Connect with us

Cronaca

Bnl condannata: risarcirà Adelchi

Accolta la richiesta dell’avv. Tanza. Risarcimento di 7 milioni per anatocismo

Pubblicato

il

Altro snodo fondamentale in un’altra vicenda giudiziaria che vede interessato Adelchi Sergio, ex patron del calzaturificio di Tricase che prendeva il suo nome. La Bnl di Lecce è stata condannata ad risarcimento nei suoi confronti per anatocismo.

Adelchi Sergio

Adelchi Sergio

A pochi giorni dalla sentenza del giudice monocratico, che condanna Adelchi e Luca Sergio per omicidio colposo in seguito alla morte di un’ingegnere caduta dal loro capannone, arriva la risposta del Tribunale civile di Lecce all’azione delle società Nuova Adelchi S.p.a. e Calzaturificio Adelchi che 5 anni fa, con  il loro avvocato,  Antonio Tanza, citavano in giudizio l’agenzia di Lecce della Bnl.

Il vicepresidente nazionale di Adusbef, Tanza, ha richiesto l’accertamento e la dichiarazione di invalidità a titolo di nullità parziale del contratto di apertura di credito utilizzato con scoperto in conto corrente.

Il giudice Anna Francesca Capone ha accolto la richiesta dell’associazione consumatori in nome di Adelchi, condannando Bnl al risarcimento di 7 milioni di euro per anatocismo, ossia interessi calcolati su altri interessi che hanno provocato un aumento del debito esponenziale.

Il tribunale ha dato così torto alla banca che, a sua volta, si era opposta alle richieste di accertamento, costituendosi in giudizio.

L’avvocato Tanza manifesta il suo entusiasmo, vedendo in questa sentenza molto di più di una singola vittoria. Si tratta di “un’ancora di salvezza”, una speranza per gli imprenditori in difficoltà economica che, come Adelchi, ritengono di essere stati schiacciati dalle banche.

Un risarcimento, però, dal gusto ambivalente per il patron Sergio. Resta comunque l’irrisarcibile rammarico di aver dovuto chiudere, unito al dubbio di quello che avrebbe potuto essere il futuro dell’azienda se tutto ciò non si fosse verificato.

Lorenzo Zito

Cronaca

Incidente nei pressi del Gulliver

Sinistro poco prima del tramonto e code sulla via per Ruffano

Pubblicato

il

Incidente nel pomeriggio nei pressi del centro commerciale Gulliver di Surano.

Attorno alle 16 due vetture sono rimaste coinvolte in un tamponamento sulla strada provinciale 172, la Ruffano-Surano, a pochi metri dall’incrocio con la strada statale 275.

Necessario l’intervento di forze dell’ordine ed ambulanza. Code sul posto a causa dell’accaduto. Anche da chiarire le responsabilità del sinistro.

Foto di Protezione Civile Salento.

Continua a Leggere

Cronaca

Incidente sul lavoro: operaio perde due dita della mano

L’uomo stava lavorando in una corniceria della zona industriale quando è rimasto ferito dalla tronchese

Pubblicato

il

Stava lavorando ad una troncatrice alla corniceria “Mdl day” della zona industriale di Miggiano quando per motivi ancora da chiarire si è troncato di netto quarto e quinto dito della mano sinistra.

L’episodio è avvenuto poco prima della chiusura, appena dopo le 20,30 di ieri sera.

L’uomo, D.G., 54 anni, di San Cassiano, è stato soccorso immediatamente dai colleghi che hanno chiamato il 118. Così tamponata la ferita l’operaio è stato trasportato d’urgenza al “Card. Panico”  dove è stato operato nella notte.

Sul posto, nella zona industriale di Miggiano, oltre ai sanitari, i carabinieri di Specchia e gli ispettori dello Spesal chiamati a ricostruire l’accaduto e a verificare fossero rispettate le normative relative alla sicurezza sul lavoro.

Continua a Leggere

Cronaca

A scuola con la droga nello zaino

Arrestato diciannovenne di Cutrofiano. Stava per entrare nella sua scuola di Maglie con tutto l’occorrente per lo spaccio al posto dei libri

Pubblicato

il

I carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Maglie, nel corso di uno specifico servizio finalizzato al contrasto spaccio di stupefacenti in prossimità dell’istituto d’istruzione scolastica superiore “Mattei” di Maglie, hanno arrestato in flagranza Giorgio Melissano, diciannovenne originario di Gallipoli ma residente a Cutrofiano.

Il giovane è stato fermato mentre alla guida della sua automobile e si dirigeva a scuola.

Notato l’atteggiamento nervoso e sospetto, i militari dell’Arma hanno voluto approfondire.

Dato vita ad una perquisizione personale e dell’auto, hanno rinvenuto,  all’interno dello zaino, due dosi di mdma (un grammo), 14 grammi di marijuana ed un bilancino elettronico di precisione.

Tutto sottoposto a sequestro unitamente al cellulare dello studente. L’arrestato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus