Connect with us

Dai Comuni

Tamponi: ecco gli orari delle postazioni per il periodo natalizio

Pubblicato

il


L’Asl di Lecce comunica che nei giorni festivi e prefestivi dei mesi di dicembre 2020 e fino al 6 gennaio 2021 gli orari delle postazioni per l’esecuzione dei tamponi subiscono delle variazioni.

🔺 Postazione dell’Ospedale di San Cesario “A. Galateo” in via Croce di Lecce: il tampone viene eseguito nelle giornate del’8 e del 25 dicembre, del 1° e del 6 gennaio dalle ore 9 alle ore 12, nelle giornate del 24 e del 31 dicembre dalle ore 9 alle ore 17 (orari consueti: tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19).

🔺 Postazione di Nardò (località Boncuri) il tampone viene eseguito nelle giornate del’8 e del 25 dicembre, del 1° e del 6 gennaio dalle ore 9 alle ore 12, nelle giornate del 24 e 31 dicembre dalle ore 9 alle ore 13 (orari consueti: dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13).

🔺 Invariato l’orario della postazione di Tricase (Ospedale Panico, nei locali limitrofi al pre-Triage tutti i giorni dalle 8 alle 19.30.)

In queste tre postazioni il tampone viene eseguito esclusivamente a coloro ai quali la ASL Lecce ha richiesto e prenotato il tampone e a coloro che arrivano dagli Stati esteri per cui, al rientro, è obbligatorio il tampone.

Attualità

Tricase Polo della ricerca e della salute, l’Acait cittadella amministrativa

Tre anni dopo il crollo. Si cerca transazione per concludere il contenzioso del fotovoltaico e sbloccare i lavori per lo Human Pole ed il trasferimento degli uffici Anagrafe e Servizi sociali. Intanto l’ospedale diventa IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico). Il sindaco De Donno: «Unità di intenti per caratterizzare il basso Salento, a partire da Tricase, come il luogo in cui si mangia bene e si invecchia meglio»

Pubblicato

il

Era il 21 febbraio 2018 quando, al culmine dell’ennesimo piovoso pomeriggio di quell’inverno, in una triste domenica, parte della storica Acait venne giù.

Tre anni dopo nulla è cambiato: le macerie sono sempre lì, uno spettacolo desolante che deturpa la storia che fu.

La parte interessata dal crollo è quella sui cui tetti da poco erano stati installati dei pannelli fotovoltaici.

Il sindaco Antonio De Donno

E sta proprio qui il problema: un contratto in essere tra il Comune e la società che detiene i diritti per il fotovoltaico sulla superficie utile di tutti i tetti di proprietà comunale (Acait compresa) per 20 anni. In seguito al crollo si è aperto un contenzioso che non ha consentito alcun intervento.

Non è ancora stato stabilito se il crollo del 2018 sia stato causato da problemi strutturali o proprio dall’installazione dei pannelli. Come spiega il sindaco Antonio De Donno, «al momento abbiamo solo delle consulenze tecniche d’ufficio (CTU), peraltro discordanti tra loro: la cosa potrebbe andare molto per le lunghe. Per me la soluzione migliore sarebbe quella di trovare un accordo, una transazione che accontenti tutti, per chiudere la questione e poter finalmente mettere mano ai lavori di messa in sicurezza e recupero». Proprio in questo senso le parti avrebbero intensificato le trattative e la questione sarebbe in via di definizione.

«Nel frattempo, però, l’idea progettuale per il futuro dell’Acait e di quella porzione di città è andata avanti», sottolinea il primo cittadino, «ora speriamo di risolvere presto la questione del contenzioso e poter finalmente intervenire».

Lo Human Pole

Resta in piedi, ovviamente, l’annunciato  progetto Human Pole: Alimentazione, Nutrizione e Benessere che mira a migliorare la sostenibilità dei sistemi alimentari mediterranei dal punto di vista ambientale, economico, sociale, culturale, salutistico e nutrizionale, incentivando un consumo sostenibile e responsabile.

Obiettivo che sarà raggiunto attraverso le competenze espresse e la sinergia attivata tra la struttura speciale “Coordinamento Health Marketplace”, il CIHEAM Bari, il Comune di Tricase, il Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ed il Centro per le Malattie Neurodegenerative e l’invecchiamento celebrale, presso l’Azienda Ospedaliera Pia Fondazione “Card. G. Panico”.

Intorno allo Human Pole, che avrà sede nel corpo centrale dell’Acait ed i cui fondi finanzierebbero il 60% della parte statica e il 100% della ristrutturazione interna, prendono intanto forma le idee per la fruibilità di quello spazio nevralgico della città.

Una volta «definita l’ubicazione dei pannelli e attivato il finanziamento dello Human Pole con la ristrutturazione del corpo centrale per il centro sulla nutraceutica, potremo dare vita al progetto che ripensa nel complesso tutta la zona», annuncia il sindaco. Così nel primo capannone, quello attiguo a via Leonardo Da Vinci, «già ristrutturato e tornato in piena disponibilità del Comune, trasferiremo Anagrafe e Servizi Sociali, dando vita al processo di delocalizzazione dei servizi amministrativi che libererà dall’ingombro degli uffici Palazzo Gallone, destinato ad essere restituito alla città come contenitore culturale».

Quanto tempo occorrerà? «Puntiamo a completare l’operazione di trasferimento dei due uffici entro l’anno».

Il processo proseguirà poi con il coinvolgimento del secondo capannone, quello più interno: «Stiamo cercando di attingere ad un finanziamento per la bonifica dell’amianto per poi avviare il  trasferimento dell’Ufficio Tecnico Comunale. L’idea è quella di realizzare un mega ufficio avveniristico e funzionale. In questo modo potremo liberare i locali storici del Convento che, a loro volta, necessitano di un intervento di restauro statico. Il trasferimento progressivo degli uffici comunali, sommato alla presenza in zona anche della polizia locale e di parte dell’Ambito, trasformerà quella porzione di Tricase in una sorta di cittadella amministrativa. Tutta la zona andrà ovviamente ripensata e resa facilmente fruibile, magari sfruttando anche via Pirandello con i suoi parcheggi, adeguando le vie trasversali già esistenti per collegarla con il complesso Acait».

Necessità di adeguare la viabilità anche per consentire una connessione tra la nascitura cittadella amministrativa e la nuova biblioteca comunale di via Micetti («I lavori sono quasi completato: contiamo entro due mesi di procedere con l’inaugurazione»). Inoltre, in zona Lama, oltre al complesso residenziale in costruzione,  alla fine di via Pirandello (nei pressi dell’incrocio con via Vittorio Emanuele) sorgerà anche un supermercato, per cui sarà necessario anche pensare alla realizzazione di nuove strade.  Riguardo, infine,al capannone grande del complesso Acait, anch’esso da bonificare dall’amianto, il sindaco anticipa: «Ci sono diverse idee in ballo, definiremo al momento opportuno».

L’Ospedale diventa IRCCS

Come già annunciato dal Direttore generale Suor Margherita Bramato in tv,  è iniziato un percorso per la trasformazione del “Cardinale Panico” in IRCCS (Istituto di  Ricovero e Cura a Carattere Scientifico), un ospedale nel quale vengono svolte attività di ricerca clinica, nonché di gestione dei servizi sanitari, che in virtù del contributo alla ricerca riceve finanziamenti pubblici.

Il settore è quello delle malattie neurodegenerative. Uno sviluppo in tal senso andrebbe a braccetto con lo Human Pole che sarà ospitato dall’Acait e che si occuperà di Nutraceutica.

Per dirla con le parole di Antonio De Donno l’intento è quello di «caratterizzare il Capo di Leuca e il basso Salento, a partire da Tricase, come il luogo in cui si mangia bene e si invecchia meglio. Tutte le energie», annuncia il sindaco, «stanno convergendo per far diventare il nuovo “Panico” uno dei centri più avanzati al mondo nel settore della ricerca contro le malattie neurodegenerative».

Già oggi l’ospedale tricasino è tra i  50 centri mondiali che fanno parte della rete internazionale per la sperimentazione di un nuovo farmaco contro la demenza. Questo grazie al lavoro svolto dal prof. Giancarlo Logroscino (direttore del Centro di Tricase e tra gli scienziati più influenti al mondo sulle malattie neurodegenerative).

La trasformazione in IRCCS salvaguarderebbe il “Panico” anche da un’eventuale rivalità con il nascituro ospedale pubblico che dovrà sorgere tra Maglie e Melpignano e che, nelle intenzioni, dovrebbe anch’esso essere d’eccellenza.

«Il progetto è quello di realizzare un polo di alta specializzazione che prevede anche la costruzione di una nuova struttura», aggiunge il primo cittadino, «questo favorirebbe il decentramento di parte della nascente facoltà di medicina di Unisalento a Tricase.

Contemporaneamente, nella zona industriale, favoriremmo la nascita di start-up che partecipino all’economia di contorno del polo di eccellenza medica e di ricerca. Tanti giovani, invece di dover fare le valigie e partire, troverebbero un pezzo di università e aziende che lavorano nel settore proprio in casa loro.

Ministero della Salute, il Presidente della Regione Michele Emiliano con il suo nuovo consigliere Ernesto Abaterusso che ci fa da ponte, vertici dell’ospedale e amministrazione comunale: tutti insieme», giura, infine, De Donno,  «stiamo spingendo perché questo ambizioso progetto possa arrivare a compimento».

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

Cronaca

Fermi nel parcheggio con oltre 3 quintali di droga: doppio arresto a Poggiardo

Pubblicato

il


Non è chiaro se si fossero smarriti o se qualcuno gli avesse dato buca. Due spacciatori, o forse due corrieri della droga, di nazionalità albanese ed ucraina, sono stati arrestati a Poggiardo con un carico in tutti i sensi…stupefacente (foto a fine articolo).





Nel vano di un furgone a noleggio, avevano stilato ben 3,2 quintali di droga.





Erano fermi in sosta davanti ad un centro commerciale di Poggiardo. In attesa di qualcosa o, presumibilmente di qualcuno, son rimasti lì per tutta la mattinata destando i sospetti dei carabinieri della Compagnia di Maglie. Alla richiesta di delucidazioni circa la loro presenza i due, una coppia, una 24enne ucraina ed 35enne albanese, entrambi residenti nel Fiorentino, non hanno saputo dare spiegazioni plausibili.





Aperto il vano del furgone a noleggio, i carabinieri, increduli, han trovato la sorpresa: 265 chili di marijuana e 63 di hashish.




La sostanza è stata sequestrata e i due sono finiti in manette, condotti presso il carcere di Lecce a disposizione dell’autorità giudiziaria.














Continua a Leggere

Cronaca

Stanato nelle campagne di Melendugno, boss della Scu finisce in arresto

Pubblicato

il


Scacco ad uno dei vertici della Sacra Corona Unita per i carabinieri di Lecce.





È stato arrestato in queste ore Sergio Notaro, 61enne di Campi Salentina, destinatario di una ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura di Taranto.









Era nascosto nella dependance di una villa nel territorio di Melendugno. Probabilmente da mesi.




L’attività di indagine, supportata da tecnici, messa in piedi dai militari, ha permesso di rintracciarlo e consegnarlo alla giustizia.





Le azioni criminose di cui è ritenuto responsabile sono state operate principalmente nel territorio di Squinzano e dintorni.





I reati di cui risponde sono associazione per delinquere di stampo mafioso; associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti o psicotrope, estorsione e rapina in concorso aggravata dal metodo mafioso. Tutti ricadenti nel periodo 2008 – 2013.





Dovrà espiare una pena definitiva di 13 anni, 5 mesi e 27 giorni di reclusione.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus