Connect with us

Attualità

Che bello se si votasse ogni anno…

Casarano e il Sistema-Emiliano: quantomeno schizofrenico dotare il Ferrari di apparecchiature e strutture di primo livello quando è stato proprio lui a declassarlo ad ospedale di base

Pubblicato

il

Mi sono detto: questa volta facciamo un pezzo originale: cominciamo dalla fine e giungiamo direttamente ad una conclusione: chiediamo di fare le elezioni tutti gli anni!

Oddio, è un qualcosa che già di per se accade perché tra amministrative, politiche, europee e regionali, bene o male già si vota ogni anno ma la proposta da prendere in considerazione in maniera seria è quella di votare ogni anno per ognuna di esse.


A prima vista può sembrare un dispendio di energia e di risorse ma, se considerate che, nei mesi immediatamente antecedenti le elezioni, qualunque desiderio viene immediatamente esaudito, viene da sé che, votando ogni anno, si otterrebbe sempre quanto richiesto.


Mi spiego meglio: siccome nella prossima primavera si voterà per le regionali, questo è il periodo per chiedere qualsiasi cosa al governatore Michele Emiliano e lui, statene certi, si farà in quattro per soddisfare le vostre richieste.


Manca un medico e si mette a rischio il reparto di diabetologia? Nessun problema, chiedete (anche via Facebook, non c’è problema) direttamente all’amico che Emiliano ha a Casarano, ed il governatore (che, ricordiamolo, ha mantenuto la delega alla sanità) vi manderà subito il medico e «salverà» il reparto che rischiava di chiudere.


Il pronto soccorso è in affanno perché non ha sufficiente personale? Nessun problema: stessa procedura via Facebook ed arriva non un infermiere ma ben due e pure quattro OSS. La più bella: al reparto di chirurgia manca un apparecchiatura per fare la colonscopia? Un post su Facebook e… Signore e signori, non dico una, non dico due, ma (mi voglio rovinare) addirittura tre apparecchiature per colonscopia! Due fisse ed una portatile e, visto che c’eravamo, anche una barra laparoscopica e, giacché ci siamo, pure un medico ortopedico.


Ora, premettendo che bisogna realmente dare atto e ringraziare (scevri da ironie) l’amico di Emiliano che, pur non avendo alcun incarico istituzionale, si impegna per il bene dell’ospedale di Casarano, alcuni dubbi e perplessità comunque rimangono.

Innanzitutto sembra quantomeno schizofrenico dotare Casarano di apparecchiature e strutture tipiche di un ospedale di primo livello quando è stato proprio Emiliano e le sue decisioni a condannarlo ad essere un mero ospedale di base (preferendogli, ricordiamolo, Gallipoli nonostante i numeri e le statistiche suggerissero il contrario).


E poi, visto che è possibile ottenere tutto ciò che serve semplicemente rivolgendosi all’amico che lui ha a Casarano (e presumibilmente in ogni altro Comune) perché non snelliamo questo pachidermico e costosissimo carrozzone chiamato ASL, con tutti i suoi dirigenti, i suoi funzionari, i suoi impiegati, i suoi giullari ed i suoi lacchè?


Quello che serve lo chiediamo in un post, l’amico lo chiede al Governatore e nel giro di una settimana arriva anche più di ciò che serve.


Semplice no? Pensate: c’è pure un ministro che si occupa anche della semplificazione della burocrazia, potrebbe chiedere consigli al sistema Emiliano in Puglia (e forse potremmo fare a meno anche di un altro ministro).


Antonio Memmi


Attualità

Questi gli eletti al Consiglio regionale. Giallo sulla lista di Senso Civico

Pubblicato

il

Come è già assodato da ore, Michele Emiliano vince col 46,83% sullo sfidante Raffaele Fitto che si ferma al 38,96%; il M5S prende l’11,08 il renziano Ivan Scalafarotto resta al palo con il 1,18%.


In base a questi dati, poiché la circoscrizione della provincia di Lecce conta 10 consiglieri, dovrebbe questa essere la suddivisione: 3 PD (Metallo, Capone, Blasi), 1 Con Emiliano (Delli Noci), 1 Popolari con Emiliano (Leo), 1 Senso Civico (Abaterusso), 1 M5S (Casili), 1 FdI (Gabellone), 1 Lega (De Blasi), 1 La Puglia Domani (Pagliaro).


Intanto Lopalco, come anticipato da Emiliano, è il primo assessore alla sanità del futuro governatore.


SENSO CIVICO SUPERA SENZA SEGGI

Sorpresa attorno a Senso Civico: si calcolava avesse superato la soglia di sbarramento del 4% (4,16% ). Invece si assesterebbe sul 3,7% perché la base di calcolo considerata dal Ministero non è data dal totale dei voti di lista ma dal totale dei voti validi, compresi quelli espressi esclusivamente in favore del candidato presidente.


Per l’assessore uscente Pisicchio era “un mistero. Dai nostri calcoli ci spetterebbero 2-3 seggi, invece ce ne ritroviamo zero. Cercheremo di capire cosa è accaduto, non è ammissibile stravolgere una legge elettorale. Tra l’altro, alla maggioranza vengono attributi 27 seggi anziché 29 come prevede la norma nel caso la coalizione vincente superi la soglia del 40%».


Continua a Leggere

Attualità

Nuovi contagi: 6 in provincia, 67 in Puglia

Pubblicato

il


Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 22 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 4516 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 67 casi positivi: 34 in provincia di Bari, 6 in provincia BAT, 3 in provincia di Brindisi, 10 in provincia di Foggia, 6 in provincia di Lecce, 7 in provincia di Taranto, 1 residente fuori regione.





E’ stato registrato 1 decesso nella provincia di Taranto.





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 381.476 test.





4371 sono i pazienti guariti.





2190 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.142, così suddivisi:





2.780 nella Provincia di Bari;





586 nella Provincia di Bat;




761 nella Provincia di Brindisi;





1.692 nella Provincia di Foggia;





765 nella Provincia di Lecce;





503 nella Provincia di Taranto;





54 attribuiti a residenti fuori regione;





1 provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.


Continua a Leggere

Attualità

Comunali a Tricase: si va verso ballottaggio nel centrosinistra

Pubblicato

il


Procede lo spoglio iniziato in mattinata per le comunali.





A Tricase si va verso il ballottaggio tra due candidati di centrosinistra: l’iniziale vantaggio di Antonio De Donno su Carmine Zocco si è assottigliato ad una manciata di voti.





Secondo la pagina Facebook “Fatti per voi” che sta seguendo lo spoglio, si collocano entrambi poco sopra il 30%.




Inseguono gli altri due candidati con un incredibile ultimo posto per l’unico candidato del centrodestra Donato Carbone, preceduto al momento da Giovanni Carità, a sua volta sostenuto dai 5 Stelle. Per loro percentuali attese tra il 15-20%, con Carità leggermente avanti.





Dovesse finire così, tra due settimane sarà ballottaggio tra Zocco e De Donno.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus