Connect with us

Dai Comuni

Tricase, sprechi pubblici alla luce del sole

Illuminazione pubblica accesa fuori orario. In alcune zone del paese i lampioni si accendono addirittura un paio d’ore prima del tramonto

Pubblicato

il

Negli ultimi giorni i cittadini più attenti avranno notato un’anomalia per le strade di Tricase. In alcune zone, una su tutte Piazza Cappuccini e dintorni, l’illuminazione pubblica si accende addirittura un paio d’ore prima del tramonto.


È vero, ormai mancano pochi giorni al cambio di orario col passaggio all’ora legale, ma è anche vero che le giornate si sono allungate ormai da un pezzo. Possibile che gli orari d’accensione siano ancora programmati come nel periodo natalizio? Evidentemente sì.


Il giorno di Santa Lucia, “il più corto che ci sia”, come vuole il detto popolare, è lontano addirittura tre mesi. A questo punto sorge addirittura il dubbio: rischiamo che nessuno si accorga di niente nemmeno dopo l’arrivo dell’ora legale?

Inutile ora stare qui a riprendere i soliti discorsi su sprechi, austerità e quant’altro. Che il Comune dovrebbe essere amministrato come  un’azienda o  una famiglia, cercando di  economizzare in tutti i modi, riducendo al minimo i costi ed eliminando gli sprechi, lo sappiamo tutti. Basterebbe forse un minimo di attenzione in più, magari un controllo più frequente della situazione di quartiere in quartiere per migliorare le cose.


Lorenzo Zito


Cronaca

Malore per due anziani in vacanza, due morti in mare

Due tragedie si sono consumate oggi a poche ore di distanza sulle spiagge salentine lungo il litorale adriatico…

Pubblicato

il

Due tragedie si sono consumate oggi a poche ore di distanza sulle spiagge salentine lungo il litorale adriatico: due anziani turisti, colti da malori improvvisi, muoiono: uno era in acqua, l’altro sulla spiaggia.

La prima era il 71enne di Latina, Giorgio Fiocco, l’altro del torinese Luigi Enio, di 77 anni.

Il primo era a mare con la famiglia: mentre faceva il bagno, in località ‘baia due sorelle’, Melendugno, si è notato che non si muoveva più. Sopraggiunti i soccorsi e trasportato a riva ci si è accorti che non c’era più nulla da fare.

Il secondo fatto di cronaca si è verificato ad Otranto, sulla spiaggia di Alimini, dove il 77enne ha perso la vita, forse anche lui per un malore, o per il gran caldo.

Continua a Leggere

Attualità

Tricase: la biblioteca chiusa per ferie!?

Per svoltare si attendono il completamento dell’iter per il sistema bibliotecario con l’inglobamento della biblioteca di Palazzo Comi e l’avviso pubblico

Pubblicato

il

La carenza di personale alle dipendenze del Municipio, come più volte denunciato dal sindaco Antonio De Donno, continua ad essere una mannaia su Tricase ed i tricasini.

Come nel caso della Community Library, la nuova Biblioteca comunale di via Micetti, inaugurata ma tuttora a mezzo servizio.

Per alcuni mesi il problema è stato aggirato grazie all’accordo con l’associazione “Heidi” per l’apertura della BILL (la Biblioteca della Legalità inaugurata lo scorso 8 marzo), accordo con il quale l’associazione aveva messo a disposizione delle somme ed una figura professionale che affiancasse la prof.ssa Gloria Fuortes.

La nuova biblioteca, ci fanno sapere dall’amministrazione, «è aperta per attività ordinaria. Si sta predisponendo un avviso di prossima pubblicazione in cui si acquisiranno i progetti di attività complementari previste dal bando della Community Library a cui Tricase partecipò all’epoca per ottenere il finanziamento».

Vale a dire che oltre all’attività ordinaria, garantita dal personale interno, in un futuro più o meno prossimo, nella Community Library prenderanno vita attività complementari che consentiranno l’apertura straordinaria oltre l’orario classico.

Per la pubblicazione dell’avviso si attende di portare a termine il disegno dell’amministrazione che vuole «comprendere nel sistema bibliotecario anche la Biblioteca di Palazzo Comi. Allo scopo già ci sono stati incontri e interlocuzioni con Regione e Provincia. Il direttore del sistema bibliomuseale ci ha già inviato una bozza di convenzione e di protocollo di intesa che coinvolge Regione e Provincia a cui abbiamo dato riscontro positivo. Siamo in attesa della determina regionale e dell’invio formale del protocollo da firmare che consentirà di legare Palazzo Comi e la sua biblioteca al sistema bibliotecario di Tricase che, per la prima volta, comprenderà un patrimonio culturale fino ad ora ritenuto esterno rispetto all’attività istituzionale della città. Le attività culturali di Palazzo Comi diventeranno parte integrante della gestione della Community Library. Siamo dunque in attesa del documento formale propedeutico alla pubblicazione dell’avviso pubblico».

In questi giorni, però, la biblioteca è chiusa del tutto perché la Fuortes è (come suo diritto) in ferie. Anche quando la titolare è in servizio, nonostante la buona volontà e le capacità indiscusse, non può garantire il pieno funzionamento di una struttura grande e articolata come la nuova biblioteca.

Per svoltare definitivamente, dunque, sono indispensabili due passaggi: il completamento dell’iter per il sistema bibliotecario di Tricase e la pubblicazione dell’avviso pubblico. Per il resto, come ci è stato riferito, «sono già a disposizione le somme per il lancio della start up per le attività complementari».

L’altra novità riguarda il dipinto del compianto artista di Montesano Salentino, Giuseppe Corrado (commissionato dal mai troppo rimpianto don Eugenio Licchetta) e raffigurante don Tonino Bello, padre David Maria Turoldo e don Ernesto Balducci: ci è stato garantito che «presto sarà individuato lo spazio più consono, in biblioteca, per restituirlo alla città».

IL FUTURO DI VIA CADORNA

Ne abbiamo approfittato per chiedere lumi sul futuro prossimo di via Cadorna: «I lavori della rete stradale sono quasi ultimati e per l’arredo urbano si potrà provvedere anche a viabilità ripristinata. Il comando di polizia locale sulla base delle indicazioni della commissione sta ultimando la bozza definitiva. Il tutto dovrebbe esser definito entro una decina di giorni».

Bisognerà dunque aspettare per l’ufficialità delle decisioni in merito alla percorrenza in auto di quella via. Da quel che ci risulta, però, l’opzione più gettonata sarebbe quella di un senso unico per chi proviene da via Thaon De Revel per poi sfociare verso via Domenico Caputo (e poi verso piazza Pisanelli e via Stella d’Italia) e via Diaz (per piazza Cappuccini).

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

Galatina

Dopo un testa a testa Vergine è il nuovo sindaco di Galatina

Tra l’ex sindaco Amante e Fabio Vergine è stato una lotta fino all’ultimo voto…

Pubblicato

il

L’affluenza alle urne per il turno di ballottaggio è stata del 56,45%, un dato molto basso rispetto al 66,8% di domenica 12 giugno.

Tra l’ex sindaco Amante e Fabio Vergine è stata una lotta fino all’ultimo voto, uno scrutinio ricco di pathos e, alla fine, Vergine l’ha spuntata per soli 100 voti di differenza.

“Accettiamo la sconfitta”,  ammette in un post Amante, “continueremo a lavorare per la nostra città come vere sentinelle”. La replica del nuovo sindaco Vergine non si è fatta attendere: “Siamo felicissimi. Complimenti ad Amante e alla sua coalizione. L’auspicio è che si possa iniziare a parlare da subito la stessa lingua per far tornare la città ad essere centrale. Mi auguro che potremo instaurare un rapporto collaborativo” ha chiosato il nuovo Sindaco a proposito dello sfidante, “Galatina  non può fare a meno di un professionista come lui”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus