Connect with us

Attualità

Paese che vai… il Salento sui Rai Uno

La provincia apre i suoi palazzi storici alla Rai. Il noto programma televisivo approda a Palazzo Adorno e Palazzo dei Celestini. Altre riprese saranno effettuate sulla costa salentina e nell’Area marina protetta di Porto Cesareo

Pubblicato

il

Palazzo Adorno e Palazzo dei Celestini, sedi istituzionali della Provincia di Lecce, protagoniste dello storico programma televisivo di Rai Uno Paesi che vai… luoghi, detti, comuni…”, ideato, scritto e condotto da Livio Leonardi e patrocinato dal Ministero della Cultura.


Partita nei giorni scorsi da Piazza Duomo, la troupe televisiva si è fermata ieri a Palazzo Adorno, dove Livio Leonardi, grazie anche alla presenza di attori e attrici in costume d’epoca, ha ricostruito l’avventurosa vita del barone-poeta Girolamo Cicala, tra lusso e momenti di pura ispirazione letteraria. Quindi, le riprese si sono spostate oggi, a Palazzo dei Celestini, in piazza Umberto I, davanti alla facciata cinquecentesca e nell’atrio interno.


«Abbiamo accolto con entusiasmo la troupe dello storico programma di Rai Uno che, nel suo viaggio lungo la penisola italiana, ha scelto di fare tappa in due luoghi simbolo del Barocco leccese e beni di punta dello straordinario patrimonio della Provincia di Lecce», dichiara il presidente della Provincia Stefano Minerva, «è una nuova occasione di promozione delle nostre bellezze artistiche e culturali, una vetrina importante per il Capoluogo e per tutto il territorio salentino. Un’attenzione che premia l’impegno e lo sforzo dell’Ente per cogliere ogni piccola e grande opportunità di crescita».


In “Paesi che vai…”, il conduttore Leonardi, insignito di importanti riconoscimenti quali la Medaglia d’Oro della Società Dante Alighieri per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo, fa rivivere il passato attraverso il suo racconto e quel consueto linguaggio fiabesco che contraddistingue il programma.


Nei prossimi giorni le telecamere di Rai Uno si sposteranno nella Basilica di Santa Croce. Nel programma televisivo non mancheranno i riferimenti alle saghe familiari dei palazzi nobiliari. Infine, la città sarà raccontata anche attraverso gli occhi del regista Ferzan Özpetek, che a Lecce ha voluto ambientare due dei suoi film più celebri. Altre riprese saranno effettuate sulla costa salentina e nell’Area marina protetta di Porto Cesareo.


La puntata del programma televisivo “Paesi che vai…” dedicata a Lecce e al Salento andrà in onda il prossimo autunno, sempre di domenica, dalle 9,40 alle 10,30, su Rai Uno.






Attualità

Municipio Social Club

Comunicazione istituzionale: la presenza delle amministrazioni locali su Facebook e Instagram: tutti i promossi, i bocciati ed i rimandati. Il cucchiaio di legno va a Tricase, Alezio ed Alliste

Pubblicato

il

di Lorenzo Zito

Nel mese in cui FantaSanremo ci ha dimostrato che ormai tutti siamo social, superando i 2 milioni e mezzo di utenti con un gioco dalla durata di pochi giorni e con premi non certo da capogiro, ci siamo chiesti: i nostri Comuni cavalcano l’onda digitale?

Tra principi come quello di semplificazione e quello di buon andamento, che governano l’agire amministrativo, si colloca bene la comunicazione istituzionale sui canali social. Un modo rapido ed a basso costo per entrare davvero nelle case di tutti.

Per avvicinare il cittadino alle istituzioni, con le famose efficacia ed efficienza.

Eppure, non tutti pare abbiano colto l’importanza dei social network oggi più diffusi.

Escluso Tiktok (piattaforma che presto smetterà di essere un tabù per tanti di noi) ormai Facebook e Instagram possono dirsi luoghi virtuali tassativi, in cui la presenza dei municipi non può prescindere (se crediamo sia sufficiente il solo Facebook, non lamentiamoci se poi i nuovi elettori si sentono lontani dalla politica).

Facciamo allora insieme la conta, paese per paese, dei nostri Comuni presenti (ed attivi) su queste piattaforme. Li abbiamo messi tutti in colonna e qualcuno…in riga. Abbiamo infatti promosso coloro che sono presenti su entrambe le piattaforme, rimandato chi ne usa solo una e bocciato coloro che sono del tutto assenti.

Attenzione: i profili dei sindaci (o delle liste di turno) non contano. Sono politici, non istituzionali. C’è una bella differenza…

LE SOMME

Su un campione di 78 Comuni, 27 sono promossi (sono sia su FB che su IG). Ci sono poi 47 rimandati, praticamente tutti per esser presenti solo ed esclusivamente su Facebook. Infine, quattro pecore nere.

I peggiori

Partiamo dai flop. Fossimo nel rubgy, il cucchiaio di legno andrebbe a Tricase. Può un Comune con più di 15mila abitanti non avere alcun profilo social istituzionale? Proprio no. Bocciato.

Segue Alliste al secondo scalino del podio dei peggiori. Poi terzo posto in condivisione tra Neviano (con un profilo solo su Facebook ma off) ed Alezio (che non ha canali per il Comune, ma ne ha uno per la nuova Commissione Pari Opportunità…).

I migliori

Meritano una menzione speciale centri come Nardò e Otranto, molto operativi e seguiti soprattutto su Facebook.

Ma anche Presicce-Acquarica, con un seguito non banale su entrambi i canali (quasi 10mila follower sul primo e quasi 4mila sul secondo); Alessano, Giuggianello e Matino con un profilo IG particolarmente vivo.

Ed anche Sannicola: non è per nulla scontato che un piccolo Comune (meno di 6mila residenti), per giunta senza coste, abbia più follower che abitanti. Sono 7mila e 500 circa su Facebook più mille e cento su Instagram.

E poi… Si contano poi una serie di peculiarità.

Melendugno è presente due volte su Instagram. Un profilo vecchio e spento (forse retaggio di qualche passata amministrazione, o se ne son perse le credenziali…?) ed un nuovo che ha scelto un nome dalla vocazione esclusivamente turistica: visitmelendugno

Anche Scorrano si sdoppia (forse per la stessa ragione), ma su Facebook. Qui l’account vecchio aveva un palese problema con la categoria: era stato inserito in sport e tempo libero.

Minervino si salva per il rotto della cuffia. Su Facebook da pochi mesi, su Instagram ha un profilo che è più della Protezione Civile comunale che del Comune.

Diversi sono quelli operativi da poco.

Altri di giovane hanno solo il sindaco: vedasi Tiggiano che non sembra comparire su Instagram.

Infine, prima di lasciarvi al dato completo in grafica, da segnalare gli inattivi: con OFF abbiamo indicato quei profili esistenti ma non operativi da anni.

Continua a Leggere

Attualità

Ruffano si mette in Agenda… 2030

Una serie di attività mirate a sviluppare una rete di volontariato attivo, efficace, competente e fondato sulle 5P dell’Agenda internazionale. Il progetto incrocerà anche Maru – Il peperoncino in festa ed ospiterà la poetessa Alessandra Carnaroli

Pubblicato

il

Libertà, diritti umani, sviluppo sostenibile. Questi i punti cardine del progetto “Mettiamoci in Agenda”, presentato al pubblico ieri a Ruffano da Made in Soap Aps e dalla sua rete di partner, nella cornice della “Farmacia dei Sani”.

Finanziato dal bando Capitale Sociale 3.0 della Regione Puglia, “Mettiamoci in Agenda” nasce con un evidente gioco di parole: un invito ad impegnarsi e mettersi in gioco per rendere realtà gli obiettivi dell’Agenda 2030. Si tratta infatti di un percorso che prevede una serie di attività mirate a sviluppare una rete di volontariato attivo, efficace, competente e fondato sulle 5P dell’Agenda 2030 (Persone, Prosperità, Pace, Partnership, Pianeta).

Partner di Made in Soap in questa esperienza sono: il Comune diRuffano, l’Istituto Comprensivo Statale di Ruffano, Pari Associazione Culturale ed il Centro Antiviolenza Il Melograno.

Il fine ultimo, quello di incarnare lo spirito dell’Agenda 2030 per trasferirlo nelle piccole comunità (come quella di Ruffano), si tradurrà nella realizzazione di eventi culturali sostenibili, buone pratiche di cittadinanza attiva e costruzione di nuove competenze. Tra le azioni, ad esempio, sono previsti tre corsi direttamente riconducibili ai goal dell’Agenda 2030: uno di green event manager, un altro per l’organizzazione di eventi inclusivi ed un terzo di storytelling sociale.

Le due manifestazioni pubbliche godranno anche della presenza di ospiti speciali e di rilievo nazionale ed attraverseranno un grande evento di Made in Soap: Maru – Il peperoncino in festa, in quella che (la prossima estate) sarà la sua undicesima edizione.

GLI INTERVENTI

Hanno aperto la conferenza stampa, per Made in Soap, Monia Saponaro, Elena Pistone e Marco Nicolì, i quali hanno ringraziato i partner del progetto: il Comune di Ruffano, presente con le assessore Pamela Daniele e Angela Bruno e il consigliere con delega alle politiche giovanili, Gabriele Cacciatore; l’istituto Comprensivo di Ruffano, rappresentato dal prof. Francesco Frisullo; Il Melograno, rappresentato da Nadia Cairo.

Roberto Molentino, di Pari, associazione che completa la rete di partenariato, si è soffermato su una delle attività più importanti previste dal progetto: un percorso artistico, dedicato alla promozione dei diritti delle donne e alla conoscenza del goal 5 dell’Agenda 2030, dedicato proprio all’empowerment di genere. Il percorso sarà ospitato nei locali della Pinacoteca Comunale dal 13 al 27 settembre e sarà curato dall’artista Pamela Maglie.

Monia Saponaro, per Made in Soap, ha chiuso la presentazione annunciando la presenza a Ruffano, in occasione della chiusura del progetto, della poetessa Alessandra Carnaroli.

Poi un excursus su Maru che, con Mettiamoci in Agenda, diventerà un evento con ancora maggiore attenzione alle tematiche ambientali: saranno svolti laboratori per bambini; l’intero percorso sarà strutturato per ridurre l’impronta ecologica della festa e sarà infine misurato l’impatto della stessa promuovendo anche attività compensative.

Per l’occasione, sono state annunciate anche le date in cui si terrà l’undicesima edizione della festa del peperoncino: il 31 agosto e l’1 settembre.

Continua a Leggere

Attualità

Nuovo ceppo Xylella: “Rischio mortale per l’agricoltura”

I rilievi nel Barese, la sofferenza del Salento e i rischi per tutta la Puglia, in pericolo anche la vite. Sicolo (CIA Puglia): “Serve sostegno più deciso e sistematico alla ricerca per trovare soluzioni efficaci”

Pubblicato

il

“L’individuazione, a Triggiano, di sei alberi di mandorlo positivi al batterio della Xylella fastidiosa subspecie fastidiosa è un monito: bisogna eradicare subito il nuovo ceppo del batterio, che è capace di aggredire anche la vite. Se ciò accadesse, sarebbe un colpo mortale sull’agricoltura pugliese”.

Gennaro Sicolo, presidente CIA Puglia e vicepresidente nazionale di CIA Agricoltori Italiani, commenta con queste parole la notizia diffusa dall’Osservatorio Fitosanitario della Regione Puglia.

“Nello stesso tempo, occorre rafforzare tutti gli strumenti e le azioni di contrasto alla subspecie pauca, con cui stiamo già facendo i conti da oltre 10 anni, attraverso un più deciso e sistematico sostegno alla ricerca scientifica, creando e rafforzando una rete internazionale capace di trovare soluzioni finalmente efficaci. I controlli effettuati permetteranno di affrontare subito il nuovo pericolo. L’Osservatorio Fitosanitario e l’assessore Donato Pentassuglia hanno fatto e stanno facendo un ottimo lavoro anche da questo punto di vista”, aggiunge Sicolo, “ma è evidente che sia il Governo nazionale sia l’Unione Europea debbano fare molto di più su contrasto e prevenzione alle dogane, per impedire che batteri e fitopatologie che arrivano su carichi e trasporti dall’esterno possano causare nuovi danni dopo quelli già causati dalla Xylella fastidiosa subspecie pauca. Serve unità di intenti per riuscire immediatamente a scongiurare il rischio mortale che, dopo gli olivi, la Xylella faccia danni anche su altre colture come i mandorli e la vite. Intanto esprimiamo la nostra solidarietà agli amici agricoltori che stanno affrontando questo nuovo incubo”.

“L’arrivo e la diffusione del secondo ceppo del batterio Xylella fastidiosa subspecie fastidiosa”, spiega Giannicola D’Amico, vicepresidente vicario di CIA Puglia, “rappresenta una ulteriore e grave ferita per l’agricoltura pugliese, nel quadro generale di un comparto già allo stremo da tempo. Bisogna porre rimedio alla scarsa efficienza dei controlli sui prodotti vegetali che entrano in Italia. Sappiamo di poter contare sulla determinazione che l’assessore Pentassuglia sta mostrando, ma questo è un problema per il quale la Puglia non deve essere lasciata da sola. Ci vuole unità di intenti, a tutti i livelli, con un impegno forte sia del Governo sia dell’Unione Europea per i controlli alle frontiere, lo stanziamento di nuove risorse, il rafforzamento dei protocolli in atto. CIA Agricoltori Italiani ha sempre fatto affidamento sulla scienza: Governo nazionale e Unione Europea sostengano la task force scientifica, in modo che la ricerca arrivi finalmente a soluzioni efficaci e applicabili”.

CIA Agricoltori Italiani di Puglia, come sempre, sarà al fianco degli agricoltori, delle istituzioni e degli istituti di ricerca scientifica per continuare a fare la propria parte nella lotta contro la Xylella che deve mobilitare tutti, ognuno per il proprio ruolo e le proprie possibilità, affinché questa piaga sia finalmente estirpata.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus