Connect with us

Andrano

La classifica degli eventi pugliesi più sostenibili

Ecofesta Puglia: presentata la speciale classifica degli eventi green stilata ogni anno dallo staff del progetto nato per ridurre l’impatto ambientale. Tra i primi la “Sagra du taraddhru” a Castiglione di Andrano

Pubblicato

il

54° Carnevale dei ragazzi di Monteroni, Mio Quartiere a Lecce, Sagra du taraddhru a Castiglione di Andrano e Capodanno di Bari: sono gli eventi vincitori della speciale classifica green che ogni anno viene stilata dallo staff della certificazione volontaria “Ecofesta Puglia” in base ai dati del monitoraggio finale. Vince anche il primo premio per l’evento più “riciclone” il 54° Carnevale dei ragazzi di Monteroni con il 98,99% di raccolta differenziata.


area deposito rifiutiLa premiazione è avvenuta nell’ambito del seminario “Sostenibilità degli Eventi e Risk Management (ISO 20121:2012 e ISO 9001:2015)” organizzato a Lecce da Confesercenti Lecce, Aenor Italia, Csad – Centro studi ambientali e direzionali. Per l’occasione Roberto Paladini, Ilaria Calò e Loreta Ragone, i giovani soggetti attuatori della certificazione volontaria unica in Italia che interviene per ridurre l’impatto ambientale degli eventi, hanno presentato i dati relativi al 2014. Alle porte della nuova stagione estiva, il progetto co-finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca grazie al bando Smart Cities and Communities and Social Innovation e unico nel suo genere ad essere certificato ISO 20121, presenta risultati importanti: aumentano gli eventi, aumenta la percentuale di raccolta differenziata prodotta e si allarga l’ambito territoriale d’intervento.


bidone con sloganNel 2014 siamo intervenuti per ridurre l’impatto ambientale di 45 eventi” spiegano Paladini, Calò e Ragone, “certificandone 32 e abbiamo lavorato con continuità nella provincia di Bari con 12 eventi, 5 in quella di Brindisi, 2 nel tarantino e 1 nella Bat, esplorando così nuovi territori. Tra le sfide vinte nel 2014, inoltre, l’applicazione del modello “Ecofesta Puglia” ai grandi eventi, un percorso portato avanti finora in formula sperimentale con la “Notte della Taranta” di Melpignano, la Fiera del Levante a Bari, il Medimex e la Focara di Novoli 2015».


segnaletica piattoUn trend di crescita non solo in termini quantitativi, ma soprattutto per la qualità degli interventi. Rispetto all’anno scorso, la percentuale di raccolta differenziata è passata dal 63,13% al 72,06% con picchi del 90% in alcuni casi. In aumento, inoltre, gli eventi culturali che hanno fatto richiesta della certificazione e che per la prima volta superano in numero le sagre, battendole 28 a 14. Grazie all’acquisto di certificati verdi e alla piantumazione di oltre520 alberi, sono stati compensate 19.034,906 Kg di emissioni di CO2 prodotte. In un anno, inoltre, sono state distribuite quasi 230mila stoviglie biodegradabili grazie ai gruppi di acquisto organizzati dai gestori del marchio. Dallo scorso anno, inoltre, la certificazione è riconosciuta ISO 20121 – standard internazionale dei sistemi di gestione per la sostenibilità degli eventi che garantisce, a livello internazionale, la sostenibilità della progettazione e realizzazione delle attività e dei processi sviluppati negli eventi da “Ecofesta Puglia”.


La certificazione di Ecofesta Puglia”, spiega Stefano Cucurachi, development manager Aenor Italia, “rappresenta una pietra miliare nella strada della sostenibilità degli eventi perché non solo adotta un modello di evento sostenibile ma promuove la sostenibilità degli eventi organizzati da altre organizzazioni in tutta la Regione Puglia ed in Italia, assistendone la modalità di erogazione sostenibile. Nello stesso tempo il modello di Risk Management proposto ed implementato da Ecofesta Puglia per il governo degli eventi può essere utilizzato come spunto per progettare i nuovi sistemi di gestione della certificazione di qualità “ISO 9001:2015” o per rinnovare con tale norma i sistemi esistenti. È in atto, infatti, un processo che vuole uniformare e rendere coerenti le certificazioni implementando proprio l’approccio di Risk Management”.

Creare le condizioni affinché un evento sia organizzato in modo sostenibile”, dichiara Ivan Stomeo, sindaco di Melpignano e Presidente Nazionale dei Borghi Autentici, “prima di ogni altra cosa, è una questione di responsabilità, di buon senso e soprattutto, per chi ha il compito di “governare” una comunità, è un dovere politico, sociale e culturale, sia che si tratti di grandi che di piccoli eventi. Un evento “sostenibile” è un evento che è stato progettato, organizzato e realizzato in modo da minimizzare, gli impatti ambientali negativi e lasciare un segno positivo, per la comunità che lo ospita. In altri termini, meno impatto ambientale più opportunità e benefici economici e sociali per la comunità locale che è protagonista dell’evento: il festival “La Notte della Taranta”, possiede molte di queste peculiarità”.


E sono tante le novità per la prossima stagione per la quale la parola d’ordine sarà ancora una volta la sostenibilità ambientale e la qualità degli interventi per ridurre l’impatto ambientale degli eventi. “L’esperienza maturata in tre anni di attività sul campo”, spiegano ancora i tre soggetti attuatori, “ci ha portato a modificare il regolamento per l’acquisizione della certificazione, adattandolo per renderlo davvero lo specchio degli interventi di sostenibilità attuati dagli organizzatori degli eventi. Speriamo col tempo di poter certificare ogni evento in cui interveniamo e innalzare così la qualità del lavoro svolto”.


Nata in ambito associativo nel 2011 e premiata dal Miur nell’ambito del progetto “La Tradizione fa Eco – modello di sostenibilità per innovare la tradizione e rivoluzionare gli eventi pugliesi”, la certificazione Ecofesta Puglia interviene ispirandosi a tre principi fondamentali: ridurre, differenziare, informare.


Andrano

Carambola shock sulla Depressa-Andrano

Urto contro le rocce ai bordi della strada provinciale: soccorso conducente, auto completamente distrutta

Pubblicato

il

A cura di Lorenzo Zito


Come una pallina da flipper impazzita, un’auto oggi si è ritrovata prigioniera delle pareti rocciose che costeggiano la strada provinciale tra Depressa di Tricase ad Andrano.


Poco dopo le 14, una Citroen C3 ha finito per carambolare tra le due sponde stradali, rimbalzando contro quelle che sono un mix di rocce, nelle quali è stata suo tempo scavata la strada, e di muretti a secco, eretti a delimitazione delle campagne circostanti. La velocità ha fatto il resto. Lo raccontano i segni sulla vettura.


Ammaccata in ogni angolo, la Citroen sembra reduce da un demolition derby, uno spettacolo in cui ci si sfida in un cerchio d’asfalto a distruggere l’auto degli altri concorrenti: pneumatici esplosi, carrozzeria ammaccata in ogni dove, vetri rotti, frontale e posteriore sfondati, motore completamente distrutto.

Tutt’altro che un gioco però per il conducente, soccorso prontamente dal 118. Non è chiaro se possa aver accusato un malore prima dello schianto o se le cause del sinistro siano da ricercarsi altrove. Fortunatamente non sarebbe sopraggiunto nessuno al momento del primo impatto: il coinvolgimento di un secondo mezzo avrebbe potuto rivelarsi fatale. In auto nessun passeggero.


La dinamica esatta verrà ricostruita sulla base dei rilievi effettuati sul posto, prima del tramonto, dai carabinieri della Compagnia di Tricase.



Continua a Leggere

Andrano

Assegnati lavori per realizzazione nuovo ecocentro tra Andrano e Castiglione

Pubblicato

il


Assegnato ad Andrano l’appalto per i lavori di realizzazione di un nuovo centro comunale di raccolta differenziata dei rifiuti lungo la provinciale 85 che porta a Castiglione.





Il progetto, che prevede anche la creazione di un annesso Centro del Riuso, prevede un investimento di 450 mila euro.





Come riportato sul sito del Comune, ad aggiudicarsi i lavori, che verranno realizzati mediante l’uso di materiali e tecniche a ridotto impatto ambientale, una s.r.l. di Poggiardo.





Il progetto è così descritto dal Comune di Andrano: “Gli interventi consistono essenzialmente nella realizzazione dell’Ecocentro con la realizzazione di:




− un’area containers destinata ai rifiuti non pericolosi che alloggia carrelli scarrabili, coperti con telo, adibiti al conferimento di pneumatici, ingombranti e legno, inerti, sfalci e potature, su una superficie impermeabilizzata in conglomerato bituminoso;





− un’area Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (R.A.E.E.), Rifiuti Urbani Pericolosi (R.U.P.) quali, farmaci scaduti, pile, RUO R/F, accumulatori a batteria, cartucce/toner, oli e grassi vegetali, oli e grassi minerali, Rifiuti differenziati quali carta/cartone, plastica, vetro, metalli, FORSU, posta sotto una tettoia delle dimensioni di 32 pag. 2 di 5 m x 8.50 m su superficie impermeabilizzata in conglomerato cementizio e che presenta una vasca di raccolta interrata per gli sversamenti accidentali. Al di sotto della tettoia sono alloggiati carrelli scarrabili tipo containers per elettrodomestici quali frigoriferi e congelatori, lavatrici e lavastoviglie, oltre che appositi contenitori per Tv e monitor, apparecchiature elettroniche di piccole dimensioni, sorgenti luminose, appositi contenitori per i rifiuti R.U.P. ed infine cassonetti per la raccolta di carta/cartone, plastica, vetro, metalli, FORSU;





− un’area ricezione con Ufficio/Guardiania per il personale in servizio e per gli utenti del centro di raccolta, dove è collocato il Totem Informatico e la bilancia;





− un’area parcheggio interna alla struttura, di circa 50 m2; Il progetto del Centro del riuso prevede l’accessibilità alle persone diversamente abili sarà garantita da rampe nella pavimentazione di pendenza media 0,5 % che consentiranno anche agevoli operazioni di carico e scarico. Per l’installazione del centro del riuso è prevista la realizzazione di una pavimentazione in conglomerato bituminoso


Continua a Leggere

Andrano

Andrano in viaggio con Dante

Pubblicato

il


Continua incessante l’attività del Comune di Andrano, dedicata a Dante Alighieri nell’anno che celebra i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta.





L’Amministrazione Comunale, infatti, in collaborazione con lo staff di #CiVediamoInBiblioteca e con la Società Dante Alighieri – Comitato Salentino e con l’Università Popolare “Aldo Vallone” di Galatina, dopo aver creato un Comitato Tecnico-Scientifico che si occuperà di coordinare le iniziative nel corso dell’intero 2021, ha inteso dare massimo rilievo a questa ricorrenza di altissimo livello.




Il 25 marzo ritornerà il Dantedì, Giornata Nazionale dedicata a Dante Alighieri, e il Comune di Andrano ha inteso proporre, in diretta sui canali social del Comune, vista la perdurante situazione epidemiologica che ha ormai paralizzato ogni iniziativa in presenza, diversi appuntamenti.

“Il 700esimo anniversario non è una ricorrenza qualsiasi, ma una di quelle che merita attenzione e rilievo. Insieme all’intera Amministrazione Comunale, con il supporto importante di #CiVediamoInBiblioteca e della Società Dante Alighieri – Comitato Salentino, che ringrazio ancora una volta, abbiamo inteso onorare il Sommo Poeta e con lui il meraviglioso patrimonio letterario che ci ha lasciato. Il Dantedì sarà una di quelle giornate che merita la nostra partecipazione, seppur da remoto.
Il mio augurio è che la partecipazione sia vasta, specialmente da parte dei giovani a cui ci rivolgiamo sempre in maniera particolare” – afferma il Sindaco di Andrano, Salvatore Musarò.
“Il Dantedì di quest’anno, che si intercala nell’importante ricorrenza dei 700 anni, punterà su alcune sfumature interessanti del Poeta e del suo capolavoro per eccellenza, la Divina Commedia.” – continua il Consigliere Delegato alla Cultura, Donato Accoto – “Ringrazio tutti gli ospiti per aver accettato l’invito e vi invito a seguirci con costanza sui nostri canali social, in attesa di ricevederci quanto prima in presenza”.

Il programma fissato sarà il seguente:

24 Marzo 2021, ore 19,00

DANTE 1321, DANTE 2021

Con Marcello Aprile e Maurizio Nocera

25 Marzo 2021, ore 17,30

IN VIAGGIO CON DANTE: la Divina Commedia per bambini

A cura di Anna Rita Pantaleo

25 Marzo 2021, ore 17,30

DANTE TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus