Connect with us

Nardò

Si sente male in spiaggia e muore

Prontamente soccorso dal bagnino e da alcuni bagnanti che hanno chiamato il 118, nonostante…

Pubblicato

il

Mentre era in spiaggia a Santa Caterina, dove stava trascorrendo le vacanze forse a causa del gran caldo, si è sentito male ed è morto ad 87 anni.


La vittima si chiamava Antonio Crocetta di Corato (BA), è stato commissario di Polizia a Nardò negli anni sessanta-settanta.


Avvertito il malore in spiaggia è stato prontamente soccorso dal bagnino e da alcuni bagnanti che hanno chiamato il 118; nonostante abbiano tentato di salvargli la vita non c’è stato nulla da fare.

L’ex commissario Crocetta da anni trascorreva le vacanze a Santa Caterina durante l’estate.


Appuntamenti

Dialoghi della Memoria a scuola

Questo pomeriggio proiezione del docufilm The Albanian Code – “Il Codice Albanese” al “Nino Della Notte” di Poggiardo. Domattina “Dialoghi” nella sede centrale del “Don Tonino Bello” a Tricase con Rita Bacile che, prossimamente, donerà al Museo della Memoria di Nardò una coperta appartenuta ad una famiglia di ebrei ospitati a Tricase Porto

Pubblicato

il

La Giornata della Memoria a scuola.

Sull’Olocausto ha sempre mostrato grande attenzione la dirigente scolastica Anna Lena Manca che, al “Don Tonino Bellodi Tricase – Alessano prima e al “Nino Della Notte” di Poggiardo poi, regala ogni anno ai suoi studenti momenti di importante riflessione sugli orrori che la storia recente ci ha lasciato in eredità.

Proprio in occasione della Giornata della Memoria 2023, Integra Aps con la straordinaria partecipazione del regista Gady Castel, presenta in Puglia, in anteprima nazionale, The Albanian Code – “Il Codice Albanese” film documentario prodotto da Gady Castel e Yael Katzir, per la Claims Conference. Il docufilm racconta la storia sconosciuta di migliaia di rifugiati ebrei salvati in Albania durante la Seconda Guerra Mondiale e verrà proiettato in diverse scuole pugliesi tra le quali proprio il Liceo Artistico “Nino Della Notte” di Poggiardo (questo pomeriggio dalle 15,30). “Il codice albanese” verrà proiettato anche al Museo Ebraico di Lecce sabato 28 gennaio (dalle 17).

La presentazione del film, accolto calorosamente in Albania nel 2019 e nel 2021, dopo il tour italiano annullato a febbraio 2020 a causa della pandemia, diventa, dunque, finalmente realtà, grazie alla stretta collaborazione di Integra Onlus, che ha provveduto anche ai sottotitoli in italiano, con numerose associazioni e diversi enti locali ed in particolar modo grazie al contributo del Ministero degli Esteri di Israele ed il sostegno istituzionale delle ambasciate israeliane a Tirana e a Roma, come dell’Ambasciata d’Italia a Tirana, nonché dell’Ambasciata d’Albania a Roma.

Gady Castel considera il tour italiano, come quello albanese, «un viaggio per dire ancora grazie al popolo albanese per ciò che ha fatto, comportandosi diversamente dall’intera Europa».

Il docufilm al “Nino Della Notte”

L’Albania, la cui popolazione negli anni della Seconda Guerra Mondiale era per il 70% circa di religione musulmana, risponde ad un codice d’onore chiamato Besa, per cui è meglio morire che voltare le spalle a una persona bisognosa.

A tal punto che un albanese aiuta chiunque si presenti alla sua porta, anche se fosse il suo peggior nemico.

Besa significa letteralmente “mantenere una promessa”, ovvero la parola data.

Chi agisce secondo Besa è qualcuno che mantiene la sua parola, qualcuno a cui si può affidare la propria vita e quella della propria famiglia.

Durante l’Olocausto, questo codice albanese o pegno d’onore, è stato messo in atto da coloro che, anche a costo della vita, hanno aiutato e protetto migliaia di ebrei.

Il film/documentario rende note le vicende di questi eroi e quelle dei profughi ebrei transitati in Albania durante la Seconda Guerra Mondiale.

Una storia di solidarietà umana e di coraggio che va oltre il credo religioso e che non ha eguali in tutto il mondo.

Una vicenda che ai nostri giorni diventa un messaggio, straordinariamente attuale, di tolleranza e di aiuto per chi fugge da guerre e persecuzioni.

Al “Don Tonino Bello” – Una coperta per il Museo

Nella sede centrale di Tricase, dopo due anni di pandemia, riprende la lunga tradizione dei “Dialoghi della Memoria”.

Domani, giovedì 26 gennaio, dalle. 10, il “Don Tonino Bello” ospiterà Rita Bacile che donerà al Museo della Memoria di Nardò una coperta appartenuta ad una famiglia di ebrei ospitati a Tricase Porto. Per l’occasione interverranno anche Ercole Morciano, autore del libro “Ebrei a Tricase Porto” e Giulia Puglia, assessore all’Istruzione e alla Cultura del Comune di Nardò.

Nell’occasione spazio anche alle testimonianze di alcuni studenti del “Don Tonino” reduci freschi dall’esperienza del Treno della Memoria.

Nella foto in alto Shlomo Wissolsky, ebreo polacco proveniente da Lodz, soggiornò a Tricase Porto insieme ad un gruppo di profughi che fuggivano dagli orrori del conflitto

Continua a Leggere

Cronaca

Gatti avvelenati con lumachicida

Nardò, contrada Pagani: solo pronto intervento di volontari e Polizia Locale ha evitato bilancio peggiore: salvati 7 felini

Pubblicato

il

Ignoti nei giorni scorsi hanno tentato di avvelenare una colonia felina in un’area alla periferia della città (zona Pagani).

Pare abbiano utilizzato un prodotto particolarmente velenoso, forse un lumachicida, che ha provocato la morte di tre gatti e spasmi e convulsioni nel resto della colonia, altri sette gatti.

Solo il pronto intervento dei volontari e del personale della Polizia Locale ha consentito di mettere in piedi una provvidenziale attività di soccorso degli animali, che sono stati trasportati nelle cliniche veterinarie di Lecce e Galatone.

Limitando, quindi, il già triste bilancio dei gatti morti.

Il recupero degli animali in difficoltà, peraltro, si è rivelato tutt’altro che semplice a causa delle condizioni e dell’indole forastica degli stessi (qualcuno, infatti, si è dileguato nonostante i sintomi dell’avvelenamento e non è stato possibile soccorrerlo).

Grazie alle cure tempestive, i sette gatti superstiti adesso non sono più in pericolo di vita.

Il personale della Polizia Locale, agli ordini del comandante Cosimo Tarantino, ha raccolto tutte le notizie utili e sta indagando per risalire all’identità degli autori dell’incredibile gesto.

«Solo grazie alla tempestività dell’intervento», spiega il consigliere delegato al randagismo Pierpaolo Giuri, «siamo riusciti ad evitare una strage, sebbene il bilancio sia molto pesante. Posso dire che ci siamo trovati di fronte a una situazione dolorosissima, con i gatti in preda a spasmi e convulsioni. La Polizia Locale è al lavoro per individuare gli autori di un gesto vile e senza senso. Ho chiesto al comandante Tarantino di fare davvero tutto il possibile per risalire a questa gentaglia senza scrupoli che merita di essere punita in maniera esemplare».

Continua a Leggere

Cronaca

Auto e due scooter in fiamme nella notte, danni anche ad edifici

Rogo attorno alle 23 in piazza XX Maggio a Nardò

Pubblicato

il

Fuoco nella notte a Nardò dove sono andati in fiamme un’auto e due scooter.

Alle 23.30 circa una squadra dei vigili del fuoco di Gallipoli è intervenuta in Piazza XX Maggio dove un incendio stava interessando una Fiat Panda e due scooter appartenenti allo stesso proprietario.

L’irraggiamento termico provocato dalle fiamme ha danneggiato anche una struttura adibita a bagni pubblici ed il prospetto di una palazzina di piani 4 di proprietà IACP.

Da quanto constatato nell’immediatezza dei fatti, l’incendio ha praticamente distrutto la Fiat Panda e gli scooter.

L’opera di spegnimento ha impedito ulteriori danni a persone e cose e scongiurato pericolo per la pubblica incolumità.

Sono in corso di accertamento le cause dell’incendio.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus