Connect with us

Attualità

“Niente 5G a Tricase” e Postamat per Lucugnano e Depressa

Divieto di sperimentazione in paese. Intanto, dopo l’annuncio dei consiglieri di opposizione, conferme anche dalla maggioranza sulla riapertura degli uffici postali nelle frazioni. Con annessa novità…

Pubblicato

il

I consiglieri di maggioranza di Tricase si fanno promotori di una sorta di veto nei confronti del 5G, “una nuova generazione tecnologica per la comunicazione mobile, si basa su microonde a radiofrequenze più elevate dei precedenti standard tecnologici e necessita di più ripetitori per garantirne servizio e funzionalità“.


Secondo i consiglieri “mancano studi preliminari sulla valutazione del rischio sanitario e per l’ecosistema. Pertanto siamo di fronte a un potenziale pericolo che andrà a sommarsi a quelli derivanti già da decine di migliaia di stazioni radio base ancora operative per gli standard tecnologici di comunicazione senza fili 2G, 3G, 4G, oltre a migliaia di ripetitori wifi attivi“.


Per questo “prendendo come riferimento i dati scientifici più aggiornati, abbiamo chiesto al Sindaco, in base al principio di precauzione, di vietare a chiunque la sperimentazione o installazione del 5g sul territorio comunale della città di Tricase, in attesa della nuova classificazione della cancerogenesi annunciata dall’International Agency for Research on cancer“.


Postamat nelle frazioni


A stretto giro di… posta, dopo l’annuncio dei consiglieri di opposizione della riapertura degli uffici postali di Lucugnano e Depressa ulteriore conferma arriva anche dai consiglieri di maggioranza con una nota sottoscritta da Francesca Longo, Vincenzo Chiuri, Antonio Baglivo, Pasquale De Marco, Luigi Giannini, Alessandra Ferrari e Maurizio Ruberto.


Possiamo annunciare ufficialmente“, scrivono, “che Poste Italiane riaprirà, seppur con orari ridotti, gli uffici postali delle frazioni di Lucugnano e Depressa chiusi a causa dell’emergenza del Covid-19“.


Infatti, “dopo un primo contatto telefonico ed una successiva richiesta formale del nostro Sindaco (prima della nota del 26 marzo che giungeva al Sindaco da parte delle minoranze) al Direttore Responsabile delle filiali della Provincia di Lecce Giuseppe Stanisci, lo stesso da qualche ora ha comunicato il buon esito al primo cittadino“.

Con l’apertura sarà assicurata l’osservanza di tutte le precauzioni imposte dall’emergenza sanitaria, quali controllo degli accessi, utilizzo di dispositivi di protezione individuale DPI e distanze minime.


I ocnsiglieri di maggioranza ringraziano “Poste Italiane per aver accolto la richiesta della nostra amministrazione comunale e di molte altre in tutta la Provincia di Lecce, che in questi giorni hanno registrato diverse e giustificate lamentele dai propri cittadini”.


Poi l’annuncio di quella che per la frazionei è una vera e propria novità: “Poste Italiane ha intenzione anche di installare i Postamat nelle rispettive frazioni di Lucugnano e Depressa. Questo, indipendentemente dell’emergenza, non farà altro che ridurre notevolmente le file agli sportelli“.


Iconsiglieri della maggioranza ci tengono poi a sottolineare che “la macchina amministrativa si muove e anche velocemente facendo fronte a tutte le emergenze di questo particolare periodo. Come sempre tutto in assoluta trasparenza e con grande voglia di fare. Prova ne sia che poche ore fa, in presenza di alcuni amministratori di maggioranza e anche di minoranza, il Sindaco telefonava al Direttore Stanisci per chiedere aggiornamenti e nella stessa apprendeva un’altra buona notizia, quella dei Postamat“.


in conclusione i consiglieri ricordano della “collaborazione tra Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri, molti pensionati di età pari o superiore a 75 anni potranno richiedere la consegna della pensione a domicilio per tutta la durata dell’emergenza da Covid-19 evitando di esporsi a rischi per la salute. I pensionati potranno contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri per richiedere maggiori informazioni“.


 


Attualità

Maglie, 15enne bullizzato finisce in ospedale

“Non vuole tornare più a scuola. Purtroppo quanto accaduto ha avuto ricadute non solo sul suo comportamento ma anche sul suo rendimento scolastico”

Pubblicato

il

A sette studenti di una scuola superiore di Maglie, tra i 15 e i 16 anni, accusati di atti persecutori, è stato notificato dalla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Lecce un avviso di conclusione delle indagini per  lesioni personali e diffamazione.


Secondo l’accusa sette ragazzini, di Nociglia, Castro, Ruffano, Cutrofiano, Melpignano, Zollino e Giuggianello per mesi hanno minacciato, vessato, deriso e aggredito con calci e pugni un loro compagno di classe quindicenne, reo di non voler sottostare alle logiche del loro gruppo.


Gli episodi contestati sarebbero sette e riguarderebbero il periodo compreso tra l’ottobre 2019 e il febbraio 2020, alcuni dei quali sarebbero avvenuti in presenza degli stessi docenti.


In un’occasione la vittima sarebbe stata picchiata da uno dei sette, per non avergli fatto copiare un compito in classe, un’altra occasione di derisione sarebbe stata quella di appiccicargli sulle spalle un biglietto con la scritta “Spastico”.


Gesto che ha prodotto la sospensione dalle lezioni con il richiamo verbale da parte della dirigente scolastica.

Nonostante tutto questo le punizioni non solo non hanno sortito nessuno effetto, anzi hanno inasprito ancor di più la rabbia del branco fino a quando a causa dell’ennesima aggressione punitiva il ragazzo non è finito in ospedale.


Da qui la decisione di sporgere denuncia. Il 15enne non è più tornato in classe e continua a seguire le lezioni in Dad.


Dario Paiano, legale della famiglia, conferma: “Non vuole tornare più a scuola. Purtroppo quanto accaduto ha avuto ricadute non solo sul suo comportamento ma anche sul suo rendimento scolastico“.


Continua a Leggere

Attualità

Io Voglio il POLO

Il Polo Pediatrico figura fra i progetti proposti a finanziamento sia nel CIS che nella ripartizione del Recovery Fund

Pubblicato

il

Se c’è qualcosa che l’emergenza pandemica, che ci ha attanaglia da oltre un anno, ha insegnato a tutti, è quanto sia importante agire preventivamente per rafforzare il sistema sanitario regionale con investimenti lungimiranti e tempestivi. Il rischio è quello, come abbiamo visto, di farsi trovare impreparati e di essere travolti da un vero e proprio tsunami difficilissimo da contenere.


Il momento, quindi, è più che mai propizio per accelerare sulla realizzazione del Polo Pediatrico del Salento, che prevede di riunire al secondo piano dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce tutte le specialità pediatriche più importanti per creare un Polo multidisciplinare d’eccellenza che possa garantire la diagnosi e la cura delle più frequenti patologie acute e croniche dell’infanzia e dell’adolescenza ed evitare alle famiglie lunghi e dolorosi “viaggi della speranza”, attirando anche professionisti di chiara fama e giovani medici dal futuro promettente. Un progetto nato per essere ambizioso perché il Salento deve poter pensare in grande quando si tratta della salute e del benessere delle generazioni più giovani.


I fondi, mai come in questo periodo, ci sono o ci saranno, anche perché i canali di finanziamento possibili si sono moltiplicati. Il ministro per il Sud, Mara Carfagna, ha confermato le risorse in arrivo nel Salento grazie al CIS – Contratto Istituzionale di Sviluppo che vede impegnate nella presentazione delle progettualità Lecce, Brindisi e i comuni “cerniera” fra i due capoluoghi.  A queste si uniscono quelle che il Governo destinerà alla Puglia nell’ambito del Recovery Fund. Stiamo parlando di centinaia di milioni di euro, parte dei quali vanno necessariamente utilizzati per rafforzare la nostra sanità.


La rete sociale “SoloxLoro”, da sempre in prima linea per il Polo, sta promuovendo, quindi, a partire dalla mattinata sabato 24 aprile, una mobilitazione on line caratterizzata dall’hashtag #ioVoglioilPolo per sensibilizzare il territorio sull’urgenza di realizzare il progetto senza più indugi o ritardi anche per quello che il Polo come infrastruttura può significare per tutto il bacino di utenza, alla luce della nascente facoltà di Medicina all’Università del Salento. Le specializzazioni pediatriche sono fra le più richieste negli ultimi anni e un Polo d’eccellenza potrebbe essere determinante nell’attrarre nuove immatricolazioni. Inoltre, può costituire un ulteriore contributo alla ricerca scientifica e biomedica e alla crescita dell’intero territorio.


Alla mobilitazione on line hanno già aderito studenti, insegnanti, medici e tante personalità del territorio che fanno da testimonial: il Rettore di UniSalento Fabio Pollice, l’Arcivescovo di Lecce Michele Seccia, il presidente del Conservatorio Biagio Marzo e il direttore Giuseppe Spedicati, e poi artisti e musicisti come Raffaele Casarano, i Sud Sound System, Alessandro Quarta, Ippolito Chiarello, Francesco Libetta, personaggi dello spettacolo come Maurizio Macrì, The Lesionati, Scemifreddi, imprenditrici e imprenditori come Giancarlo Negro, Danila Montinari, Maurizio Zecca, Pierluigi Leone De Castris, Grazia Manni. Tutti stanno rilanciando sui social una loro foto con l’hashtag #iovoglioilPolo e altri ancora ne arriveranno in vista del 24 aprile. Fa particolare piacere che ci siano tanti giovanissimi in prima linea per questo progetto che guarda al futuro.

C’è anche un altro motivo che spinge a fare presto con il Polo e riguarda l’attualità legata a quest’ultima ondata della pandemia. A differenza del ceppo originario, le nuove varianti del Covid-19 non risparmiano i bambini e sono stati numerosi i casi di minorenni contagiati o, peggio, ricoverati in terapia intensiva e in rianimazione. Al momento al Fazzi non ci sono posti di terapia intensiva pediatrica, ma secondo il piano di potenziamento previsto dalla Asl ce ne saranno 4. Per quanto si spera di lasciare presto alle spalle questo dramma, non possiamo sapere cosa ci riserverà il futuro ma saremmo tutti più tranquilli se potessimo contare su un ospedale dotato di Pronto Soccorso Pediatrico e di un numero adeguato di terapie intensive ma anche su una capillare rete pediatrica interprovinciale che abbia nel Polo il suo terminale più importante.


Il Polo Pediatrico figura fra i progetti proposti a finanziamento sia nel CIS che nella ripartizione del Recovery Fund. Facciamo, quindi, un appello a tutti gli enti coinvolti, al presidente Michele Emiliano e all’assessore Pierluigi Lopalco della Regione Puglia, al direttore generale della Asl di Lecce Rodolfo Rollo, ai sindaci di Lecce e Brindisi, Carlo Salvemini e Riccardo Rossi: non perdiamo questa grande occasione. Quello che noi ora chiediamo con forza e senza più tentennamenti è di capire con quali fondi si intenda effettivamente finanziare la nascita del Polo e che ci vengano dati tempi certi. Siamo stanchi di aspettare, ci battiamo per raggiungere questo obiettivo da anni.


È arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti.


Continua a Leggere

Attualità

Emiliano ‘possibile da lunedì Puglia in arancione ‘

La variante inglese corre velocemente

Pubblicato

il

Da lunedì prossimo “è probabile” che la Puglia torni in zona arancione, la curva ha ricominciato a scendere in picchiata”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia,  Emiliano.


“La variante inglese è veloce nel contagio, scappa di mano in un secondo. Noi in Puglia eravamo in una discesa verticale, sono bastati due giorni di Pasqua per riprendere e quindi azzerare il lavoro di due settimane. Siamo in zona rossa per i pranzi e gli incontri di Pasqua”.

 


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus