Connect with us

Galatina

Galatina: l’appello delle liste civiche al sindaco

“Beghe Pd solo un pretesto per lasciare poltrona scomoda”

Pubblicato

il

Galatina è a metà strada tra le dimissioni del sindaco Montagna ed il commissariamento. Sono passati 10 giorni dal passo indietro del primo cittadino e altrettanti ne mancano alla scadenza dei 20 entro i quali può revocare la sua decisione.

Nel vuoto in cui la città galleggia in questi giorni, le liste civiche Galatina in movimento, Galatina altra, novaPolis Galatina e Movimento per il Rione Italia si rivolgono a Cosimo Montagna: “Non è il momento Sindaco!“, scrivono in una nota. “Basta con gli inutili teatrini di una politica vecchia, legata ancora a ripicche e sceneggiate inconcludenti, finalizzata ad interessi dei singoli. Già l’annuncio, con largo anticipo rispetto alla naturale scadenza del mandato, di non candidarsi alle prossime amministrative, aveva destato delle perplessità“, ammettono, “e oggi la presunta crisi, nata nella sede del PD il suo partito, su equilibri di potere interni, che giustifica le sue dimissioni, non può che essere vista come un pretesto per lasciare una  poltrona ormai divenuta scomoda e prende il sapore di una resa anticipata“.

E ricordano, “a beneficio dei meno attenti, che nell’ultimo consiglio comunale non è venuta meno la maggioranza, tant’è che tutti i provvedimenti sono stati comunque approvati”. Per poi tornare a rivolgersi al primo cittadino: “Sindaco, è questo il momento delle assunzioni di responsabilità, politiche e personali, per i problemi che la sua amministarzione ha contribuito a creare e che oggi incombono sulla nostra città. Nei prossimi mesi, tanto per farle alcuni esempi, si dovrà evitare che la Corte dei Conti si stabilizzi in pianta stabile negli uffici comunali, si dovrà risolvere il contenzioso con la CSA che rischia di essere la pietra tombale sulle già disastrate finanze di Galatina, sarà necessario vigilare per tutelare gli interessi dei galatinesi nel fallimento della Fiera del Salento ed in ultimo, ma non certo per ordine di importanza, dobbiamo ricordarle che è in atto un riordino della rete ospedaliera che rischia di declassare illegittimamente l’Ospedale di Galatina ed è dovere Suo e di tutti, maggioranza e minoranza, proferire il massimo impegno ed ogni energia necessaria a difesa della comunità che si ha l’onore e il privilegio di rappresentare”.

“Invitiamo il sindaco a chiudere l’incomprensibile siparietto con i consiglieri della sua maggioranza. Se poi vorrà confermare l’intenzione di abbandonare la nave lo faccia velocemente permettendo alla Città di dotarsi, in tempi brevi, di una nuova guida amministrativa forte e determinata. Noi siamo pronti. Trascinare la crisi per poi consegnare la città ancora una volta ad un Commissario Prefettizio”, concludono, “sarebbe un ulteriore danno perpetrato alla Città dalla sua Amministrazione”.

Il sindaco, dal canto suo, aveva specificato, in una nostra intervista pubblicata sul numero in distribuzione, che non sarebbe tornato sui suoi passi se prima i dissidenti del Pd non avrebbero “pubblicamente reso nota la loro posizione“, tornando in maniera definitiva a seguire l’indirizzo della maggioranza.

Cronaca

Galatina, l’Inps scrive a un defunto: “Versi i contributi”

Pubblicato

il

Sembra una barzelletta ma fa tutt’altro che ridere la storia che, a Galatina, ha come protagonista l’INPS ed un uomo del posto…deceduto da anni.

All’indirizzo di quest’ultimo, l’istituto di previdenza ha recapitato delle missive. I familiari dell’uomo hanno incredibilmente visto arrivare due raccomandate con ricevuta di ritorno che intimavano al loro compianto il versamento di contributi CAU (contributi agricoli unificati) per 5 annualità. Quelle dal 1986 al 1991 (inclusi), quando l’interessato non era più in vita. L’importo: in una raccomandata di circa 4mila euro, nell’altra un centinaio.

L’assurda storia è finita nelle mani del legale della famiglia dell’uomo che, se fosse ancora in vita, oggi avrebbe 107 anni.

Continua a Leggere

Attualità

Covid: altri due casi in provincia di Lecce

Si tratta di due donne asintomatiche. In tutta la Puglia tasso di positività pari allo 0,15%. Intanto il numero dei guariti (3.022) e più di tre volte superiore a quello degli attualmente positivi (967)

Pubblicato

il

Altri 4 casi positivi al Covid in Puglia, due dei quali in provincia di Lecce.

È questo il succo del bollettino epidemiologico odierno rilasciato dalla Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro.

Sono stati registrati 2.543 test ed con i 4 casi positivi, il conto è presto fatto, il tasso di positività, è dello 0,15%.

Purtroppo sono stati registrati altri 3 decessi di pugliesi con covid: due in provincia di Bari ed uno nel tarantino.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 125.049 test.

Sono 3.022 i pazienti guariti che sono più del triplo degli attualmente positivi, oggi 967 in tutta la Puglia.

I NUOVI CASI NEL SALENTO A COLLEPASSO E NOHA

Le persone controllate e risultate positive sarebbero completamente asintomatiche. Lo si apprende da fonti dell’Asl leccese secondo le quali si tratterebbe di una donna di 94 anni di Collepasso ed una  di 43 di Noha (Galatina).

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 4 GIUGNO

Il totale dei casi positivi Covid nella nostra regione dall’inizio dell’epidemia è di 4.503, di cui 517 nella provincia di Lecce.

Continua a Leggere

Attualità

#UnitiSiVince: il robot Pepper per l’ospedale di Galatina

Donato al “Santa Caterina Novella” il dispositivo medico che consente il monitoraggio e la comunicazione a distanza con i pazienti ricoverati, limitando così il consumo di dispositivi di protezione e migliorando la qualità del tempo da dedicare ai malati

Pubblicato

il

L’ospedale Sanata Caterina Novella di Galatina ha a disposizione il nuovo robot Pepper, il dispositivo medico che consente il monitoraggio e la comunicazione a distanza con i pazienti ricoverati, limitando così il consumo di dispositivi di protezione e migliorando la qualità del tempo da dedicare ai malati.

La cerimonia di consegna si è svolta negli spazi dell’aula conferenze dell’ospedale salentino alla presenza del sindaco di Galatina, Marcello Amante, del direttore generale dell’Asl di Lecce Rodolfo Rollo, del direttore medico del “Santa Caterina Novella”, Giuseppe De Maria, del responsabile dell’Unità Operativa di malattie Infettive Paolo Tundo, del presidente del comitato #UNITISIVINCE Vincenzo Specchia e dei consiglieri Carmine Notaro e Giuseppe Viva. L’acquisto del Pepper è stato reso possibile dalla campagna di raccolta fondi lanciata dal Comitato #Unitisivince di Galatina: un’azione che ha visto protagonisti associazioni di categoria, imprenditori, cittadini e tanti volontari che con passione, abnegazione e lungimiranza sono riusciti a rendere possibile l’acquisto di questa nuova apparecchiatura d’avanguardia.

Il Robot umanoide Pepper ha un aspetto simpatico, è alto come un bambino e, grazie all’utilizzo di un ipad può essere guidato in corsia sino al letto del paziente. Pepper, registrando i dati da dispositivi medici, consente il monitoraggio e la comunicazione a distanza con i pazienti.

L’ospedale di Santa Caterina Novella di Galatina, per l’intuizione felice di chi lo voluto negli anni scorsi rappresenta da sempre un polo di riferimento per l’intero territorio salentino“, ha commentato Vincenzo Specchia, “oggi come, centro Covid, ha dato un forte segnale che ne ha fatto di apprezzarne la struttura e le professionalità. Il Pepper è un punto di partenza e rappresenta un’apparecchiatura d’avanguardia che testimonia l’attenzione dei tanti cittadini ed associazioni che hanno voluto contribuite generosamente per il suo acquisto”.

Abbiamo ricevuto dall’intero territorio un aiuto eccezionale per affrontare al meglio sul campo quest’epidemia“, ha concluso Rodolfo Rollo, “l’Ospedale di Galatina non è una piccola isola ma fa parte  di una rete forte ed affidabile pronta a tutelate tutti i cittadini che abitano il territorio salentino. Una rete che ha saputo trovare le necessarie risorse interne per dare delle pronte risposte al territorio”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus