Connect with us

Cronaca

Uccisero mamma e figlia di 2 anni: individuati assassini

Depositaria di scomode verità, Paola Rizzello fu uccisa nelle campagne di Parabita con la figlia. Dopo i mandanti, arrestati gli esecutori

Pubblicato

il

Uccise una giovane mamma e la sua bambina di 2 anni, nel lontano 1991, Biagio Toma, 46enne di Parabita appartenente al clan dei Giannelli della Sacra Corona Unita.


Era il 20 marzo di 24 anni fa quando Paola Rizzello, di 28 anni, e Angela Pirtoli, la figlia, furono prima sequestrate e poi trucidate dall’uomo. La piccola si spense dopo essere stata ferita sbattuta contro ripetutamente con la testa contro un muro in una casa abbandonata nelle campagne di Parabita.


Arriva ora l’ordinanza di custodia cautelare eseguita dai Carabinieri del Ros, emessa dal Gip di Lecce Simona Panzera su richiesta del pm Giuseppe Capoccia della la Procura Distrettuale Antimafia di Lecce, per Biagio Toma, ritenuto responsabile di “concorso in duplice omicidio pluriaggravato”.


Duplice omicidio per cui risulta indagato anche Luigi De Matteis, oggi collaboratore di giustizia, ai tempi affiliato anche lui al clan Giannelli.

La “colpa” della vittima Paola Rizzello, uccisa a colpi di fucile, era quella di essere a conoscenza di scomode verità del clan della Sacra Corona Unita. In particolare, la donna a metà anni ottanta ebbe una relazione proprio col boss Giannelli. Relazione che durò poco ed in seguito alla quale Paola instaurò un rapporto con un altro uomo, Luigi Calzolari. Quest’ultimo, poco dopo, fu ucciso. Secondo la donna, fu proprio Giannelli, dal carcere, a ordinarne l’esecuzione.


Gli sviluppi dell’inchiesta sul caso, grazie anche alle confessioni di De Matteis, hanno permesso di stringere il cerchio attorno agli esecutori del duplice omicidio, dopo che i mandanti erano già stati condannati, portando all’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare a carico di Toma. Il 46enne si trova tutt’ora in carcere a Trani, già in arresto per un’altra vicenda.


Cronaca

Avvocato positivo al Covid: sanificazione in tribunale

Pubblicato

il


Il quinto piano del tribunale penale di Lecce sarà sottoposto a sanificazione.





La procedura verrà arrivata dopo che un avvocato del foro leccese è risultato positivo al Covid.




Asintomatico, il legale si era recato in ospedale per accertamenti di altra natura. Al test per l’accesso agli ambienti ospedalieri è emersa la sua positività al Sarscov2.





Il suo passaggio in tribunale sarebbe tuttavia fugace. Avrebbe solo consultato dei fascicoli per pochi minuti senza entrare praticamente in contatto ravvicinato con nessuno.


Continua a Leggere

Alezio

Alezio: parroco ritrovato senza vita in casa propria

Don Antonio Minerba, 53 anni, sarebbe morto a causa di un malore, forse un infarto che lo fatto cadere e sbattere la testa

Pubblicato

il

Alezio sotto shock per l’improvvisa prematura scomparsa del suo parroco.

Don Antonio Minerba, 53 anni, è stato ritrovato senza vita nella sua abitazione  in via Garibaldi.

La scoperta in tarda mattinata, mentre i genitori lo attendevano per pranzo ad Aradeo, suo paese d’origine.

Secondo quanto trapela sarebbe caduto e avrebbe sbattuto il capo in seguito ad un malore, presumibilmente un infarto.

Continua a Leggere

Cronaca

Non ce l’ha fatta il ragazzo di Gallipoli ferito da gru a Bologna

È deceduto stamattina all’ospedale Maggiore, dove era ricoverato in rianimazione

Pubblicato

il

Purtroppo non ce l’ha fatta Francesco Caiffa, studente di Scienze statistiche a Bologna, 22 anni, di Gallipoli: troppo gravi le ferite riportate.

Francesco era tra i ragazzi che lo scorso 20 ottobre, improvvisamente, su una terrazza, durante i lavori di ristrutturazione in uno stabile in via del Borgo di San Pietro (foto in alto Corriere di Bologna), si erano visti travolti da un muro crollato a causa di una improvvida manovra con una gru su un cantiere adiacente.

Il 22enne gallipolino è deceduto nella mattinata di oggi all’ospedale Maggiore, dove era stato ricoverato nel reparto di rianimazione a seguito delle gravi ferite riportate.

Secondo la ricostruzione, il braccio meccanico di una betoniera avrebbe colpito un muro e quest’ultimo sarebbe crollato su una veranda dove si trovavano due ragazzi.

Entrambi erano rimasti feriti.

Ad avere la peggio è stato il 22enne salentino mentre l’altro ragazzo, un 20enne, ha riportato traumi al capo e alla gamba.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus