Connect with us

Cronaca

Tricase: Gioca 3 euro, ne vince 10mila

Pubblicato

il


La fortuna bacia un tricasino.





Nella tabaccheria Fumetto di via f.lli Allatini un gratta e vinci “puzzle” ha regalato 10mila euro ad un uomo del posto.





Il titolare dell’attività ha confermato la vincita, ma non sono trapelate informazioni sull’identità del vincitore che ha preferito restare anonimo.




L’unico dato noto è che, stavolta, la dea bendata ha colpito nel segno: la vincita sarebbe stata accolta dal fortunato giocatore come un’occasione di sollievo da alcune delle tante incombenze economiche dei nostri giorni.






Cronaca

Ugento: brucia auto in strada nella notte

Pubblicato

il


Incendio nella serata di ieri ad Ugento.





Ad andare in fiamme, dopo le 21, una Fiat Grande Punto ferma in sosta in via Messapica.




Il proprietario, un 39enne del posto, non ha saputo spiegarsi l’accaduto. I vigili del fuoco del Distaccamento di Gallipoli hanno domato le fiamme per poi cercare tracce di dolo, al momento non rinvenute.


Continua a Leggere

Cronaca

Bestemmiano a fine consiglio comunale ma erano ancora in diretta

Pubblicato

il


Non si accorgono di essere ancora in diretta e durante i saluti del consiglio comunale partono parolacce e bestemmie. È accaduto alla fine dei lavori del consiglio comunale di Torchiarolo che si stava svolgendo in remoto e veniva trasmesso in diretta su YouTube. Mentre sindaci e consiglieri salutavano dopo due ore di collegamento, i due colleghi Crocefisso Cocciolo e Antonio Miglietta hanno pronunciato una frase intrisa di bestemmie. Si è trattato di una frase molto offensiva nei confronti degli altri componenti dell’assise, oltre a essere poco consona alla sede e al ruolo istituzionale. Il video ha fatto in poco tempo il giro del paese ed ha aperto una forte discussione.





Si sentono degli insulti volare all’indirizzo di altri presenti. Il tutto credendo di aver chiuso i microfoni.




Sul sito di Repubblica la vicenda ha fatto il giro d’Italia. Clicca qui per vedere il video.


Continua a Leggere

Cronaca

Questioni di cuore: uomo investito a Presicce-Acquarica

Dopo una lite probabilmente scaturita da questioni di cuore

Pubblicato

il


Shock in serata a Presicce-Acquarica dove una persona è stata travolta da un’auto e schiacciata su un’altra vettura a margine di un episodio ancora poco chiaro, ma che pare strettamente connesso a questioni passionali.





Un uomo di 38 anni, un vigile del fuoco, è stato travolto da un Fiat Doblò bianco in un violentissimo impatto che probabilmente gli costerà una gamba (sarebbe fratturata anche l’altra).
L’uomo ora è ricoverato presso l’ospedale Panico di Tricase.


Secondo quanto è stato ricostruito pare che il 38enne vigile del fuoco si sia recato a casa dei genitori del rivale in amore. Qui avrebbe preteso di parlare con lui.


I genitori a questo punto avrebbero chiamato il figlio ed anche un loro parente.


Proprio quest’ultimo sarebbe arrivato per primo e sarebbe stato minacciato con una pistola poi risultata finta.


A quel punto sarebbe arrivato il ragazzo che, forse spaventato dalla presenza della pistola, ha investito il 38enne.


La carrozzeria anteriore del furgone, come si vede dalle immagini, oltre che ammaccata, è ricoperta di sangue.




Il tutto si è verificato in serata, attorno alle 18, in pieno centro abitato sulla via per Specchia. Lì, è intervenuto il 118 e si è precipitata la Scientifica, per ricostruire ogni dettaglio di quanto accaduto.


L’uomo alla guida della Fiat Dobló, un 34enne del posto, è stato condotto in caserma dei carabinieri.


Il comunicato dei carabinieri 


Nella mattinata di sabato, con un comunicato, i carabinieri rendono noti gli sviluppi legali della vicenda. I militari intervenuti sono quelli del luogo, coadiuvati dai colleghi del Nor e da quelli di Corsano e di Gagliano. 


Hanno tratto in arresto B. A., 34enne nato a Gagliano del Capo. L’accusa al momento è di lesioni personali gravissime, come dagli articoli 582 e 583 del codice penale. L’uomo è stato ristretto agli arresti domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria che, al momento, non procede per il reato di delitto tentato. 










Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus