Connect with us

Alessano

Caccia selvaggia, sequestrati 30 richiami acustici illegali

Scovati e sottoposti a sequestro penale accumulatore al piombo, timer, campana acustica, autoradio autorevers e l’immancabile nastro (cassetta) riproducente il verso delle quaglie, questo il perfetto armamentario del “bracconiere” che in maniera del tutto sleale attrae le sue prede in barba allo spirito sportivo che la caccia, per secoli, ha rappresentato

Pubblicato

il

Gli Agenti della Polizia Provinciale di Lecce in quattro distinte operazioni, ad un mese dall’avvio della stagione venatoria, hanno eseguito una “bonifica” del territorio salentino. Oltre 30, infatti, i congegni elettromagnetici a diffusione acustica, i cosiddetti “registratori”, scovati e sottoposti a sequestro penale. Accumulatore al piombo, timer, campana acustica, autoradio autorevers e l’immancabile nastro (cassetta) riproducente il verso delle quaglie, questo il perfetto armamentario del “bracconiere” che in maniera del tutto sleale attrae le sue prede in barba allo spirito sportivo che la caccia, per secoli, ha rappresentato.


Questo è il periodo migratorio delle quaglie e di conseguenza il periodo migliore per usare mezzi non consentiti per la caccia di questi animali. Il Comandante del Corpo di Polizia Provinciale, l’avv. Antonio ARNO’, ha voluto risparmiare l’ennesima distruzione da parte dei bracconieri nei confronti di questi volatili. “Sempre più spesso, vengono utilizzati dei materiali realizzati artigianalmente che non fanno altro che danneggiare, chi caccia per passione e non per divertimento, spiega il Comandante ARNO’, “i bracconieri per riuscire a cacciare le quaglie, spesso fanno utilizzo di materiali non consentiti, per un abbattimento semplice e veloce dell’animale. L’arte venatoria è una passione, non deve assolutamente diventare una pratica illegale, che va solo a danneggiare chi ama la caccia”. Dodici unità impiegate e oltre 1.800 km percorsi in quattro notti dagli Agenti coordinati dai Tenenti De Matteis e Guerrieri; numerosi gli appostamenti nelle campagne del Salento disseminato di congegni a funzionamento elettromagnetica adatti al richiamo delle quaglie stanziali e di passo autunnale. I pattugliamenti hanno interessato l’area centro sud e nord est del Salento; i ritrovamenti sono avvenuti in Agro dei Comuni di Supersano, Acquarica del Capo, Salve, Alessano, Morciano di Leuca, Presicce, Carpignano Salentino, Martano, Cannole, Palmarigi, Cursi, Bagnolo del Salento, Maglie, Giuggianello, Andrano e Nociglia. Gli agenti hanno individuato i punti da cui provenivano i ripetuti versi artificiali e, con l’aiuto di torce elettriche e molta pazienza, hanno scoperto i nascondigli dei richiami. Nessun bracconiere è stato avvistato ma le attrezzature sono state disinnescate e rimosse per evitare che i volatili attratti dal suono diventassero facile bersaglio di caccia. L’azione repressiva delle notti scorse va ad aggiungersi alla costante azione preventiva posta in essere dagli uomini della Polizia Provinciale di Lecce i quali, pattugliano il territorio palmo a palmo sottoponendo a controllo amministrativo i cacciatori, al fine di tutelare sempre più il patrimonio indisponibile dello Stato preservandone l’integrità e la naturale armonia. Allo stato, il Comando di Polizia Provinciale, ha rimesso le relative informative di reato, per ora a carico di ignoti, alla competente Procura della Repubblica di Lecce per la convalida di sequestro penale dei richiami acustici. Tuttavia sono in corso le indagini dirette all’individuazione dei responsabili di tale attività venatoria illegale.

Alessano

Ultime Covid: picco di contagi a Matino, altro ricovero da Alessano

Pubblicato

il


Matino vive una crescita dei contagi che il Comune riporta con la seguente nota sulla sua pagina Facebook:





“L’ultimo bollettino ufficiale, notificatoci oggi dalla Prefettura di Lecce, aggiornato al dodici gennaio, rileva un numero di 68 persone che risultano positive al covid19, 11 persone dimesse, altre in quarantena.
Il dato risente purtroppo delle molte imprudenze commesse durante il periodo festivo quando molte famiglie si sono ritrovate magari soltanto per gli auguri ma hanno così favorito il contagio all’interno degli stessi nuclei.
In questo momento difficile, occorre pertanto fare molta attenzione anche alla modalità con cui ci rapportiamo con i parenti più stretti osservando più che mai le regole che conosciamo: uso della mascherina, distanziamento fisico, lavaggio, con idoneo prodotto, delle mani, evitare il più possibile assembramenti”.




Ad Alessano invece la situazione “è al momento stabile”. Lo scrive la sindaca Torsello che aggiunge: “Abbiamo ricevuto informalmente la notizia di due guarigioni, di cui attendiamo la conferma da parte della Asl nelle prossime ore. Oggi un altro concittadino è stato ricoverato in ospedale: a lui e agli altri ricoverati auguriamo una pronta guarigione”. I positivi comunicati 24 ore prima erano 55.


Continua a Leggere

Alessano

Coronavirus: 1082 nuovi casi in Puglia

Pubblicato

il


Oggi mercoledì 13 gennaio 2021 in Puglia, sono stati registrati 10.221 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.082 casi positivi: 435 in provincia di Bari, 92 in provincia di Brindisi, 217 nella provincia BAT, 118 in provincia di Foggia, 104 in provincia di Lecce, 110 in provincia di Taranto, 5 residenti fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota.





Sono stati registrati 15 decessi: 5 in provincia di Bari, 3 in provincia BAT, 1 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 2 in provincia di Taranto.





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.143.261 test.





46.345 sono i pazienti guariti.





55.478 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 104.578, così suddivisi:





40.162 nella Provincia di Bari;





12.013 nella Provincia di Bat;





7.724 nella Provincia di Brindisi;




22.562 nella Provincia di Foggia;





8.398 nella Provincia di Lecce;





13.050 nella Provincia di Taranto;





568 attribuiti a residenti fuori regione;





101 provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.





Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 13.1.2021 è disponibile al link: http://rpu.gl/jcPOy





Ieri sera da Alessano la sindaca Torsello ha aggiornato la cittadinanza “Sono 55 i cittadini alessanesi attualmente positivi: sono questi i numeri secondo i dati ufficiali (cioè relativi a persone che si sono sottoposte ad un test diagnostico riconosciuto dai protocolli vigenti) che quotidianamente mi vengono notificati dalle istituzioni sovraordinate e che ogni giorno ho comunicato alla cittadinanza dall’inizio dell’emergenza. Nella giornata odierna si è reso necessario un nuovo ricovero in ospedale, mentre è rientrata la criticità emersa ieri sera per un altro paziente. Sono in contatto con il personale sanitario per monitorare le condizioni individuali dei contagiati a domicilio e di quelli ospedalizzati”.





A Tiggiano “I contagi all’interno del territorio comunale salgono a 24. I focolai sono dovuti in maggioranza a ragioni professionali e hanno interessato intere famiglie. Per alcuni le condizioni di salute sono severe” fa sapere il sindaco Giacomo Cazzato. “Chiedo a tutti ancora una volta di evitare qualsiasi tipo di visita a parenti o amici se non in caso di vera necessità e urgenza e di indossare sempre i dispositivi di sicurezza”.


Continua a Leggere

Alessano

Scuole, ospedali, carcere e decessi: Leccese sotto scacco Covid. Oggi tre morti a Taurisano

Pubblicato

il


Persistono le criticità dettate dal Covid, nonostante la campagna di vaccinazione avanzi.





La temuta terza ondata, poco visibile a “occhio nudo”, fa paura se se ne leggono gli effetti.





In queste ore si registrano ripercussioni anche sul carcere di Lecce.





Qui, un secondo caso di positività presso l’ufficio matricola, ha portato alla chiusura temporanea ai nuovi ingressi. È stato disposto infatti un isolamento e per alcuni giorni borgo San Nicola non riceverà altri detenuti. Ciò, chiaramente, non significa che la legge smette di fare il suo corso: le prossime traduzioni prenderanno il carcere di Bari come punto di riferimento, sino al rientro alla normalità a Lecce.





Continua intanto ad essere critica la situazione ospedaliera. I posti disponibili nel Dea e per le terapie intensive sono centellinati e quasi al completo.




I decessi e i ricoveri non sembrano aver tregua. Nonostante l’altalenante andazzo dei contagi (dettato spesso anche da giornate festive con meno tamponi effettuati), si sono registrati vari ricoveri dalla provincia di Lecce e più decessi.





Alcuni centri ne registrano più di uno: detto già di Alessano che nella giornata di ieri ha “portato” due suoi concittadini al Dea di Lecce, oggi spunta Taurisano tra i record negativi. Ben 3 pazienti taurisanesi del Deal sono infatti spirati in giornata per l’aggravarsi del quadro clinico in presenza di Covid.





Poche ore prima, era stato registrato un decesso anche di un cittadino di Parabita.





In questo marasma, mentre si torna gialli ma si attende di essere arancioni, nel timore di sprofondare in rossi con le nuove soglie dettate dai parametri, non se la passano bene nemmeno le scuole che quotidianamente seguiamo da vicino con le decisioni della Regione, a livello “generalizzato”, e dei sindaci a livello locale. Ultimi centri a disporre la sospensione delle lezioni in presenza Andrano e Matino.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus