Connect with us

Andrano

Tricase e Andrano, segnaletica per i “tratturi”

L’associazione culturale Prometeo chiede di poter valorizzare i tratturi tra Depressa e Castiglione d’Otranto, attraverso la collocazione di segnaletica verticale rispondente ai requisiti CAI, «senza gravare e nulla esigere alle amministrazioni comunali di Andrano e Tricase»

Pubblicato

il

L’Associazione culturale Prometeo, nata con l’obiettivo di promuovere il patrimonio locale, intende valorizzare, attraverso la fornitura, collocazione e installazione di apposita segnaletica verticale, alcuni tratturi ricadenti nel territorio di Andrano e Tricase, in particolare tra Castiglione d’Otranto e Depressa.


Per questo ha coinvolto gli enti interessati per ottenere le necessarie autorizzazioni.


Già incassato l’ok del Comune di Andrano attende presto anche quello di Tricase e del Parco Costa Otranto S. M. di Leuca e Bosco di Tricase.


Inquadramento territoriale dell’area di intervento


«Solo con la piena conoscenza del proprio patrimonio, dei propri luoghi intrisi di storia», scrive il presidente dell’associazione culturale Dario Martina, «è possibile riscoprire quella ricchezza artistico-naturalistica che oggi è particolarmente ricercata da quella fetta di turismo sempre più diffuso, definito “slow tourism”, che nasce in risposta alla frenesia della vita quotidiana. I nostri tratturi bene si prestano a questo perché veri e propri percorsi escursionistici che, oltre a permettere uno stretto contatto con la natura e di conseguenza un suo maggiore rispetto, possono essere sicuro volano di crescita e rilancio economico preservando, al contempo, le tradizioni locali e le autenticità dei luoghi».

Per tutto questo Prometeo ha chiesto «di essere autorizzata a collocare e installare nei caposaldi o agli incroci più importanti, senza gravare e nulla esigere alle amministrazioni comunali di Andrano e Tricase, apposita segnaletica verticale su sostegno in legno con relativa tabella indicante la direzione, il nome del tratturo, il tempo per la sua relativa percorrenza e il numero del sentiero così come indicato dall’Ente Parco».


La tabella segnavia avrà, per uniformarsi alle prescrizioni del CAI, punta rossa e coda rossa/bianca/rossa con al proprio centro codice indicante lo specifico tratturo.


I sentieri oggetto dell’intervento sono: tratturo Santu Lia; tratturo Masseria Calì; tratturo Masseria Monti; tratturo Masseria Nova; tratturo Voscu; strada Vicinale Principessa.


Il fine, come spiega Martina, è dunque quello di «rendere individuabili i sentieri per essere così punto di riferimento per l’escursionista oltre ad essere sicuro strumento di pianificazione territoriale con il quale si indirizzi alla valorizzazione e alla tutela dell’ambiente».


Andrano

“Intossicazione dopo cena in ristorante di Andrano”: il fatto non sussiste

Pubblicato

il

Alici marinate contenenti il batterio dell’anisakis in un ristorante di Andrano? Il fatto non sussiste.

È stato assolto Graziano Rizzo, 51enne ristoratore titolare di “Carpe Diem” ad Andrano. Era finito in tribunale dopo la denuncia-querela di un cliente: un 55enne di Tricase, colpito da infezione di presunta derivazione alimentare, ricondotta, appunto, ad una consumazione nel suddetto ristorante dell’estate 2014.

A quella cena presero parte più persone, diversamente colpite da malesseri la mattina seguente. Ad aver la peggio il 55enne, finito in ospedale a Poggiardo con diagnosi di intossicazione da anisakis.

Da lì, poche settimane dopo, la denuncia. E l’inchiesta, anche per cattiva conservazione di alimenti, caduta nel vuoto perché finita in prescrizione.

Nonostante, secondo l’accusa, il 55enne tricasino abbia contratto in quella occasione una patologia tuttora perdurante, le perizie depositate in Procura non hanno individuato una connessione tra i fatti suddetti e le responsabilità del ristoratore.

Quest’ultimo, è stato ritenuto non colpevole, perché il fatto non sussiste, dalla giudice Maddalena Torelli, della prima sezione penale del Tribunale di Lecce.

Continua a Leggere

Alessano

Tricase: le Comunità Energetiche opportunità di sviluppo ambientale, economico e sociale

Incontro pubblico organizzato dalla sede provinciale dell’U.Di.Con. (Unione Difesa dei Consumatori e dalla Sezione Sud Salento di Italia Nostra domani (giovedì 28 aprile, dalle 18,15) nella sala riunioni del GAL Capo S. Maria di Leuca in Piazza Pisanelli. sono invitati cittadini, associazioni, imprese e amministrazioni di Alessano, Andrano, Miggiano, Specchia, Tiggiano e Tricase

Pubblicato

il

La sempre più incalzante questione ambientale correlata alla produzione di energia da combustibili fossili e le cicliche emergenze geopolitiche che mettono in crisi il nostro Paese per la dipendenza energetica, sono condizione che impongono con urgenza ad ogni cittadino, comunità e amministrazione, statale, regionale e comunale, di non essere più consumatori di energia ma di diventare sempre più produttori e gestori di quel bene primario qual è l’energia da fonte rinnovabile che – tra l’altro – è a disposizione di tutti.

Con questo spirito e ritenendo che nel settore dell’energia rinnovabile il territorio salentino può e deve svolgere un ruolo da protagonista per non continuare ad essere terreno di conquista da parte di multinazionali e di società che intendono esclusivamente trarne profitto, spesso devastando il territorio, l’U.Di.Con. (Unione Difesa dei Consumatori) e la Sezione Sud Salento di Italia Nostra, hanno programmato un ciclo di incontri per informare e sollecitare le comunità e le amministrazioni locali ad attivare la nascita delle Comunità Energetiche, strumento che può trovare anche nel nostro territorio la dovuta attenzione per far sì che i cittadini possano beneficiarne economicamente e – nel contempo – concorrere alla tutela dell’ambiente con la produzione di energia rinnovabile e favorire la crescita delle imprese locali.

«In questa direzione», secondo il segretario provinciale di U.Di.Con. Biagio Malorgio ed il presidente della Sezione Sud Salento di Italia Nostra Marcello Seclì, «ogni amministrazione comunale può svolgere un ruolo determinante nel sollecitare i propri cittadini e a supportare la nascita delle Comunità Energetiche nel proprio Comune».

Domani, d’intesa con la locale amministrazione comunale  e con il G.A.L. Capo S.M. di Leuca le due associazioni hanno organizzato l’appuntamento di Tricase, nell’ambito di un ciclo di incontri zonali promossi tra aprile e maggio in diversi Comuni della provincia per poi concludersi con un appuntamento finale a Lecce nel quale si farà il punto della situazione e si individueranno le strategie e le modalità più appropriate con cui passare nella fase di attuazione di questo importante strumento di partecipazione delle comunità locali.

Per quanto riguarda l’incontro di domani, appuntamento, alle 18,15 nella sala riunioni del GAL Capo S. Maria di Leuca in Piazza Pisanelli.

Dopo i saluti del sindaco di Tricase Antonio De Donno e del presidente del Gal Capo di Leuca (nonchè sindaco di Poggiardo) Antonio Ciriolo, l’introduzione a cura del segretario provinciale di U.Di.Con. Biagio Malorgio e del presidente della Sezione Sud Salento di Italia Nostra, Marcello Seclì.

A seguire la proiezione dei filmatiLe Comunità Energetiche spiegate in modo semplice” e “Comunità energetiche in Sardegna“.

In programma i contributi dell’Energy Manager Antonio De Giorgi e del già presidente della Commissione Ambiente della Provincia di Lecce, Nicolino Sticchi.

Modera l’incontro il “nostro” Giuseppe Cerfeda.

«All’incontro», sottolineano gli organizzatori, «sono invitati cittadini, associazioni, imprese e amministrazioni di Alessano, Andrano, Miggiano, Specchia, Tiggiano e Tricase».

Continua a Leggere

Andrano

Incidente nella notte: paura tra Spongano e Castiglione d’Otranto

Pubblicato

il

Rocambolesco incidente nella notte nel sud Salento.

Due vetture si sono rese protagoniste di uno scontro sulla strada provinciale 165.

Lo schianto, sulla via che collega i centri abitati di Spongano e di Castiglione d’Otranto (frazione di Andrano).

Violento l’impatto, all’altezza di uno dei due passaggi a livello che tagliano la strada a distanza di pochi chilometri l’uno dall’altro.

Una delle due vetture coinvolte è stata sbalzata lateralmente, finendo per rimanere adagiata su una fiancata.

Si sono recati sul posto per i rilievi i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Tricase e quelli della stazione di Presicce.

Grande spavento per gli occupanti delle due auto: soccorsi, non sono in condizioni critiche.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus