Connect with us

Attualità

Tricase, Liquilab al buio. Il sindaco: «Ecco perché»

L’amministrazione rivendica il possesso dei locali di piazzetta dell’Abate ed ha provveduto al distacco della corrente elettrica. In un post Facebook il malumore dell’organizzazione no-profit tricasina. Il sindaco De Donno: «Non si può essere proprietari di beni pubblici senza averne titolo»

Pubblicato

il

Dopo aver ricevuto l’ultima diffida con la richiesta di riconsegna delle chiavi della propria sede sita in Piazzetta dell’Abate (entro il 19 settembre) Liquilab oggi ha ricevuto la notifica con cui è stata informata « che ieri pomeriggio l’amministrazione comunale ha provveduto al distacco della corrente elettrica nei locali ove presenti beni culturali dichiarati di interesse culturale causando dei gravi rischi contro la conservazione, tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale nazionale».


La cosa non è andata giù ai diretti interessati che hanno manifestato il loro malcontento in un post su Facebook che hanno titolato “Buio a Liquilab”.


Nello stesso post ne spiegano anche le ragioni: «Liquilab è la casa di tutti, luogo della memoria popolare, punto di aggregazione per le generazioni, in cui è dichiarata di interesse culturale una collezione del Museo etnografico della vita popolare di Tricase e in cui è dichiarata di interesse storico-culturale importante l’archivio e le produzioni artistiche, cinematografiche e librarie di “Liquilab – Bottega di Memorie e Identità Giovanili”. Un corpus patrimoniale inscindibile e connesso con il territorio che è costantemente salvaguardato, valorizzato e trasmesso attraverso una pluralità di progetti, programmi annuali ed eventi che durano l’intero anno».


Secondo Liquilab la decisione dell’amministrazione comunale è «contro i principi dichiarati dalla Convenzione UNESCO per la Salvaguardia dei Beni Culturali Intangibili e contro la Convenzione di Faro del Consiglio d’Europa che rimarcano il valore dell’eredità culturale e delle comunità patrimoniali nel processo di salvaguardia del patrimonio; a tal proposito Liquilab rappresenta una comunità patrimoniale e di eredità che custodisce e valorizza, negli spazi comunali in cui è ubicata, i beni dichiarati di interesse culturale dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi e Lecce e dalla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia».

L’organizzazione no-profit ritiene dunque sia «una decisione ingiusta che lede il diritto fondamentale dei cittadini alla fruizione del proprio patrimonio culturale, rilanciamo un nuovo appello alle Istituzioni locali, provinciali, regionali e nazionali per creare un gruppo di lavoro per condividere un percorso che possa assicurare la tutela del bene culturale ed al contempo lo sviluppo di una progettualità comune per la sua ulteriore salvaguardia, sviluppo e diffusione».


Il sindaco: «Sono da oltre un anno in quella sede senza un contratto»


Interpellato a riguardo il sindaco Antonio De Donno spiega: «Sono da oltre un anno in quella sede senza un contratto. Abbiamo inviato numerosissime lettere senza avere mai risposta. Pur non votando in consiglio comunale una mozione dell’opposizione per fargli continuare l’attività fino a fine agosto-settembre di fatto l’abbiamo messa in pratica lasciandoli lì fino ad ora. Poi gli abbiamo concesso un ulteriore settimana per la consegna delle chiavi. Non hanno ottemperato e ci siamo visti costretti al distacco della corrente elettrica ed al cambio del lucchetto. Non si può essere proprietari di beni pubblici senza averne titolo», conclude il sindaco De Donno


Appuntamenti

Per un Salento Circolare

Avviato il progetto: transizione ecologica, creazione di reti, pratiche sostenibili. Il calendario degli appuntamenti con tappe a Lucugnano di Tricase, Cutrofiano, Castrignano de’ Greci e Zollino

Pubblicato

il

Progettare il futuro sostenibile delle imprese artigiane protagoniste dell’industria culturale.

Sono partiti i tavoli di co-progettazione del progetto “Per un Salento Circolare” organizzati da Confartigianato Imprese Lecce, in partenariato con il Dipartimento di Scienze umane e sociali di Unisalento e il CETMA Centro di Ricerche Europeo di Tecnologie Design e Materiali.

Il progetto, cofinanziato dal Ministero della Cultura nell’ambito della misura “Capacity building” per gli operatori della cultura per gestire la transizione ecologica, mira ad accompagnare le imprese del Salento nel processo di conversione ecologica su cui dovranno misurarsi quanto prima.

Il progetto – che durerà due anni – prevede l’organizzazione di focus incentrati sul rafforzamento della consapevolezza degli operatori rispetto alle sfide della transizione ecologica, con attività di diffusione di buone prassi, di promozione e di creazione di reti e comunità di pratiche sostenibili.

Dalla gestione dei rifiuti alla produzione dei gas serra, dal consumo di risorse energetiche ai trasporti, fino al riuso dei materiali e degli scarti, ogni aspetto legato alla transizione green sarà oggetto di un’assistenza tecnico-specialistica su misura, dedicata alle imprese coinvolte già in questa prima fase di progetto, grazie al team di professionisti che il partenariato metterà a disposizione.

L’azione si articolerà in due fasi: una prima di BarCamp (due mesi) orientata alla conoscenza del campo d’azione e alla ricognizione dei bisogni delle imprese, e una seconda di Sustainability Shop (quattro mesi) dedicata all’empowerment diretto (consapevolezza) degli attori.

I BarCamp sono tavoli di co-progettazione per la conversione ecologica degli eventi e delle imprese.

Dopo i primi appuntamenti di febbraio ecco il programma per questo mese: il 6 marzo è previsto l’incontro dal tema “Riti e tradizioni” presso Casa Comi, Lucugnano; il 13 marzoDesign e artigianato” presso l’Innovation Hub Fratelli Coli Technologies, Cutrofiano; il 20 marzoArte, cinema e teatro” all’interno del Palazzo Baronale de Gualtieris, a Castrignano dei Greci; il 27 marzo “Musica”, Laboratorio urbano To Kalo Fai Zollino. (info: www.confartigianatolecce.it).

I Sustainability Shop, invece, sono previsti nella seconda parte del progetto e sono sviluppati per generare l’incontro tra le competenze specialistiche degli esperti e le domande che su queste tematiche emergono “dal basso”, ovvero dagli operatori e dalle persone sul territorio.

«L’obiettivo del progetto», spiega il segretario di Confartigianato Lecce Emanuela Aprile, «è la definizione e messa in opera di un modello virtuoso, di un cantiere di comunità per la transizione ecologica dove far dialogare scienza, arte, imprese e governance pubblica».

Continua a Leggere

Appuntamenti

Gli stati generali a 5 Stelle

Riunione provinciale del MoVimento 5 Stelle in programma venerdì 1° marzo presso l’Ecoresort Le Sirenè a Gallipoli. Il coordinatore provinciale Iunio Valerio Romano chiama a raccolta i «Gruppi territoriali, vero laboratorio di idee, proposte, confronto e dibattito diretto». Saranno presenti anche il coordinatore regionale on. Leonardo Donno, il vice presidente M5S sen. Mario Turco, l’europarlamentare on. Mario Furore, il sen. Antonio Trevisi, il vice presidente del Consiglio regionale pugliese Cristian Casili e tutti i consiglieri comunali M5S della provincia

Pubblicato

il

«Un’occasione per confrontarsi e dialogare sul lavoro svolto dai Gruppi territoriali e dall’intera comunità pentastellata in provincia di Lecce nel corso di quest’ultimo anno e dei tanti progetti futuri».

Così il coordinatore M5S per la provincia di Lecce (già senatore) Iunio Valerio Romano (nella foto in alto) presenta la riunione provinciale 2024 del MoVimento 5 Stelle, aperta a tutti gli iscritti e simpatizzanti, in programma venerdì 1° marzo, dalle 17,30, a Gallipoli, presso l’Ecoresort Le Sirenè.

L’incontro vedrà la partecipazione, oltre che del coordinatore regionale on. Leonardo Donno, del vice presidente M5S sen. Mario Turco, dell’europarlamentare on. Mario Furore, del sen. Antonio Trevisi, del vice presidente del Consiglio regionale pugliese Cristian Casili e di tutti i consiglieri comunali M5S della provincia.

«La riunione», scende nei particolari Romano, «è finalizzata al dialogo e al confronto con i partecipanti, che potranno intervenire portando il loro costruttivo contributo in termini di esperienza e proposte anche con riguardo alle prossime elezioni amministrative del giugno 2024, che vedrà coinvolti 28 Comuni salentini, compreso il capoluogo».

«Inoltre», sottolinea il coordinatore pentastellato, «in vista delle prossime elezioni Europee, è stata avviata dai vertici nazionali un’ampia attività di coinvolgimento nella scrittura del programma di tutti gli under 36 del MoVimento, chiamati a elaborare un pacchetto di proposte aventi come obiettivo quello di migliorare il destino dei giovani cittadini europei su cinque temi chiave, particolarmente rilevanti per il mondo giovanile, ovvero lavoro, ambiente, diritti e benessere, innovazione e intelligenza artificiale, orientamento. Dall’altra parte, la comunità dei Gruppi territoriali, che coinvolge oltre 25 mila persone su tutto il territorio nazionale, anche con l’eventuale supporto di cittadini e realtà civiche locali, è stata a sua volta invitata a contribuire alla stesura del programma, elaborando idee e proposte su 3 temi chiave per le politiche europee, quali l’Unione europea e la sfida della pace, l’intelligenza artificiale e il lavoro, l’agricoltura e l’ambiente».

«Il MoVimento 5 Stelle», conclude Iunio Valerio Romano, «ha progettato, da qualche tempo ormai, un rafforzamento della propria azione politica sui territori, favorendo la nascita dei Gruppi territoriali, vero laboratorio di idee, proposte, confronto e dibattito diretto. La riunione provinciale darà, dunque, modo di operare un riscontro del lavoro svolto, per affinare e potenziare un metodo che garantisca sempre più uno sviluppo collegiale e democratico dell’azione sui territori».

Continua a Leggere

Attualità

Dal Salento a Bruxelles: ricostruire l’olivicoltura nel post Xylella

Oltre 2mila agricoltori nelle assemblee territoriali di Coldiretti tenutesi a Sternatia, Ugento, Casarano, Lecce, Galatina, Nardò ed Otranto. 22 imprenditori salentini a Bruxelles per rivendicando più attenzione per il territorio ed una politica di protezione del made in Italy

Pubblicato

il

Ripristinare gli uliveti dopo la distruzione seminata dalla Xylella Fastidiosa.

Ammodernare le imprese con nuove tecnologie, differenziare le colture, ottimizzare le risorse idriche, sviluppare e rendere competitive le filiere dei cereali e del latte nel Leccese.

Di questo e di molto altro si è parlato nel ciclo di assemblee territoriali organizzato da Coldiretti Lecce che ha radunato oltre 2mila agricoltori a Sternatia, Ugento, Casarano, Lecce, Galatina, Nardò, Otranto, i maggiori centri di riferimento del mondo agricolo del Tacco d’Italia.

A più di 10 anni dal ritrovamento del patogeno negli uliveti del Gallipolino che ha devastato migliaia di ettari, il Salento vuole voltare pagina e ricostruire l’agricoltura e il paesaggio.

Gli incontri si sono svolti alla presenza del presidente di Coldiretti Lecce Costantino Carparelli, del direttore Aldo De Sario, della responsabile Coldiretti Donne Lecce Daniela Specolizzi, del responsabile di Coldiretti Giovani Impresa Fausto Puce, dei presidenti territoriali e di tantissimi soci Coldiretti.

Il dibattito, aperto e coinvolgente, ha scandagliato tutte le tematiche sentite come fondamentali per la ripresa e lo sviluppo del comparto agricolo del Salento, differenziando anche le priorità degli specifici distretti produttivi: dal settore del vivaismo delle barbatelle dell’indruntino al florivivaismo dell’area di Leverano, dalla zootecnia del Neritino alle orticole del Nord Leccese.

Spazio anche a tematiche fondamentali come l’approvvigionamento idrico, la riduzione dei costi di produzione, le deroghe sugli ecoschemi.

«Il rapporto con i soci deve essere sempre più costruttivo», commenta il presidente di Coldiretti Lecce Costantino Carparelli, «la capillarità della rappresentanza è il nostro valore aggiunto. Tutte le assemblee sono state molto partecipate ed abbiamo fatto sintesi delle problematiche emerse per essere più incisivi nelle nostre battaglie che portiamo avanti nel contesto regionale, nazionale ed europeo».

Una delegazione di 22 imprenditori salentini ha partecipato alla manifestazione organizzata da Coldiretti a Bruxelles rivendicando più attenzione per il territorio ed una politica di protezione del made in Italy, in primis la difesa delle frontiere Ue, sinora un colabrodo che ha fatto arrivare nel Leccese materiale vegetale infetto, causa poi della più grande devastazione fitosanitaria che si ricordi d’uomo.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus