Connect with us

Attualità

Tricase: il dipinto de “I 3 Profeti moderni” torni al suo posto

La richiesta dei consiglieri di opposizione di “Tricase, che fare?”, Giovanni Carità e Antonio Baglivo, dopo che il pannello, al trasferimento della Biblioteca comunale è stato posizionato su una parete dell’Acait

Pubblicato

il

Il dipinto del compianto artista di Montesano Salentino Giuseppe Corrado e raffigurante don Tonino Bello, padre David Maria Turoldo e don Ernesto Balducci, «ritorni al suo posto!».


È la richiesta dei consiglieri di opposizione di “Tricase, che fare?” Giovanni Carità e Antonio Baglivo.


«A seguito della riapertura della Biblioteca Comunale della nostra città», si legge in una nota postata sui social da Giovanni CArità, «abbiamo notato l’assenza del grande pannello dipinto da Giuseppe Corrado nel 1989, raffigurante il busto di tre profeti della Pace: don Tonino Bello, padre David Maria Turoldo e don Ernesto Balducci. Il dipinto ad olio fu voluto da don Eugenio Licchetta, parroco della Parrocchia di Sant’Andrea Apostolo in Tricase, per l’affetto e l’amicizia che questi tre profeti avevano per la nostra terra. Don Eugenio, che ci ha lasciati da qualche mese, apprezzava molto l’arte di Giuseppe Corrado, scomparso anch’egli prematuramente sei anni fa, e pertanto gli commissionò il dipinto»


Appena terminato il lavoro don Eugenio decise di donarlo alla Biblioteca della Città di Tricase.

«Da diversi anni», evidenziano i consiglieri di opposizione, «la Biblioteca Comunale è stata trasferita dalla storica sede di via Toma nella nuova sede di via Micetti. Molto probabilmente nella fase di trasloco si è deciso di non riposizionare il grande dipinto in Biblioteca ma di collocarlo su un’anonima parete di un ex capannone ACAIT».


«Volendo e dovendo rispettare la volontà espressa da don Eugenio, il valore dell’opera dell’artista Giuseppe Corrado e la memoria storica della nostra città», si legge infine, «abbiamo ufficialmente chiesto che l’opera in questione, per le motivazioni sopra elencate, venga riposizionata nella Biblioteca Comunale della Città di Tricase».


Attualità

Riecco il Covid: raddoppiati i positivi totali in una settimana

Pubblicato

il

Il Covid torna a far parlare di sé. La diffusione dei contagi in questi ultimi giorni è ormai nota: tra parenti, amici, conoscenti, colleghi di lavoro, sono sempre di più le persone ad avere un “contatto” con un positivo.

Ed infatti, il report settimanale dell’Asl di Lecce conferma l’andazzo: i positivi sono quasi raddoppiati nell’arco di una sola settimana.

Una impennata che vede a Botrugno la percentuale più alta di positivi per mille abitanti. Ed a Lecce e Nardò il numero più elevato di casi assoluti. Il dato completo da tutti i Comuni della provincia nel documento che puoi scaricare qui di seguito, cliccando download.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase destinazione autentica, il video

Il nuovo videospot commissionato dall’amministrazione. In un minuto e 30 secondi, un inno d’amore per la propria terra

Pubblicato

il

Un video per promuovere Tricase.

Con l’hastag #destinazioneautentica è disponibile sul canale youtube del Comune tricasino il nuovo videospot commissionato dall’amministrazione guidata dal sindaco Antonio De Donno.

Un vero e proprio racconto, in poco più di un minuto e mezzo, dell’amore che si nutre per la propria terra.

Continua a Leggere

Attualità

Ulivi e Primitivo sulla moneta pugliese

È stata coniata dal Poligrafico dello Stato nell’ambito di una serie da collezione dedicata alla cultura enogastronomica italiana; dal valore nominale di 5 euro, è stata prodotta in 15mila unità ed è in vendita nei negozi e sul sito internet del Poligrafico dello Stato

Pubblicato

il

Ora anche la Puglia ha la sua moneta, nata per celebrare la nostra regione e le sue eccellenze enogastronomiche.

È stata coniata dal Poligrafico dello Stato nell’ambito di una serie da collezione dedicata alla cultura enogastronomica italiana.

La moneta può essere non solo un mezzo di pagamento ma anche un importante vettore per la promozione culturale dei territori italiani, un percorso che il Poligrafico dello Stato ha intrapreso nel 2019 quando, per la prima volta è stata coniata una moneta dedicata alla pizza e alla cultura enogastronomica campana.

Quest’anno è toccato alla Puglia che è rappresentata con numerosi elementi tipici della regione tra cui orecchiette, il vino Primitivo (tutto salentino), il pane di Altamura, gli ulivi, un trullo e i delfini di Taranto.

«La moneta dedicata alla Puglia è un’occasione importante», ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della fondazione Univerde, «per sostenere la nostra battaglia contro il fake food».

La moneta dal valore nominale di 5 euro, è stata prodotta in 15mila unità ed è in vendita nei negozi e sul sito internet del Poligrafico dello Stato. Sta riscuotendo un successo notevole come ha riferito il direttore del Poligrafico dello Stato Antonio Cascelli, in poche ore sono stati venduti 9mila pezzi e si stima che entro la settimana non saranno più disponibili. All’evento ha preso parte il Presidente del

Poligrafico di Stato Antonio Palma che ha sottolineato la qualità e l’impegno del lavoro posto in essere dai tecnici del poligrafico che si confermano ogni giorno tra i migliori al mondo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus