Connect with us

Attualità

Rinviata di una settimana la gara dello “Slalom Torre del Mito”

2° Slalom Torre del Mito gara automobilistica di abilità, Sp 358 Porto Badisco – Santa Cesarea Terme

Pubblicato

il

CAUSA DEL MALTEMPO ,PREVISTO PER IL PROSSIMO FINE SETTIMANA, LA PRIMA GARA AUTOMOBILISTICA PUGLIESE SU STRADA DEL 2021 E’ STATA RINVIATA DI UNA SETTIMANA: AL 27-28 MARZO 2021.


Dopo il grande successo riscosso della prima edizione nello scorso settembre, ecco ritornare a grande richiesta il doppio evento della seconda edizione dello Slalom “Torre del Mito” e della Parata di auto storiche “Track on SP 358 della Terme Salentine”, in programma il 27 e 28 marzo nel Salento, con il focus puntato soprattutto su Santa Cesarea.


L’organizzazione della gara è curata dalla scuderia Asd Motorsport Scorrano in collaborazione con Aci Lecce che, tramite Aci Storico, ha proposto la riproposizione della Parata di auto storiche. La kermesse vanta il patrocinio della presidenza del Consiglio della Regione Puglia, del Comune di Santa Cesarea Terme e delle Terme di Santa Cesarea Spa.



La strada scelta per la competizione è stata inserita dal mensile di automobilismo Quattroruote, nel numero di giugno 2002, al 5º posto tra le dieci strade più belle d’Italia. La sp 358, gia’ strada statale delle terme Salentine da Otranto a Leuca. Questa gara di Slalom è iscritta al calendario nazionale ed è valida per il “Campionato Interregionale Puglia, Basilicata e Molise”.


La tipologia di gara scelta è quella dello slalom, che permette di utilizzare tratti di strada in pendenza, ricco di curve di vario raggio. Il tracciato si snoda lungo la litoranea per 3 km e 400 metri. I rettilinei sono interrotti da ben 8 postazioni di birilli che servono ad abbassare la velocità media sotto gli 80 km all’ora, rendendo il percorso sicuro. Si tratta di una gara di abilità e non di velocità. Il regolamento di questa gara permette la partecipazione di vetture formula, sport, prototipi e turismo, sia moderne che storiche.


C’è grande interesse attorno a questa gara di slalom, in quanto si tratta della prima competizione del 2021 – afferma l’ideatore della kermesse Santo Siciliano, presidente della scuderia Motorsport Scorrano, coorganizzatrice della kermesse insieme ad Aci Lecce -. Si potrà svolgere questa tipologia di gara grazie al protocollo anti-Covid realizzato da Aci Sport, Coni e Ministero della Salute ed è attuabile anche in zona rossa. Ovviamente la gara si svolgerà in sicurezza, senza la presenza del pubblico”.


Sarà dunque una kermesse a porte chiuse, ma verrà garantita la copertura mediatica con il gruppo Sud Salento Rally, che, in collaborazione con la scuderia salentina, ha programmato delle dirette web di tutte le fasi delle gara. La diretta potrà essere seguita anche sulle pagine Facebook Sud Salento Rally, Radio Ok e Automotive in Salento.


La prima edizione è stata vinta dal pilota campano di Cava de’ Tirreni, Francesco D’Amore, su Fiat 127 Speciale Slalom con 44 equipaggi. In questa edizione sono attesi ancor più partecipazioni.


In questo 2021 è stato allestito uno Speciale Challenge a cura della concessionaria MPM Spa Ford di Lecce. Ci sarà la sfida tra ben 9 vettura Ka Plus in assetto da gara con 9 piloti che si affronteranno per la speciale classifica. Sono mezzi studiati appositamente per le corse e partecipano in diversi campionati in tutta Italia.


MSS SCORRANO MOTORSPORT


Attualità

Covid a due velocità: aumentano i positivi e i vaccinati

Lo riferisce il report settimanale della Asl, segnalando un incremento rispetto alla scorsa settimana di 144 casi. Salgono a 870mila invece i vaccinati

Pubblicato

il

Sono 509 i cittadini presenti in provincia di Lecce attualmente positivi al covid-19, contro i 365 di una settimana fa. Lo riferisce il report settimanale della Asl, segnalando un incremento rispetto alla scorsa settimana di 144 casi. Si tratta di un aumento già preventivato che ha portato alla risalita della curva epidemica, dovuta soprattutto alla maggiore trasmissibilità della variante Delta in diffusione quasi esclusivamente tra quei target di popolazione ancora non vaccinati e tra i giovani, vacanzieri e non.

Il Dott. Fabrizio Quarta, Direttore U.O.C. Epidemiologia e Statistica ASL Lecce, riporta i seguenti dati:

Sono 873.002 le dosi di vaccino somministrate finora a cittadini residenti in ASL Lecce, di cui 493.567 prime dosi, 358.544 seconde dosi e 20.891 monodose.

Rispetto alla distribuzione per fascia di età: 27.727 sono state somministrate nella fascia 12-19, 59.652 nella fascia 20-29, 71.234 nella fascia 30-39, 131.070 nella fascia 40-49, 167.720 nella fascia 50-59, 153.676 nella fascia 60-69, 148.486 nella fascia 70-79, 92.641 nella fascia 80-89, 20.796 negli over 90.

IL REPORT

 

Continua a Leggere

Attualità

La Regione stanzia 3 milioni di euro per gli inquilini delle case popolari

Si tratta di un corposo stanziamento della Regione Puglia, di cui 500 mila euro per la provincia di Lecce. Agli aventi diritto verrà rimborsato l’importo pari a 3 mensilità del canone corrisposto.

Pubblicato

il

La regione Puglia ha approvato una misura di sostegno affitti per l’emergenza da covid-19 a beneficio degli inquilini delle Case Popolari della Provincia di Lecce. Si tratta di un corposo stanziamento della Regione Puglia pari a 3 milioni di euro, di cui 500 mila euro per la provincia di Lecce. Agli aventi diritto verrà rimborsato l’importo pari a 3 mensilità del canone corrisposto.

Il Sindacato Inquilini Casa e Territorio attraverso un comunicato stampa fornisce i dati utili per poter richiedere il sussidio: a partire dal 26/07/2021 e fino al 30/09/2021 è possibile presentare domanda per il rimborso pari a 3 mensilità del canone corrisposto.

I REQUISITI PER OTTENERE IL RISTORO

1. Assegnatari in regola con i censimenti reddituali e con i pagamenti alla data del 31/12/2019 e che non abbiano già beneficiato del contributo regionale;

2. Assegnatari inoccupati e/o non percettori di ammortizzatori sociali (es. CiG, ecc.);

3. Assegnatari con pensione sino ad € 7.000,00 annuali;

4. Assegnatari che abbiano nel nucleo familiare uno o più portatori di handicap, risultante/i dal verbale di riconoscimento dell’invalidità pari al 74%;

5. Assegnatari o loro familiari colpiti da Covid 19.

Le domande potranno essere presentate esclusivamente su piattaforma elettronica dal sito di Arca Sud Salento, oppure rivolgendosi alle organizzazioni sindacali degli
inquilini come il Sicet – Cisl di Lecce che provvederanno alla necessaria assistenza dell’inquilino e all’inoltro della domanda.

Continua a Leggere

Attualità

Autovelox Melpignano: «Giudice di Pace non ha bocciato photored ma contestato circolare del Ministero»

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum. Secondo il il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, Antonio Marzo, «Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored»

Pubblicato

il

Antonio Marzo, responsabile delle relazioni esterne Italtraff ha ritenuto di dover intervenire in merito al nostro all’articolo dal titolo “Autovelox Melpignano, altra multa annullata”, pubblicato il 27 luglio scorso.

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum Lecce ed oggetto virgolettato del nostro sottotitolo «Vittoria per un associato Adiconsum Lecce – L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti».

 Secondo Marzo, trattasi di «affermazioni gratuite che gettano ingiusto discredito sul buon nome della scrivente, oltre ad essere anche foriere di possibile pregiudizio economico, ci è d’obbligo fare le dovute precisazioni a tutela del buon nome della società e della validità e legittimità dell’apparecchiatura Photored F17Dr».

«L’asserzione di Adiconsum così come la lettura proposta della decisione del Giudice di Pace, Avv. Silvano Trane, sono fuorvianti», attacca, «oltre che gratuitamente denigratorie dell’apparecchiatura Photored F17Dr e, quindi, di Italtraff srl, quale costruttrice dell’apparecchiatura medesima».

Prima di entrare nello specifico, Marzo reputa «necessari piccoli ragguagli: l’apparecchiatura Photored F17Dr è regolarmente omologata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è conosciuta in tutto il mondo oltre che in Italia (la città di Modena utilizza diciotto apparecchiature Photored dal 2002 – i paesi arabi sono i maggiori acquirenti utilizzatori dei nostri Photored). La prima omologazione ministeriale risale al lontano 1986, sostenuta con entusiasmo ai fini della sicurezza del traffico veicolare dall’allora sottosegretario ai Lavori Pubblici, compianto on. Avv. Gaetano Gorgoni. Italtraff srl sin dal 1986 costruisce a Manduria le apparecchiature Photored con l’ausilio di circa quaranta tra dipendenti e collaboratori di alto profilo professionale. Ha un capitale sociale di 2.420.000 euro. Il marchio “Photored” è registrato a nome di ITALTRAFF, sin dal 1986, all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi presso il Ministero delle Attività Produttive».

Riguardo la sentenza, «da una piana lettura della decisione», secondo Marzo, «emerge in maniera molto chiara che il Giudice di Pace Silvano Trane non ha inteso “bocciare” l’apparecchiatura Photored bensì contestare la circolare prot. 300/A/3743/20/144/5/20/5/ del 27 maggio 2020 con cui il Ministero degli Interni ha (ri)disciplinato la “Taratura dei dispositivi di rilevazione della velocità e proroghe della validità annuale” in occasione dell’emergenza COVID-19».

Per il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, «il Giudice ha invero semplicemente inteso disapprovare la proroga, stabilita con la circolare di cui innanzi, del periodo di validità della taratura (prevista per legge con cadenza annuale), siccome disposta ope legis, che, secondo lui, non garantirebbe sufficientemente la certezza del rilevamento delle infrazioni degli automezzi che viaggiano a velocità superiore a quella prescritta nel tratto di strada interessato. Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored».

Sicché secondo Marzo non è facile arguire la vera ragione ispiratrice delle dichiarazioni di Adiconsum, che, «travisando, con ogni evidenza, la sostanza della sentenza, giunge con fin troppa faciloneria a concludere che si tratterebbe de: “L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti”».

«Trattasi di affermazione tanto gratuita quanto malevola», conclude Antonio Marzo, «che getta ingiusto discredito sul buon nome della Italtraff e dell’apparecchiatura Photored F17Dr. Quanto innanzi al fine di far ben intendere le ragioni di Italtraff a scanso di forzature e disinformazioni di cui non si comprendono le finalità».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus