Connect with us

Casarano

Rally di Casarano: partito il countdown

L’attesa è già febbrile, nomi e vetture ad alto tasso di spettacolarità sono già date per certe ai nastri di partenza della gara d’apertura del Challenge Rallies Nazionali di Settima Zona ad elevato coefficiente.

Pubblicato

il

Il countdown per il Rally Città di Casarano edizione 2013 in programma sabato 20 e domenica 21 aprile sulle strade del basso Salento scandisce gli ultimi giorni per le iscrizioni che si chiuderanno sabato 13 aprile. Nonostante una situazione economica generale molto problematica, il positivo riscontro ed affetto che gli equipaggi nutrono verso questa gara arriva tangibile proprio dalle richieste di partecipazione che stanno giungendo presso l’ufficio segreteria.


L’attesa è già febbrile, in quanto nomi e vetture ad alto tasso di spettacolarità sono già date per certe ai nastri di partenza di un evento che ha saputo ritagliarsi la propria fetta di notorietà nel contesto nazionale e di zona e che si propone quest’anno all’attenzione degli appassionati come gara d’apertura del Challenge Rallies Nazionali di Settima Zona ad elevato coefficiente.


La manifestazione che vanta anche quest’anno l’importante patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Lecce e del Comune di Casarano, istituzioni sempre vicine agli eventi che come questo possono valorizzare il territorio, si dipanerà lungo un percorso selettivo e altamente tecnico che rispecchia la lunga tradizione della gara ma che allo stesso tempo si rinnova nei contenuti promettendo agonismo e spettacolo.


La principale novità dell’edizione numero venti del Rally Città di Casarano, la cui macchina organizzativa è curata dalle scuderie Casarano Rally Team e Piloti Salentini, riguarda la prova speciale di Punta Ristola che verrà proposta nella giornata di domenica in versione ridisegnata rispetto a quella messa in scena dodici mesi fa. Oltre alla nuova prova che sarà anche la più lunga del rally con i suoi 13,84 km, nello stesso giorno verrà proposta l’altra “special stage” Marina di Pescoluse, vecchia conoscenza degli appassionati delle quattro ruote, anch’essa da ripetere tre volte e rimasta del tutto invariata rispetto allo scorso anno (10,50 km). Le ostilità sportive si apriranno però nella serata di sabato con la disputa del classico e insidioso prologo spettacolo (2,72 km) in programma presso la Pista Salentina di Torre San Giovanni-Marina di Ugento e che darà un primo volto alla classifica.

Nulla di modificato per quanto riguarda la logistica del rally che sarà riproposta come nel 2012; il quartier generale della manifestazione rimarrà a Torre San Giovanni presso la Pista Salentina dove saranno organizzati gli uffici destinati alla Direzione Gara, Segreteria, Sala Stampa e Centro Cronometraggio. Nella zona paddock dell’impianto ugentino verrà allestito il Parco Assistenza mentre i Riordini di domenica si espleteranno nell’ area parcheggio della medesima struttura. Confermata anche la sede delle operazioni preliminari di verifica previste a Casarano nella mattinata di sabato 20 aprile (ore 9.30 – 12.30) presso la Concessionaria Renault “Guglielmo De Nuzzo spa”. La gara prenderà poi il via nel tardo pomeriggio dello stesso giorno (ore 18.01) da Piazza San Domenico a Casarano e dopo la prova spettacolo che scatterà a partire dalle ore 18.55 i concorrenti vi faranno ritorno per entrare nel riordinamento notturno (ore 19.35). L’indomani, domenica 21 la sfida ripartirà sempre da Piazza San Domenico alle ore 8.31 per terminare nello stesso luogo, con l’arrivo finale in programma a partire alle ore 18.00, dopo le altre sei sfide cronometrate previste. In totale la distanza competitiva sarà pari a 75,74 km su un percorso complessivo molto raccolto che misura 301,36 chilometri.


Il sito internet della manifestazione, raggiungibile all’indirizzo www.rallycittadicasarano.eu, è costantemente aggiornato ed è arricchito di nuovi contenuti. Contiene i documenti e tutte le informazioni possibili sulla gara.


Attualità

Casarano, inaugurato il pianoforte nel day hospital di oncologia

Emozioni con il giovane pianista Francesco Marra (11 anni!), testimonial LILT Lecce: «Mi auguro che questa iniziativa possa contaminare altri reparti e ospedali»

Pubblicato

il

🔴 Segui il canale il Gallo 🗞 Live News su WhatsApp: clicca qui

Grandi emozioni a Casarano per l’iniziativa “Umanizziamo i nostri ospedali” organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) di Lecce, con il patrocinio dell’ASL di Lecce e del Comune di Casarano.

In tanti, pazienti, ex pazienti, familiari e cittadini, hanno partecipato all’inaugurazione del pianoforte donato alla Lilt da un cittadino anonimo che ha fortemente voluto destinarlo al Day Hospital di Oncologia dell’OspedaleFrancesco Ferrari” di Casarano.

L’incontro si è aperto con le parole e le note del brillante pianista leccese Francesco Marra, di soli 11 anni, da tempo testimonial Lilt Lecce.

Oltre a incantare i presenti con le sue originali composizioni jazz “Hy (Gioia)” e “Ut” ed una selezione di brani classici, il giovane pianista ha espresso l’auspicio che l’iniziativa Lilt «possa contaminare anche altri ospedali e reparti, come quelli di Pediatria, per consentire alla musica di portare sollievo e gioia nei luoghi di cura».

Invito accolto con favore e rilanciato anche dal Direttore generale dell’Asl di Lecce, Stefano Rossi, il quale ha ringraziato la Lilt e sottolineato «il ruolo fondamentale svolto oggi dal mondo del volontariato per la sanità pubblica, alle prese ormai ovunque con problemi di grave carenza di personale, il che ci induce tutti a sforzi organizzativi per andare incontro alle nuove esigenze di una popolazione sempre più anziana, ragionando con la testa rivolta verso il futuro».

Il pianoforte, utilizzato già da tempo in reparto con grande apprezzamento da parte di pazienti e familiari, è stato benedetto dal cappellano don Quintino De Lorenzis.

Dopo i saluti del sindaco di Casarano Ottavio De Nuzzo, del direttore generale Asl Lecce e del Presidente Lilt Lecce Antonio Micaglio, sono intervenuti il dr. Nicola Di Renzo, responsabile Dipartimento Integrato di Oncologia DIOnc Salento, la dr. ssa Emanuela Corsano per la Direzione medica dell’ospedale “Ferrari“, la dr.ssa Antonella Elia, responsabile del DH Oncologia e il dirigente medico dello stesso DH, dr. Carmine Cerullo, già presidente Lilt Lecce.

Presente anche la dott.ssa Marianna Burlando, psiconcologa, già presidente Lilt Lecce oggi in servizio presso la Direzione Generale Asl Lecce.

L’iniziativa si è conclusa con l’intervento commosso dell’oncologo Giuseppe Serravezza, che ha ricordato i tanti pazienti e volontari Lilt che oltre 30 anni fa hanno contribuito alla nascita del reparto di Oncologia a Casarano, intitolato non a caso alla memoria di una ex paziente, la dott.ssa Paola Valentini.

Continua a Leggere

Casarano

Calcio, Casarano: solo un punto a Barletta

Risultato a reti bianche che non accontenta nessuno. I Rossoazzurri restano comunque ancorati al quinto posto valido per l’ingresso ai playoff

Pubblicato

il

BARLETTA-CASARANO 0-0

Un pareggio a reti bianche che non accontenta nessuna delle due squadre, scese in campo per conseguire un miglioramento nella rispettiva classifica.

La conseguenza di tal risultato è che il Casarano conserva il quinto posto utile ai play-off, mentre il Barletta vede avvicinarsi il Bitonto, penultimo a soli tre punti.

Quando mancano ormai solo tre giornate al termine della stagione regolare, la truppa di mister Laterza dovrà vedersela domenica al Capozza contro il Matera, giunto a quattro punti di distacco, poi si recherà a Manfredonia, per concludere infine in casa contro il Bitonto.

Insomma, l’obbiettivo di raggiungere posizioni più consone nella griglia play-off sarebbe ancora alla portata delle Serpi, ma purtroppo bisogna fare i conti con la perdita di pedine importanti per affrontare le restanti battaglie.

E con i pareggi, quando una vittoria vale ben tre punti, non è che si faccia granché di strada.

Giuseppe Lagna

Nella foto in alto (Barletta Calcio), una fase di gioco al “Puttilli”, privo di tifosi casaranesi per decreto
Continua a Leggere

Attualità

Dopo il weekend d’estate temperature in picchiata, torna l’inverno

In pochi giorni le condizioni meteo-climatiche cambieranno sull’Italia, passando dell’estate all’inverno in diverse regioni, secondo il meteorologo di 3bmeteo.com, che avverte che termicamente potremo tornare indietro di due mesi.

Pubblicato

il

Dopo il weekend dal sapore estivo si cambia: sull’Italia confluiranno venti artici in discesa dal Nord Europa e una depressione in risalita dal Nord Africa, con rovesci, temporali (localmente anche con grandine), forte vento e netto calo delle temperature, anche sotto la media entro il 16-17 aprile.

In pochi giorni le condizioni meteo-climatiche cambieranno sull’Italia, passando dell’estate all’inverno in diverse regioni, secondo il meteorologo di 3bmeteo.com, che avverte che termicamente potremo tornare indietro di due mesi.

La causa sarà l’affondo deciso di una saccatura colma d’aria artica che smantellerà l’anticiclone subtropicale.

Sull’Italia convergeranno il fronte freddo, in discesa da Nord, e un insidioso vortice attualmente attivo tra Tunisia e Algeria in risalita verso il Sud Italia.

In questa circostanza dunque il tempo diventerà decisamente più instabile e freddo, specie al Centrosud, con temperature probabilmente sotto la media in modo diffuso entro il 17-18 aprile.

Lunedì 15 sarà ancora una giornata di attesa con sole e clima piuttosto caldo, tra martedì 16 e mercoledì 17 si entrerà nel vivo, concretizzandosi la ‘fusione’ tra la depressione in risalita dal Nord Africa e il fronte freddo che nel frattempo valicherà le Alpi: mentre preziose piogge dovrebbero bagnare il Sud a partire dall’assetata Sicilia, il tempo tenderà a peggiorare anche al Centronord con rovesci e temporali sparsi (spesso accompagnati anche da grandine) maggiormente incisivi su Nordest e versante adriatico (Nordovest con molta probabilità in larga parte asciutto). 

Il tutto contestualmente ad un calo termico talora sensibile sotto venti burrascosi di tramontana e maestrale, fatto che potrebbe favorire il ritorno della neve sull’Appennino anche sotto i 1200-1300m su quello centrale.

Anche sulle Alpi tornerà un po’ di neve, specie su quelle di confine e orientali dove fiocchi bianchi potrebbero spingersi fin sotto i 1000m.

Nei giorni immediatamente successivi il tempo potrebbe mantenersi instabile e freddo per il periodo su diverse aree d’Italia, con ulteriori piogge sparse, temperature a tratti sotto la media e rovesci di neve su Alpi e Appennino a quote medie.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus