Connect with us

Otranto

Fiamme sulla litoranea: canadair in azione

Vigili del Fuoco lottano cntro il vento lungo la strada tra Porto Badisco a Santa Cesarea Terme

Pubblicato

il

Vento forte di tramontana qualche incosciente che rischia più o meno volutamente e il gioco è presto fatto: torna nel Salento, in una zona spesso teatro di vasti incendi, l’incubo delle fiamme che divorano ettari di vegetazione.


Canadair, e camion dei vigili del fuoco sono giunti lungo la strada provinciale 358 chiusa al traffico nel tratto che conduce da Porto Badisco a Santa Cesarea Terme.


I caschi rossi stanno affrontando le difficoltà di una giornata molto ventosa che rende difficili le operazioni di messa in sicurezza.




Cronaca

Brucia rifiuti vari a diretto contatto col terreno: denunciato

Pubblicato

il


Pensava di farla franca, invece è stato beccato dai forestali.





Un 70enne (V. A. le sue iniziali) è stato denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di smaltimento illecito di rifiuti. L’uomo, al momento dell’arrivo dei militari, stava bruciando teli in plastica, ombreggianti, tavole da cantiere, bancali in pallet e rifiuti urbani in agro località Masseria Fagà.




Dopo aver ammassato gli scarti, aveva dato loro fuoco a diretto contatto col terreno.





I carabinieri lo hanno identificato e denunciato.


Continua a Leggere

Cronaca

Figlio violento: madre costretta a denunciarlo

Pubblicato

il


Ancora maltrattamenti in famiglia in provincia. È una donna di Otranto, stavolta, ad essersi vista costretta a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine per denunciare le condotte del figlio.





La querela presentata dalla donna, 55enne, è all’indirizzo del figlio 34enne che, da alcune settimane, assumeva atteggiamenti di minaccia nei confronti dei genitori.




L’ultimo episodio violento è stato registrato il 23 novembre scorso. Al culmine dell’ennesima lite verbale, il giovane rovesciava addosso alla madre il tavolo della sala da pranzo, danneggiando varie suppellettili.





L’autorità giudiziaria è stata informata e procede sul caso.


Continua a Leggere

Attualità

Metro Salento? Mancano 50 milioni

In un servizio di Rai2 lo scandalo dei fondi europei non utilizzati. Intanto sulla tratta Gagliano del Capo – Lecce, occorrono 2 ore e 23 minuti per percorrere 65 Km!

Pubblicato

il

Mancano ancora 50 milioni di euro (su un piano di 180) per la metropolitana di superficie del Salento.

È quanto emerge da un servizio di Francesco Palese e Antonio Gnoni per Rai2.

Il servizio ripercorre la storia di “un’opera attesa da almeno un quarto di secolo”, consistente nell’elettrificazione della linea Martina Franca-Lecce-Gagliano del Capo, compresa la Maglie – Otranto, dove ancora oggi si viaggia sulle littorine a gasolio.

Si fa l’esempio della corsa Gagliano del Capo – Lecce, 2 ore e 23 minuti per 65 Km!

Nel 2006, afferma l’ex assessore Mario Loizzo, «era tutto finanziato, poi non si è capito più nulla, non mi far parlare di questa storia…».

l’ex presidente della provincia di Lecce Giovanni Pellegrino dice che «i finanziamenti sono stati utilizzati tutti da Brindisi in su».

E ancora, nel 2011, l’assessore Guglielmo Minervini aveva promesso «la metropolitana del Salento entro tre anni».


L’ex sindaco di Lecce Adriana Poli Bortone, infine, parla di «fallimento di più classi politiche».


METROPOLITANA DI SUPERFICIE – IL PROGETTO

Il progetto “Metropolitana di superficie Martina Franca – Lecce – Gagliano del Capo”, consiste nell’elettrificazione della linea Martina Franca – Gagliano del Capo, compresa la Maglie – Otranto.

Il progetto contempla anche la realizzazione di 2,5 km di barriere antirumore e interventi su 29 passaggi a livello per aumentarne l’affidabilità e i livelli di sicurezza.

Il valore dell’investimento è di 180 milioni di euro, di cui al momento 130 finanziati, ambito Fondo Sviluppo e Coesione Patto per la Puglia.

L’opera è finalizzata a promuovere l’integrazione della rete di Ferrovie del Sud Est con il sistema ferroviario regionale e nazionale e costituisce la naturale prosecuzione della linea Bari-Taranto di FSE già elettrificata. L’opera consentirà di connettere il Salento alla rete nazionale promuovendo, grazie alla circolazione di treni elettrici in sostituzione dei treni diesel un sistema di trasporto più efficiente e sostenibile da un punto di vista ambientale e sociale.

Il progetto, approvato nel 2015 dalla Regione Puglia, è rimasto bloccato a causa delle note vicende societarie fino al 2017.

La nuova gestione di FSE ha rivisto significativamente il progetto originario per adeguarlo agli standard tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) e alle specifiche tecniche di interoperabilità. Il costo dell’opera è passato da 130 a 180 milioni di euro. Il gap di 50 milioni dovrebbe essere finanziato da Regione Puglia.

L’opera è stata appaltata a Associazione Temporanea di Imprese Eredi Giuseppe Mercuri S.p.A. (Mandataria) – Sirti S.p.A. (Mandante).

Ad oggi si registra un avanzamento del 24% circa sull’investimento finanziato e si prevede un’attivazione per fasi a partire dal 2023.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus