Connect with us

Cronaca

Tamponamento sulla Cutrofiano-Aradeo: due feriti gravi

Tamponamento sulla provinciale 363, in via Contrada Sirgole. Gravi i conducenti dei mezzi

Pubblicato

il

Un terribile incidente si è verificato attorno alle 10.30 di questa mattina, in via Contrada Sirgole, sulla Cutriofiano-Aradeo. Una Peugeot 206, ferma al semaforo della provinciale 363, è stata tamponata da un camioncino Ducato.

Due i feriti gravi: F.V, 71enne di Sogliano Cavour alla guida dell’auto e M.R, 64enne di Galatina, titolare di una nota pizzeria del posto, che era alla guida del camioncino.

Sul posto è intervenuta un’autoambulanza per i soccorsi ed i carabinieri della stazione di  Cutrofiano per i dovuti rilievi.

Aggiornamenti nell’arco della giornata.

Cronaca

Tricase, arrivano i carabinieri in elicottero: l’esito dei controlli

Pubblicato

il

Nella giornata di ieri, 21 febbraio, la presenza di pattuglie di carabinieri accompagnate da un elicottero dell’Arma ha catalizzato l’attenzione sul territorio tricasino.
L’atterraggio del velivolo nei pressi del cimitero nuovo di Tricase, in corrispondenza della cerimonia per il conferimento della cittadinanza a Liliana Segre tenutasi proprio ieri mattina a Palazzo Gallone, ha fatto pensare all’arrivo proprio della senatrice.
Si trattava, invece, di un ordinario controllo programmato dai carabinieri della compagnia di Tricase, supportati da un elicottero del 6° nucleo di Bari.

I controlli

L’attività svolta ha portato a conclusione il servizio coordinato finalizzato al controllo della circolazione stradale e alla prevenzione di reati e illeciti in genere, svolto nei comuni di competenza del Capo di Leuca.
Le operazioni hanno portato alla denuncia in stato libertà di diversi utenti stradali per varie violazioni.

Nello specifico:
F. M., 40enne, è stato deferito per evasione. L’uomo, residente a Corsano, è sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ma è stato sorpreso fuori dalla propria abitazione.

Due ragazzi, un 20enne ed un 22enne, sono stati invece sorpresi alla guida in stato di alterazione psicofisica correlata a uso di stupefacenti. Avevano infatti assunto cannabinoidi ed era al volante di due differenti vetture, intestate a terzi. Per loro deferimento in stato di libertà.
Simil sorte è toccata ad un 23enne, anch’esso alla guida dopo aver assunto cannabinoidi. Per lui però ritiro della patente.
Altri automobilisti incappati in controlli sono invece un 51enne alla guida sotto l’effetto di cocaina, un 63enne alticcio, cui è stata ritirata la patente, ed un 36enne che rifiutava di sottoporsi a controllo in quanto, come emerso in seguito, privo di patente di guida, mai conseguita, e alla guida di autovettura sprovvista di copertura assicurativa, poi sottoposta a sequestro.
Come lui, un altro 30enne ha rifiutato i controlli alcolemici. Segnalato all’autorità giudiziaria anch’egli.

Il dispositivo impiegato

Il dispositivo impiegato per i controlli, che proseguiranno nei giorni a venire, conta l’impiego di 14 militari e 7 automezzi, con i seguenti esiti sin qui conseguiti:
11 controlli persone sottoposte arresti domiciliari;
99 automezzi controllati di cui 23 motoveicoli;
143 persone identificate;
5 controlli esercizi pubblici;
31 contravvenzioni al codice della strada elevate,
3 patenti di guida ritirate,
2 autovetture sottoposta a sequestro amministrativo.

Continua a Leggere

Cronaca

Lavori nella baia di Porto Miggiano: tutti assolti

Pubblicato

il

La sezione unica penale della Corte d’appello di Lecce ha ribaltato la sentenza di primo grado sui lavori del costone roccioso della baia di Porto Miggiano.
Tutti i condannati sono stati assolti perché il fatto non sussiste. L’area verrà quindi restituita al Comune.

In quattro erano già stati assolti in primo grado. Tra loro anche il sindaco dell’epoca, Cretì.
Per gli altri invece si era protratto l’iter giudiziario.
Il dirigente dei lavori pubblici, Salvatore Bleve, 67 anni di Cerfignano; il direttore dei lavori, Daniele Serio, 57 anni di Surbo, gli autori del progetto, Francesco Leo e Antonio De Fazio, rispettivamente 57 anni di Bari e 71 di Taranto; la responsabile del settore ambiente, Francesca Achiropita Pisanò, 54 anni di Rossano Calabro e l’amministrazione unico della società che eseguì i lavori, Maria Grazia Doriano, 43 anni di Vico Equense, erano stati condannati a vario titolo dagli 8 ai 10 mesi per deturpamento e distruzione di bellezze naturali e per abusivismo edilizio in area sottoposta a vincolo.

Per l’appello però il fatto non sussiste e non ci sono reati imputabili ai soggetti indicati. Ora, da qui a 90 giorni, verranno depositate le motivazioni che hanno portato alla sentenza.

Continua a Leggere

Cronaca

Blindati su treno per un’ora a Lecce: “Passeggero di ritorno dalla Cina, verrà monitorato”

Pubblicato

il

Un treno fermo in stazione a porte chiuse, passeggeri all’interno impossibilitati ad uscire ed un viaggiatore segnalato da una ragazza al 113.

Minuti di apprensione in serata a Lecce dove un treno arrivato da Roma alle 21 ha messo in subbuglio l’intera stazione. Il motivo? Il convoglio trasportava un uomo additato come sospetto caso coronavirus.

I passeggeri, come detto, sono stati trattenuti sul treno mentre il piazzale antistante la stazione è stato raggiunto da volanti e pattuglie delle forze dell’ordine.

Sbigottiti i parenti e conoscenti dei viaggiatori in carrozza che attendevano in banchina cercando di carpire informazioni. Col passare dei minuti è cresciuta l’apprensiome mentre, dopo più di un’ora, i passeggeri si apprestavano a scendere attendendo ancora notizie ufficiali sull’accaduto.

I primi accertamenti sono stati messi in atto all’arrivo dei sanitari in stazione che in pochi minuti hanno sgonfiato l’iniziale sensazione di pericolo che ha, di fatto, portato a trattenere decine di persone sulle carrozze, molte delle quali attraversate dal panico.

Alle 22e35 circa le porte del treno si sono finalmente aperte per far defluire i viaggiatori.

Il passeggero attorno al quale è scattato l’allarme è un cittadino cinese.

A segnalarlo al 113 una ragazza nella sua stessa carrozza, dopo aver appreso che era stato di recente in Cina.

Immediato a quel punto è scattato il protocollo. I controlli hanno poi sgonfiato la bolla di apprensione creatasi in stazione.

L’ASL di Lecce ha infine rassicurato: l’uomo verrà monitorato e lo stesso verrà fatto per i passeggeri della carrozza nella quale viaggiava. Da quanto emerso, però, il passeggero cinese sarebbe già stato sopposto ai dovuti controlli all’ingresso in Italia all’arrivo in aeroporto.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus