Connect with us

Attualità

«Nel Salento si vive meglio»

La rinascita del castello di Tutino. Grazie anche ad un banchiere romano che insieme a Winspeare e al proprietario hanno pensato al rilancio del territorio attraverso la cultura

Pubblicato

il

Cinquantacinque anni, originario di Roma, di professione banchiere, con la passione di viaggiare per il mondo.


C’è un posto che lo fa stare bene più di altri: il Salento che da 20 anni è diventato la sua meta preferita.

Luigi De Vecchi è il presidente per l’Europa continentale della banca americana Citi (Corporate e Investment banking). Ed è innamorato del Salento, tanto che oggi ha deciso anche di investirci diventando uno dei soci per la riapertura e del rilancio del Castello dei Trane a Tutino di Tricase.

Lui stesso lo ha raccontato a Repubblica: «Sono originario di Roma, e nella vita ho girato mezzo mondo. Circa 20 anni fa sono capitato per caso in Salento con mia moglie, che è toscana. Cercavamo un posto fuori dalle solite rotte. Eravamo andati a trovare degli amici, per Natale. Poi per diversi anni abbiamo affittato una casa in zona, fino al passo successivo».


Una casa con affaccio sullo Ionio, che con il passare del tempo lo ha reso salentino nell’anima, tanto da poter dire adesso, senza esitazione, che il suo cibo preferito è… «il caffè con ghiaccio e latte di mandorla». Che altro non è che è il caffè leccese”! Fra gli amici dell’epoca c’era (e c’è ancora) Edoardo Winspeare, ora socio di de Vecchi. Insieme al proprietario del castello di Tutino, Gustavo Caputo, hanno pensato a un’idea di rilancio del territorio che passa dalla cultura. Il Castello è prossimo alla riapertura, ha avuto già un’anteprima con il concerto di Paolo Fresu, seguito da quello di Chiara Civello (venerdì 28 agosto), nella piazza antistante. È l’inizio di un progetto che porterà quel luogo ad aprirsi ai cittadini, con un ristorante per le cene-spettacolo e un bar, con eventi culturali e incontri. Ovviamente la mira è lunga, e punta al turismo internazionale, in una zona che gli stranieri conoscono e apprezzano già.
«Basti pensare», sottolinea ancora Repubblica, «che nella vicina Tiggiano l’attrice premio Oscar Helen Mirren ha una masseria, con il regista Taylor Hackford, e che la stessa star britannica a Tricase ha aperto un bar, Farmacia Balboa». Ora è il momento del Castello di Tutino, chiuso dagli anni 50 e forte di una storia secolare: risale al XV secolo ed era proprietà di don Luigi De Trane, poi della famiglia Gallone e infine dei Caputo, che fino al secolo scorso l’avevano destinato alla lavorazione del tabacco. Proprio Gustavo Caputo ne ha capito l’importanza: con la casa di produzione Saietta film ha dato vita ai film di Winspeare (fra cui il profetico In grazia di Dio), con la costola Saietta art ha permesso la seconda vita del castello, intercettando anche un finanziamento della Regione Puglia.


Seconda vita” è un concetto che dopo il lockdown ha accarezzato il pensiero di molti, e che – visto che la pandemia non è ancora finita – continua a esercitare fascino. Il castello di Tutino si fa quindi promotore di una possibilità, di un cambiamento per qualcuno necessario: «Credo moltissimo nell’idea di poter vivere in un centro meno affollato, decongestionando le città», riflette Luigi de Vecchi, «soprattutto adesso, con la crisi che si scatena a causa e dopo la pandemia. Si può fare, si può restare in contatto con il mondo anche da Tutino, evitarsi tutte le scomodità e vivere una vita migliore anche dal punto di vista del cibo, legato all’agricoltura del territorio. Può essere un modello molto interessante, per l’Italia e gli italiani con i loro 8mila comuni, ma anche per gli stranieri».

A quanti potrebbero replicare parlando di luoghi troppo remoti e senza servizi, de Vecchi risponde dicendo che «l’importante è avere una stazione o un aeroporto a un’ora di distanza».

Infine, però, sottolinea un altro aspetto per il quale alle nostre latitudini non ce la passiamo troppo bene: in troppe zone la connessione Internet lascia davvero a desiderare e, come lo stesso de Vecchi ha sottolineato, “quello è un investimento da fare”.


Attualità

Contagi in provincia: chi scende e chi sale

Pubblicato

il


Nel report emerge l’andamento dell’infezione da SARS-CoV-2 con i dati dal 29 febbraio al 31 luglio e con i dati dal 1 agosto a oggi.  Sono 2324 i cittadini presenti in provincia di Lecce attualmente Covid positivi.





Il report evidenzia la distribuzione dei casi Comune per Comune, il numero dei degenti, dei ricoveri e dei decessi con la distinzione per genere ed età. Il documento riporta inoltre il numero dei tamponi complessivamente eseguiti e il trend settimanale del rapporto casi positivi/casi testati.  





Il report in allegato è a cura del Dott. Fabrizio Quarta, Direttore U.O.C. Epidemiologia e Statistica ASL Lecce.





Le principali novità si registrano a Carmiano che sale da 30 casi a 59 in una settimana; a Cavallino che da 33 passa a 55; a Copertino da 34 a 54; a Cursi da 4 a 20; a Lecce con salto da 215 a 248; a Martano da 32 a 54; a Nardò da 41 a 80 ed a Squinzano che da 28 arriva a 40.





Buone notizie per Taurisano scesa dai 204 di venerdì scorso ai 140 di oggi.




Restano alti i contagi a Galatina che arriva a 78 casi ed a Melendugno giunta a 75 dai 62 di 7 giorni fa.














Continua a Leggere

Attualità

Impennata Covid: oltre 1700 contagi in un giorno

Pubblicato

il


Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi venerdì 27 novembre in Puglia, sono stati registrati 9.505 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.737 casi positivi: 675 in provincia di Bari,110 in provincia di Brindisi, 206 nella provincia BAT, 345 in provincia di Foggia, 137 in provincia di Lecce, 250 in provincia di Taranto, 11 residenti fuori regione, 3 provincia di residenza non nota.





Sono stati registrati 48 decessi: 8 in provincia di Bari, 15 in provincia BAT, 3 in provincia di Brindisi, 10 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Lecce, 8 in provincia di Taranto, 1 residente fuori regione





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 762.047 test.





12.919 sono i pazienti guariti.





36.417 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 50.738, così suddivisi:





19.680 nella Provincia di Bari;





5.820 nella Provincia di Bat;





3.606 nella Provincia di Brindisi;




11.559 nella Provincia di Foggia;





3.865 nella Provincia di Lecce;





5.855 nella Provincia di Taranto;





344 attribuiti a residenti fuori regione;





9 provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.





Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 27.11.2020 è disponibile al link: http://rpu.gl/V1bB6





A Patù registrato il primo decesso per covid (leggi qui).


Continua a Leggere

Attualità

Artefici del nostro destino. Questione di (s)palle

È il momento di riscrivere il sistema Salento, le nostre organizzazioni, governative e
non; di cercare ogni strada fino a scoprire la migliore che porta a ripensare presente e futuro

Pubblicato

il


Era ottobre, l’11 per la precisione, correva l’anno 1962, di un giovedì come tanti ed in occasione di uno storico Concilio, il Pontefice Giovanni XXIII, proferì queste parole: «A noi sembra di dover risolutamente dissentire da codesti profeti di sventura, che annunziano sempre il peggio, quasi incombesse la fine del mondo».
Anch’io, (come il Papa Buono) non mi accoderò alla pletora di profeti di sventura che vogliono questa pandemia madre di tutte le iatture e figlia di ogni problema che incatena la nostra vita e tarpa le nostre ali.
Questo, certo, rimarrà un anno memorabile, al pari di tanti altri che nel corso della storia hanno funestato l’esistenza dell’essere umano. Allora, mi chiedo: se fosse l’alba di un nuovo avvenire? Se, come spesso accade, desse la stura ad un nuovo metodo e modo di concepire il futuro?
Con la nostra inchiesta (clicca qui) abbiamo cercato di sondare il midollo della spina dorsale economica, il commercio, del nostro Salento.
Tranne alcuni isolati sussurri, il coro dei rappresentanti del commercio ha bollato il periodo come «terribile, un dramma, una ecatombe, un periodo dal quale difficilmente ci si potrà risollevare».
Bene! Questa è la radiografia dello stato ad oggi, nulla di nuovo, l’avevamo già testato sulla nostra pelle nella scorsa primavera, ma per contro cosa abbiamo fatto allora e cosa stiamo cercando di fare oggi per trovare una via d’uscita?
Qui non si tratta di essere iperottimisti, di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, ma solo di essere realisti. Siamo gli artefici del nostro destino: il futuro sarà come lo disegneremo noi. Rimbocchiamoci le maniche, agiamo senza aspettare che qualcun altro si sporchi le mani per noi.
A cosa serve stare insieme, associarsi, fare comune se non a discutere e trovare, insieme, delle soluzioni?
Questo è il momento di riscrivere, insieme, il sistema Salento, le nostre organizzazioni, governative e non; di cercare, insieme, ogni strada fino a scoprire la migliore che porta a ripensare l’oggi ed i progetti futuri.
Chi, solo 15 anni fa, avrebbe scommesso 1 euro sulla buona riuscita del Salento, del suo turismo, dei suoi prodotti, della originalità e bellezze della nostra terra?
Chi nel mondo conosceva, che so, la puccia, la frisa, la paparotta, il tramonto (spettacolare) di Porto Cesareo, Otranto, o la piscina naturale di Marina Serra a Tricase?
Chi avrebbe scommesso sulle luminarie, le ceramiche salentine, che oggi adornano, nel mondo, i negozi Dior (grazie, Maria Grazia…)?
Tutto questo è frutto di menti visionarie, (vero) ma anche di onestà, di coraggio, di abilità e competenza.
Questo è quello di cui abbiamo bisogno, continuare a frignare non porta da nessuna parte. Cediamo il passo a chi nella comunità, nella politica, nell’associazionismo, mostra lungimiranza, mostra aperture, ricerca soluzioni ed è pronto a perseguire nuove strade.
Oggi il mondo lo si può bere in un bicchiere. La globalizzazione, la tecnologia, internet, i social, imbandiscono continuamente nuove tavole alle quali solo chi dimostrerà coraggio e perspicacia si potrà sedere: dimostriamo, insieme, come nella nostra vera natura di salentini, di avere tale reputazione e di saper essere all’altezza.




Luigi Zito


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus