Connect with us

Otranto

4 Novembre: celebrazioni ad Otranto

Pubblicato

il

Celebrazione dell’Unità d’Italia e Festa delle Forze Armate ad Otranto, mercoledì 4 novembre, dalle 9,50 circa, presso il Lungomare degli Eroi (piazzale con il monumento dedicato ai Caduti in Guerra). Un corteo con le autorità partirà dalla sede del Municipio (nei pressi della Cattedrale) alle 9,45.

Appuntamenti

Irene Grandi, Raphael Gualazzi e Morgan: che musica ad Otranto!

Otranto Summer Festival: Irene Grandi (domani) e Morgan (il 25 agosto) nel fossato del Castello Aragonese. Concerto all’alba per Raphael Gualazzi l’11 agosto. A Largo Alfonsina due eventi musicali a ingresso gratuito con Salvatore Russo (8 agosto) e Luciano Fuso (11 agosto)

Pubblicato

il

L’Otranto Summer Festival è destinato a trasformare il fossato del Castello Aragonese in una meravigliosa arena musicale con tre spettacolari concerti: Irene Grandi, Raphael Gualazzi e Morgan.

Il cartellone di eventi è organizzato da Idea Show con il patrocinio del Comune di Otranto.

Si parte domani, martedì 2 agosto (ore 21,30 nel fossato del Castello Aragonese di Otranto) con una nuova tappa del tour IO in Blues di Irene Grandi (nella foto di Luca Brunetti, in alto) l’atto d’amore di una delle più importanti cantanti italiane ad alcuni dei più carismatici artisti internazionali e italiani che hanno reso immortale un genere che è alla base tutta la musica moderna che conosciamo. “IO in Blues” è anche un tributo appassionato alle radici di Irene, alla sua formazione musicale e alle prime esperienze sul palco, nelle quali ha ottenuto un imprinting che ha poi sviluppato in uno stile personale e riconoscibile. Dunque un concerto, un viaggio, fatto di brani che attraversano un arco temporale che va dagli anni ’60 fino ai ’90, canzoni che sono blues nell’anima e nell’ispirazione.

Il secondo appuntamento dell’Otranto Summer Festival vuole essere un inno alla vita che nasce e rinasce ogni giorno con l’atteso concerto all’alba di Raphael Gualazzi, che si terrà anch’esso nel fossato del Castello Aragonese alle 5,30 di giovedì 11 agosto. L’artista, con il suo “Bar del Sole” reinterpreta alcuni brani del più brillante cantautorato italiano, da Morandi a Graziani con feat speciali con Margherita Vicario, tra gli altri, e la coproduzione di Vittorio Cosma. “Bar del Sole” è un omaggio al Caffè del Sole di Urbino, il luogo in cui Raphael Gualazzi ha cominciato a esibirsi in pubblico tanti anni fa.

Il terzo grande appuntamento, che si terrà giovedì 25 agosto nel fossato del Castello Aragonese, è quello con Morgan (ore 21,30), artista eclettico e poliedrico che con la sua produzione abbraccia molti ambiti musicali. Un cantautore e musicista estroso, un fine compositore, uno studioso di tutto ciò che riguarda le sette note. La sua carriera su e giù dal palco è lunga.

Tre grandi concerti, a cui si aggiungono altri due eventi musicali che saranno con ingresso libero e che si terranno a Largo Alfonsina con Salvatore Russo (ore 21.30) lunedì 8 agosto e Luciano Fuso (ore 21,30) giovedì 11 agosto.

Salvatore Russo è uno dei più importanti chitarristi italiani, in più di quindici anni di concerti con il suo trio ha registrato cinque album e collaborato con i più importanti esponenti della chitarra internazionale. Luciano Fuso, invece, incanterà il pubblico con il suo pianoforte.

Continua a Leggere

Cronaca

Truffa nei centri accoglienza e deturpamento paesaggistico all’Acquaviva: 7 ordinanze di custodia cautelare, 28 indagati

Le accuse: frode in pubbliche forniture, truffa, utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, accessi abusivi alle banche dati e rivelazione di segreto d’ufficio. In corso di esecuzione i sequestri di conti correnti ed immobili per un valore di oltre due milioni di euro

Pubblicato

il

Le fiamme gialle della Compagnia di Otranto stanno dando esecuzione in queste ore ad una ordinanza di custodia cautelare personale nei confronti di 7 persone, ovvero una misura di natura coercitiva degli arresti domiciliari e sei misure interdittive (cinque divieti di esercitare attività imprenditoriale ed una di sospensione dai pubblici uffici), emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Lecce su richiesta della Procura della Repubblica di Lecce, nonché la notifica ad ulteriori 28 persone dell’avviso di conclusione indagini, responsabili dei reati di frode in pubbliche forniture, truffa, utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, accessi abusivi alle banche dati e rivelazione di segreto d’ufficio.

Le persone a cui è stato notificata la custrdia cautelare sono: Giuseppe Mazzotta, 54 anni di Trepuzzi (il sospetto procacciatore di fatture false  finito ai domiciliari); Guido Cozza, 60 anni di Santa Cesarea Terme; Fernando Margilio, 64 anni di Squinzano; Gabriele Solombrino, 41 anni di Copertino; Cosimo Serino, 56enne di Laterza, nel Tarantino e, Fernando Toraldo, 72 anninato a Lizzanello (per tutti e cinque interdittiva dall’esercizio della propria attività imprenditoriale). Per il finanziere Italo Cozza, 50 anni di Santa Cesarea Terme, è scattata la sospensione dall’esercizio dei pubblici uffici.

Le indagini, condotte dai finanzieri della Compagnia di Otranto, coordinate dalla Procura della Repubblica di Lecce, hanno consentito di ricostruire molteplici illeciti commessi da soggetti che gestivano società attive nel settore del sistema dei Centri di Accoglienza Straordinaria (C.A.S.) di cittadini stranieri, nella provincia di Lecce.

Gli ospiti stranieri vivevano in condizioni diverse da quelle previste dai contratti di servizio e delle pubbliche forniture somministrate onde garantire i necessari requisiti socio-assistenziali.

In alcuni casi, inoltre, la società certificava la presenza di numerosi cittadini stranieri che in realtà si erano allontanati dalle strutture da diverso tempo, in modo tale da percepire la quota giornaliera spettante per la presenza sul territorio nazionale.

È stato, altresì, ricostruito un meccanismo di frode fiscale finalizzato ad evadere l’imposta sul valore aggiunto, sfruttando società cartiere, che ha prodotto una massa impositiva sottratta all’Erario pari a circa 3,5 milioni di euro di ricavi non dichiarati, in aggiunta alle correlate violazioni I.V.A. oltre a generare un giro di fatture per operazioni inesistenti di circa 2 milioni di euro.

Sono in corso di esecuzione i sequestri di conti correnti ed immobili per un valore di oltre due milioni di euro, pari al profitto dei reati contestati agli indagati, ovvero: truffa ai danni dello Stato, frode in pubbliche forniture, emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Acquaviva di Marittima: deturpamento paesaggistico e smaltimento illecito dalla falesia di Santa Cesaria Terme

Ulteriore aspetto di rilievo per le indagini in corso ha riguardato l’esistenza di alcuni reati ambientali posti in essere da uno dei principali indagati coinvolti nella truffa dei centri di accoglienza.

Al riguardo, è stato accertato il deturpamento paesaggistico, con annessi lavori abusivi, nella fase di riqualificazione interna ed esterna di alcuni fabbricati esistenti in località Acquaviva della Marina di Diso, da destinare a struttura turistico – ricettiva, nonché lo smaltimento illecito del materiale di risulta disgaggiato dalla falesia di Santa Cesaria Terme che veniva disperso nella zona marittima circostante il cantiere.

Continua a Leggere

Andrano

Emergenza continua: vasto incendio a Barbarano, intaccati anche i giardini delle abitazioni

Fiamme giunte fino al centro abitato. Vigili del fuoco e volontari della Protezione Civile al lavoro per quasi sette ore. quella degli incendi nel Salento sta diventando una vera e propria piaga e chi di dovere non può più esimersi dal prendere provvedimenti. Oltre al danno ecologico ed economico e alla desertificazione progressiva del territorio sempre più spesso vengono messe in pericolo le persone. Si faccia qualcosa prima che sia troppo tardi.

Pubblicato

il

Ne stiamo parlando praticamente ogni giorno provando ad immaginare rimedi e metodi per prevenire. Mai come quest’anno forse l’emergenza incendi ha raggiunto la soglia di guardia.

Questa volta le fiamme hanno devastato ulivi e macchia mediterranea nel Capo di Leuca a ridosso del centro abitato di Barbarano, frazione di Morciano di Leuca.

«Un vasto incendio ha visto impegnate, per diverse ore, due squadre della nostra associazione insieme ai Volontari della Protezione Civile di Presicce-Acquarica coordinate dai Vigili del Fuoco», hanno postato dalla Protezione Civile salentina, «su terreni prospicienti la S.P. 73 che collega Ruggiano a Barbarano, dove sono andati a fuoco 30 ettari tra oliveti, macchia mediterranea e terreni incolti e sterpaglie».

Le fiamme hanno tenuto in allerta a lungo anche gli abitanti della frazione morcianese visto che l’incendio, complice anche il vento di tramontana, ha bussato alle porte dell’abitato di Barbarano del Capo.

Vigili del fuoco e volontari sono dovuti intervenire per mettere in salvo alcuni cittadini circondati nelle loro abitazioni dalle fiamme giunte fino ai loro giardini.

I Vigili del Fuoco e gli operatori della protezione civile sono stati impegnati almeno per quasi sette ore prima di poter dichiarare finita l’emergenza.

Praticamente lo stesso scenario vissuto poche ore prima nei pressi di Felloniche, vicino Leuca, o nella zona di Castiglione d’Otranto dove le fiamme hanno divorato 50 ettari di uliveti. O come accade quasi quotidianamente lungo la litoranea in zona Parco: Tricase, Andrano, Santa Cesarea, Otranto, ecc.

Proprio con il biologo del Parco Otranto Leuca, Francesco Minonne, avevamo lanciato allarme e proposte qualche giorno fa da queste colonne così come ieri abbiamo proposto le “10 domande.. di fuoco” dell’Associazione l’associazione “Salviamo gli ulivi del Salento”,

Purtroppo, come detto in apertura, quella degli incendi nel Salento sta diventando una vera e propria piaga e chi di dovere non può più esimersi dal prendere provvedimenti. Oltre al danno ecologico ed economico e alla desertificazione progressiva del territorio sempre più spesso vengono messe in pericolo le persone. Si faccia qualcosa prima che sia troppo tardi.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus