Connect with us

Attualità

Dodici anni dopo, approvata la variante al porto di Leuca

Il consiglio comunale di Castrignano del Capo stabilisce la ripartizione dei bracci del molo. Finalmente potranno partire i lavori di ammodernamento

Pubblicato

il

a cura di Lorenzo Zito


Dodici anni dopo, Castrignano del Capo approva finalmente la variante tecnico funzionale al Piano Regolatore Portuale. Il consiglio comunale tenutosi ieri ha stabilito le destinazioni del secondo e del terzo braccio del molo del porto di Leuca, ponendo la parola fine anche ad una lunga diatriba di sfondo: quella tra i pescatori e la società mista Porto Turistico Marina di Leuca.


La variante sottoscritta segue il solco dell’accordo siglato in Prefettura nel 2008 e delle indicazioni emerse dalla Conferenza dei Servizi dello scorso anno.


Una storia lunga 12 anni


Parte tutto proprio nel 2008 quando la gestione del porto turistico viene affidata, con concessione 50ennale, alla Porto Turistico Marina di Leuca, spa di proprietà per il 51% della Igeco spa e per il 49% del Comune di Castrignano.


Sorge subito la questione della suddivisione delle aree portuali, con i pescatori in prima linea a rivendicare l’utilizzo del secondo braccio. E’ sempre il 2008 quando, in Prefettura, alla presenza della Regione e del Questore, si incontrano il Comune, la società Porto Turistico Marina di Leuca ed una rappresentanza dei pescatori leucani. Viene siglato un accordo: il Comune si impegna ad approvare una variante funzionale al P.R.P. nella quale il secondo braccio del porto e le aree ad esso annesse sarebbero state destinate alla pesca.


Intanto, la società Porto Turistico Marina di Leuca è tenuta tassativamente, entro 18 mesi dalla sottoscrizione della concessione 50ennale, ad avviare alcuni lavori di ammodernamento interni al porto (quali il prolungamento del molo di sottoflutto, il dragaggio dello specchio d’acqua in concessione, la realizzazione di pontili fissi e della palazzina servizi, la creazione della darsena e la viabilità di raccordo del porto con la città), pena la revoca della concessione stessa. Lavori ad oggi non ancora realizzati in quanto procrastinati proprio in attesa della nuova redistribuzione delle aree portuali, da tenersi secondo il suddetto accordo siglato in Prefettura.


La variante mai pronta


La variante viene quindi redatta e, sotto la precedente amministrazione (guidata dalla sindaca Rosafio) sottoposta agli Enti, ottenendo più di 3 anni fa i pareri necessari. Segue un’impasse burocratica che vede, la scorsa estate, l’attuale opposizione di Castrignano del Capo presentare un esposto. Il documento redatto, all’attenzione dei prefetti di Roma e di Lecce, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Governatore Emiliano, del Comandante della Capitaneria di Porto di Gallipoli e delle Procure di Lecce e Potenza, punta il dito contro l’amministrazione, ritenuta colpevole della cristallizzazione della questione, nonché contro la Igeco, in quanto nel frattempo colpita da interdittiva antimafia dal 2018.

Il clima attorno al porto intanto non è dei migliori: più volte ne viene denunciato il declino, prossimo allo stato di abbandono (la vicenda dello pneumatico del carroponte ne è un esempio). E la minoranza, per giunta, incalza paventando un intervento degli organi di Stato a revoca della concessione alla società mista Porto Turistico (vista l’inadempienza in merito ai lavori da eseguire), col susseguente rischio-beffa: che la Igeco possa, in un tale scenario, rivalersi sul Comune per i danni economici che ne deriverebbero.


La decisione finale


Si arriva quindi al 2020 dopo la Conferenza dei Servizi dell’estate 2019 che stabilisce, come già previsto dalla Prefettura a suo tempo, che il secondo braccio debba essere adibito alla pesca, quale “adeguata compensazione” per i pescatori; e che il terzo braccio debba essere suddiviso, nel suo utilizzo, tra più attori.


Indicazioni, queste, che rientrano nella linea portata avanti dalla minoranza e cozzano, invece, con l’idea dell’attuale sindaco Santo Papa che, già nel 2017, propone una assegnazione di tutto il terzo braccio alla società mista.


Anche alla luce di quanto evidenziato dalla Conferenza dei Servizi, però, l’amministrazione deve nel tempo rivedere la sua idea iniziale. Si arriva quindi al consiglio comunale di ieri nel quale viene, finalmente, approvata la variante stabilendo, appunto, che il secondo braccio vada ai pescatori ed il terzo: in parte alle attività operanti trasporto passeggeri; in parte alla Capitaneria di Porto, per la gestione di situazioni emergenziali; ed in parte alla società Porto Turistico Marina di Leuca.


Per noi è una vittoria“, commenta con giubilo l’opposizione. “L’assegnazione dell’intero terzo braccio del molo alla società mista sarebbe stata inammissibile. Così come lo sarebbe stato un ulteriore ritardo: i pareri positivi sulla variante sono pronti da ben 4 anni. Questa lunga attesa non ha fatto che ritardare la ripresa economica dell’intera marina, che ha anche corso il rischio di una revoca della concessione che avrebbe significato solo ulteriori spese per il Comune“.


Atteso ora il prossimo capitolo della storia: la palla passa alla società mista che dovrà avviare le opere di ammodernamento.


Attualità

Ulteriori limitazioni su Leuca: il sindaco integra l’ordinanza

Pubblicato

il


Il sindaco di Castrignano del Capo, Santo Papa, integra l’ordinanza dello scorso 1 marzo con la quale aveva già disposto una serie di limitazioni sul territorio di Santa Maria di Leuca.





Si tratta di divieti di stazionamento, dettati dalla necessità di rallentare i contagi Covid, che ora insisteranno su nuove aree. Con l’integrazione di oggi, 5 marzo, infatti, sarà vietato stazionare anche in località Ristola, su piazza Giovanni XXIII (località Basilica) e nelle aree costiere, sugli arenili, sulle passerelle e nei punti di accesso al mare, escluse le aree dedicate alla pesca.




Misure che arrivano a ridosso del weekend, per scongiurare il rischio di assembramenti corso la settimana passata, quando la marina di Leuca è stata meta di centinaia di persone. Ma, al contempo, misure che si incastonano anche in un momento di attenzione al Covid particolare per il territorio castrignanese: nelle ultime ora il riscontro di alcune positività avrebbe dato il là ad una serie di tamponi a catena di cui ancora non è noto l’esito.






Continua a Leggere

Attualità

I positivi per paese in provincia di Lecce: 79 positivi ogni 100mila abitanti

Pubblicato

il


Nel report settimanale dell’Asl di Lecce l’andamento dell’infezione da SARS-COV-2 in provincia, con i dati da inizio pandemia a oggi.
Sono 1596 i cittadini presenti in provincia di Lecce attualmente Covid positivi.
Il report evidenzia la distribuzione dei casi Comune per Comune, il numero dei degenti, dei ricoveri e dei decessi con la distinzione per genere ed età e, per l’ultima settimana, l’incidenza di 79,38 casi positivi per 100mila abitanti.

Sono 50mila e 813 i cittadini che, dall’avvio della campagna di vaccinazione anti Covid, hanno ricevuto il vaccino; a 16734 di loro è già stata somministrata la seconda dose.





Nelle tabelle che seguono, i contagi ed i vaccini da ogni Comune.













Continua a Leggere

Attualità

Un ecografo in dono all’ospedale di Tricase

Pubblicato

il


Ha avuto luogo mercoledì 3 marzo, presso l’Ospedale “Cardinale Panico” di Tricase, la cerimonia di benedizione e consegna di nuove strumentazioni medicali al reparto di Pediatria Utin diretto dal Primario, il dott. Enrico Rosati, che ha preso parte alla cerimonia insieme alla presidente dell’Associazione Lorenzo Risolo OdV, Sonia Chetta, e alla direttrice del nosocomio salentino Suor Margherita Bramato.





L’associazione – si legge nel comunicato – ha donato un ecografo multidisciplinare di fascia medio-alta con dotazione di cinque sonde: convex, lineare pediatrica, settoriale pediatrica, settoriale neonatale, cardiologica.

Anche con questa donazione, resa possibile grazie all’impegno dei volontari dell’associazione e dei tanti soci e delle numerose raccolte fondi e iniziative organizzate e con le donazioni del 5×1000, continua l’attività dell’ente del Terzo Settore, attivo da diversi anni sul territorio nel sostenere, non solo economicamente, attenzioni e cure rivolte ai bambini e ai ragazzi affetti da malattie pediatriche e alle loro famiglie.

Soddisfazione e gratitudine da parte di suor Margherita Bramato e del primario, il dottor Enrico Rosati.

«A nome del reparto di Pediatria Utin dell’ospedale Panico – afferma il dottor Rosati – voglio esprimere la mia profonda gratitudine ad ALR per aver confermato la vicinanza al mondo pediatrico salentino ed al nostro ospedale in particolare con la donazione di un ecografo multidisciplinare che consentirà un’importante implementazione tecnologica ed una qualità di cure sempre più elevata per i nostri pazienti. La diagnostica ecografica, per le sue caratteristiche di non invasività, rapidità e maneggevolezza trova nell’età pediatrica un campo di applicazione ideale, potendosi svolgere anche in incubatrice o a letto del bimbo con informazioni in tempo reale e possibilità di avviare tempestivamente le cure più adatte o, in molti casi, risparmiare l’esposizione ai raggi x. Nel nostro reparto vi è una forte connotazione ecografica con vari operatori formati ed esperti, specie nel campo della diagnostica cardiovascolare e cerebrale, accanto ai quali stanno crescendo colleghi più giovani che hanno avviato e completato un processo di accreditamento nazionale in questo settore. L’arrivo di questa apparecchiatura sarà un importante contributo alla crescita della nostra realtà.».

«La donazione di oggi è una donazione importante, raggiunta grazie all’impegno dei volontari dell’associazione e dei tanti donatori che seguono costantemente l’associazione – afferma Sonia Chetta – è grazie a loro se possiamo continuamente essere vicini a tanti piccoli del nostro territorio. Il nostro impegno è volto anche a dotare di attrezzature necessarie e sempre più indispensabili i reparti dei nostri ospedali salentini sia per facilitare l’operato di medici e infermieri sempre in prima linea nell’affrontare la malattia, sia per i piccoli pazienti che possono essere curati e seguiti direttamente nel loro letto e stanza di ospedale evitando i trasferimenti, all’interno dello stesso ospedale, tra i diversi reparti. Inoltre l’Ospedale Cardinale Panico rappresenta il Cuore della nostra Associazione e di Lorenzo che nel reparto di Pediatria aveva trovato serenità, cure e calore umano.»





Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus