacenza ha riaperto le indagini ed ha iscritto 6 persone nel registro degli indagati. Oltre alla fidanzata, che è indagata per omicidio preterintenzionale, i giudici vogliono chiarire le eventuali responsabilità degli operatori sanitari intervenuti dopo la chiamata al 118.

La ricostruzione dei familiari della vittima è diversa da quanto raccontato dalla fidanzata del 28enne. Secondo quanto denunciato, durante la lite tra i due giovani la donna potrebbe aver spinto il ragazzo che, indossando solo calzini e su un pavimento liscio, sarebbe scivolato, cadendo, sfondando la vetrata e procurandosi la ferita poi risultata fatale.


Allo stesso modo, per i familiari del defunto, vi sarebbero state delle negligenze nelle operazioni di soccorso che, da quanto emerge nelle registrazioni delle chiamate al 118 depositate agli atti, avrebbero anche visto un cambio di ambulanza, in quanto quella utilizzata si sarebbe danneggiata durante il tragitto verso l’ospedale. Imprevisto che avrebbe fatto impiegare ben un’ora e mezza dalla richiesta di soccorso all’arrivo in nosocomio a Piacenza.


E’ così che la nuova inchiesta dovrà chiarire, oltre alla dinamica dell’incidente domestico ed alle responsabilità della della fidanzata e convivente della vittima, anche l’operato di due infermieri, di due autisti soccorritori e di una volontaria di pubblica assistenza.


Campi Salentina

Corriere espresso ma di droga! Arrestato

La Polizia di Stato, al termine di un prolungato inseguimento nel centro abitato di Veglie, ha arrestato un uomo di Campi Salentina, corriere di una nota ditta di consegne porta a porta

Pubblicato

il

Gli agenti del Commissariato di P.S. di Nardò hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 40enne di Campi Salentina per detenzione ai fini di spaccio di hashish e marijuana, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali dolose a Pubblico Ufficiale.

Durante il servizio di prevenzione e controllo del territorio, disposto dal Questore di Lecce e svolto del comune di Veglie, gli agenti del Commissariato di P.S. di Nardò, insospettiti dall’alta velocità tenuta da un furgone di un corriere espresso, si ponevano al suo inseguimento.

Il conducente, accortosi del sopraggiungere delle pattuglie, anziché fermarsi, aumentava la velocità, cercando di guadagnare la fuga.

Eseguendo manovre a zig-zag, il corriere, al fine di eludere il controllo di Polizia, ha finanche investito uno degli agenti in borghese.

La spericolata corsa proseguiva poi per le vie del paese, in quell’orario molto trafficate. Guidando sempre a forte velocità, l’uomo alla guida del mezzo si disfaceva, gettandola fuori dal finestrino, di una sacca di colore bianco.

La fuga, continuata dapprima per le vie del paese e successivamente sulla provinciale per Carmiano, veniva interrotta dalla pattuglia postasi all’inseguimento, dopo che più volte l’autista aveva cercato, senza riuscirci, di speronare l’auto degli agenti.

Nel contempo altri operatori del Commissariato sono riusciti a recuperare la busta di cui il malvivente si era disfatto, contenente circa 1,6 kg di stupefacente, in particolare hashish e marijuana.

Al termine della vicenda, l’uomo è stato tratto in arresto e, giuste intese con il Sostituto Procuratore della Repubblica di Lecce di turno, tradotto presso la Casa Circondariale di Lecce a disposizione dell’A.G. per l’accertamento delle responsabilità.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Incendio brucia auto di carabiniere nella notte

Il mezzo, di proprietà di un militare in servizio a Tricase, era parcheggiata alla periferia di San Cassiano

Pubblicato

il

Incendio d’auto nella notte a San Cassiano, dove ha preso fuoco una vettura di proprietà di un carabiniere.

Il rogo, attorno alle 2, ha distrutto una Fiat Panda intestata ad un militare in servizio presso la stazione di Tricase.

Il mezzo era in sosta in via Toti, in una zona periferica del paese. Si trovava qui, lontano dal luogo di residenza del proprietario, a causa di un guasto.

I vigili del fuoco hanno domato l’incendio e cercato eventuali tracce di dolo: nulla, al momento, è stato individuato in questo senso.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Galatina, arrestato pusher

Si tratta di un 31enne del Gambia, irregolare sul territorio nazionale, ritenuto elemento di spicco nel mercato dello spaccio delle cosiddette droghe leggere

Pubblicato

il

Gli agenti del Commissariato di Polizia di Galatina hanno tratto in arresto un 31enne del Gambia, irregolare sul territorio nazionale, ritenuto elemento di spicco nel mercato dello spaccio delle cosiddette droghe leggere.

Il reato contestato è detenzione a fini di spaccio di hashish e marijuana; un altro uomo è stato indagato per concorso nello stesso reato.

Gli agenti di polizia, durante il servizio di prevenzione e controllo del territorio, nel transitare in via Collepasso, direzione via Donatello, hanno notato e fermato un ciclomotore procedere nello stesso senso di marcia con due persone a bordo.

Alla guida un 35enne senegalese, incensurato, regolare sul territorio mentre il passeggero è stato identificato per un 31enne del Gambia, conosciuto agli operatori per reati in materia di stupefacenti.

Alla luce di quest’ultimo particolare, gli agenti hanno deciso di effettuare una perquisizione sui due soggetti, estesa al ciclomotore, a seguito della quale il 35enne conducente è stato trovato in possesso di tre involucri di materiale plastico, contenente hashish per un peso lordo totale di grammi 14 circa e la somma in contanti di Euro 330 suddivisa in banconote di vario taglio, custoditi nella tasca dei pantaloni.

All’interno del sellone del ciclomotore, rinvenuto un marsupio contenente un bilancino di precisione e marijuana, per un peso lordo di grammi 35circa.

Gli agenti hanno sequestrato stupefacente e denaro, ritenuto riconducibile ad attività di spaccio.

Al termine degli accertamenti, il 31enne è stato tratto in arresto per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti, il conducente del veicolo indagato per concorso nello stesso reato.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus