Connect with us

Zollino

Gruppo La Cascina, acquisita la Turigest. Investimenti per 1,3 mln e nuove assunzioni

Grazie all’investimento di 1,3 milioni di euro nel prossimo triennio, il management del gruppo, leader nei settori della ristorazione collettiva e del global service, stima una crescita del 15% di fatturato e personale con 70 nuovi assunti

Pubblicato

il

Un investimento di 1,3 milioni di euro nel prossimo triennio che porterà il fatturato a crescere del 15% con conseguente aumento dei posti di lavoro, dai 150 attuali ai 220 nel 2021. Sono le previsioni del management del Gruppo la Cascina, da quarant’anni leader nei settori della ristorazione collettiva e del global service, all’indomani dell’acquisto della Turigest, azienda specializzata nella ristorazione scolastica e ospedaliera in Salento.

Il Gruppo conferma la propria attenzione alle capacità produttive e imprenditoriali del Sud e della Puglia, insistendo sempre di più grazie a investimenti consistenti e mirati allo sviluppo del Meridione. Obiettivo finale del management è il consolidamento della presenza pluriennale in Puglia e in particolar modo nel Salento anche attraverso una valorizzazione delle esperienze locali.

L’operazione finanziaria e industriale permetterà al Gruppo non solo di accrescere il know-how e rafforzare la propria presenza nel sud della Puglia, ma anche di avvicinarsi maggiormente al territorio rispondendo con più efficacia alle esigenze della collettività.

Il Gruppo La Cascina è già attivo in modo capillare in Salento, operando in sinergia con i Comuni di Lecce, Galatina, Monteroni e con gli ospedali più importanti della ASL di Lecce; nel privato può vantare un ricco portfolio di clienti. “La professionalità del nostro staff, la qualità delle materie prime utilizzate e la perfetta organizzazione del lavoro ci hanno permesso di crescere molto in questi ultimi anni nel Salento: la soddisfazione dell’utenza e del committente ha fatto da volano per il nostro sviluppo sul territorio, segno che la strada intrapresa dal gruppo è quella giusta”, sono le prime parole di Riccardo Erbi, direttore commerciale Sud Italia per il Gruppo La Cascina.

Tra i motivi che hanno portato alla maxi operazione di investimento spicca la necessità di implementare la produzione di pasti. “Il centro cottura di Lecce, di proprietà della Cascina Global Service, ha ormai raggiunto il massimo della capacità produttiva: pertanto l’interesse all’acquisizione di Turigest nasce anche dalla necessità di avere un centro cottura con potenzialità produttive maggiori e rispondere così alle esigenze del territorio, delle committenze e della collettività”, spiega il direttore commerciale de La Cascina.  Che poi aggiunge come “la forte presenza territoriale di entrambe le realtà garantisce una particolare sinergia organizzativa tesa, già nel breve periodo, a migliorare le perfomance operative nel leccese”.

La Turigest è un’azienda in grado di fornire servizi di ristorazione collettiva e assistenziale coniugando qualità e sicurezza alimentare, mantenendo un giusto rapporto qualità-prezzo e prestando sempre la massima attenzione alle necessità degli utenti.

Attualmente Turigest è impegnata con la committenza sia pubblica (69%) che privata (31%).

Turigest è proprietaria del più importante centro di cottura del Salento. Situato a Zollino e, si estende per ben 850mq e ha una capacità produttiva di 4.500 pasti al giorno.

Un centro cottura con un posizionamento strategico che può incrementare ulteriormente la propria produzione con servizi eccellenti all’insegna della migliore qualità. “Il nostro obiettivo primario – sottolinea Riccardo Erbi – è valorizzare ulteriormente l’ottimo lavoro sin qui svolto da chi a gestito in questi anni questa importante realtà locale a servizio della committenza locale.

Cronaca

In auto con la pistola già carica: fermato 33enne

Arrestato in flagranza, Alberto Specchia, 33 anni, nato a Maglie, residente a Zollino e domiciliato a Martano

Pubblicato

il

Fermato sulla strada provinciale 30 Martignano-Sternatia, a bordo della sua Fiat Bravo è stato trovato in possesso di una pistola a tamburo, marca Taurus, calibro 38 special, con matricola alterata e pronta all’uso, con 5 colpi dello stesso calibro già inseriti.

Arrestato in flagranza, Alberto Specchia, 33 anni, nato a Maglie, residente a Zollino e domiciliato a Martano.

Dovrà rispondere di porto illegale ed alterazione di arma da fuoco.

La pistola era nascosta all’interno di uno zainetto adagiato sul sedile anteriore destro nel cui interno vi era anche un telefono cellulare, munito di relativa sim card. Il tutto è stato sottoposto a sequestro

per successivi accertamenti finalizzati stabilire epoca, detenzione e provenienza dell’arma in sequestro. L’uomo è invece stato associato alla Casa Circondariale di Lecce.

Continua a Leggere

Attualità

Sicurezza strade aree interne: 10 milioni per piccoli paesi

Paesi salentini finanziati: Bagnolo, 163mila; Cannole, 243mila; Giuggianello, 145mila; Giurdignano, 219mila; Palmariggi, 157mila; Patù, 168mila; Sanarica, 183mila; Seclì, 180mila; Surano, 166mila; Zollino, 194mila

Pubblicato

il

Si è riunita questa mattina a Palazzo Chigi la cabina di regia per l’utilizzo del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) per il rilancio della crescita.

Nel corso dell’incontro al quale hanno preso parte il Dipartimento per il Sud e la Coesione Territoriale, il Dipartimento Affari Regionali, il Ministero delle Infrastrutture, il Ministero dell’Ambiente e la Conferenza delle Regioni si è stabilita una nuova assegnazione di 10 milioni di euro del FSC 2014-20 alla Regione Puglia per un “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade nei piccoli Comuni delle aree interne“. Lo ha reso noto l’ufficio stampa del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.

I Comuni salentini finanziati: Bagnolo del Salento, 163mila; Cannole, 243mila; Giuggianello, 145mila; Giurdignano, 219mila; Palmariggi, 157mila; Patù, 168mila; Sanarica, 183mila; Seclì, 180mila; Surano, 166mila; Zollino, 194mila.

Continua a Leggere

Appuntamenti

La Patrona degli Aeronauti a Galatina

L’aeroporto militare accoglie la statua della Beata Vergine di Loreto che resterà circa tre settimane nel Salento

Pubblicato

il

È giunta quest’oggi al 61° Stormo di Galatina, l’effige sacra della Madonna di Loreto, una statua appositamente realizzata per il Giubileo Lauretano, che attraverso un percorso itinerante, sta visitando tutti i reparti dell’Aeronautica Militare dislocati sul territorio nazionale. Accolta all’arrivo da una rappresentanza del personale della Base e dalle Associazioni d’Arma Aeronautica della provincia di Lecce, la statua è stata accompagnata, con una breve processione, all’interno della cappella aeroportuale.

Ricorre quest’anno il centenario della proclamazione, avvenuta il 24 marzo del 1920, della Vergine Lauretana quale Patrona universale degli aeronauti.

Per celebrare l’avvenimento, Papa Francesco ha concesso il “Giubileo Lauretano” che ha avuto inizio l’8 dicembre 2019, con l’apertura della Porta Santa nel Santuario di Loreto, e si concluderà il 10 dicembre 2020.

Il Giubileo si rivolge a tutti i fedeli che, in qualche modo, sono legati al mondo dell’aviazione civile e militare, non solo i lavoratori, ma anche i passeggeri.

Il 61° Stormo, capoluogo di circoscrizione ed ente di riferimento aeronautico per tutti i reparti dell’Arma Azzurra ubicati nelle province di Lecce e Brindisi, avrà il privilegio di custodire la “Madonna Pellegrina” per circa tre settimane nel corso delle quali sono previsti numerosi appuntamenti religiosi tra cui:

–          domenica 16 febbraio, alle 11, Santa Messa presso la Basilica “De Finibus Terrae” di Santa Maria di Leuca presieduta dal Vescovo di Ugento (la processione avrà inizio alle ore 10:30);

–          lunedì 17 febbraio, alle 18, Santa Messa presso il Duomo di Lecce presieduta dal Vescovo di Lecce (dopo la Messa, all’interno della Cattedrale, si terrà un concerto della Fanfara della 3^ Regione Aerea);

–          martedì 18 febbraio, ore 19.00, Santa Messa presso la Chiesa Matrice di San Cesario “Santa Maria delle Grazie”;

–          mercoledì 19 febbraio, dalle 10 alle 12, “venerazione” presso il Santuario “Madonna di Loreto” di Zollino e alle 18 Santa Messa presso la Chiesa di “San Martino di Tours” a Taviano;

–          giovedì 20 febbraio, alle 17.30 Santa Messa presso la Chiesa “Madonna di Loreto” di Lequile;

–          venerdì 21 febbraio, alle ore 18, Santa Messa celebrata a Galatina presso la Basilica di “Santa Caterina d’Alessandria” (la processione inizia alle ore 16.45 con partenza da Piazza San Pietro);

–          martedì 25 febbraio, ore 10,30, Santa Messa presso la Cattedrale di Otranto presieduta dal Vescovo di Otranto;

–          venerdì 28 febbraio, con inizio alle 11, Santa Messa presso la Basilica “Santa Maria ad Nives” di Copertino, presieduta dal Vescovo di Nardò (la processione avrà inizio alle ore 10,30).

Inoltre, durante la permanenza in terra salentina, saranno previsti alcuni momenti di apertura al pubblico delle basi militari per dare la possibilità ai devoti di visitare la statua “pellegrina” e ricevere l’indulgenza plenaria.  L’aeroporto militare di Galatina sarà aperto ai fedeli:

  • dalle 10 alle 12, e dalle 14 alle 16: nelle giornate di lunedì 17, martedì 18 e venerdì 21 febbraio;
  • dalle 10 alle 12: giovedì 20, sabato 22 e domenica 23 febbraio;
  • dalle 14 alle 16: mercoledì 4 marzo.

L’apertura al pubblico riguarderà esclusivamente il tragitto ingresso-cappella aeroportuale. Dopo aver parcheggiato l’auto all’esterno, si accede previa esibizione del documento di identità e rilascio pass

Per il col. Alberto Surace, comandante del 61° Stormo e dell’aeroporto di Galatina «la presenza dell’effige sacra della Madonna di Loreto sulla base aerea di Galatina, oltre a testimoniare il profondo legame dell’aeroporto con la nostra amata Patrona, rappresenta un’opportunità di riflessione sui valori che ogni giorno guidano l’impegno umano e professionale del personale, militare e civile, dell’Arma Azzurra, valori quali la dedizione, la prontezza, la disponibilità, la consapevolezza dei propri compiti e la responsabilità della missione assegnata».

Il 61° Stormo, che dipende dal Comando delle Scuole A.M./3^ Regione Aerea di Bari, è una “scuola di volo” la cui missione primaria è quella di provvedere alla formazione e all’addestramento su aviogetti degli allievi piloti. In particolare presso la base aerea salentina si tengono corsi di fase II “Primary Pilot Training” (selezione della linea di volo di futura assegnazione), fase III “Fighter Track” (brevetto di pilota militare per chi andrà a volare sulle linee caccia) e fase IV (Lead In-to Fighter Training – propedeutica all’addestramento avanzato su velivoli da combattimento.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus