Papa Francesco: un anno di rivoluzione…

Credenti e atei, laici e praticanti, bigotti e mangiapreti. Razionalità e Fede: l’unione degli opposti, in un periodo in cui tutti gli schemi preconfezionati saltano e perdono di significato. E per una volta non stiamo parlando di questioni politiche. Da un anno il mondo cattolico e religioso pende dalle labbra di un signore grande e grosso, allo stesso tempo canuto e dolce, un interprete riuscitissimo dell’anziano padre di un’enorme famiglia. Esprimendo la dolcezza, la rabbia, la determinazione e il coraggio di un saggio nonno che le ha viste tutte (e che magari ha avuto la forza di imparare dai suoi errori), in dodici mesi un uomo di nome Jorge ha conquistato le simpatie di tutti, o perlomeno di molti in più rispetto ai suoi noti predecessori, spesso austeri e conservatori, a volte apparsi poco disposti a cambiare le millenarie “carte in tavola” dell’Istituzione più controversa della storia.

Papa BergoglioBergoglio no! Papa Francesco è il cambiamento, la semplicità. La scelta del nome parla da sé. Dal primo giorno (13 marzo 2013) si è capito di che pasta fosse fatto questo gigante argentino, venuto “dalla fine del mondo”. Ricorderemo il saluto semplice, incorniciato da un sorriso, la croce metallica e puramente simbolica, le scarpe nere, magari usurate, le tante papaline donate ai più piccoli. Ma non solo: le visite a chi soffre, le telefonate a sorpresa e le udienze private che non ti aspetti stanno costruendo finalmente un “Papa dalla parte dell’ultimo”, quasi un monito per dire che “Gesù non lo trovi nell’oro e nella seta…”. Francesco è un rivoluzionario, in un certo senso un ribelle. Il “Papa rock” di Celentano allora esiste davvero! Non ve ne siete accorti? Non sono certo mancate vicinanza e solidarietà a quel “popolo di Dio”, che – Bibbia alla mano – comprende non solo la gente che schiamazza ostentando una fede meschina, ma anche l’umile e il peccatore. Un “Sua Santità” che spezza una lancia a favore dei divorziati, un Vescovo di Roma che pur rimanendo fermo sulle posizioni tradizionaliste contrarie alle unioni gay quantomeno non le disprezza o giudica, ma condanna l’omofobia e continua nella sua lotta imperterrita contro chi, squallidamente, ha taciuto sugli abusi di prelati pedofili… probabilmente in piena Inquisizione Francesco sarebbe stato un eretico!

Stilare un elenco delle opere (piccole, forse ancora poche, ma dall’immenso significato etico) svolte in un anno dall’Uomo, Jorge, e dal Papa, Francesco, sarebbe difficile e poco produttivo: stiamo parlando di un personaggio esemplare che fa dell’umiltà e del ripudio delle “grandi firme” i suoi cavalli di battaglia.  L’emblema della nuova Chiesa di Francesco non è il lusso sgargiante di molti vescovi e cardinali che vivono isolati nelle loro torri d’avorio, ma la rara semplicità (quando non la povertà) di un attivo prete di campagna. La bontà delle sue parole ha creato un ambiente più accogliente, meno rigido, a prescindere dalla fede nel dio cristiano: anche il più agnostico dell’Universo non può che rimanere compiaciuto dalle proposte di un uomo (finora) immenso. L’augurio è che possa continuare sulla strada rivoluzionaria della “purezza ecclesiastica”. È un percorso in salita, irto di insidie e di ostacoli maligni, ma con gente come Francesco una Chiesa del “progredire”, e non meramente del “proibire”, è finalmente realizzabile!

Stefano Verri

Tags:


Commenti

commenti