Connect with us

Cronaca

Taglio del nastro: bentornato Ponte Ciolo

Pubblicato

il


Come avevamo anticipato sulle colonne del nostro ultimo numero cartaceo, oggi è stato il grande giorno del Ponte Ciolo. Il giorno in cui ha riaperto al traffico, sotto “una nuova luce”.








Il taglio del nastro questo pomeriggio per lo storico ponte in località Gagliano del Capo (Lecce), il ponte iconico del Salento lungo la strada provinciale 358, la litoranea della costa adriatica, che si staglia per una lunghezza di 60 metri a picco sul mare in corrispondenza di un’insenatura rocciosa profonda circa 30 metri.
    Simbolo, negli anni ’60, di un filone di ingegneria strutturale altamente innovativa, il ponte è tornato da oggi a nuova vita, riaperto alla percorrenza dopo essere stato chiuso per un anno per i lavori di risanamento, consolidamento e adeguamento sismico e funzionale finanziati dalla Provincia di Lecce con risorse del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
    Alla cerimonia di riapertura del ponte, con la l’accensione dell’illuminazione, alla presenza del presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, hanno partecipato autorità civili e religiose per salutare il passaggio della prima vettura.
    La struttura originaria, ad arco sagomato, è stata progettata dall’ingegnere leccese Antonio La Tegola e realizzata dalla Provincia di Lecce tra il 1962 e il 1967.





Era stata già sottoposta, negli anni, ad altri interventi di manutenzione.


Cronaca

Minacce a giudici e giornalisti, un arresto

Eseguito questa mattina all’ala dalla Polizia di Stato leccese. La vicenda è riferita alle minacce subite dal giudice del Tribunale di Lecce Maria Francesca Mariano e dalla sostituta procuratrice della Direzione distrettuale antimafia (per Lecce, Brindisi e Taranto) Carmen Ruggiero. Messaggi intimidatori anche ad un giornalista

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Alle prime luci dell’alba, la Polizia di Stato di Lecce ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Potenza su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Potenza, nei confronti di un uomo ritenuto responsabile e mandante di una serie di atti di violenza e minaccia, aggravati dal metodo mafioso, ai danni di due magistrati ed un giornalista.

I dettagli verranno chiariti in una conferenza stampa in mattinata presso la sala riunioni della Questura di Lecce sede di Via Oronzo Quarta (Piazzale Stazione), alla presenza del sig. Procuratore della Repubblica di Potenza.

L’arresto dovrebbe essere riferito alle intimidazioni di matrice mafiosa, o comunque riconducibili al contesto mafioso subite della giudice del Tribunale di Lecce Maria Francesca Mariano e dalla sostituta procuratrice della Direzione distrettuale antimafia (per Lecce, Brindisi e Taranto) Carmen Ruggiero.

Le due magistrate sono legate dall’inchiesta “The wolf”, sfociata nell’ordinanza di custodia cautelare sul clan “Lamendola – Cantanna”, facente parte della frangia mesagnese della Sacra Corona Unita: l’udienza preliminare si celebrerà il prossimo 6 marzo.

A emetterla, su richiesta della pm Ruggiero, è stata proprio la giudice Mariano.

In seguito alle minacce, è stata aumentata la sicurezza della giudice originaria di Galatina, già sotto scorta 24 ore su 24, con la vigilanza permanente dell’abitazione.

Al magistrato dalentino è stata recapitata una testa di agnello tagliata a metà, con a fianco un coltello, e un messaggio dal contenuto inequivocabile: “Così”.

Prima ancora la giudice Mariano era stata destinataria di due lettere in cui il mittente esprimeva a chiare lettere il desiderio di vederla uccisa. Nella seconda lettera, si faceva riferimento a riti satanici ed i fogli erano firmati con il sangue.

Per conoscere gli sviluppi non ci resta che attendere qualche ora e la conferenza stampa in Questura.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Accoltellamento all’uscita della discoteca

Forse uno sguardo di troppo ad una ragazza il motrivo scatenante della lista scaturita in due coltellate ad opera di un tarantino ai danni di due giovani leccesi

Pubblicato

il

È di 5 denunce per i reati di rissa, lesioni aggravate e porto abusivo di armi il risultato dell’attività investigativa svolta dagli agenti del commissariato di Gallipoli a seguito dell’intervento effettuato presso il parcheggio di una nota discoteca sul lungomare Galileo Galilei a Baia Verde.

Tutti i coinvolti saranno anche destinatari di provvedimenti di divieto di accesso ai locali notturni e pubblici esercizi situati sul litorale gallipolino per un periodo che va da uno a tre anni.

I FATTI

Nella notte tra sabato e domenica, all’uscita della discoteca, verso le 5 del mattino, alcuni giovani, per futili motivi, forse per uno sguardo di troppo nei confronti di una ragazza, con venuti alle mani.

Alcuni di loro hanno riportato ferite, anche gravi: uno di loro ha riportato una prognosi di 30 giorni.

Nello specifico, un giovane tarantino, incensurato, dopo aver inferto delle coltellate a due giovani leccesi, avrebbe cercato di scappare perché a rischio linciaggio.

Alla fine è riuscito a trovare un passaggio per Taranto.

Gli investigatori, però, nell’arco di poche ore, anche grazie ad alcune informazioni rese dagli addetti alla sicurezza della discoteca, sono riusciti a rintracciarlo e a farlo riportare in commissariato.

Davanti all’evidenza probatoria, l’autore dell’accoltellamento, non ha potuto far altro che ammettere le proprie responsabilità.

Nei confronti dei responsabili saranno valutate misure di prevenzione personali quali i dacur, cosiddetti daspo urbani, che gli vieteranno di accedere ai locali notturni concentrati in località Baia Verde, mentre per due di loro, gravati da precedenti penali, sarà proposta l’applicazione del Foglio di Via obbligatorio, con divieto di ritorno a Gallipoli, rispettivamente per un periodo di due e tre anni.

Continua a Leggere

Attualità

Ondata di caldo africano in arrivo, picchi di oltre 40°C

L’anticiclone colpirà soprattutto il centrosud, Salento compreso. Durerà almeno fino al prossimo fine settimana

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

«Imminente una intensa ondata di caldo africano sull’Italia, che colpirà soprattutto il centrosud», lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, che spiega: «giorno dopo giorno le temperature saranno in costante aumento, con apice della canicola tra giovedì e sabato, quando sulle zone interne del Sud si potranno superare picchi d 38-40°C. Sulle coste farà meno caldo, complice l’azione mitigante delle brezze marine, ma al prezzo di maggiore umidità e quindi afa, che potrà comunque aumentare il disagio fisico; sull’entroterra invece il caldo spesso torrido, quindi più secco, ma anche più intenso».

CALDO ANCHE DI NOTTE

L’accumulo di calore si farà sentire anche nelle ore serali e notturne, tanto che si soffrirà anche in tarda sera. In particolare da giovedì potremo avere ancora temperature intorno ai 30-32°C intorno alle ore 20-22, mentre le minime notturne potranno non scendere sotto i 23-24°C in particolare nelle città e lungo i settori costieri. L’aumento fisiologico di umidità nelle ore serali/notturne potrebbe ancora una volta favorire un’accentuazione dell’afa e del disagio fisico.

Dopo il fine settimana il gran caldo dovrebbe progressivamente smorzarsi, almeno in parte, anche al Centro e poi al Sud.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus