Connect with us

Cronaca

Uccise donna e bimba di due anni: confermato ergastolo

La sentenza della Cassazione: Biagio Toma, dovrà pagare per essere stato l’autore materiale dell’omicidio della di Angelica Pirtoli, la bimba di appena 2 anni barbaramente trucidata e per aver partecipato a quello di Paola Rizzello, madre della piccola

Pubblicato

il

È arrivata la conferma della Cassazione: l’uomo che rapì ed uccise mamma e figlia di Parabita nel 1991 dovrà scontare l’ergastolo.


Anche per la Corte di Cassazione, dunque Biagio Toma, 51 anni, dovrà pagare per essere stato l’autore materiale dell’omicidio della di Angelica Pirtoli, la bimba di appena 2 anni barbaramente trucidata e per aver partecipato a quello di Paola Rizzello, madre della piccola.


Biagio Toma


Stando anche all’ultima sentenza Toma, appartenente al clan dei Giannelli della Sacra Corona Unita, uccise la giovane mamma e la sua bambina di 2 anni, nel lontano 1991.


Era il 20 marzo di 28 anni fa quando Paola Rizzello, di 28 anni, e la piccola Angela furono prima sequestrate e poi trucidate dall’uomo (clicca qui).

La piccola si spense dopo essere stata sbattuta ripetutamente con la testa contro un muro in una casa abbandonata nelle campagne di Parabita.


Per il duplice omicidio risultava indagato anche Luigi De Matteis, 50enne, anche lui di Parabita, e condannato in Appello a 14 anni e 8 mesi, dopo la condanna a 16 anni ed 8 mesi maturata in primo grado con il rito abbreviato.


La “colpa” della vittima Paola Rizzello, uccisa a colpi di fucile, fu quella di essere a conoscenza di scomode verità del clan della Sacra Corona Unita. In particolare, la donna a metà anni ottanta ebbe una relazione proprio col boss Giannelli. Relazione che durò poco ed in seguito alla quale Paola instaurò un rapporto con un altro uomo, Luigi Calzolari. Quest’ultimo, poco dopo, fu ucciso. Secondo la donna, fu proprio Giannelli, dal carcere, a ordinarne l’esecuzione.


Cronaca

In luoghi separati e con abiti speciali, oggi i funerali di Eleonora e Daniele

Pubblicato

il


Oggi è il giorno dell’ultimo saluto a Eleonora Manta e Daniele De Santis, vittime del duplice omicidio di via Montello a Lecce.





I corpi dei due giovani innamorati sono stati restituiti alle famiglie dopo due giorni di autopsia.





L’iniziale idea di celebrare un unico rito per entrambi è stata presto accantonata a causa del Covid: l’elevato afflusso alla funzione avrebbe potuto avere una portata insostenibile.




Si terranno comunque in due orari diversi i due funerali.





Quello di Daniele De Santis alle 12 nel Duomo di Lecce. Quello di Eleonora Manta alle 16 nella sua Seclì, che ha proclamato lutto cittadino.





Indosseranno degli abiti speciali. Lei l’abito da sposa col quale avrebbe voluto raggiungere Daniele sull’altare. Lui con la divisa da arbitro che gli era stata consegnata pochi giorni fa nel raduno nazionale di Sportilia.


Continua a Leggere

Cronaca

Coppia uccisa: spunta bigliettino con percorso per evitare telecamere

Pubblicato

il


Per quanto si pianifichi per scongiurarla, la concitazione spesso si scontra con la programmazione.





È quanto accaduto al killer di Eleonora e Daniele, uccisi nel loro primo giorno di convivenza a Lecce da un uomo che ancora non ha una identità.





Quell’uomo, che secondo alcuni testimoni si chiamerebbe Andrea (Eleonora ne avrebbe urlato il nome nel tentativo di fermarlo), aveva calcolato ogni spostamento per raggiungere il luogo del duplice omicidio e per poi allontanarvisi. Indisturbato ma anche lontano da occhi indiscreti: quelli delle telecamere.




Dopo aver consumato il duplice omicidio però il killer avrebbe perso un bigliettino lungo la strada che ha percorso a piedi: una mappa disegnata a mano col percorso da seguire per eludere le telecamere di pubblica sicurezza del centro storico di Lecce.





Sarebbe questo – secondo l’Ansa – il contenuto del biglietto strappato ed intriso di sangue trovato dagli investigatori la sera del delitto nel cortile del condominio di via Montello. Gli investigatori nelle scorse ore hanno ricostruito quel pezzo di carta che sembrava illeggibile e dal reperto sarebbero emersi altri appunti annotati dall’omicida in quello che appare un promemoria che proverebbe la premeditazione del delitto. Un percorso che però in qualche modo potrebbe aver tradito l’assassino.





Per giunta nelle scorse ore è stato diffuso da alcuni quotidiani un frame proprio di una videocamera. Una immagine sfocata nella notte in cui, da lontano, si vedrebbe la sagoma di quell’uomo che alcuni testimoni avrebbero visto allontanarsi: vestito di nero, incappucciato e con in spalla uno zainetto giallo.


Continua a Leggere

Cronaca

Rimosso graffito contro Loredana Capone

Il sindaco di Lecce Carlo Salvemini si è rivolto all’autore del graffito con un post sui social: «La nostra Puglia non sei tu. Perché non deridiamo le donne, nè  le offendiamo usando immagini di un sesso maschile…». Attestati di solidarietà dal presidente della Provincia Stefano Minerva e dalla presidente della Commissione Pari opportunità della Provincia di Lecce Teresa Chianella

Pubblicato

il

È  stato rimosso il graffito ingiurioso nei confronti di Loredana Capone disegnato sul muro di un edificio comunale in Piazzetta Panzera, nel centro storico. Solidarietà nei confronti dell’esponente politica leccese del Partito Democratico è giunta in maniera unanime dall’amministrazione comunale.

Il sindaco di Lecce Carlo Salvemini si è rivolto all’autore del graffito con un post sui social: «La nostra Puglia non sei tu. Perché non deridiamo le donne, nè  le offendiamo usando immagini di un sesso maschile. Perché non imbrattiamo gli edifici pubblici, li rigeneriamo.  Perché amiamo la street art che dona colore, bellezza e speranza ai quartieri; non quella che ingiuria. Un abbraccio a Loredana e alla sua famiglia».

LO SDEGNO E LA CONDANNA DEL PRESIDENTE MINERVA

«Un atto vile, squallido, offensivo e lesivo della dignità non solo di una donna che, con competenza e capacità, è impegnata in politica e nelle istituzioni, ma di tutte le donne. Un atto che condanno a voce alta, esprimendo tutta la mia solidarietà e vicinanza a Loredana Capone».

È quanto dichiara il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, in riferimento al graffito apparso oggi, sul muro di un edificio comunale, nel centro storico di Lecce.

«Anche se nel frattempo il disegno è stato rimosso», ha aggiunto il presidente, «restano, lo sdegno, il disgusto e l’amarezza per il messaggio che si è voluto lanciare attraverso quell’immagine. C’è ancora tanta strada da fare, evidentemente, per raggiungere in politica e nella nostra società una nuova cultura basata sul rispetto vero della persona e su un’autentica parità di genere. Per questo, lì dove non è possibile prevenire», conclude Minerva, «occorre continuare ad indignarsi, denunciare, rifiutare con fermezza, ribellarsi a qualsiasi logica e gesto sessista».

LA SOLIDARIETÀ DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE  PARI OPPORTUNITÀ

In riferimento ai gesti offensivi e sessisti nei confronti di Loredana Capone e della presidente della Commissione Pari opportunità della Regione Patrizia Del Giudice,  la presidente della Commissione Pari opportunità della Provincia di Lecce Teresa Chianella, in rappresentanza di tutta la Cpo provinciale e a nome di tutte le Cpo del Salento, dichiara: «Solidarietà a Loredana Capone per il grave gesto che nelle ultime ore l’ha vista protagonista di un murales offensivo. Quest’atto non rappresenta solo uno schiaffo all’arte e agli artisti che si esprimono attraverso la street art, ma è la prova di quanto, ancora nel 2020, sia diffusa la mentalità maschilista, secondo la quale una donna non può essere unica artefice della propria carriera. E, ancora, piena solidarietà nei confronti della presidente della Commissione Pari opportunità della Regione Patrizia del Giudice, oggetto di vili e beceri attacchi sessisti sulla sua bacheca di Facebook. Entrambe sono madri e mogli attente e rispettose, professioniste competenti ed oneste, che non hanno mai mancato di farci sentire orgogliose del grande lavoro svolto a favore delle nostre comunità con risultati brillanti. Il diritto di dissentire è consentito a tutti ed è figlio legittimo della democrazia che tutti abbiamo sempre voluto, ma questa non è una critica sana. È un offesa sessista, vigliacca e infantile, che merita di essere punita».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus