Connect with us

Castro

Castro (at)fest

Il centro storico si trasformerà in un circuito di installazioni artistiche, video mapping e architetture di luce per il Festival di arti digitali e nuove tecnologie. Da oggi workshop a Castro, Corigliano, Lecce, Tricase e Taviano

Pubblicato

il

Nella terra delle luminarie, fino a sabato 29 giugno, la tradizione incontrerà l’innovazione e il centro storico di Castro si trasformerà in un circuito di installazioni artistiche, video mapping e architetture di luce per(at)Fest – Festival di arti digitali e nuove tecnologie, ideato, prodotto e diretto artisticamente da Arte Amica.


Per una settimana il Salento ospita, infatti, workshop (da oggi al 27 a Castro, Corigliano d’Otranto, Lecce, Tricase e Taviano) e due serate (28 e 29 giugno a Castro) con talkincontriinstallazioni artistiche dj set, per la prima edizione di un appuntamento innovativo e unico nel suo genere che costruisce, intorno al potere evocativo della luce, un viaggio alla scoperta delle arti digitali e delle nuove tecnologie e proporrà un vero e proprio laboratorio artistico internazionale.


Tra gli ospiti artisti, performer, creativi e designer di rilievo nazionale e internazionale come Elektro Moon VisionMarianoLightDelta ProcessPaolo RotaKa:LuArte AmicaMaurizio ButtazzoBi-NomiAlessandro RosaMartina MuziStudio ScioltoXname e Carlo Infante. Le selezioni musicali, con la direzione artistica di Silvia Garzia, saranno, invece, affidate a Lucia MancaGiorgio TumaSonda (28 giugno), Beat SoupMarcello Napoletano e Lemi Shoya (29 giugno).


(at)Fest – cofinanziato dal Programma straordinario 2018 in materia di cultura e spettacolo della Regione Puglia – è realizzato con il main partner di MarianoLight, in collaborazione con Comune di CastroCo.D.E. – Comunità Digitali Esperienziali con il sostegno di Università di FoggiaComune di LecceNovia University of FinlandSwedish Cultural Foundation in FinlandAlma Artis AcademyAssociazione Commercianti di TricaseCasa tu Martinu, con il patrocinio di Teatro Pubblico PuglieseProvincia di LecceComune di TricaseLegaCoop PugliaUniversità del Salento – DAMS Lecce e con i partner tecnici Musicmaster e Forel Forniture.


IL PROGRAMMA


Il Festival si apre quest’oggi con i workshop ospitati a CastroCorigliano d’Otranto/LecceTricase e Taviano, organizzati in modalità intensiva con artisti, esperti e artigiani della luce rivolti a chi vuole approfondire e sperimentare le tecniche e le pratiche del light design come il video mapping architetturale, la realizzazione di una scultura luminosa ispirata alla tradizione delle luminarie e la creazione di corpi illuminanti in materiale naturale locale.


I workshop (info workshop@atfest.it – 329 0134648 – 388 7618961), realizzati in collaborazione con l’associazione culturale Co.D.E., riguarderanno il Lighting design per la realizzazione di corpi illuminanti in materiale naturale locale (dal 24 al 27 giugno nel Castello aragonese di Castro) a cura di Paolo Rota, esperto di Lighting architetturale; le Sculture luminose, per la realizzazione di un’opera ispirata alla tradizione delle luminarie (dal 24 al 28 giugno nella sede di MarianoLight a Corigliano d’Otranto/Lecce) a cura di MarianoLightStudio Sciolto e Arte Amica; il Videomapping architetturale, per la realizzazione di un video mapping (dal 24 al 27 giugno nel Palazzo del Principe a Tricase) a cura di Delta Process. Dal 27 al 29 giugno a Taviano, si terrà un quarto workshop sul tema Officine di pedagogia sperimentale: innovazione digitale e Big Data a cura dell’Università di Foggia ospitato a Casa Tu Martinu (Taviano).


Venerdì 28 e sabato 29 giugno , dalle ore 21 il Festival si concluderà nel borgo medievale di Castro con due serate durante le quali saranno valorizzati luoghi caratteristici del centro storico, trasformati e riletti grazie alle installazioni degli artisti coinvolti oltre che dalle restituzioni dei workshop tematici del festival. Un vero e proprio percorso articolato tra il castello aragonese e le vie del centro storico, nel quale il pubblico potrà interagire con le installazioni di arti digitali e video mapping entrando in connessione fisica ed emotiva con le opere, gran parte site specific, frutto di una contaminazione tra cultura locale e nuove tecnologie. Questo percorso innovativo in grado di mettere in relazione importanti esperienze nazionali e internazionali attive nella digital art e nelle nuove tecnologie, in equilibrio tra passato e futuro, parte proprio da un territorio in cui la tradizione delle “luminarie”, che decorano paesi e città in occasione delle feste patronali, è ampiamente riconosciuta anche oltre la dimensione territoriale.


Un dialogo tra ambiente urbano e arti digitali si arricchirà anche di installazioni musicali che a chiusura delle due serate clou trasformeranno le terrazze del castello in una vera festa. Nel centro storico saranno esposte le opere Waves di Elektro Moon VisionThe light dome di MarianoLight, /MA·TE·RIA/ di Delta ProcessLight routes di Paolo RotaMolecula di Ka:LuLed brick di Arte AmicaKokkinokastro di Maurizio ButtazzoPizzi-Kami di Bi-NomiLanding di Alessandro RosaBed Crystal Block di Martina MuziZinzuli di Studio Sciolto, Phantasmata performance di Xname. Venerdì 28 giugno dalle ore 20 la terrazza del Castello ospiterà aperitivi e dj set, con la direzione artistica di Silvia Garzia e le selezioni di Lucia MancaGiorgio Tuma,Sonda, per concludere in musica la prima giornata dedicata all’arte digitale, alla luce e all’emozione della condivisione.

Sabato 29 giugno, il programma si articolerà a cominciare dalla mattina con i talk che coinvolgeranno gli artisti ospiti ed esperti, protagonisti di round table dedicate al ruolo che l’arte digitale può avere nella valorizzazione dei luoghi e nel rapporto con il patrimonio culturale locale e le nuove tecnologie. Si inizia alle ore 11 nel Castello con l’incontro “Le arti digitali per la valorizzazione dei luoghi pubblici” con ospiti istituzionali della Regione Puglia, della Provincia di Lecce e dei Comuni partner.


Nel pomeriggio (ore 19) sempre nel castello, la seconda parte del talk, moderato da Marco Petroni, racconterà le esperienze dirette degli artisti coinvolti nella manifestazione con Elwira Wojtunik-Lang e Csaba Lang (PatchLab Festival), Emanuele Russo (Delta Process), Nicola Baglivi (Arte Amica), Paolo Rota (designer), Maurizio Buttazzo (artista), Federico Fiordigiglio (Studio Sciolto),Eleonora Oreggia (Xname),  Alessandro Rosa (visual artist), Martina MuziAndrea Mammucari e Biancamaria Centaroli (Bi-Nomi), Carlo Infante (Urban Experience). Alle 21.30, appuntamento speciale con Walkabout “Extra moenia”, un’esplorazione partecipata tra le installazioni del festival condotta da Carlo Infante e la sua Urban Experience, che permetterà di conversare grazie ai sistemi whisper-radio. In giro per Castro si coglieranno i segni di luce dislocati tra le mura medievali del borgo.


In un esercizio ludico-partecipativo di audience engagement, gli artisti incroceranno le loro visioni con le percezioni degli spettatori che saranno coinvolti nel performing media storytelling radio-nomade. A seguire, in terrazza, gran finale con la festa conclusiva e la musica dei dj Beat SoupMarcello Napoletano e Lemi Shoya.


GLI ARTISTI


Paolo Rota, designer italiano di base a Copenhagen, ha avviato il suo percorso nel mondo del design nel 2013 al Politecnico di Milano dove ha studiato Design Industriale. Nel 2016 si è trasferito in Danimarca per frequentare il master in Lighting Design. I suoi progetti non sono solo funzionali, ma cercano sempre di includere un effetto emozionante. MarianoLight  è l’azienda simbolo delle luminarie salentine, nasce nel 1898 come Mariano Scenografie Luminose fondata da Salvatore Mariano, oggi è guidata dal designer Lucio Mariano.


L’azienda, tra innovazione e tradizione, ha trasformato le luminarie, tipiche della terra salentina, in vere e proprie architetture di luce. Studio Sciolto è un contenitore creativo, un makerspace nella definizione più ampia del termine, un luogo del fare, fluido, dove progettazione e sperimentazione prendono forma grazie alla sinergia di un collettivo sempre diverso, in grado di far fronte alle molteplici sfaccettature delle arti visive e applicate.


DeltaProcess, collettivo artistico multimediale nato in Italia nel 2009, specializzato in videomapping, visual design, VJ-ing. DeltaProcess ha lavorato tra gli altri per Chemical Brothers, Trentemøller e Carl Craig e anche alla produzione di contenuti visivi per showroom e negozi di installazioni per Dainese, Trussardi, Staff International e Watly.co. Martina Muzi, designer e ricercatrice indipendente insegna nel programma del master della Design Academy di Eindhoven. Bi-Nomi, nome del duo artistico formato da Andrea Mammucari e Bianca Maria Centaroli. Luca Cataldo, artista multimediale specializzato nella realizzazione di installazioni audiovisive, grandi proiezioni, vjing e djing. Maurizio Buttazzo, designer non convenzionale che opera alla ricerca di nuovi sistemi di produzione per l’introduzione del riciclo come pratica progettuale e produttiva. Alessandro Rosa, artista romano esperto di videoinstallazioni. X-Name, pseudonimo di Eleonora Oreggia artista concettuale con la passione per l’elettronica che crea performance e installazioni interattive composte da luce rumore polvere e campi elettromagnetici.


Arte Amica è una start up creata nel 2015 da quattro giovani professionisti pugliesi. Nata con il principale obiettivo di offrire nuove modalità di fruizione del patrimonio culturale, la cooperativa realizza progetti che coniugano tecnologia e cultura volti allo sviluppo di strumenti innovativi, affidabili e a basso impatto ambientale basati su tecnologia a basso costo. App, software desktop, contenuti in realtà virtuale e realtà aumentata e sistemi interattivi sono a servizio della cultura e dell’intrattenimento.


Attualità

Pesca dei ricci: divieto fino al 2025 legittimo

Ok Consulta a legge regionale. Il consigliere Paolo Pagliaro: “Vittoria che condivido con tutti coloro che l’hanno sostenuta e difesa”  

Pubblicato

il

Blocco triennale in Puglia della pesca dei ricci di mare regolare: il divieto fino al 2025 non viòla la competenza statale sulla pesca.

Lo ha deciso la Consulta dopo che la legge regionale era stata impugnata da Palazzo Chigi.

Si tratta di un fermo straordinario introdotto a tutela della specie in Puglia, luogo di “sovra-sfruttamento a livello locale di tale risorsa ittica” a rischio estinzione.

Il divieto è stato introdotto, fino al 2025, con la legge regionale approvata il 28 marzo 2023, e contestata davanti alla Corte Costituzionale dall’Avvocatura dello Stato in rappresentanza della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Secondo Palazzo Chigi, non rientrava nel potere delle Regioni imporre blocchi della pesca, semmai la competenza per introdurre simili limitazioni, attualmente, sarebbe del Ministero dell’Agricoltura che si occupa, tra l’altro, di “sovranità alimentare”.

La Corte Costituzionale ha modificato la legge laddove faceva riferimento ai termini “mari regionali” (ora divenuti “nello spazio marittimo prospiciente il territorio regionale“) e “mare territoriale della Puglia” (ora “nello spazio marittimo prospiciente il territorio regionale“).

Il blocco riguarda la pesca ‘locale’ e non si estende alla commercializzazione dei ricci di mare provenienti da ‘fuori’ Regione, purché provvisti di tracciabilità.

Esulta il consigliere regionale de La Puglia Domani, Paolo Pagliaro: «L’avallo della Consulta alla nostra legge, che impone lo stop di tre anni alla pesca dei ricci di mare in Puglia, è una vittoria per me come proponente e primo firmatario, per tutti i 48 colleghi consiglieri che l’hanno sottoscritta e approvata insieme al presidente Michele Emiliano, per la Regione Puglia e per la sua avvocatura che l’hanno difesa, opponendo ricorso all’impugnativa del Governo il 18 dicembre scorso».

I giudici della Corte Costituzionale hanno confutato le motivazioni di quella impugnativa, dandoci ragione: non c’è contrasto con la normativa statale, internazionale ed europea in materia di ambiente e mare; non c’è violazione dell’articolo 117 della Costituzione che affida al Governo centrale la tutela dell’ecosistema e dell’ambiente. L’hanno sostenuto in modo chiaro, nelle memorie difensive a sostegno dell’azione dell’avvocatura regionale, l’avvocato Vincenzo Tondi della Mura, ordinario di diritto costituzionale di UniSalento, e il professor Stefano Piraino, responsabile del laboratorio di zoologia e biologia marina di UniSalento.

«È una legge in cui abbiamo creduto fin dall’inizio», ricorda Pagliaro, «pur sapendo che avremmo dovuto superare ostacoli e ostilità, perché siamo convinti che sia nostro dovere la difesa del mare e delle sue specie a rischio, i ricci in particolare, che svolgono la funzione preziosa di spazzini dei fondali rocciosi e garantiscono l’equilibrio dell’ecosistema marino. Non siamo stati soli in questo percorso, e perciò vogliamo ribadire oggi il nostro grazie a chi ha condiviso con noi lo studio e l’impostazione della proposta di legge approvata dal consiglio regionale il 28 aprile 2023 ed entrata in vigore il 5 maggio. Una legge che in questi mesi ha portato i suoi frutti, grazie alla costante azione di sorveglianza della Guardia Costiera guidata dall’ammiraglio Vincenzo Leone che ha effettuato numerosi sequestri, rinvigoriti dal quadro sanzionatorio approvato finalmente a dicembre scorso dalla Regione, anche grazie al pressing dell’assessore all’agricoltura e alla pesca Donato Pentassuglia».

Il consigliere regionale de La Puglia Domani ringrazia anche «ambientalisti e pescatori, i primi ad amare e rispettare il mare e ad essere consci della necessità e dell’urgenza di fermare la pesca del riccio di mare per consentirne il ripopolamento. Ma anche ai ristoratori coscienziosi e ai consumatori responsabili, ed anche ai pescatori della domenica che hanno accettato questo stop non come atto punitivo ma come gesto d’amore verso il nostro meraviglioso mare da proteggere».

«Ora, forti di questa vittoria», conclude Paolo Pagliaro, «rinnoviamo alla Regione la richiesta di fondi per i ristori ai pescatori, per i programmi di monitoraggio e ripopolamento e per campagne di informazione e sensibilizzazione a tappeto».

 

Continua a Leggere

Attualità

Arte e Cultura nella Costa Adriatica Salentina

Tricase, Castro e Melendugno continuano far rete alla Bit di Milano. A Tricase c’è spazio anche per la polemica…

Pubblicato

il

Anche quest’anno Tricase, Castro e Melendugno hanno partecipato alla BIT di Milano con il progetto “Arte e Cultura nella Costa Adriatica Salentina”.

«L’occasione della Bit», ha tenuto a sottolineare il direttore generale del dipartimento turismo della Regione Puglia Aldo Patruno, intervenuto nel corso della conferenza, «consoliderà i rapporti anche con gli operatori turistici e servirà a favorire una collaborazione sempre più incisiva e stimolante tra gli enti pubblici coinvolti».

«Un’occasione per promuovere la nostra Città in sinergia con il territorio, oggi più che mai chiamato a grandi sfide strategiche per il presente e il futuro», ha commentato il vice sindaco di Castro Alberto Capraro, «Insieme ai Comuni di Melendugno e Tricase abbiamo promosso il territorio e le sue vocazioni.

Occorre investire sul turismo balneare quanto su quello artistico, culturale, gastronomico. È giunto il momento di staccarsi completamente dal turismo stagionale e dal turismo campanilistico. L’identità è la chiave del rilancio del comparto. Dobbiamo remare tutti nella stessa direzione e con la medesima intensità, pur conservando ognuno il proprio tratto distintivo», ha concluso Capraro.

«L’obiettivo», dichiara il sindaco di Melendugno Maurizio Cisternino, «è quello di promuovere e far conoscere al grande pubblico le bellezze storico-artistiche di questo lembo di costa adriatica salentina».

«Al mare cristallino ed incontaminato», gli fa l’assessore al turismo melendugnese Francesco Stella, «ci unisce un patrimonio storico-culturale di grande importanza e di assoluta rilevanza».

«Tutti insieme abbiamo compreso che la nostra forza consiste nella capacità di fare rete e promuovere, oltre al mare, il patrimonio materiale ed immateriale, la cultura, le tradizioni, l’arte, tutt’ora poco conosciute ed in grado di differenziare l’offerta, innalzando la domanda e promuovendo forme di turismo destagionalizzato».

Così la vice sindaca di Tricase Francesca Longo che ha raccontato: «Abbiamo presentato il nostro territorio e la nostra offerta turistica che nasce dal desiderio di condivisione e di promozione vera delle nostre meravigliose Città, affacciate sul mare, ricche di storia e culture da narrare ai visitatori provenienti da ogni parte del mondo».

A Tricase, spazio anche alla polemica interna con i consiglieri comunali del gruppo di opposizione “Tricase, Che fare?”.

«Duemila euro. Questa è la somma deliberata dalla Giunta Comunale di Tricase (N. 14 DEL 23/01/2024) per inviare una delegazione della nostra città alla BIT a Milano (Borsa internazionale del Turismo)», si legge in un post a firma di Giovanni Carità, Armando Ciardo, Antonio Luigi Baglivo.

«Sapete da chi è composta la delegazione?», scrive ancora Giovanni Carità, «ve lo dico io. Il sindaco Antonio De Donno, la vice sindaco Francesca Longo, l’assessore Serena Ruberto e l’assessore Rocco Piceci. Praticamente hanno deliberato una somma così importante per inviare loro stessi che, va ricordato, dal 1° gennaio 2024 hanno visto aumentata ancora una volta la loro indennità mensile. Sicuramente avranno rappresentato Tricase al meglio», conclude sarcasticamente il post, «magari, molto di più di come la amministrano».

 

Continua a Leggere

Appuntamenti

Marathon del Salento a Torre San Giovanni, aperte le iscrizioni

La gara in Mountain Bike si svolgerà il prossimo 14 aprile, con partenza e arrivo dalla Pista Salentina. Tra le novità di quest’anno della Finibus Terrae Cup, una combinata che unisce le prestigiose gare di mountain bike della provincia di Lecce: la Marathon del Salento e la Castro Legend Cup

Pubblicato

il

Sono aperte le iscrizioni per l’undicesima edizione della Marathon del Salento, la gara in Mountain Bike che si svolgerà il prossimo 14 aprile, con partenza e arrivo dalla Pista Salentina di Torre San Giovanni marina di Ugento.

Le iscrizioni si possono effettuare sul sito mbtonline.it

La gara è organizzata dalle Associazioni MTB Casarano e Terra Russa, e si svolgerà sul litorale Ionico nel suggestivo scenario del Parco Naturale Regionale Litorale di Ugento.

Tra le novità di questa edizione la nascita della Finibus Terrae Cup, una combinata unica che unisce due prestigiose gare di mountain bike della provincia di Lecce: la Marathon del Salento e la Castro Legend Cup.

Questa iniziativa rappresenta una svolta significativa nel panorama delle competizioni off-road, poiché per la prima volta queste due gare si fonderanno virtualmente, abbracciando gli eventi di inizio e fine stagione.

Per maggiori info www.marathondelsalento.it

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus