Connect with us

Cronaca

Bnl condannata: risarcirà Adelchi

Accolta la richiesta dell’avv. Tanza. Risarcimento di 7 milioni per anatocismo

Pubblicato

il

Altro snodo fondamentale in un’altra vicenda giudiziaria che vede interessato Adelchi Sergio, ex patron del calzaturificio di Tricase che prendeva il suo nome. La Bnl di Lecce è stata condannata ad risarcimento nei suoi confronti per anatocismo.

Adelchi Sergio

Adelchi Sergio

A pochi giorni dalla sentenza del giudice monocratico, che condanna Adelchi e Luca Sergio per omicidio colposo in seguito alla morte di un’ingegnere caduta dal loro capannone, arriva la risposta del Tribunale civile di Lecce all’azione delle società Nuova Adelchi S.p.a. e Calzaturificio Adelchi che 5 anni fa, con  il loro avvocato,  Antonio Tanza, citavano in giudizio l’agenzia di Lecce della Bnl.

Il vicepresidente nazionale di Adusbef, Tanza, ha richiesto l’accertamento e la dichiarazione di invalidità a titolo di nullità parziale del contratto di apertura di credito utilizzato con scoperto in conto corrente.

Il giudice Anna Francesca Capone ha accolto la richiesta dell’associazione consumatori in nome di Adelchi, condannando Bnl al risarcimento di 7 milioni di euro per anatocismo, ossia interessi calcolati su altri interessi che hanno provocato un aumento del debito esponenziale.

Il tribunale ha dato così torto alla banca che, a sua volta, si era opposta alle richieste di accertamento, costituendosi in giudizio.

L’avvocato Tanza manifesta il suo entusiasmo, vedendo in questa sentenza molto di più di una singola vittoria. Si tratta di “un’ancora di salvezza”, una speranza per gli imprenditori in difficoltà economica che, come Adelchi, ritengono di essere stati schiacciati dalle banche.

Un risarcimento, però, dal gusto ambivalente per il patron Sergio. Resta comunque l’irrisarcibile rammarico di aver dovuto chiudere, unito al dubbio di quello che avrebbe potuto essere il futuro dell’azienda se tutto ciò non si fosse verificato.

Lorenzo Zito

Cronaca

Aereo bloccato a Brindisi per malore: panico coronavirus a bordo, ma era infarto

Pubblicato

il

Ieri un treno, oggi un aereo. Ma stavolta il panico è stato sconfitto a stretto giro.

Dopo l’episodio della serata di venerdì, in stazione a Lecce, dove un treno proveniente da Roma è rimasto fermo a porte chiuse con i passeggeri bloccati a bordo per un’ora per un allarme lanciato da una viaggiatrice di sospetto caso coronavirus, oggi è successa la stessa cosa, con durata e risonanza fortunatamente differente, all’aeroporto del Salento.

Un passeggero di un volo proveniente da Milano ha accusato un malore all’atterraggio. La cosa ha immediatamente fatto scattare l’allarme tra gli altri passeggeri. Complice il crescente senso di percezione, sfociato il più delle volte in allarmismo, del diffondersi del coronavirus, la preoccupazione ha portato all’ansia tra i presenti ed alle prime misure di precauzione per gli addetti ai lavori.

Anche qui i passeggeri sono stati trattenuti a bordo, con le uscite del velivolo bloccate. Gli accertamenti hanno però rapidamente restituito la tranquillità: l’uomo aveva avuto un infarto che nulla aveva a che vedere con il coronavirus.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, arrivano i carabinieri in elicottero: l’esito dei controlli

Pubblicato

il

Nella giornata di ieri, 21 febbraio, la presenza di pattuglie di carabinieri accompagnate da un elicottero dell’Arma ha catalizzato l’attenzione sul territorio tricasino.
L’atterraggio del velivolo nei pressi del cimitero nuovo di Tricase, in corrispondenza della cerimonia per il conferimento della cittadinanza a Liliana Segre tenutasi proprio ieri mattina a Palazzo Gallone, ha fatto pensare all’arrivo proprio della senatrice.
Si trattava, invece, di un ordinario controllo programmato dai carabinieri della compagnia di Tricase, supportati da un elicottero del 6° nucleo di Bari.

I controlli

L’attività svolta ha portato a conclusione il servizio coordinato finalizzato al controllo della circolazione stradale e alla prevenzione di reati e illeciti in genere, svolto nei comuni di competenza del Capo di Leuca.
Le operazioni hanno portato alla denuncia in stato libertà di diversi utenti stradali per varie violazioni.

Nello specifico:
F. M., 40enne, è stato deferito per evasione. L’uomo, residente a Corsano, è sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ma è stato sorpreso fuori dalla propria abitazione.

Due ragazzi, un 20enne ed un 22enne, sono stati invece sorpresi alla guida in stato di alterazione psicofisica correlata a uso di stupefacenti. Avevano infatti assunto cannabinoidi ed era al volante di due differenti vetture, intestate a terzi. Per loro deferimento in stato di libertà.
Simil sorte è toccata ad un 23enne, anch’esso alla guida dopo aver assunto cannabinoidi. Per lui però ritiro della patente.
Altri automobilisti incappati in controlli sono invece un 51enne alla guida sotto l’effetto di cocaina, un 63enne alticcio, cui è stata ritirata la patente, ed un 36enne che rifiutava di sottoporsi a controllo in quanto, come emerso in seguito, privo di patente di guida, mai conseguita, e alla guida di autovettura sprovvista di copertura assicurativa, poi sottoposta a sequestro.
Come lui, un altro 30enne ha rifiutato i controlli alcolemici. Segnalato all’autorità giudiziaria anch’egli.

Il dispositivo impiegato

Il dispositivo impiegato per i controlli, che proseguiranno nei giorni a venire, conta l’impiego di 14 militari e 7 automezzi, con i seguenti esiti sin qui conseguiti:
11 controlli persone sottoposte arresti domiciliari;
99 automezzi controllati di cui 23 motoveicoli;
143 persone identificate;
5 controlli esercizi pubblici;
31 contravvenzioni al codice della strada elevate,
3 patenti di guida ritirate,
2 autovetture sottoposta a sequestro amministrativo.

Continua a Leggere

Cronaca

Lavori nella baia di Porto Miggiano: tutti assolti

Pubblicato

il

La sezione unica penale della Corte d’appello di Lecce ha ribaltato la sentenza di primo grado sui lavori del costone roccioso della baia di Porto Miggiano.
Tutti i condannati sono stati assolti perché il fatto non sussiste. L’area verrà quindi restituita al Comune.

In quattro erano già stati assolti in primo grado. Tra loro anche il sindaco dell’epoca, Cretì.
Per gli altri invece si era protratto l’iter giudiziario.
Il dirigente dei lavori pubblici, Salvatore Bleve, 67 anni di Cerfignano; il direttore dei lavori, Daniele Serio, 57 anni di Surbo, gli autori del progetto, Francesco Leo e Antonio De Fazio, rispettivamente 57 anni di Bari e 71 di Taranto; la responsabile del settore ambiente, Francesca Achiropita Pisanò, 54 anni di Rossano Calabro e l’amministrazione unico della società che eseguì i lavori, Maria Grazia Doriano, 43 anni di Vico Equense, erano stati condannati a vario titolo dagli 8 ai 10 mesi per deturpamento e distruzione di bellezze naturali e per abusivismo edilizio in area sottoposta a vincolo.

Per l’appello però il fatto non sussiste e non ci sono reati imputabili ai soggetti indicati. Ora, da qui a 90 giorni, verranno depositate le motivazioni che hanno portato alla sentenza.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus