Connect with us

Attualità

Patù: Centopietre luogo del cuore FAI

L’importante punto di riferimento storico, culturale e artistico è entrato a far parte dei 24 Luoghi del Cuore di tutta Italia che il FAI sosterrà con interventi di recupero e valorizzazione

Pubblicato

il

Il cuore pulsante di un paese risiede nella storia che lo caratterizza e nell’impegno della sua gente a promuoverlo e valorizzarlo attraverso interventi concreti di recupero e riqualificazione.

Nel 2016 il Comune di Patù ha promosso la partecipazione al Censimento FAI del sito Archeologico “Centopietre” e, grazie alla collaborazione di Associazioni, Scuole, operatori turistici e cittadini, oggi, questo importante punto di riferimento storico, culturale e artistico è entrato a far parte dei 24 Luoghi del Cuore di tutta Italia che il FAI sosterrà con interventi di recupero e valorizzazione.

Il Comune ha quindi potuto candidare il progetto di tutela alle Linee Guida 2017, con la partnership di Arci Terra Archeorete e Pro Loco di Patù raggiungendo, con la raccolta di 2.054 firme, questo prestigioso traguardo.

L’area Archeologica, risalente al IX secolo, rappresenta un piccolo grande tesoro nel cuore della Comunità patuense. Sostanzialmente l’istruttoria, condotta dagli Uffici del Fai, consisterà nel sollecitare la Soprintendenza nell’apposizione di un vincolo esteso a tutta l’area archeologica della necropoli dove, attualmente, vige solo un vincolo puntuale sul Monumento e sulla Frontale Chiesetta. Di conseguenza, il Comune potrebbe accedere a finanziamenti volti al recupero e alla valorizzazione del Sito. Ulteriore obiettivo è quello di rendere pubblica la proprietà dell’area, attualmente oggetto di un contenzioso.

In questo posto magico la leggenda si mescola alla storia: nel nono secolo dopo Cristo il Salento era preda di attacchi frequentissimi da parte dei Saraceni, i quali erano particolarmente attratti dalla grande città di Vereto, ricca di commerci e di attività. In quel tempo, leggenda vuole che, l’allora Re di Francia Carlo il Calvo decise di inviare un grande esercito in aiuto di Vereto.

Si usava allora che, prima di scatenare la battaglia, venisse inviato al campo nemico un messaggero di pace per tentare di risolvere la questione, fu così mandato un tal Cavaliere Geminiano nella piana di Campo Re dove ora è costruita Patù e dove si erano accampati i Saraceni ma questi, molto… modernamente, lo massacrarono e la battaglia che ne seguì fu cruenta.

Era l’anno 877, precisamente il 24 giugno, giorno dedicato a San Giovanni Battista: i Cristiani vinsero la battaglia e il corpo del povero cavaliere venne recuperato ed in suo onore venne edificato un monumento funebre composto da 100 lastroni in pietra proveniente dalla Vereto Messapica e fu così che le Centopietre entrarono nella loro e nella nostra storia.

Luana Prontera

Attualità

È ancora Briatore Vs Puglia

Da Instagram tuona contro il porto di Gallipoli che nega l’accesso al panfilo Tender

Pubblicato

il

Flavio Briatore ancora una volta insoddisfatto dalla Puglia.

Stavolta, tuona contro Gallipoli. Lo fa dal suo account Instagram dove racconta (taggando anche il profilo della Regione Puglia) di un accesso negato al panfilo di 60 metri denominato Tender. In tutto il suo disappunto, spiega come lo yacht con a bordo “importanti turisti”, come li definisce lui stesso, ha poi deciso di virare verso Otranto.

L’imprenditore ha quindi deciso di esternare il suo stupore sui social etichettando Gallipoli come esempio del “movimento del non fare”.

Già in passato Briatore aveva scatenato il dibattito sul turismo in Puglia e sulla sua gestione. Non sottraendosi a commenti sugli operatori turistici stessi, definiti impreparati e adatti al “deleterio turismo da ciabatte”.

A questo punto vien da chiedersi, se non è meta all’altezza o gradita, anziché elargire etichette del non fare, in Puglia o in Salento cosa ci viene a fare…?

Continua a Leggere

Attualità

Delfini nel mare di Leuca

La meraviglia al tramonto: il video che sta facendo il giro di chat e social

Pubblicato

il

La meraviglia nello spettacolo.

Nel mare di Leuca spuntano i delfini. Li ritrae un video amatoriale, sul già scenografico sfondo del tramonto. Mentre il sole scende verso il mare, loro spuntano sinuosi nelle acque blu a poche centinaia di metri dalla costa.

Ecco il video.

Continua a Leggere

Attualità

Addio al Guendalina: “Esperienza al capolinea”

Discoteca pronta a chiudere. Il direttore artistico: “Ci hanno lasciati soli, meglio Riccione o una capitale europea”

Pubblicato

il

guendalina

Dopo una estate travagliata, la dichiarazione che lascia di sasso tanti appassionati frequentatori: il Guendalina fa le valigie.

La discoteca di Santa Cesarea potrebbe chiudere definitivamente. Lo si apprende dalle dichiarazioni di Vincenzo De Robertis, riportare da Il Messaggero. De Robertis, direttore artistico del locale da 15 anni, avrebbe affermato: “Abbiamo sognato di trasformare il Salento in Ibiza o Mykonos ma il nostro sogno si è infranto: ci hanno lasciati soli. Meglio Riccione o una capitale europea. Abbiamo fatto il possibile per mantenere il Guendalina qui dove è nato ma penso che l’esperienza sia giunta al capolinea”.

Chiaro tra le righe il riferimento a quanto accaduto dopo le varie vicende di cronaca registrate nel locale negli ultimi anni. L’ultima, quella che avrebbe fatto traboccare il vaso, quella del 28 luglio scorso. Dopo una rissa all’interno della discoteca, il questore aveva deciso di imporne la chiusura per due settimane.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus