Connect with us

Attualità

Che bello se si votasse ogni anno…

Casarano e il Sistema-Emiliano: quantomeno schizofrenico dotare il Ferrari di apparecchiature e strutture di primo livello quando è stato proprio lui a declassarlo ad ospedale di base

Pubblicato

il

Mi sono detto: questa volta facciamo un pezzo originale: cominciamo dalla fine e giungiamo direttamente ad una conclusione: chiediamo di fare le elezioni tutti gli anni!

Oddio, è un qualcosa che già di per se accade perché tra amministrative, politiche, europee e regionali, bene o male già si vota ogni anno ma la proposta da prendere in considerazione in maniera seria è quella di votare ogni anno per ognuna di esse.


A prima vista può sembrare un dispendio di energia e di risorse ma, se considerate che, nei mesi immediatamente antecedenti le elezioni, qualunque desiderio viene immediatamente esaudito, viene da sé che, votando ogni anno, si otterrebbe sempre quanto richiesto.


Mi spiego meglio: siccome nella prossima primavera si voterà per le regionali, questo è il periodo per chiedere qualsiasi cosa al governatore Michele Emiliano e lui, statene certi, si farà in quattro per soddisfare le vostre richieste.


Manca un medico e si mette a rischio il reparto di diabetologia? Nessun problema, chiedete (anche via Facebook, non c’è problema) direttamente all’amico che Emiliano ha a Casarano, ed il governatore (che, ricordiamolo, ha mantenuto la delega alla sanità) vi manderà subito il medico e «salverà» il reparto che rischiava di chiudere.


Il pronto soccorso è in affanno perché non ha sufficiente personale? Nessun problema: stessa procedura via Facebook ed arriva non un infermiere ma ben due e pure quattro OSS. La più bella: al reparto di chirurgia manca un apparecchiatura per fare la colonscopia? Un post su Facebook e… Signore e signori, non dico una, non dico due, ma (mi voglio rovinare) addirittura tre apparecchiature per colonscopia! Due fisse ed una portatile e, visto che c’eravamo, anche una barra laparoscopica e, giacché ci siamo, pure un medico ortopedico.


Ora, premettendo che bisogna realmente dare atto e ringraziare (scevri da ironie) l’amico di Emiliano che, pur non avendo alcun incarico istituzionale, si impegna per il bene dell’ospedale di Casarano, alcuni dubbi e perplessità comunque rimangono.

Innanzitutto sembra quantomeno schizofrenico dotare Casarano di apparecchiature e strutture tipiche di un ospedale di primo livello quando è stato proprio Emiliano e le sue decisioni a condannarlo ad essere un mero ospedale di base (preferendogli, ricordiamolo, Gallipoli nonostante i numeri e le statistiche suggerissero il contrario).


E poi, visto che è possibile ottenere tutto ciò che serve semplicemente rivolgendosi all’amico che lui ha a Casarano (e presumibilmente in ogni altro Comune) perché non snelliamo questo pachidermico e costosissimo carrozzone chiamato ASL, con tutti i suoi dirigenti, i suoi funzionari, i suoi impiegati, i suoi giullari ed i suoi lacchè?


Quello che serve lo chiediamo in un post, l’amico lo chiede al Governatore e nel giro di una settimana arriva anche più di ciò che serve.


Semplice no? Pensate: c’è pure un ministro che si occupa anche della semplificazione della burocrazia, potrebbe chiedere consigli al sistema Emiliano in Puglia (e forse potremmo fare a meno anche di un altro ministro).


Antonio Memmi


Attualità

Rsa Campi: paziente positivo non ha contagiato nessuno

Pubblicato

il

Sospiro di sollievo a Campi dove l’esito dei tamponi sul personali e gli ospiti della RSA San Raffaele di Campi è stato per tutti negativo.

Dopo la notizia del contagio di un ospite, un uomo di Trepuzzi, tutti coloro che erano entrati in contatto con il paziente risultato positivo al Coronavirus, sono stati sottoposti ai dovuti controlli.

“Tutti gli interessati sottoposti al test diagnostico del tampone hanno avuto un risultato negativo che scongiura quindi, fortunatamente, la presenza di altri contagi e dimostra, ancora una volta, la gestione attenta e rigorosa della struttura da parte dei dirigenti e del personale del San Raffaele”, scrivono.

“Le procedure di controllo e le misure di prevenzione continueranno ad essere mantenute anche nei prossimi giorni al fine di garantire la sicurezza di tutti”

Continua a Leggere

Attualità

Tricase Porto un anno dopo don Luigi

Nel primo anniversario della scomparsa del parroco scoperta una targa in sua memoria presso la chiesa di San Nicola

Pubblicato

il

Un anno dopo la scomparsa dell’amato don Luigi Mele, la comunità di Tricase Porto ha ricordato il “suo” parroco con una sobria ma sentita cerimonia.

Forse non solo una coincidenza, l’anniversario della morte  è caduto proprio nel corso dei festeggiamenti del patrono San Nicola a cui don Luigi era molto devoto (insieme a Santa Teresa).

Nel cartellone dei festeggiamenti, quest’anno svoltisi in tono minore per rispettare le prescrizioni anticontagio, anche la manifestazione in ricordo di don Luigi Mele e, ieri sera, lo scoprimento della targa a futura memoria del parroco proprio nella Chiesa di San Nicola a Tricase Porto dove ha trascorso gran parte dei suoi sessant’anni di sacerdozio facendosi amare da tutti.

 

Continua a Leggere

Attualità

Casarano: il trionfo della burocrazia, la sconfitta di tutti

Annullata per un cavillo a poche ore dall’inizio “L’Antico Borgo”, presentato come il più grande avvenimento di festa popolare di questo Salento post-Covid. Al palo, Associazione commercianti, gli oltre 70 espositori che già cominciavano a montare i propri stand, i tanti turisti che sarebbero arrivati in navetta e, soprattutto, i casaranesi

Pubblicato

il

Chi è per voi il burocrate?

Ezra Pound li definiva “una malattia. Si suppone che siano necessari, così come si suppone che siano necessarie alla vita certe sostanze chimiche, ma provocano la morte se crescono oltre un certo limite”.

Bene, proprio a Casarano, in questo pazzo, tragicomico weekend, abbiamo visto il trionfo di queste figure così perfettamente descritte dal poeta americano e se da un lato fa amaramente sorridere la pochezza di alcuni atteggiamenti, dall’altro, vestendo i panni di chi quell’affronto lo ha subìto in prima persona, la rabbia, la frustrazione e la voglia di urlare prendono il posto di ogni idea di sorriso benché amaro.

I fatti: nella giornata di mercoledì, gli organizzatori della manifestazione “L’Antico Borgo” (che avevamo presentato come il più grande avvenimento di festa popolare di questo Salento post-Covid) ricevono l’attesa ordinanza con la quale veniva sancita la chiusura al traffico delle aree interessate alla manifestazione, tra cui ovviamente il centro storico, potendo quindi dare il via al rush finale in cui si potevano concretamente realizzare tutto ciò che in oltre due mesi di progettazione ci si era approntati a fare.

Già venerdì sera (la vigilia di un evento che, come detto, coinvolgeva centinaia di persone con tanti soldi investiti) le prime richieste che si potrebbero definire strane, o anomale (anche se perfettamente legittime perché, ricordatelo sempre: il burocrate ha sempre la ragione dei cavilli burocratici dalla sua parte).

Erano state vietate quindi le visite ai frantoi ipogei (pazienza…), erano state richieste le documentazioni relative agli artisti di strada (ovviamente immediatamente reperite perché gli artisti di strada sono dei professionisti in regola e non più i guitti ed i saltimbanchi del medioevo) ed altre evidenze tutte nottetempo regolarmente reperite ed inviate via PEC.

Intorno all’una di sabato, però, a sole tre ore dall’inizio della manifestazione, con le navette già pronte per andare a prelevare i turisti dai villaggi vacanze, con i 70 espositori provenienti anche dal brindisino che cominciavano a montare i propri stand, il colpo di scena che ogni burocrate sogna di poter mettere in pratica almeno una volta nella propria carriera: fermare tutto con la sola imposizione della propria firma!

Tutto annullato! Autorizzazione revocata! Niente più possibilità di chiudere al traffico veicolare il centro storico e di conseguenza: nessun percorso pedonale possibile fra gli stand ed i numeri degli artisti; in due parole manifestazione a… peripatetiche.

Oltretutto, con la codardia che contraddistingue ogni buon burocrate, il provvedimento non viene nemmeno anticipato agli organizzatori che, ignari, proseguono per altre due ore (nel torrido pomeriggio del 1° agosto) ad organizzare, fino a quando i volontari della protezione civile vengono a sapere dai vigili la variazione del programma; ovviamente, alle due del pomeriggio di un sabato d’agosto, è impossibile parlare con il burocrate che con cotanta solerzia ha firmato il provvedimento di revoca.

«Hanno sospeso tutto per via del Covid»; «No, hanno sospeso tutto perché la Commissaria Prefettizia non sapeva nulla»; e anche (giusto per buttarla giù in politica che non guasta mai) «colpa del sindaco!”, (anche se questo evento lo aveva messo a calendario, sponsorizzato e oltretutto si era dimesso più di due settimane prima).

Queste le opinioni della gente comune mentre gli organizzatori non sapevano nemmeno loro cosa dire ed hanno anche cercato di mantenere il più possibile bassi i toni di una rabbia che nelle ore montava e lasciava temere il peggio.

Leggendo attentamente l’ordinanza del settore VI, a firma di tal Stefania Giuri (che si suppone non abbia certo agito lasciando allo scuro la neo Commissaria Prefettizia), il vero motivo è una carenza segnalata dal responsabile del settore IV che segnala al responsabile del settore VI che la SCIA non è completa di cui alla nota PEC che al mercato mio padre comprò… in poche parole: il trionfo, l’apoteosi della burocrazia.

Così i commercianti, i loro sacrifici, il loro lavoro di notte o sotto al sole, l’aver trascurato i propri interessi (ed averci rimesso anche dei soldi), gli espositori giunti da lontano, gli sponsor… nulla hanno potuto di fronte al potere di una così importante firma.

Qualcuno paventa l’ipotesi di costituirsi parte civile in un ipotetico ed improbabile procedimento giudiziario ma sarebbero tempo e soldi sprecati perché il burocrate, sappiatelo, difeso dai mille cavilli della sua autoreferenziale burocrazia, ha sempre ragione.

All’Associazione Commercianti una sola raccomandazione: nonostante tutto, non perdete l’entusiasmo, sarebbe un peccato per Casarano.

Antonio Memmi

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus