Connect with us

Gallipoli

Gallipoli dopo l’estate

Pubblicato

il

L’estate è ormai conclusa ed ha smentito le incertezze di molti sul fascino che Gallipoli, mai problematica come in questo 2009, avrebbe potuto avere sul turismo. Tanti sono stati i disagi di questa stagione turistica, partendo dal problema spazzatura, l’incubo dei mesi di maggio e giugno, che è sembrato poi ben gestito dalle autorità; sino alla problematica dello stadio, che ha creato subbuglio nel momento di massima affluenza, degenerando talvolta in comportamenti non decorosi.

Non si può ciononostante lamentare nulla: agosto ha riempito la città di turisti dei paesi vicini così come anche di settentrionali e di stranieri. Ora si torna alla normalità: le spiagge si svuotano ed il Corso Roma si intristisce, riaprono le scuole. Un vero peccato dunque che questi giovani non possano godere dello splendido mare settembrino, meno affollato ma più rilassante.

Proprio in questa direzione bisognerebbe spingersi in previsione degli anni futuri: pubblicizzare cioè la Gallipoli dei mesi successivi all’estate vera e propria; destagionalizzare il turista ed imparare ad attirarlo in città anche con altri strumenti. Lo splendido carnevale gallipolino può già fungere da richiamo, ma occorrono altre iniziative, volte a valorizzare ad esempio il peso storico del Borgo Antico. Bisognerà inoltre, in previsione della prossima estate, impegnarsi a mantenere una città pulita, magari anche compiendo il passo, non di poco rilievo, della raccolta differenziata, non solo quale segno di civiltà ma anche quale simbolo di una intelligenza economica.

Infine, necessità primaria non trascurabile sarà fornire Gallipoli di un adeguato sistema di trasporti pubblici. Il numero d’autobus in circolazione è irrisorio ed il suo aumento non garantirebbe solo (col costo del biglietto della corsa) un notevole rientro nelle casse comunali, ma anche e soprattutto di diminuire il tasso di inquinamento dell’aria, di favorire una più tranquilla passeggiata sul Lungomare Galilei o sul Corso e di danneggiare meno i monumenti storici della città.

Guido De Simone

Alezio

Cane sfugge al padrone e invade carreggiata: incidente

Pubblicato

il

Un incidente stradale verificatosi nel pomeriggio di ieri è costato la vita ad un cane sulla Gallipoli-Alezio.

Attorno alle 18 il sinistro: sfuggito al padrone, il cane, di grossa taglia, ha invaso improvvisamente la carreggiata finendo sotto ad una autovettura.

L’uomo che lo ha investito ha sbandato provando ad evitarlo, ma non ha potuto scongiurare l’impatto. Per lui, nessuna conseguenza. Nulla da fare, invece, come detto, per la bestiola.

Immagine di repertorio

L’incidente ha provocato rallentamenti al traffico ed un blocco alla circolazione di circa 30 minuti.

Proprietario del cane e uomo alla guida dell’auto hanno poi raggiunto un accordo sui danni.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Figilo, il Festival dell’informazione locale

Da segnalare il ritorno della criminologa Roberta Bruzzone e la presenza del noto avvocato Serena Gasperini, del conduttore de La Domenica Sportiva Jacopo Volpi, del vice caporedattore centrale de Il Giornale Giacomo Susca…

Pubblicato

il

Quarta edizione di “Figilo”, il Festival del Giornalismo locale, dal 22 al 26 gennaio all’ Hotel Bellavista Club di Gallipoli organizzato da Caroli Hotels e da Piazzasalento, giornale diretto da Fernando D’Aprile, con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Puglia, della Provincia di Lecce e del Comune di Gallipoli, di Anso e del Centro di Documentazione Giornalistica.

In un settore editoriale in crisi, l’informazione locale apre nuovi possibili panorami, in cui intrecciare una professione sempre più complessa e articolata con i nuovi strumenti della comunicazione, come il citizen journalism e i social media.

Mai come oggi c’è bisogno di giornalisti e giornalismo, interlocutori e intermediatori sempre più preparati e raffinati  in mezzo ad una rivoluzione che dura da oltre una decina di anni ed ancora non si è assestata. Una rivoluzione che combatte e si adatta ogni giorno con la forza ridondante del web e dei social tra fake news, hate speeches, blog e viralità.

Di questo e altri temi, punta ad occuparsi Figilo, un momento di incontro, confronto e crescita dedicato ai giornalisti, agli operatori della comunicazione e agli studenti. Obiettivi da raggiungere attraverso quattro giornate di incontri e dibattiti con noti direttori e giornalisti delle principali testate locali e non, docenti universitari e responsabili della comunicazione istituzionale, che riuniscono il mondo del giornalismo, dei media e della comunicazione, anche con ironia ed autoironia, e momenti di riflessione e discussione.

Tutti gli incontri sono gratuiti e riconosciuti dall’Ordine dei Giornalisti e quindi validi per l’ottenimento dei crediti formativi ai sensi della legge 148/2011. Le iscrizioni possono essere effettuate tramite la piattaforma Sigef o direttamente il giorno del corso.

Jacopo Volpi

Da segnalare il ritorno della criminologa Roberta Bruzzone e la presenza del noto avvocato Serena Gasperini, del conduttore de La Domenica Sportiva Jacopo Volpi, del vice caporedattore centrale de Il Giornale Giacomo Susca, del docente di Diritto dell’Informazione all’Università Cattolica di Milano e alla Lumsa di Roma Ruben Razzante, del giornalista d’inchiesta FanPage.it Sandro Ruotolo, dell’inviato Mediaset Enrico Fedocci, del direttore comunicazione e trasparenza Formez PA Sergio Talamo, del dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “Puglia” Ida Tammaccaro, del già giornalista Rai Michele Mezza, della blogger Daniela Pispico, del direttore di Telerama News Giuseppe Vernaleone, del rettore di Unisalento Fabio Pollice e dell’assegnista di ricerca in Geografia Economico-Politica Dipartimento di Storia, Società e Studi dell’Uomo UniSalento Federica Epifani,  del presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia Piero Ricci e del segretario nazionale del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

Nel corso dell’incontro serale di mercoledì 22 gennaio sui casi mediatici e sull’importanza degli organi di informazione, si parlerà di uno dei cold case salentini, il giallo sull’aggressione e la morte dell’imprenditore di Gallipoli Giovanni Mauro, avvenuta il 19 settembre del 2012.

La mattina  di venerdì 24 si affronterà il tema del caso Lecce in A con numerosi ospiti tra cui il vicepresidente dell’US Lecce Alessandro Adamo.

Nello stesso giorno, a partire dalle 17,45, è previsto il dibattito sul tema: “Caso di studio: giornalismo d’assalto e giornalismo d’inchiesta” con Ruotolo, Fedocci, Antonio Della Rocca, giornalista del Corriere del Mezzogiorno e Fabiana Pacella, giornalista freelance.

Il 23 a partire dalle 19 saranno consegnati i riconoscimenti Figilo 2020.

Parteciperanno ai dibattiti gruppi di studenti provenienti da alcuni istituti superiori. Prevista la diretta Facebook di alcuni dibattiti. Tutti gli incontri si svolgeranno nella Sala Ponte dell’Hotel Bellavista Club Caroli Hotels di Gallipoli.

Continua a Leggere

Attualità

Vince 130mln di Euro al lotto, ma resta a fare la cameriera

La donna, identificata dopo che il piccolo comune in cui abita ha presentato un gettito straordinario di imposta di circa 20 milioni di euro…

Pubblicato

il

Quando i soldi non cambiano la vita: vince 184 milioni di franchi svizzeri, poco più di 170 milioni di euro non lascia il suo lavoro da cameriera.

Una vincita straordinaria al lotto che non è bastata a cambiarle la vita.

Dopo aver sbancato il Superenalotto elvetico, Euro Millions, con un jackpot di 184 milioni di franchi, pari a poco più di 170 milioni di euro, una donna svizzera, Olivia K. (48 anni), non solo ha continuato a vivere nel paese in cui abitava ma non ha neanche lasciato il posto di cameriera: la vicenda che ha quasi del paradossale è apparsa sulle colonne del popolare quotidiano Blick, che ha intervistato la fortunata di 48 anni d’eta.

Quella che poteva essere la sua nuova vita è iniziata il 2 ottobre 2018 quando aveva azzeccato la combinazione giusta con una schedina costata 24,50 franchi, circa 22,50 euro, e si era aggiudicata la decima vincita più importante nella storia delle lotterie europee.

Di cittadinanza tedesca, la fortunata vincitrice è sposata e senza figli. Ma, di fatto, se non per una BMW a testa per lei e per il marito, poco o nulla appare cambiato nella sua vita a parte la decisione di realizzare una bella casa.

Nel frattempo però la donna – identificata lo scorso ottobre dopo che il piccolo comune in cui abita ha presentato un gettito straordinario di imposta di circa 24 milioni di franchi – non ha lasciato il lavoro part time presso un ristorante del canton Argovia. Gli avventori abituali del locale sanno che è ormai straricca: ma non si tirano indietro a darle la mancia, come riporta il giornale il “Blick”.

Una storia singolare che dimostra che i soldi non sono tutto nella vita.

Giovanni D’Agata

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus