Connect with us

Attualità

«Nel Salento si vive meglio»

La rinascita del castello di Tutino. Grazie anche ad un banchiere romano che insieme a Winspeare e al proprietario hanno pensato al rilancio del territorio attraverso la cultura

Pubblicato

il

Cinquantacinque anni, originario di Roma, di professione banchiere, con la passione di viaggiare per il mondo.


C’è un posto che lo fa stare bene più di altri: il Salento che da 20 anni è diventato la sua meta preferita.

Luigi De Vecchi è il presidente per l’Europa continentale della banca americana Citi (Corporate e Investment banking). Ed è innamorato del Salento, tanto che oggi ha deciso anche di investirci diventando uno dei soci per la riapertura e del rilancio del Castello dei Trane a Tutino di Tricase.

Lui stesso lo ha raccontato a Repubblica: «Sono originario di Roma, e nella vita ho girato mezzo mondo. Circa 20 anni fa sono capitato per caso in Salento con mia moglie, che è toscana. Cercavamo un posto fuori dalle solite rotte. Eravamo andati a trovare degli amici, per Natale. Poi per diversi anni abbiamo affittato una casa in zona, fino al passo successivo».


Una casa con affaccio sullo Ionio, che con il passare del tempo lo ha reso salentino nell’anima, tanto da poter dire adesso, senza esitazione, che il suo cibo preferito è… «il caffè con ghiaccio e latte di mandorla». Che altro non è che è il caffè leccese”! Fra gli amici dell’epoca c’era (e c’è ancora) Edoardo Winspeare, ora socio di de Vecchi. Insieme al proprietario del castello di Tutino, Gustavo Caputo, hanno pensato a un’idea di rilancio del territorio che passa dalla cultura. Il Castello è prossimo alla riapertura, ha avuto già un’anteprima con il concerto di Paolo Fresu, seguito da quello di Chiara Civello (venerdì 28 agosto), nella piazza antistante. È l’inizio di un progetto che porterà quel luogo ad aprirsi ai cittadini, con un ristorante per le cene-spettacolo e un bar, con eventi culturali e incontri. Ovviamente la mira è lunga, e punta al turismo internazionale, in una zona che gli stranieri conoscono e apprezzano già.
«Basti pensare», sottolinea ancora Repubblica, «che nella vicina Tiggiano l’attrice premio Oscar Helen Mirren ha una masseria, con il regista Taylor Hackford, e che la stessa star britannica a Tricase ha aperto un bar, Farmacia Balboa». Ora è il momento del Castello di Tutino, chiuso dagli anni 50 e forte di una storia secolare: risale al XV secolo ed era proprietà di don Luigi De Trane, poi della famiglia Gallone e infine dei Caputo, che fino al secolo scorso l’avevano destinato alla lavorazione del tabacco. Proprio Gustavo Caputo ne ha capito l’importanza: con la casa di produzione Saietta film ha dato vita ai film di Winspeare (fra cui il profetico In grazia di Dio), con la costola Saietta art ha permesso la seconda vita del castello, intercettando anche un finanziamento della Regione Puglia.


Seconda vita” è un concetto che dopo il lockdown ha accarezzato il pensiero di molti, e che – visto che la pandemia non è ancora finita – continua a esercitare fascino. Il castello di Tutino si fa quindi promotore di una possibilità, di un cambiamento per qualcuno necessario: «Credo moltissimo nell’idea di poter vivere in un centro meno affollato, decongestionando le città», riflette Luigi de Vecchi, «soprattutto adesso, con la crisi che si scatena a causa e dopo la pandemia. Si può fare, si può restare in contatto con il mondo anche da Tutino, evitarsi tutte le scomodità e vivere una vita migliore anche dal punto di vista del cibo, legato all’agricoltura del territorio. Può essere un modello molto interessante, per l’Italia e gli italiani con i loro 8mila comuni, ma anche per gli stranieri».

A quanti potrebbero replicare parlando di luoghi troppo remoti e senza servizi, de Vecchi risponde dicendo che «l’importante è avere una stazione o un aeroporto a un’ora di distanza».

Infine, però, sottolinea un altro aspetto per il quale alle nostre latitudini non ce la passiamo troppo bene: in troppe zone la connessione Internet lascia davvero a desiderare e, come lo stesso de Vecchi ha sottolineato, “quello è un investimento da fare”.


Appuntamenti

Nuove forme della divulgazione… l’eredità di Massimo Cannoletta

Domani seminario online con il divulgatore pluricampione del telequiz “L’Eredità”, impegnato anche nella realizzazione di tre video sui Musei Unisalento

Pubblicato

il

Nuove forme della divulgazione. Il valore strategico della conoscenza per la cittadinanza” è il seminario online in programma all’Università del Salento domano (venerdì 26 febbraio) alle ore 10, ospite il divulgatore Massimo Cannoletta (Per seguire il seminario in diretta cliccare QUI).


Laureato in Scienze politiche, Cannoletta lavora da anni nel campo della divulgazione e ha compiuto due volte il giro del mondo raccontando storia, arte e viaggi. Dopo aver partecipato con successo al quiz televisivo “L’Eredità”, oggi collabora con “Focus Storia”, “Focus Domande & Risposte” e “Gente” e con Rai Uno nel programma “Oggi è un altro giorno”.


Nel corso del webinar, con Cannoletta, dialogheranno il Direttore di Focus, Raffaele Leone, e i docenti UniSalento Marcello Aprile (linguista), Manuela De Giorgi (storica dell’arte) e Andrea Ventura (fisico); introduzione a cura del Rettore Fabio Pollice; modererà il Delegato alla Comunicazione, Stefano Cristante.


Il divulgatore, intanto, sta realizzando tre video su altrettanti Musei UniSalento.

È già online quello sul Museo Papirologico.




Continua a Leggere

Attualità

Nardò: bimbo ritrova antichi cocci in riva al mare

Ha pensato potessero essere reperti antichi e per questo li ha consegnati al comandante dei carabinieri. Ora saranno valutati da esperti

Pubblicato

il

Durante una passeggiata al mare con la sua famiglia, qualche giorno fa, il piccolo Alberto, 9 anni, di Nardò, si è imbattuto in alcuni cocci con su incise delle lettere.


Reduce da una recente visita al museo del mare e a quello della preistoria ha pensato potessero essere dei reperti e per questo li ha consegnati al comandante della stazione dei carabinieri del suo paese affinché gli esperti possano esprimersi sul loro valore e metterli eventualmente a disposizione della comunità.

Per questo suo getto il comandante Vito De Giorgi, ha voluto premiare il piccolo Alberto regalandogli un calendario dei carabinieri.


Continua a Leggere

Attualità

Sono 1.154 i nuovi positivi in tutta la regione, 99 in provincia

Il tasso di positività è dell’11,25%. 27 decessi in tutta la Puglia, 6 solo in provincia di Lecce

Pubblicato

il

Risale oltre il muro dei mille il numero dei contagiati in Puglia riportati dal quotidiano bollettino regionale.


Oggi infatti vengono denunciati 1.154 casi positivi, di cui 99 (stesso numero di ieri) in provincia di Lecce.


Il totale dei test registrati è di 10.256 test questo vuol dire che il tasso di positività si attesta sull’11,25%.


Ancora tristemente corposo il numero dei decessi: sono 27 in tutta la Puglia, 6 solo in provincia di Lecce.


IL RIEPILOGO


Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.532.395 test.


107.933 sono i pazienti guariti.


31.972  sono i casi attualmente positivi.


Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 143.770, di cui 12.222 nella provincia di Lecce.

I VACCINI


Fermo restando l’indice di contagio ad 1,2 in attesa del nuovo riscontro si sabato prossimo, alla Puglia sono stati  consegnati 301.515 vaccini e ne sono state somministrati 214.635 pari al 71,2% del totale di dosi vaccinali ricevute.


IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 25 FEBBRAIO 2021






Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus