Connect with us

Attualità

Un Marchio d’area per la Grecìa Salentina

Nonostante le restrizioni ed il periodo non facile, che tutto il mondo sta vivendo, nell’area grika si pensa al futuro: al via i primi incontri per il piano di sviluppo territoriale turistico

Pubblicato

il

L’area ellenica del Salento si dota di un marchio d’area “Grecìa salentina”.


Si è tenuto il primo incontro tra i sindaci della Grecìa Salentina ed il rettore dell’Università del Salento, Fabio Pollice, per parlare del piano di sviluppo territoriale turistico.


Un meeting online, come previsto dalle normative per contrastare la crisi epidemiologica, per esaminare le linee programmatiche che porteranno alla fine di giugno alla stesura di un piano territoriale per lo sviluppo turistico collettivo dell’intera area.


Nonostante le restrizioni ed il periodo non facile, che tutto il mondo sta vivendo, nell’area grika si pensa al futuro.


Alla prima tavola rotonda online  hanno partecipato il presidente dell’Unione Roberto Casaluci e i vari sindaci della Grecìa e Fabio Pollice, rettore di Unisalento, il quale ha illustrato le linee guida e la tempistica dei vari step che porteranno allo sviluppo di un piano territoriale turistico.


Negli ultimi due decenni il territorio della Grecìa Salentina si è caratterizzato per una importante e costante crescita dei flussi turistici, i quali oggi tuttavia“, ha spiegato il rettore, “necessitano di una strategia complessiva e coordinata di tutto il comparto al fine di migliorare e qualificare l’offerta generale dei servizi del settore. Un processo partecipato che interesserà i sindaci, le proloco, gli operatori turistici, le associazioni culturali ed ambientalistiche, agricoltori e le associazioni di categoria più rappresentative del territorio ed altri attori che si incrociano trasversalmente con il turismo”.


Tra le finalità: realizzare ed adottare strumenti che contribuiscano alla valorizzazione dei beni culturali, storici, ambientali che caratterizzano l’area grika, mettendo a sistema la molteplicità di risorse in grado di offrire un modello di fruizione integrato che possa generare flussi turistici cospicui e, quindi incentivare nuove opportunità per lo sviluppo economico del territorio, attraverso una pianificazione strategica.


Nell’incontro sono state indicate le linee guida che serviranno a coinvolgere i vari rappresentanti del territorio che nei prossimi mesi lavoreranno insieme.


Il nostro sarà un piano partecipato nonostante il Covid“, ha sottolineato il rettore, “ci incontreremo sulle piattaforme virtuali, le tecnologie digitali ci permettono partecipare attivamente senza spostarci da una parte all’altra”.


Tra gli obiettivi del piano la creazione di uno strumento di orientamento delle progettualità individuali e collettive; promuovere la retizzazione degli attori pubblici e privati che operano in loco e concorrono a definire l’offerta turistica del territorio di riferimento.


Favorire il coordinamento tra gli attori pubblici e privati che operano sul territorio e concorrono a definirne l’offerta turistica, facilitare l’attrazione di investimenti che risultino coerenti con la configurazione turistica che il territorio si è data attraverso il piano.


“Il piano è stato fortemente voluto da tutti i sindaci dell’Unione“, ha aggiunto il presidente Roberto Casaluci, “puntiamo a favorire la destagionalizzazione dei flussi turistici. Sappiamo che i nostri paesi sono scelti per la qualità della vita, perché da noi si vive bene, si mangia bene, ci sono tempi lenti e poco stressanti. Nel mondo c’è una forte attenzione alla nostra cultura in particolare alla lingua grika, alle tradizioni musicali, la nostra terra è ricca di storia, arte, cultura ed enogastronomia. Un patrimonio inestimabile che rappresenta un’offerta culturale e turistica che vogliamo promuovere ed incentivare in  uno sviluppo collettivo condiviso,  attraverso una mobilità sostenibile ed un’attenzione maggiore alla ruralità ed all’ambiente. Tutti fattori che se potenziati e sviluppati potranno essere volano di crescita dell’intero territorio nel prossimo futuro”.


Attualità

Vaccini a Tricase: Cantiere civico al fianco dei volontari

“Saremo al fianco dei volontari impegnati al centro vaccinale dell’Acait per offrire ai cittadini il nostro contributo e garantire un clima sereno e cooperativo nelle operazioni preliminari alle vaccinazioni”

Pubblicato

il

Chi decide di vaccinarsi compie un gesto di cura per sé stesso e per la comunità cui appartiene”.


Il Cantiere civico di Tricase vuole dare il suo contributo alla campagna di sensibilizzazione per favorire quanto più possibile la vaccinazione di massa.


Tutti noi possiamo essere diffusori inconsapevoli di contagio oppure possiamo preservare i nostri vicini, specialmente i più fragili, se adottiamo comportamenti adeguati al pericolo a cui siamo esposti”, scrivono i consiglieri di opposizione Carmine Zocco, Gianluca Errico e Giacomo Elia.


L’atto di vaccinarsi”, sottolineano, “è un atto d’amore per sé e per gli altri. È un gesto necessario alla ripartenza delle attività individuali e sociali, è un modo per riconoscersi protagonisti dello stesso sforzo di rinascita”.

Chi ha l’onore e la responsabilità di essere rappresentante istituzionale dei cittadini, “deve compiere tutte le azioni necessarie a ridurre i disagi, comunque inevitabili, che le operazioni di vaccinazione comportano”.


Ed ecco perché “noi consiglieri di Cantiere Civico saremo al fianco dei volontari impegnati al centro vaccinale dell’Acait: per offrire ai cittadini il nostro contributo e garantire un clima sereno e cooperativo nelle operazioni preliminari alle vaccinazioni”.


Continua a Leggere

Attualità

“Facciamo del Salento la nuova Hollywood”

A poche ore dall’incontro del Presidente del Consiglio dei Ministri con i Segretari dei Partiti per discutere del Recovery plan, l’ex deputato ed ex sindaco di Specchia Antonio Lia suggerisce tre idee: “Sostenere l’alta velocità Lecce-Bologna, chiudere l’Ilva e fare di Taranto un porto commerciale ripristinando lo Scalo di Surbo; far diventare il Salento centro regionale di produzione come la California e meta turistica internazionale, un territorio di Cultura, Cinema, Turismo”

Pubblicato

il

A poche ore dall’incontro del Presidente del Consiglio dei Ministri con i Segretari dei Partiti per discutere del Recovery plan, l’ex deputato ed ex sindaco di Specchia Antonio Lia lancia delle proposte per il Capo di Leuca e per il Salento.


Innanzitutto si chiede: “Le categorie, le organizzazioni, le professioni, la Regione, le Province e i Comuni della  Puglia hanno presentato al Governo un documento sul PNRR?”.


Entro la fine del mese l’Italia dovrà presentare il Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza, “Next Generation EU”, che costituisce lo schema all’interno del quale devono essere posizionati i progetti che il nostro paese presenterà’ ai preposti Organi Comunitari. Un intervento complessivamente quantificato in 209 miliardi di Euro del pacchetto NGEU (investimenti in essere + nuovi investimenti +REACT EU)c he sale a 311,86 miliardi inserendo nel computo anche i fondi SIE/PON, FESRS e della programmazione di bilancio 2021/2026.


Siamo pronti? La Puglia è pronta?


Le risorse messe a disposizione sono ingenti, 311,86 miliardi di Euro dei quali sembra che il 70% dovrà essere impegnato entro l’anno. Tale schema è’ strutturato in 3 assi strategici, digitalizzazione e innovazione-transizione ecologica- inclusione sociale.


Siamo pronti con i progetti nati da una Co-progettazione con il mondo degli operatori e delle loro rappresentanze?


È stato valutato attentamente cosa possiamo chiedere?

E in questo ambito che si inseriscono le proposte di Antonio Lia “Azzardo a suggerire 3 idee”, enuncia l’ex parlamentare, “innanzitutto l’alta velocità, un problema importante per la nostra Regione che invece di continuare a sostenere il progetto per l’alta velocità Roma-Bari (“quello che abbiamo è sufficiente basta solo una migliore organizzazione”) potrebbe invece essere sostenuta l’alta velocità Lecce-Bologna e riprendere il discorso dell’ormai dimenticato corridoio numero 8, Brennero-Brindisi, per il quale nel 1996 fu finanziato il progetto di massima. L’alta velocità’ adriatica per i pugliesi è più importante perché è la linea ferrata più usata e la costruzione non ha grandi costi perché’ non ci sono ponti da costruire o montagne da perforare”.


Porto di Taranto attracco internazionale e riapertura dello Scalo di Surbo


Altro suggerimento “che mi permetto di dare è quello della chiusura dell’ILVA per fare di Taranto un porto commerciale per l’attracco di navi che vengono dagli Oceani Orientali e che dopo aver superato il canale di Suez, attraversato il Mediterraneo e l’Oceano Atlantico ora vanno a Rottherdam per poi spedire le merci a Bologna interporlo per distribuirle in Europa. Se le merci si fermassero a Taranto potrebbe essere messo in attività lo Scalo di Surbo, uno dei più’ moderni e grandi d’Italia e da lì smistare in tutta Italia e in Europa le merci che potrebbero viaggiare su gomma, per ferrovia e via mare per raggiungere i Porti del Tirreno fino a Genova e dall’Adriatico fino a Trieste, una proposta rivoluzionaria che farebbe chiudere l’ILVA convogliando sui lavori portuali il personale ILVA, a beneficio di Taranto e dei tarantini”.


Salenthollywood


La terza proposta: “Visto che il territorio salentino è diventato un set naturale e visto il grande impegno nel settore cinematografico, televisivo e dei cortometraggi della “Film Commission regionale”, la provincia di Lecce potrebbe diventare il centro regionale di produzione come la California e meta turistica internazionale. Il Salento territorio di Cultura, Cinema, Turismo”.


L’invito di Antonio Lia è comunque quello di “aprire il dibattito sull’argomento Recovery plan e raccogliere altre idee, magari migliori”.


Continua a Leggere

Attualità

Contagi in calo ma aumentano i morti

160.424 sono i pazienti guariti, 51.594 sono i casi attualmente positivi e 5.410 le vittime

Pubblicato

il

50 morti per Covid nelle ultime 24 ore in Puglia, contro i 39 di ieri, 13.399 test fatti, registrati 1.537 nuovi casi positivi, l’11,4% (ieri la percentuale era del 14%).


I nuovo contagi: 562 sono in provincia di Bari, 328 in provincia di Taranto, 266 in provincia di Foggia, 161 in provincia di Lecce, 119 nella provincia BAT, 1 caso di residente fuori regione, e 3 casi di provincia di residenza non nota.


Delle 50 vittime, 22 si registrano in provincia di Bari, 5 nella BAT, 10 in provincia di Foggia, 7 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.061.325 test, 160.424 sono i pazienti guariti, 51.594 sono i casi attualmente positivi e 5.410 le vittime.


Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 217.428.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus