Connect with us

Attualità

“La scuola ce la puliamo da soli”

La dirigente scolastica ed un gruppo di insegnanti e personale ATA del “Comi” di Tricase hanno imbracciato rastrelli, decespugliatori, cesoie, ramazze e carriole per ripulire e bonificare una vasta area interna alla struttura ed il marciapiede antistante

Pubblicato

il

Una domenica mattina al Liceo “Comi” di Tricase l’esempio di quelle che per tutti dovrebbero essere “buone pratiche di cittadinanza”.

La dirigente scolastica Antonella Cazzato ed un gruppo di insegnanti e personale ATA hanno imbracciato rastrelli, decespugliatori, cesoie, seghe da giardiniere, ramazze e carriole per iniziare un lavoro di ripulitura e bonifica di una vasta area interna alla struttura, che ospita un migliaio di studenti, e del marciapiede antistante di proprietà della Città di Tricase.

Il Liceo, l’unico ad essere intitolato al poeta Girolamo Comi, è circondato da una vasta area esterna, con campi di calcetto, basket, pallavolo, piattaforma di lancio del peso, pista per salto in lungo e diverse aiuole con alberature mediterranee. Di recente, in particolare dal declassamento delle province a enti di secondo livello, la superficie esterna al plesso scolastico si presenta spesso invasa da erbacce, rami secchi e rifiuti di vario genere. Con questo primo intervento sono stati resi accessibili e dignitosi gli spazi di ingresso alla struttura.

“La Provincia non ha i fondi necessari e così abbiamo deciso di provvedere noi”

La competenza spetterebbe all’Ente proprietario”, spiega la dirigente scolastica Antonella Cazzato, “ma la Provincia non ha i fondi necessari e così abbiamo deciso di provvedere noi, un manipolo di entusiasti di ogni età, tutti con la strana idea che esercizio di cittadinanza sia anzitutto agire, contribuire, fare, piuttosto che lamentare, attendere, delegare”.

L’iniziativa, partita dalla professoressa Emanuela Bleve e dal professor Giovanni Carità e condivisa e sostenuta dalla dirigente e da altri colleghi, mira alla realizzazione di un progetto più ampio, con l’obiettivo finale di realizzare un vero e proprio orto botanico con la piantumazione di fiori e arbusti locali e alcune specie arboree in via di estinzione. Il progetto per la realizzazione dell’orto verrà sviluppato nei prossimi mesi tramite la stipula di un protocollo d’intesa con l’Università del Salento e avrà come referente la professoressa Rita Accogli.

La scuola è e deve essere un esempio, casa comune di impegno”, aggiunge la dirigente scolastica, “fucina di idee e buone pratiche, con l’idea fissa di educare al meglio i nostri ragazzi. Alla responsabilità, al senso civico, al rispetto, all’impegno, alla Bellezza. Sarebbe stato bello coinvolgere i ragazzi, i genitori, i nonni e associazioni locali”, continua Antonella Cazzato, “ma non è stato possibile a causa di problemi legati alla sicurezza, alle autorizzazioni, alle liberatorie e tutti gli innumerevoli passaggi preliminari di tutela che le norme esigono. Non un euro di compenso, non un’ora di riposo compensativo, non un permesso in più, nulla è stato richiesto dai volontari. Si è trattato di un’esperienza di valore”, conclude, “un’occasione di amicizia e un’opportunità in più di fare squadra”.

Attualità

Il sindaco Lecci annuncia il primo tampone positivo ad Ugento

“Chiediamo di non cercare o diffondere notizie sull’identità, rispettando cosi anche il difficile momento che la nostra concittadina sta attraversando”

Pubblicato

il

Dalla pagina facebook della Protezione Civile di Ugento, Gemini-Marine arriva l’ufficialità del primo caso di contagio da covid 19 ad Ugento.

Un post del sindaco Massimo Lecci informa che è stata confermata”tramite la Prefettura, la positività di una persona residente a Ugento“.

Il paziente, spiega il primo cittadino “risulta in isolamento in via precauzionale da tre settimane, secondo quanto indicato dalle autorità sanitarie“.

Ci stringiamo alla persona e alla famiglia intera in questo momento delicato“, il pensiero del sindaco di Ugento, “esprimendo la nostra vicinanza come comunità e come cittadini“.

Infine l’immancabile e sempre utile raccomandazione per “rispetto delle norme esistenti in materia di coronavirus. Non ci è possibile sapere il nominativo della persona, pertanto vi chiediamo di non cercare o diffondere notizie sull’identità della stessa, rispettando cosi anche il difficile momento che la nostra concittadina sta attraversando“.

Continua a Leggere

Attualità

In bici, incappa nei controlli e tenta la fuga… in mare!

Scappa prima sulla spiaggia e poi con tutta la biciletta in mare per non incorrere nei controlli anticovid

Pubblicato

il

Siamo nella marina di Vernole, a ridosso delle Cesine: c’è chi nonostante l’emnergenza coronavirus, evidentemente non ha resistito alla tentazione della sua abituale pedalata in bicicletta sul lungomare.

E’ incappato però nei controlli per il rispetto del DPCM ed ha tentato la fuga fino a terminare con la bici mezz’acqua lungo la battigia.

Continua a Leggere

Attualità

Nessuno contagio in provincia di Lecce

Registrati due decessi. In Puglia sono stati effettuati 861 test per l’infezione Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 91 casi

Pubblicato

il

Nessun contagio in provincia di Lecce nell’odierno bollettino epidemiologico.

Un dato che va letto con le dovute cautele (siamo ancora in attesa ad esempio dei tamponi eseguiti nei focolai di Gallipoli e Soleto di cui non si conosce ancora l’esito e di molti altri che il sistema, alle prese con l’emergenza, non riesce a smaltire) ma che comunque ci regala un sorriso dopo giorni di grande apprensione.

Purtroppo alla lista dei decessi vanno aggiunte due persone di cui è stata resa nota solo l’età: 85 e 97 anni.

Questi i numeri dell’aggiornamento domenicale della Regione Puglia (sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro).

Sono stati effettuati 861 test per l’infezione Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 91 casi, così suddivisi:

49 nella provincia di Bari;

2 nella provincia Bat;

4 nella provincia di Brindisi;

22 nella provincia di Foggia;

0 nella provincia di Lecce;

6 nella provincia di Taranto;

una persona è di fuori regione

per sette casi non è stata ancora attribuita la provinaica.

Sono stati registrati 15 decessi, 2 in provincia di Bari (93 e 90 anni), 2 in provincia di Lecce (85 e 97 anni), 10 in provincia di Foggia (77, 93, 77, 89, 74, 69, 87, 93, 84 e 69 anni), uno in provincia di Brindisi (83 anni).

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 12.631 test.

27 sono i pazienti che risultano guariti.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.549, così divisi:

518 nella provincia di Bari;

98 nella provincia di Bat;

152 nella provincia di Brindisi;

377 nella provincia di Foggia;

239 nella provincia di Lecce;

99 nella provincia di Taranto;

18 attribuiti a residenti fuori regione;

per 48 casi è in corso l’attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus