Connect with us

Dai Comuni

Montesano, la minoranza sul bilancio: “Comune ancora deficitario”

Pubblicato

il


I consiglieri di minoranza del gruppo Vivere Montesano prendono la parola sul tema bilancio del Comune di Montesano Salentino, dopo il commento di ieri del sindaco Maglie sulla sentenza della Corte dei Conti che pubblichiamo a margine.





“In risposta alle comunicazioni date dal gruppo di maggioranza e relative all’ok da parte della Corte dei Conti, sul risanamento del bilancio del comune di Montesano Salentino- scrivono-, la Corte dei Conti ha accertato profili di criticità nel rendiconto di gestione relativo all’esercizio finanziario del 2018-2019 del comune di Montesano ed ha invitato il comune ad attenersi a comportamenti conformi ad una sana gestione finanziaria ed a porre in essere azioni volte a garantire il superamento delle stesse criticità evidenziate”.





I consiglieri di Vivere Montesano sottolineano che “la Corte dei Conti richiama l’amministrazione ad una costante azione di monitoraggio dell’adeguatezza del fondo contenzioso. E dichiara che le modalità di gestione dei debiti fuori bilancio non risultano in linea con i principi di sana e corretta gestione finanziaria”.




“L’Ente- continuano -è richiamato anche sulla tempestività dei pagamenti delle fatture ricevute nel 2018, atteso che risulta pagato solo il 42,23% delle fatture (420.000 Euro su un totale di fatture di 1.025.000 euro). La Corte invita anche l’Amministrazione alla trasparenza ed accerta la mancata pubblicazione sul sito, nella sezione «Amministrazione trasparente», dell’indicatore di tempestività dei pagamenti relativo all’esercizio 2018, cosa avvenuta addirittura dopo un anno. La Corte dei Conti rileva la necessità di individuare e attuare misure finalizzate ad assicurare il rispetto delle regole in tema di pagamenti, atteso che «[…] la loro inosservanza non solo espone l’ente alle conseguenze risarcitorie nei confronti dei creditori, ma viepiù alle specifiche sanzioni stabilite dall’ordinamento, palesando altresì un inammissibile condizionamento della capacità di onorare tempestivamente le proprie obbligazioni e di adempiere ai pagamenti, in contrasto quindi con l’esigenza di garantire sia l’agere licere, che il rispetto del “buon andamento” dell’azione amministrativa contemplati dall’art. 97 della Costituzione» (Sez. reg. contr. Emilia-Romagna, deliberazione n. 108/2020/PRSP)”.





“Di fatto, noi della minoranza”, concludono, “possiamo affermare che il Comune è ancora deficitario strutturalmente. Se è vero quanto dicono, perché non siamo mai stati coinvolti e non ci è stata data la possibilità di un dialogo in consiglio comunale? Quindi, dove sta il virtuosismo della Maggioranza?”.


P 45 Comune di Montesano Salentino (LE)_rendiconto 2018_PRSE (2)


Cronaca

Auto contro Ape sulla 275 a San Dana: grave una donna

Pubblicato

il

Un violento tamponamento sulla strada statale 275, questa mattina, ha costretto due persone, marito e moglie, al ricovero in ospedale a Tricase.

L’incidente è avvenuto attorno alle 8, nel tratto di Maglie-Leuca ricadente nel territorio di San Dana (frazione di Gagliano del Capo).

Qui, all’altezza del semaforo che taglia il rettilineo tra Montesardo (Alessano) e Gagliano, un’auto ha tamponato un’Ape Piaggio.

A bordo di quest’ultimo, la coppia di malcapitati: marito e moglie. Secondo quanto raccolto dalle testimonianze sul posto, sembrerebbe che l’Ape, appena rimessosi in marcia con semaforo verde, si fosse spento, appena un paio di metri dopo aver superato l’incrocio.

Qui, è stato colpito alle spalle da una vettura che, viaggiando verso nord, sopraggiungeva nella stessa direzione.

Illeso il conducente della macchina. Feriti i due a bordo del mezzo a tre ruote, con la donna, 73 anni, ad avere la peggio.

È stata trasportata in codice rosso all’ospedale “Panico” di Tricase.

I carabinieri hanno effettuato i rilievi del caso, dopo che l’equipe sanitaria del 118 ha prestato soccorso ai coinvolti.

Sul luogo del sinistro, poi, è intervenuta anche Anas nel corso della mattinata.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Galatina in festa per San Pietro e Paolo

Il programma degli eventi che, in onore dei Santi Patroni, sabato 25 e terminano mercoledì 29

Pubblicato

il

Galatina festeggia i suoi Santi Patroni, San Pietro e Paolo con una lunga scaletta di eventi religiosi e civili. Nella narrazione popolare si tramanda che San Pietro e Paolo si siano fermati a Galatina durante i loro viaggi di evangelizzazione del mondo.

La visita ai Santi Patroni, la rivitalizzazione del bellissimo centro storico, l’esaltazione della pizzica salentina, la degustazione di prodotti tipici galatinesi, lo spettacolo dei fuochi d’artificio, la scenografia delle luminarie, i divertimenti del Luna Park torneranno dopo i due lunghi anni di passione caratterizzati dalla pandemia ad attrare visitatori da più luoghi, affascinati da tanta vigoria.

Il programma religioso

Lunedì 27 giugno, alle 21,30, adorazione eucaristica e confessioni: presiede la Santa messa don Marco Gatto, parroco delle comunità di Collemeto e Santa Barbara.

Martedì 28, alle 19, concelebrazione della Santa Messa in Chiesa Madre; dalle 20 la Processione; presteranno servizio i concerti bandistiSan Gabriele dell’Addolorata” di Noha e Città di Taviano.

Mercoledì 29, Santa Messa alle 6, 7, 8, 9,30, 11,30 e 19,20; giovedì 30 giugno Santa Messa ore 7,30 e 20.

Il ritmo e il battito della pizzica tarantata

In concomitanza con i festeggiamenti in onore di San Pietro e Paolo, dal 25 al 29 giugno, torna a Galatina “Il ritmo e il battito della pizzica tarantata”, la rievocazione storica dell’antico rito del tarantismo; manifestazione che da quest’anno può vantare il riconoscimento del Consiglio d’Europa e della Commissione Europea, rientrando nelle Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days).

Il Club Unesco di Galatina e della Grecìa Salentina si propone di rivalutare il tarantismo come bene immateriale e di farlo conoscere attraverso fonti storiche, studi, filmati, foto, testimonianze; intende ricercare e conservare materiale documentario e bibliografico su questo antico fenomeno, affinché non si perda un patrimonio di riti, credenze, leggende e tradizioni che fanno parte della nostra memoria storica e che tutti abbiamo il dovere di preservare e valorizzare.

Il ritmo e il battito della pizzica tarantata” è una rassegna di musica, danza e docufilm sui temi del tarantismo dal titolo “Il ragno che danza: rituale del larga e del tarantismo nel Mediterraneo”.

Fra le novità di questa edizione l’incontro con il microcosmo parallelo del Sulcis in Sardegna, territorio abitato da popoli antichi con tradizioni che si collegano alla trance, attraverso i rituali coreutico-musicali dell’Argia.

Sabato 25 giugno, alle 20, presso l’ex convento delle Clarissa e in piazzetta Galluccio, proiezione del docufilm spagnolo del 1974 “La tarantula”; esibizione della danza scherma.

Lunedì 27 giugno, alle 20,30, concerto musicale del Trio Salento del Trio Argia (Sulcis Sardegna).

Martedì 28 giugno, alle 20, rievocazione dell’antico rito del tarantismo nel momento della terapia domiciliare.

Presso la cappella di San Paolo, in Piazza San Pietro, mercoledì 29 giugno, alle 10 si terrà la manifestazione di rievocazione storica dell’antico rito del tarantismo.

Continua a Leggere

Cronaca

Aggredita da un cane, finisce in ospedale: disavventura a Presicce-Acquarica

Pubblicato

il

Mattinata da dimenticare per una 32enne di Presicce-Acquarica che, mentre era a passeggio col suo cane, è stata aggredita da un altro cane che circolava in solitudine.

È accaduto tutto questa mattina, nella parte del paese che affaccia sulla provinciale per Specchia, in via Duca degli Abruzzi.

La malcapitata aveva portato fuori il suo cane di piccola taglia quando è spuntata all’improvviso una simil-pitbull.

Quest’ultima si è direzionata contro la padrona e il suo cagnolino. La 32enne, per paura di veder aggredito il suo cane, l’ha immediatamente sollevato da terra e preso tra le sue braccia, finendo lei, però, esser morsa.

La cagna protagonista dell’aggressione

I sanitari del 118, allertati da alcuni passanti che hanno aiutato la donna, hanno accompagnato la malcapitata presso l’ospedale di Tricase.

I carabinieri hanno poi ricostruito la vicenda ed allertato l’ASL veterinaria.

Sono in corso accertamenti sulla cagna protagonista della vicenda, per appurare se sia dotata di microchip.

Sui social, come spesso accade in queste situazioni, è già partita una scia di commenti che hanno, con pressappochismo, puntato il dito contro l’animale, definendolo pericoloso alla nascita in quanto simil-pitbull.

Ciò che in questi casi si dimentica, purtroppo, è che anche gli animali, e quindi anche i cani, non nascono con indole violenta.

Piuttosto, possono avere un trascorso che può renderli aggressivi e, nella maggior parte dei casi, dietro questo tipo vissuto ci sono esperienze violente che, non di rado, nascondono la mano dell’uomo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus