Connect with us

Corsano

Corsano, Tiggiano e Tricase, la conta dei danni

A Corsano almeno 600mila euro; a Tiggiano sradicati circa due mila alberi di ulivo per una cifra che supera i 50 mila euro. E a Tricase i danni non si contano…

Pubblicato

il

Circa 600mila euro di danni a Corsano con  strade, muretti di recinzione, infissi e opere elettriche nella maggior parte dei casi da rifare o risistemare. Impianti sportivi: palazzetto dello sport, circolo tennis e campo sportivo non saranno usufruibile per mesi.


Più o meno 50mila euro a Tiggiano, dove le zone di campagna sono state le più colpite con quasi 2mila ulivi sradicati


Cifra ancora da quantificare ma sicuramente importanti per Tricase con le macerie che continuano a dare un’aria spettrale a Tricase Porto e Marina Serra; Il mostro arrivato dal mare ha sventrato il Santuario di Santa Maria dell’Assunta a Marina Serra e seriamente danneggiato la Chiesa di San Nicola a Tricase Porto abbattendosi in particolare contro i locali solitamente abitati dal parroco don Luigi Mele.






Impianti di illuminazione pubblica e privata buttati giù, due famiglie che alloggiavano nelle case popolari di Arca Sud a Marina Serra sono stati trasferiti in un albergo di Tricase.


Sempre a Marina Serra, devastata la villa dell’ex sindaco Antonio Coppola nel cui parcheggio di casa è “piovuta” una roulotte che era parcheggiata in un camping vicino (anch’esso devastato) e che la tromba d’aria ha scaraventato lì.


Ripristinata la corrente elettrica, continua il lavoro di vigili del fuoco, protezione civile e ditte incaricate dal Comune.

Secondo il sindaco Carlo Chiuri non è possibile in questa fase quantificare i danni ma non ci vuole molto a comprendere che si tratti di cifre importanti e ingenti.


Nel frattempo le forze di polizia hanno predisposto un piano antisciacallaggio con attività di presidio notturno alle quali partecipano anche gli uomini di due istituti di vigilanza privati.


Intanto le amministrazioni comunali stanno facendo affiggere i manifesti per rendere pubbliche le modalità di richiesta del risarcimento dei danni da parte dei cittadini da depositare entro il 21  dicembre presso gli uffici tecnici dei Comuni di residenza.


A seguito dei danni causati dall’eccezionale evento atmosferico“, fa sapere il sindaco di Tricase Carlo Chiuri attraverso una comunicazione ufficiale, “l’amministrazione comunale con delibera della giunta municipale nr. 266 del 26 novembre 2018 ha richiesto alla Regione Puglia il riconoscimento dello stato di emergenza e la calamità naturale per accedere ai benefici previsti dalla legge“.


Pertanto nelle more del riconoscimento dell’evento si invitano gli interessati a provvedere a segnalare i danni subiti, utilizzando il modello di domanda scaricabile dal sito istituzionale dell’ente all’indirizzo www.comune.tricase.le.it o disponibile presso gli uffici comunali.


Si precisa comunque che tale segnalazione è prodotta esclusivamente al fine della ricognizione e non costituisce riconoscimento automatico di eventuali contributi a carico della finanza pubblica per il ristoro dei danni subiti.


Le segnalazioni dovranno pervenire entro il 21 dicembre tramite PEC a protocollo.comune.tricase@peck.rupar.puglia.it o consegnate a mano presso l’ufficio protocollo del Comune, aperto al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 12,30 e il giovedì pomeriggio dalle 16 alle 18.


Intanto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano dopo aver comunicato “l’immediata messa a disposizione delle somme necessarie per procedere alla messa in sicurezza delle chiese site in Tricase Porto e Marina Serra” ha inoltre affidato al Capo di Gabinetto Claudio Michele Stefanazzi il compito di verificare gli interventi necessari alla ricostruzione di entrambe le chiese.


Proprio Stefanazzi (foto sotto) è stato nel paese di cui è originario questo pomeriggio e, con il sindaco Carlo Chiuri, si è recato sui luoghi maggiormente colpiti dal tornado di domenica scorsa per verificare di persona i danni subiti.






 


Appuntamenti

Marcello Veneziani a Corsano per “Ti racconto a Capo”

Pubblicato

il

La dodicesima edizione del progetto “Ti racconto a Capo”, organizzato dall’associazione Idee a Sud Est, si concluderà con il pensiero critico di Marcello Veneziani.

Sabato 23 luglio alle 20:30 in Piazza Santa Teresa a Corsano verrà presentato “La Cappa. Per una critica del presente”, il saggio nel quale Veneziani fornisce una visione controcorrente della realtà avversando “La Cappa che occulta la bellezza, la grandezza, il simbolo, il mito, il sacro, il mondo reale”.

Lo scrittore sarà introdotto da Luciano De Francesco e dialogherà con Alberto Capraro e Carlo Ciardo. L’appuntamento sarà scandito dal reading di alcuni passi del saggio a cura dell’attore Donato Chiarello.

“Concludiamo la dodicesima edizione del progetto Ti racconto a Capo con un pensatore d’eccezione – afferma il Presidente dell’associazione Idee a Sud Est, Carlo Ciardo – E’ stato gratificante constatare la notevole partecipazione del pubblico che ha seguito con interesse tutti gli appuntamenti di un calendario intenso e variegato. Grazie alla presenza di autori di altissimo profilo abbiamo potuto osservare la realtà con occhi nuovi, che è poi lo spirito non solo del nostro progetto, ma dell’intera attività dell’associazione Idee a Sud Est. Un piccolo contributo per affrontare il presente complesso e difficile che viviamo attraverso pensieri e visioni differenti”.

Il calendario di incontri che ha preso avvio il 17 giugno, ha visto la presenza dello scrittore Pietrangelo Buttafuoco, dell’autrice e magistrato Maria Francesca Mariano e del giornalista Antonio Padellaro.

La rassegna è dedicata al maestro Carmelo Bene, del quale ricorrono i 20 anni dalla scomparsa, adottando la frase dell’artista “Siamo quel che ci manca”.

Continua a Leggere

Attualità

Parchi eolici marini: una nave al largo della costa salentina per lo studio di impatto ambientale

Davanti al tratto di costa compreso tra Tricase e Santa Maria di Leuca la della nave vessel NG Worker per le analisi marine, di avifauna e dei cetacei da parte della Anton Dohrn, tra i più importanti enti di ricerca al mondo nei settori della biologia marina e dell’ecologia

Pubblicato

il

Segnalata la presenza al largo delle coste salentine della nave vessel NG Worker per le analisi marine, di avifauna e dei cetacei da parte della Anton Dohrn, tra i più importanti enti di ricerca al mondo nei settori della biologia marina e dell’ecologia.

Si tratta di una esplorazione strumentale correlata all’approfondimento tecnico necessario per poter redigere lo Studio di Impatto Ambientale per i parchi eolici marini galleggianti che Falck Renewables e BlueFloat Energy hanno avviato in autorizzazione negli scorsi mesi, a valle dello scoping preventivo.

La nave è ora al largo del Capo di Leuca come si vede dalla cartina nella foto in alto proprio davanti al tratto di costa compreso tra Tricase ed il tacco della penisola salentina.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Corsano: Ti Racconto a Capo, questa sera con Antonio Padellaro

In Piazza Santa Teresa (ore 20,30) il noto giornalista presenterà il suo ultimo libro “7 cose di cui vergognarsi”

Pubblicato

il

Questa sera terzo appuntamento della rassegna “Ti racconto a Capo”, organizzata dall’associazione Idee a Sud Est, con la partecipazione di Antonio Padellaro.

Il noto giornalista, già Direttore de “L’Unità” e “Il Fatto Quotidiano”, sollecitato dalle domande di Chiara Fracasso, presenterà in Piazza Santa Teresa, a Corsano, (start ore 20,30) il suo ultimo libro “7 cose di cui vergognarsi”.

L’autore ripercorrerà la storia repubblicana, passando per il terrorismo, il piduismo, la corruzione, lo stragismo mafioso, fino alla devastante pandemia da Coronavirus.

La serata sarà scandita dal reading di Donato Chiarello, accompagnato al pianoforte da Margherita Mariano.

Il programma di “Ti racconto a Capo”, dedicato al maestro Carmelo Bene, del quale ricorrono i 20 anni dalla scomparsa, si concluderà sabato 23 luglio con “La Cappa. Per una critica del presente”, il saggio del filosofo Marcello Veneziani che descrive una visione controcorrente della realtà avversando “La Cappa che occulta la bellezza, la grandezza, il simbolo, il mito, il sacro, il mondo reale”.

«Anche quest’anno prosegue il racconto dalla Terra del Sud», dichiara Luciano De Francesco, vice presidente dell’associazione,  «mettendo al centro la voglia di confrontarci con pensieri e pensatori di alto profilo, capaci di fornire una chiave di lettura del presente senza schemi precostituiti».

«La dodicesima edizione del progetto Ti racconto a Capo», afferma il presidente dell’associazione Idee a Sud Est, Carlo Ciardo, «conferma la volontà di partire da Sud per guardare al mondo con occhi nuovi. Questo è stato possibile grazie ad autori, intellettuali e professionisti che hanno accolto il nostro invito e ci consentiranno di aprire spazi di riflessione profondi e significativi. Il programma degli appuntamenti diventa in questo modo un atto di libertà attraverso la cultura».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus