Connect with us

Matino

Calcio, Matino: la presidente dice basta

Cristina Costantino consegna il titolo sportivo nelle mani del sindaco:  «Da parte di questa amministrazione non è giunto il sostegno che ci era stato garantito e, a fronte delle promesse, poi disattese, nel campionato appena trascorso si sono infranti tutti i sacrifici profusi dalla sottoscritta e da tutte le persone che mi sono state vicine»

Pubblicato

il

Un comunicato ufficiale per annunciare il proprio disimpegno i cui motivi sono ben spiegati dalla presidente dell’A.S.D. Polisportiva Virtus Matino, Cristina Costantino, che ha consegnato il titolo sportivo al sindaco Johnny Toma e all’amministrazione comunale. E sarebbero state proprio alcune promesse disattese dagli amministratori locali la causa scatenante.


«Egregio Sindaco, con la presente la sottoscritta Cristina Costantino, nella qualità di Presidente della squadra di calcio A.S.D. Polisportiva Virtus Matino», si legge nel comunicato della presidente, «con grande amarezza comunica la propria intenzione di consegnare il titolo sportivo nelle Vostre mani in quanto da parte di questa amministrazione non è giunto il giusto sostegno che ci era stato garantito e, a fronte delle promesse, poi disattese, nel campionato appena trascorso si sono infranti tutti i sacrifici profusi dalla sottoscritta e da tutte le persone che mi sono state vicine, in questi ultimi cinque anni, mettendomi di fronte a questa dolorosa scelta di consegnare il titolo sportivo nelle mani dell’amministrazione comunale».


Il prossimo campionato cui dovrebbe prendere parte l’A.S.D. Polisportiva Virtus Matino, dopo l’amara retrocessione dal campionato di Serie D, è quello di Eccellenza Pugliese per il quale, intanto, incombe l’iscrizione la cui scadenza avrà come giorno ultimo utile quello del 22 luglio.

«Ad oggi nonostante i vari incontri e rassicurazioni verbali», scrive ancora Cristina Costantino, «non si ha una data certa per il termine dei lavori del campo sportivo la cui indisponibilità e inutilizzabilità, per noi e per tutte le società di calcio di Matino, significherebbe non poter neppure pensare di iniziare a programmare un futuro. Lei lo sa», aggiunge rivolgendosi direttamente al sindaco Toma, «nell’ultimo anno, e non solo, l’A.S.D. La Polisportiva Virtus Matino ha dovuto peregrinare in vari campi della provincia sopportando importanti costi di affitto, parte dei quali devono ancora essere onorati. Spero, vivamente, che tutti i sacrifici fatti fino ad ora, per tenere alti i valori della squadra del Matino, che è un bene della città, non vadano vanificati e che questa Amministrazione, nella Sua persona, riesca a trovare una soluzione, coinvolgendo anche gli imprenditori locali, per non fare spegnere i colori bianco/azzurro. Oggi, per il bene del Mio Matino, mi metto da parte e metto da parte anche i “risentimenti” per le mancate promesse e per gli aiuti che non sono mai giunti concretamente».


«Ritengo che un amministratore abbia l’obbligo, quantomeno morale, di ricerca una soluzione per salvare la squadra di calcio che appartiene “alla città di Matino”. Ad oggi, purtroppo», conclude la ormai ex presidente, «non sussistono le condizioni per fare continuare questo sogno, in quanto non c’è uno stadio, manca l’interesse dell’amministrazione e dell’imprenditoria locale, di cui ho necessità, per traghettare “la nostra squadra” verso migliori traguardi».


Alliste

Inchiesta della GdF, terremoto nel Salento: coinvolti politica, sanità e imprenditori

Ai domiciliari l’ex senatore Salvatore Ruggeri, indagato principale, l’ex sindaco di Alliste Antonio Renna e l’ex consigliere regionale Mario Romano. Obbligo di dimora per il neo eletto sindaco di Scorrano Mario Pendinelli; divieto didimora per il rieletto sindaco di Otranto Pierpaolo Cariddi. Richiesta di sospensione del direttore generale della Asl Lecce Rodolfo Rollo. Tra gli indagati anche la direttrice dell’Ospedale Panico di Tricase Suor Margherita Bramato

Pubblicato

il

Le fiamme gialle del Comando Provinciale di Lecce hanno eseguito  alcune misure cautelari personali, emesse dal Giudice per le indagini preliminari di Lecce, su richiesta della Procura della Repubblica di Lecce, nei confronti di 11 persone (cinque ai domiciliari, quattro all’obbligo di dimora, uno di divieto di dimora e un divieto di esercitare attività imprenditoriale), indagati per ipotesi di reato di corruzione, traffico di influenze illecite e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici.

Domiciliari per l’ex senatore Totò Ruggeri, 72 anni, di Muro Leccese; l’ex sindaco di Alliste, Antonio Renna, 67 anni, consigliere comunale d’opposizione e commissario straordinario dell’Arneo; l’ex consigliere regionale Mario Romano, 72 anni, di Matino; Massimiliano Romano, 52 anni, di MatinoEmanuele Maggiulli, 56 anni, di Muro Leccese. Obbligo di dimora per il neo eletto sindaco di Scorrano, Mario Pendinelli, 57 anni; e per Antonio Greco, 49 anni, di Carpignano Salentino.

Divieto di dimora per il sindaco di Otranto, Pierpaolo Cariddi, 56 anni, del posto.

Divieto di svolgere l’attività professionale per Elio Vito Quarta, 77 anni, di Carmiano; per Giantommaso Zacheo, 50 anni, di Carpignano; e Fabio Marra, 55 anni, di Galatone.

Infine c’è anche la richiesta di sospensione del direttore generale della Asl Lecce Rodolfo Rollo, 61 anni, di Cavallinoche verrà eventualmente applicata all’esito dell’interrogatorio di garanzia.

Venti in tutto gli indagati. Fra loro anche suor Margherita Bramato, 72 anni, di Tricase, legale rappresentante dell’ente ecclesiastico Panico di Tricase. L’accusa sarebbe di corruzione per l’esercizio delle funzioni in concorso con Rollo come direttore generale della Asl e Ruggeri nelle vesti di assessore regionale al Welfare.

Secondo l’impianto accusatorio, la direttrice dell’ospedale tricasino si sarebbe attivata per fare ottenere alla Asl le prestazioni dialitiche erogate dall’azienda ospedaliera  “Cardinale Panico” per la sua struttura Santa Marcellina di Castrignano del Capo. In cambio del favore, sempre secondo l’accusa, avrebbe assunto il figlio del direttore generale dell’Asl salentina.

Le indagini, svolte dai finanzieri della Compagnia di Otranto e coordinate dalla Procura della Repubblica di Lecce, sembrano aver disvelato un modus operandi grazie al quale il senatore Ruggeri, indagato principale, avrebbe posto in essere una serie di comportamenti ispirati non solo all’arricchimento personale, ma anche tesi ad assicurarsi e mantenere bacini di consenso elettorale attraverso una gestione personalistica di presidi di potere ormai consolidati in alcuni dei punti nevralgici della macchina amministrativa sia a livello provinciale, sia a livello regionale.

Le condotte delineatesi durante lo sviluppo delle attività operative si sarebbero sostanziate nella promessa di posti di lavoro da parte di alcuni pubblici ufficiali, in cambio di plurime utilità, nel collocamento di persone di fiducia in posizioni strategiche di svariati Enti pubblici, nell’adozione di decisioni dell’indagato principale, ovvero di altre persone a lui vicine, che abbiano comportato nei confronti del medesimo un illecito profitto personale.

L’azione di servizio, svolta in stretta sinergia con l’Autorità Giudiziaria, testimonia il perdurante impegno della Guardia di Finanza a presidio della sicurezza economico-finanziaria del Paese e nel contrasto delle condotte che impattano sul regolare funzionamento della Pubblica Amministrazione.

Si evidenzia che il procedimento penale verte ancora nella fase delle indagini preliminari e che la responsabilità degli indagati sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

Continua a Leggere

Collepasso

Piccoli e grandi campioni insieme

Al Centro di preparazione olimpica di Formia, in provincia di Latina, i ragazzi delle Associazioni sportive di atletica leggera “BPP” di Matino, “A.L.I. del Salento” di Zollino e “Saracenatletica” di Collepasso hanno condiviso spazi e fatiche il velocista azzurro Brayan Lopez, l’oro olimpico Gimbo Tamberi, l’ostacolista Alessandro Sibilio…

Pubblicato

il

Estate non è solo tempo di vacanze ma anche, soprattutto per gli atleti di qualunque sport, tempo di esperienze e di sessioni di allenamento speciali, in luoghi altrettanto speciali, che durante le altre stagioni sarebbero inimmaginabili.

È accaduto ai ragazzi delle Associazioni sportive di atletica leggera “BPP” di Matino,A.L.I. del Salento” di Zollino e “Saracenatletica” di Collepasso che, dopo un’intera stagione di sacrifici ed allenamenti duri sui nostri campetti di periferia, hanno avuto l’importante occasione di allenarsi presso il Centro di preparazione olimpica di Formia, in provincia di Latina.

Per i ragazzi e le ragazze, accompagnate dai loro tecnici Saverio Sabina e Rosario Scorrano, è stata sicuramente un’importante esperienza formativa dal punto di vista tecnico ma lo è stata ancor di più da un punto di vista umano.

Il contesto in cui si sono allenati infatti, ha consentito di condividere gli spazi e le fatiche con campioni dell’atletica leggera nazionale come il velocista azzurro Brayan Lopez o l’oro olimpico Gimbo Tamberi o l’ostacolista Alessandro Sibilio o di lavorare al cospetto di grandi allenatori come Vitalij Petrov che, fra gli altri, fu il coach del mitico campione di salto con l’asta Serhij Bubka.

Momenti importanti nella crescita sportiva ed umana di questi ragazzi salentini perché con questi grandi campioni non hanno condiviso solo gli stessi spazi ma hanno avuto modo di confrontarsi, di ricevere da loro consigli ed incoraggiamenti, insomma, di passare quei classici giorni che si ricorderanno a lungo. Da un punto di vista prettamente tecnico, momenti altamente formativi sono state le lezioni sulla reattività e sui salti in estensione tenuti dal prof. Vincenzo Scipione che della materia è uno dei massimi esperti italiani.

Al termine di giorni di preparazione come questi, non ci sono attestati cartacei da incorniciare ma di sicuro ci sono tutta una serie di emozioni e di insegnamenti di cui far tesoro e che torneranno utili durante i prossimi allenamenti invernali sui nostri campi di periferia (che meriterebbero in verità una cura ed attenzioni maggiori) e la giusta energia durante le gare della prossima stagione.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Attualità

Matino: pronta la squadra per il Toma-bis

Pubblicato

il

Il rieletto sindaco Giorgio Salvatore (Johnny) Toma ha ufficializzato la squadra con cui governerà Matino nei prossimi cinque anni.

Vice sindaco sarà Fabrizio Salvatore Coluccia; nominati quattro assessori (due uomini e due donne), e molte deleghe, compresa quel al PNRR: Transizione Digitale e Innovazione tecnologica nella P.A .

Ecco la nuova squadra già al lavoro

COLUCCIA Fabrizio Salvatore – vicesindaco

Opere pubbliche

Pubblica istruzione

Edilizia e manutenzione scolastica, servizi scolastici.

BARONE Lucetta Angela – assessore

Cultura e Turismo

Programmazione e gestione del Teatro Comunale

CORONESE Emanuele – assessore

PNRR: Transizione ecologica

Sicurezza Ambientale ed Igiene urbana

Mobilità sostenibile

GATTO Emanuela Anna– assessore

Servizi sociali

Politiche per combattere la povertà e l’esclusione sociale

Politiche giovanili ed informagiovani

Politiche attive del Lavoro e dell’occupazione

Politiche della Casa ed Edilizia Popolare – Ufficio Casa

FUSARO Antonio – assessore

Polizia Locale

Verde pubblico

Spazi attrezzati

BIANCHI Leonardo

PNRR: Transizione Digitale e Innovazione tecnologica nella P.A

Formazione Università

Casa di Comunità

COSTANTINO Antonio

Beni  Storico Culturali

Museo MACMa

DE DONATIS Aldo

Cimitero Comunale

Manutenzione e Servizi cimiteriali

DE SIMONE Enrico

Attività produttive

Servizi alle imprese e Sportello agricolo

FERRARO Maria Antonietta

Pari opportunità

Decoro ed arredo urbano

Politiche per gli anziani e Tutela dei diritti delle disabilità

LATINO Nunzia

Programmazione Economica e Finanziaria

Bilancio

MANNETTA Jannette

Politiche per la trasparenza

Attuazione del Programma

Comunicazione Istituzionale

ROMANO Alessandra

Marketing Territoriale

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus