Connect with us

Casarano

Leggi online “il Gallo” in distribuzione

“Buona scuola”, Auto e Moto d’epoca a Miggiano, Festival Li Ucci, OFFF e tanto altro

Pubblicato

il

L’ultimo numero de “il Gallo”, tuttora in distribuzione, è anche online.


Apertura dedicata alla scuola, prossima alla ripresa delle lezioni. Abbiamo rivolto tre domande ad alcuni dirigenti scolastici di istituti salenti riguardo la riforma nota come “Buona scuola”.


Tutto quello che c’è da sapere sull’OFFF, l’Otranto Film Fund Festival.


Il programma del 3° Raduno di Auto e Moto d’Epoca a Miggiano.


La vicenda di un noto geometra di Casarano che, dopo aver ritrovato un antico libretto di deposito bancario, porta in tribunale la Banca Nazionale del Lavoro che non vuole pagare.


I sette giorni del Festival Li Ucci a Cutrofiano ed il teatro popolare di Maglie.

L’appuntamento con i dilettanti allo sbaraglio di Castrì e gli “Amici a 4 zampe” di Torrepaduli.


Senza dimenticare il programma delle feste di Lucugnano, con la Madonna dell’Addolorata, e dei Santi Cosimo e Damiano a Depressa, Ugento, Nardò, Galatone, Gallipoli e Melendugno.


Questo e tanto altro sul nuovo numero, disponibile anche sul sito www.ilgallo.it


Non dimenticare di cercare i galletti nascosti tra le pubblicità e di partecipare al concorso martedì 15: tanti premi in palio. Regolamento a pagina 15 del giornale.


Campi Salentina

Da domani entrata in funzione di tutti gli HUB vaccinali: ecco i 10 in provincia

Col supporto della Protezione Civile (che mobiliterà circa 400 volontari) riprendono le somministrazioni a partire dalla fascia tra i 79 ed i 70 anni

Pubblicato

il


È fissata per domani, lunedì 12 aprile, l’entrata in funzione della totalità degli HUB vaccinali individuati dalla Regione Puglia, veri e propri centri nevralgici che nei prossimi mesi costituiranno i punti di riferimento strategici per l’attuazione della massiccia campagna di vaccinazione COVID-19 nel territorio provinciale.
Distribuiti in modo capillare nei distretti sanitari, i Punti vaccinali saranno attivi 7 giorni su 7 dalle 8:00 alle
20:00 ed eseguiranno le somministrazioni in conformità alle disposizioni dettate dal piano vaccinale regionale.





Via libera, dunque, dapprima alla fascia d’età 79-70 anni, che riceverà il vaccino già a partire dalla prossima settimana, per poi proseguire con le altre categorie di utenti, nel rispetto dei criteri e delle indicazioni che saranno di volta in volta forniti dalle Asl territoriali.
Dopo l’avvio negli scorsi giorni di alcuni dei Punti vaccinali, da domani la campagna di vaccinazione COVID-19 potrà valersi – nei vari distretti – degli Hub di
Campi Salentina, presso la Struttura Operativa Territoriale della Protezione Civile ubicata in Via Eduardo De
Filippo (zona artigianale);
Casarano, presso il Palazzetto dello Sport Complesso Euroitalia sulla S.P. per Collepasso-Casarano;
Gagliano del Capo, presso il PTA di Gagliano del Capo- ex Dialisi I piano in Via San Vincenzo,5;
Galatina, presso il Centro Polivalente Comunale di Viale Don Bosco;
Gallipoli, presso la Palestra del Liceo Scienze Umane “Q.Ennio” in Via Torino;
Lecce, con i tre punti del Centro Culturale/Teatro della Parrocchia San Massimiliano Kolbe in Via Pistoia, del Museo Sigismondo Castromediano di Viale Gallipoli e dell’ Aula “F.Baracca” della Caserma “Zappalà”- Scuola
di Cavalleria in Via G. Massaglia;
Maglie, presso l’EdificioComunale “Mercato delle Idee” di Via Leonardo da Vinci angolo-Via Trento (Muro
Leccese);
Martano, presso la RSSA comunale in Via Rita Levi Montalcini;
Nardò, presso la Struttura pressostatica per attività sportive adiacente il Palazzetto dello Sport di Via Giannone;
Poggiardo, presso il Centro di Aggregazione Giovanile di Spongano.




L’accesso agli HUB avverrà nelle modalità già indicate dalla Regione Puglia sui suoi canali ufficiali per l’adesione alla campagna vaccinale: per prendere visione della data programmata per il vaccino ed accettare
l’appuntamento si potrà, alternativamente, accedere alla piattaforma on-line lapugliativaccina.regione.puglia.it, o
telefonare al numero verde 800.71.39.31 (attivo dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 20:00) o, infine, recarsi nelle
farmacie accreditate al servizio FarmaCUP.
Fondamentali – all’interno dei Punti Vaccinali di popolazione – saranno le attività di assistenza alla popolazione
di competenza del servizio Protezione Civile, finalizzate al supporto del personale sanitario delle Asl impegnato
nella campagna di vaccinazione di massa. E a coordinare il servizio di assistenza all’utenza all’interno dei centri
vaccinali sarà – per l’intera durata della campagna vaccinale – il Coordinamento Provinciale del Volontariato di
Protezione Civile di Lecce, che garantirà la turnazione quotidiana dei Volontari di Protezione Civile per lo svolgimento delle attività di assistenza alla popolazione in ciascuno dei Punti vaccinali dei distretti provinciali.
Un dispiegamento massivo ed imponente di volontari e volontarie delle Organizzazioni della provincia di Lecce, che coinvolgerà centinaia di unità – oltre 400 secondo le attuali previsioni – e che proseguirà, senza
soluzione di continuità, per tutto il corso dei prossimi mesi e fino al termine della campagna. Una testimonianza ulteriore della concreta, quotidiana presenza del Volontariato di Protezione Civile accanto alla comunità, che va così a sommarsi all’attività che da oltre un anno i Volontari garantiscono ordinariamente nei rispettivi C.O.C. – non ultimo il supporto nei centri vaccinali comunali- per tutte le attività connesse all’emergenza sanitaria da
COVID-19.


Continua a Leggere

Attualità

Furbetti del vaccino, chi sono

Sono diverse le inchieste aperte sui furbetti del vaccino da procure di mezza Italia…

Pubblicato

il

Sono più di 2 milioni e 300.000 gli italiani che sotto la voce “altro”, hanno già ricevuto almeno una dose di vaccino.

Più di una su 5 delle 12 milioni di dosi somministrate è andata a persone non inserite nelle liste delle priorità.

La platea degli over 80 immunizzati è ancora lontana e, pertanto, come ha dichiarato il premier Draghi, le riaperture saranno possibili solo nelle regioni che hanno messo in sicurezza i più anziani.

Non sono tutti furbetti del vaccino.

Il report del commissario Figliuolo non menziona come voci a parte gli over 70 e le persone con gravi patologie che quasi tutte le regioni hanno cominciato a vaccinare.


In Regioni come la Sicilia, la Calabria, la Puglia, la Campania, la Toscana questa voce, però, ha numeri che sfiorano il 30% delle somministrazioni totali.

In alcune liste, appartenenti ai cosiddetti servizi essenziali, si è infilato chiunque: dai magistrati agli avvocati per finire con i sacerdoti di Taranto, giovani seminaristi compresi.

Sono diverse le inchieste aperte sui furbetti del vaccino da procure di mezza Italia e anche la commissione antimafia ha aperto un’istruttoria.

Continua a Leggere

Casarano

Positiva dopo ricovero a Casarano, paziente di Supersano muore di Covid

Operazione di routine e poi lo stop alle dimissioni dopo una positività in reparto: la donna muore dopo trasferimento a Galatina

Pubblicato

il


I familiari di una anziana signora di Supersano, deceduta dopo un ricovero nell’ospedale di Casarano, han presentato denuncia-querela presso i carabinieri in quanto il decesso della donna sarebbe stato causato dal Coronavirus, contratto in nosocomio.





La vicenda ha inizio a metà marzo, quando la sfortunata protagonista, una 82enne, viene ricoverata per un intervento di routine. Le sue dimissioni vengono stoppate in seguito al riscontro di una positività nel reparto di geriatria. La signora, entrata in ospedale con tampone negativo, risulta Covid positiva dopo un paio di tamponi e, anziché far rientro a casa, viene trasferita al Santa Caterina Novella di Galatina ad inizio aprile, in corrispondenza dell’aggravarsi delle sue condizioni.




Qui l’82enne muore qualche giorno dopo per le complicanze Covid. Ecco quindi che i suoi parenti decidono di denunciare l’accaduto in caserma. Sarebbe il secondo caso di paziente positivizzatosi e deceduto dell’ospedale di Casarano. Mentre si attendono sviluppi su quello che si teme possa essere un nuovo focolaio in un ospedale salentino (l’ultimo quello di Oncologia nel Vito Fazzi a Lecce, che ha provocato diverse vittime) i carabinieri raccolgono evidenze per risalire ad eventuali responsabilità in merito.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus