Connect with us

Cronaca

Ustionato nel Salento e ricoverato a Napoli!

«Questi fatti non possono essere normali e devono indignarci perchè possono fare la differenza tra la vita e la morte. La mancanza di posti in nosocomi vicini può anche essere letale per una persona»

Pubblicato

il

Un post su facebook a firma di Anna Laura Remigi solleva una questione che meriterebbe di essere approfondita e non solo sulla stampa ma anche e soprattutto nelle stanze di chi decide cosa, come e quando finanziare nella sanità nazionale e pugliese in particolare.


«Giorni fa un nostro concittadino (di Specchia ndA) ha subito un gravissimo incidente sul lavoro, e solo per miracolo è rimasto in vita», scrive la Remigi, «una violenta scossa elettrica gli ha attraversato il corpo causandogli lesioni molto gravi. Portato subito in Ospedale i sanitari hanno ritenuto che fossero necessarie le cure di un reparto specializzato quale quello dei grandi ustionati. Per questo hanno contattato l’Ospedale Perrino di Brindisi che è l’unico ospedale più vicino ad avere questa specializzazione. Il Perrino, però, ha rifiutato il ricovero per mancanza di posti. Ci si è rivolti così al Policlinico di Bari; ma anche Bari ha rifiutato il ricovero per mancanza di posti. Il nostro concittadino alla fine ha potuto trovare posto all’Ospedale di Napoli, lontano dalla sua terra e dalla sua famiglia».


«Una notizia che ormai quasi non ci tocca, pochi si sono indignati!», aggiunge amara Anna Laura, «siamo ormai abituati a questi gravi disservizi che li bolliamo come normali… ma non è così, questi fatti non possono essere normali e devono indignarci perchè possono fare la differenza tra la vita e la morte. La mancanza di posti in nosocomi vicini può anche essere letale per una persona (fortunatamente non è stato questo il caso)!».

Proprio queste riflessioni, alla vigilia della campagna elettorale per le regionali, spingono Anna Laura Remigi all’invito a «fare delle riflessioni sui tagli indiscriminati che negli ultimi 25 anni sono stati fatti alla sanità pugliese. E soprattutto oggi, in tempo di COVID, quanto questi tagli possono e potranno incidere sulla nostra vita e su quella dei nostri cari? E’ il caso di riflettere, non vi pare, quando ci apprestiamo a votare gente che ha falcidiato il sistema sanitario pugliese! Dipende da noi e non da loro, ricordatevi».


«Un forte abbraccio a Luigi Musio e alla sua famiglia», conclude il post, «l’augurio di una pronta guarigione perchè possa tornare presto in mezzo a noi».


Cronaca

Positivo al Covid dopo festa dei 18 anni: tamponi a ruota per centinaia di persone

Pubblicato

il


Rischia di trasformarsi in un focolaio con età media bassissima un evento che si è tenuto a Lecce una settimana fa.





Negli ultimi casi di contagio da SARS-CoV2, spunta un ragazzo che ha preso parte ad una festa di compleanno per un diciottesimo, tenutasi circa 7 giorni fa.





La notizia del contagio ha scatenato una catena di messaggi ed aperto un vortice di apprensione tra Lecce e dintorni: gli invitati all’evento sarebbero stati infatti un centinaio, tutti giovanissimi.




Decine e decine i tamponi avviati sui contatti ed i rispettivi familiari già nelle scorse ore.





Ulteriore elemento preoccupante il fatto che si tratti di tanti ragazzi compagni di scuola, proprio a pochi giorni dal rientro in classe che, già di per sé, porta una lunga scia di preoccupazioni già note in merito al rischio contagio.


Continua a Leggere

Cronaca

Perde controllo e si schianta sulla provinciale

Pubblicato

il


Spavento in serata per il conducente di una Renault Clio protagonista di un violento incidente.





Sulla sp100 Squinzano-Torre Rinalda-Casalabate, la vettura in foto (immagine di Polizia locale Channel – Telegram) è finita fuori strada nei pressi di una curva.




L’incidente sarebbe autonomo, non vi sarebbero altri mezzi coinvolti. Sul posto la polizia locale di Lecce ed i soccorsi. Seguono eventuali aggiornamenti.


Continua a Leggere

Cavallino

Nuovi contagi Covid: 5 in provincia

Pubblicato

il


Sono 5 i nuovi casi Covid registrati oggi dal Dipartimento di prevenzione in provincia di Lecce.





Riguardano 3 contatti stretti di casi già noti e due residenti in provincia di Lecce sottoposti a tampone di screening.





Cavallino e Lizzanello cambiano in mappa





La mappa del contagio cambia colore nei territori di Cavallino e Lizzanello.





A Cavallino primi contagi in fase 3: da area bianca passa a zona rosa.





Lizzanello cambia fascia: dalla fascia tra 1 e 5 contagi, passa a quella tra 6 e 10.





Il bollettino





Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi venerdì 18 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 3.773 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 84 casi positivi: 35 in provincia di Bari, 4 in provincia di Brindisi; 11 in provincia BAT, 23 in provincia di Foggia, 5 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto.





Sono stati registrati 2 decessi: 1 in provincia di Bari, 1 in provincia di Taranto.





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 368.571 test.





4.273 sono i pazienti guariti.




1.986 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 6.836, così suddivisi:





2.640 nella Provincia di Bari;





551 nella Provincia di Bat;





753 nella Provincia di Brindisi;





1.606 nella Provincia di Foggia;





743 nella Provincia di Lecce;





490 nella Provincia di Taranto;





52 attribuiti a residenti fuori regione;





1 provincia di residenza non nota.





 I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus