Connect with us

Cronaca

Ingegnere caduta da capannone: condannati Adelchi e figlio

Arrivata la sentenza del giudice monocratico in seguito all’accusa di omocidio colposo per la morte dell’allora 31enne Lisa Picozzi

Pubblicato

il

Il giudice monocratico ha condannato a due anni di reclusione Adelchi Sergio, proprietario dell’omonimo calzaturificio di Tricase, e  ad un anno di reclusione il figlio Luca Sergio, legale rappresentante della Selcom, facente capo al medesimo gruppo calzaturiero.

Padre e figlio dovevano rispondere dell’accusa di omicidio colposo in seguito alla morte dell’ingegnere Lisa Picozzi, di Milano, deceduta nel settembre 2010, all’età di 31 anni, dopo essere caduta dal solaio dell’ex capannone “Adelchi”, durante un sopralluogo. Di omicidio colposo era stato accusato, dal PM Paola Guglielmi, anche Davide Scarantino, amministratore delegato della “Sun System”, azienda realizzatrice di fotovoltaici per cui lavorava Lisa Picozzi. Scarantino è stato però assolto dal giudice Roberto Tanisi, lo stesso che ha condannato i due Sergio, Adelchi e Luca, quest’ultimo con pena sospesa.

Adelchi Sergio

Adelchi Sergio

A rispondere maggiormente dell’accaduto sarà quindi il patron Adelchi, ritenuto artefice principale delle mancanze che condussero alla disgrazia del 2010. In quel giorno di settembre di 4 anni fa, la giovane ingegnere precipitò nel vuoto per circa 7 metri dopo aver camminato su una copertura in eternit che rivestiva un lucernario in plexiglas in grado di sorreggere un peso massimo di 20 chili. La donna si era recata a Tricase da Milano proprio per visionare il solaio del capannone in vista di futuri lavori.

I due condannati, per cui la procura di Lecce aveva inizialmente chiesto l’archiviazione del caso, dovranno rispondere anche in sede civile, con un risarcimento ancora da quantificare.

Lorenzo Zito

Cronaca

Final Blow: tutti gli arrestati

Operazione antimafia: sgominati i clan leccesi Pepe e Briganti. L’operazione della Sqaudra Mobile della Polizia ha riguardato anche le aree del Nord Salento e di Nardò e Galatone

Pubblicato

il

Dalle prime luci dell’alba gli agenti della Squadra Mobile insieme agli agenti del Servizio Centrale Operativo stanno eseguendo nel Salento una serie di arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, violazione della legge sulle armi, associazione finalizzata al traffico di droga e esercizio aggravato e gioco d’azzardo.

Nell’operazione, denominata “Final Blow“, già eseguiti 68 arresti ma sono 72 le persone destinatarie del provvedimento emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce.

In totale sono 110 le persone indagate.

Gli arresti riguardano  i clan leccesi Pepe e Briganti, ma non solo. L’operazione investigativa ha riguardato aree del Nord Salento e di Nardò e Galatone.

Disposta la custodia cautelare in carcere per: Angelo Brai, 47 anni, di Merine; Pasquale Briganti, inteso Maurizio, 51 anni, di Lecce; Salvatore Bruno, 54 anni, di Lizzanello, detto Bambinone; Debora Buscicchio, 30 anni, di Lecce; Luigi Buscicchio, 63 anni, di Lecce; Andrea Cafiero, 29 anni, di Lecce; Dario Calogiuri, 40 anni, di Lecce; Cristian Calosso, detto Gufo, 34 anni, di Lecce; Stefano Castrignanò, 33 anni, di Lecce; Riccardo Cozzella, 33 anni, di Trepuzzi; Nicolas De Dominicis, 23 anni, di Vernole; Santo Gagliardi, 55 anni, leccese; Stefano Garrisi, 32 anni, di Caprarica di Lecce; Manuel Gigante, 39 anni, di Lecce; Leandro Greco, 41 anni, di Lecce; Paolo Guadadiello, 33 anni, di Squinzano; Stefano Guadadiello, 36 anni, di Squinzano; Fabio Lanzillotto, 36 anni, di Galatone; Luigi Lazzari, 45 anni, di Cavallino; Francesco Leo, 35 anni, di Caprarica di Lecce; Antonio Leto, 30 anni, di Caprarica; Raffaela Lodeserto, 54 anni, di Leverano; Vito Manzari, 61 anni, di Lecce; Giuseppe Marzano, 54 anni, di Galatone; Graziano Mazzarelli, 29 anni, di Lecce; Luciano Mazzei, 32 anni, di Calimera; Astrit Mehmeti, 56 anni di Lizzanello; Mario Miccoli, 50 anni, di Lecce; Stefano Monaco, 30 anni, di Lecce; Sebastiano Montefusco, 47enne, di Galatone; Gianluca Negro, 35 anni, di Surbo; Giovanbattista Nobile, 35 anni, di Lecce; Valentino Nobile, 30 anni, di Surbo; Gianluca Palazzo, 45 anni, di Lecce; Francesco Panese, 25 anni, di Calimera; Antonio Marco Penza, 37 anni, di Lecce; Vito Penza, 34 anni, di Lecce; Andrea Pepe, 64 anni, di Lecce; Antonio Pepe, 59 anni, di Lecce; Cristian Pepe, 36 anni, di Lecce; Fabio Pepe, 47 anni, di Lecce; Ruggero Perrotta, 45 anni, di Melendugno; Giovanni Persano, 39 anni, di Lecce; Paolo Pici, 51 anni, di Lecce; Shkelzen Pronjaj, 35 anni, albanese, residente a Lizzanello; Gabriele Russo, 28 anni, di Galatone; Guerino Russo, 49 anni, di Galatone; Cristian Salierno, 37 anni, di Lecce; Giuseppe Sammito, 41 anni, di Otranto; Andrea Saponaro, 29 anni, di Lecce; Vincenzo Stippelli, 42 anni, di Squinzano e Luigi Vergine, 46 anni, di Squinzano.

Ai domiciliari: Alvaro Basi, 28enne di Lecce; Riccardo Buscicchio, 49 anni, di Lecce; Cengs De Paola, 45 anni, di Acquarica Del Capo; Rita Greco, 78 anni, di Lecce; Gennaro Hajdari, 37 anni, residente al campo Panareo di Lecce; Vincenzo Lanzillotto, 40 anni, di Galatone; Antonio Leo, 33 anni, di Caprarica; Anna Lodeserto, 57 anni, di Lecce; Michele Lodeserto, 51 anni, di Lecce; Mattia Marzano, 29 anni, di Galatone; Vincenzo Modesto, 30 anni, di Squinzano; Daniele Monaco, 34 anni, di Lecce; Roberto Patera, 42 anni, di Galatone; Samuele Prete, 25 anni, di Galatone; Salvatore Stefanizzi, 31 anni, di Squinzano; Luca Vantaggiato, 35 anni, di Lizzanello e Susanna Vonghia, 54 anni, di Galatone.

Gli arrestati sono assistiti dagli avvocati Giancarlo Dei Lazzaretti, Umberto Leo, Roberto De Mitri Aymone, Massimo Muci, Benedetto Scippa, Alessandro Stomeo, Pantaleo Cannoletta, Paolo Cantelmo, Andrea Capone.

Disposto l’obbligo di dimora e non l’arresto per Marco Balloi, 40 anni, di Surbo e per Francesco Portulano, 61 anni, di Lecce.

Continua a Leggere

Cronaca

Final Blow: retata antimafia

Associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, violazione della legge sulle armi, associazione finalizzata al traffico di droga e esercizio aggravato e gioco d’azzardo: 110 persone incriminate e 68 già arrestate dagli agenti della Squadra Mobile salentina

Pubblicato

il

Dalle prime luci dell’alba gli agenti della Squadra Mobile insieme agli agenti del Servizio Centrale Operativo stanno eseguendo nel Salento una serie di arresti per associazione  a delinquere di stampo mafioso, estorsione, violazione della legge sulle armi, associazione finalizzata al traffico di droga e esercizio aggravato e gioco d’azzardo.

Nell’operazione, denominata “Final Blow“, già eseguiti 68 arresti ma sono 72 le persone destinatarie del provvedimento emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce.

In totale sono 110 le persone indagate.

Tra i centri salentini coinvolti spicca Galatone con sette arresti.

Maggiori dettagli saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa prevista nel corso della mattinata presso la Questura.

Continua a Leggere

Casarano

Casarano: iniziano i controlli elettronici della velocità

Pubblicato

il

Il Comune di Casarano annuncia che a breve prenderanno il via sul territorio comunale delle attività di controllo elettronico della velocità.

Dal prossimo mese di marzo avranno inizio, secondo il calendario stabilito dalla polizia locale, i rilevamenti elettronici con il sistema Velomatic.
L’invito è quello alla prudenza ed al rispetto dei limiti imposti.

Saranno interessate le vie: Papa Paolo IV, De André, Ombrone, De Matteis, On. Memmi, California, Alto Adige, Supersano e Ruffano.

Nel documento che segue orari e date.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus