Connect with us

Tricase

“Ma che combinano alla Asl di Tricase?!”

Pubblicato

il

Spett. Redazione, vorrei segnalare alla Vostra attenzione e soprattutto a quella dei lettori e dei diretti interessati, quanto accaduto al sottoscritto lo scorso 8 ottobre presso il Poliambulatorio di Tricase, dove mi sono recato perché avevo prenotato, per le ore 8, una visita otorinolaringoiatrica. Dopo essere giunto sul posto già una decina di minuti prima dell’orario fissato per l’appuntamento, ho trovato, com’era ovvio, tante altre persone nei pressi dell’ingresso, in attesa dell’apertura. Una volta dentro, è trascorsa un’ora invano. Finalmente alle 9 è giunta un’infermiera, la quale ha chiamato attorno a sé quanti erano lì per Otorinolaringoiatria e, con l’intento di distribuire i bigliettini con i numeretti, ci ha chiesto di formare l’ordine d’arrivo e dunque delle visite da effettuare. Personalmente ero il quarto, ma non è questo il punto. Bensì, dico io, si può già aspettare un’ora rispetto all’orario della prenotazione e poi attendere altre ore, considerato che, com’è cattiva abitudine, sin dal mattino presto si presentano anche coloro che hanno la visita prenotata per le ore successive, dunque “infiltrandosi” e “rubando” il posto a chi, come me, è prenotato per le ore 8? Al di là della perdita di tempo per chi nell’arco di una mattinata ha altre esigenze (lavoro, impegni famigliari, ecc.), ritengo si tratti di un’autentica umiliazione (perché così mi sono sentito) per chi si vede costretto a sottostare a certi comportamenti. Ho perciò deciso di rinunciare alla visita e, prima di andare via, ho chiesto di poter parlare con il responsabile della struttura. Che però non c’era. Dopo un paio di giorni, il 10 ottobre, sono ritornato al Poliambulatorio per avere chiarimenti e sono riuscito a parlare con la responsabile, la quale ha telefonato al Distretto di Gagliano (da cui dipende Tricase) per esporre il mio caso. Al termine della telefonata, questa responsabile sapete cosa mi ha riferito? Che ero io a dovermi recare a Gagliano per effettuare lì un reclamo scritto! Ricapitolando: non solo ho saltato la visita, ma avrei dovuto anche mettermi in auto ed andare a Gagliano per far sentire le mie ragioni. Insomma, malati ed umiliati e per giunta con la forte sensazione di essere addirittura noi a dare fastidio a queste persone, che invece dovrebbero essere a disposizione dei pazienti in tutto e per tutto. Lascio giudicare a chi legge, sperando che qualcosa si smuova…

G.P. – Tricase

Attualità

Tricase, Sodero e i 5 Stelle avvertono il sindaco

“Ora basta! Basta giochetti alle spalle dei cittadini di Tricase e della Puglia!”

Pubblicato

il

Francesca Sodero con il sindaco e quindi con la maggioranza aveva fatto un patto finalizzato all’approvazione del Pug in pochi mesi ma difficilmente questo potrà realizzarsi visto che il sindaco è pronto a dimettersi in tempi più o meno brevi ed a correre per un posto in consiglio regionale nella tornata elettorale di primavera.

L’evoluzione degli eventi ha evidentemente spiazzato se non innervosito la consigliera comunale del MoVimento 5 Stelle che come da suo costume non le ha mandate certo a dire. E per farlo si è affidata ad un post sulla sua pagina ufficiale e il suo intervento, duro, non lascia spazio ad interpretazioni: “Stiamo assistendo da troppo tempo a un teatrino indegno per i cittadini di Tricase, lasciati nel limbo delle indecisioni egoistiche e stucchevoli del sindaco Chiuri”, scrive la Sodero che poi attacca il primo cittadino: “È grave che stia pensando seriamente di dimettersi per una candidatura, da chiunque gli venga offerta, da destra o da sinistra, da Fitto o da Emiliano, basta che la poltrona sia sicura e lo stipendio anche. Significherebbe che il bene della nostra città non interessa davvero a nessuno, tutta la politica la usa per interessi personali da tempo immemore. Anche questa volta. Anche questa volta i cittadini scompaiono e ritornano ad essere quello che sono sempre stati per i politicanti: un serbatoio di voti.

Se il Sindaco Chiuri deciderà di candidarsi”, tira e somme, “significherà che ha scientemente sfruttato la disponibilità del M5S Tricase a raggiungere insieme un risultato che i cittadini di Tricase aspettano da 40 anni, l’adozione del Piano Urbanistico Generale, solo ed esclusivamente per accreditarsi a destra e sinistra ed elemosinare una candidatura alle regionali!”.

Secondo Francesca Sodero il “PUG non può più essere rimandato se Tricase non vuol essere tagliato fuori da tutto, vedendosi sfumare la prospettiva di far arrivare incentivi sul territorio per i privati e fondi per le opere pubbliche, per far sviluppare finalmente in modo ordinato la città e portare sviluppo e lavoro”.

Vi verrà detto che sono emerse criticità e che il tempo non basterebbe. Falso. Il tempo”, prosegue rivolgendosi direttamente a Chiuri, “non basterebbe per un mero fatto di egoismo, perché per fare il salto della quaglia a spese nostre non vuoi concedere a Tricase due, tre mesi in più, quelli che servono per un atto di amore e di civiltà per la tua comunità! E passeresti sopra al tempo e alle energie spese dalle persone che in questi mesi hanno lavorato con dedizione e serietà al percorso verso il PUG, con rallentamenti evitabili dovuti alla tua scarsa convinzione o peggio al tuo secondo fine”.

Poi avverte: “Vi verrà detto che la maggioranza rimasta non è affidabile e che non arriverebbe ad approvare il PUG in Consiglio Comunale, perché permeabile a chi gioca sporco e lavora nelle retrovie per aumentare il marcio nella politica tricasina. Ma se fosse vero, e noi dubitiamo per esperienza diretta, chi ha scelto questa squadra? Sarebbe lo stesso Sindaco che solo due anni e mezzo fa ha sbagliato tutte le valutazioni, come noi mettevamo già in evidenza. Lo stesso Sindaco che mostra abilità nel mettere in piedi strategie per vincere ma non per governare per il bene dei cittadini! Ma come possiamo fidarci delle sue valutazioni? Come potremmo ascoltare dalla sua voce “vado in Regione per fare gli interessi di Tricase”, se non ci è riuscito da Sindaco, se sbaglia la squadra con cui giocare, se ci vuole consegnare nelle mani della peggiore vecchia politica responsabile dei mali della Puglia?!”.

Altro affondo della Sodero: “I pugliesi hanno bisogno di amministratori seri che conoscono i problemi dei pugliesi. Dal nostro Sindaco mai una parola, mai un pensiero, mai un’idea su come risolvere i problemi dei pugliesi abbiamo ascoltato in questi anni, solo rimproveri alla Portavoce del M5S perché nei suoi interventi in Consiglio Comunale “usciva fuori dai confini del Comune” per parlare di questioni di competenza regionale, come se queste non ci toccassero da vicino. Caro Sindaco, a rimanere indifferenti dinanzi a questo mercato delle vacche noi non ci stiamo più, non ti faremo giocare oltre la carta di colui che “ha dialogato con i 5 Stelle”, tu quella carta non hai mai potuto prenderla in mano, non hai portato a casa l’assessore a 5 stelle, non hai incassato mai acquiescenza rispetto ad accordicchi per le regionali”. E poi: “Hai ancora in memoria un messaggio della portavoce Francesca Sodero del 21 ottobre 2019: sia chiaro a tutti che io non scendo a nessun compromesso e/o accordo o accordicchio per il futuro. Chi fa questi calcoli su di me sbaglia fatalmente a considerarmi una sguattera della politica di bassa lega”. Al quale rispondesti con un laconico “riferisco”, salvo poi scoprire che non lo avevi riferito proprio a nessuno”.

Altro attacco diretto al primo cittadino: “Noi siamo persone serie. Noi non prendiamo in giro i cittadini per convenienze personali e con beceri calcoli. Noi faremo esattamente il contrario, anche questa volta, anche fra mille difficoltà, metteremo in campo tutte le energie possibili per spazzare via la politica di cui oggi, ahinoi, con profonda delusione, sei diventato il massimo rappresentante”.

Il tempo della fiducia silenziosa nella buona fede è terminato”, conclude Francesca Sodero, “non ti lasceremo il tempo di intravedere il cavallo vincente per salirci in groppa. Non ti lasceremo il tempo di intravedere il cavallo vincente per salirci in groppa. Decidi per il bene di Tricase”, l’ultimo avvertimento, “altrimenti troverai in noi i più motivati oppositori!”.

Continua a Leggere

Andrano

Infarto alla guida su litoranea ad Andrano: un morto

Pubblicato

il

Tragico schianto nel pomeriggio di oggi sulla litoranea Andrano-Tricase, in territorio della marina di Andrano.

Un uomo di Specchia, Salvatore Serafino, 64 anni, è finito con l’auto contro un palo. All’arrivo dei soccorsi non c’era più nulla da fare.

La vittima avrebbe perso il controllo del mezzo a causa di un infarto. Il decesso, secondo i primi riscontri dei sanitari, potrebbe essere avvenuto prima dello schianto.

Sul posto anche carabinieri e polizia locale.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, arrivano i carabinieri in elicottero: l’esito dei controlli

Pubblicato

il

Nella giornata di ieri, 21 febbraio, la presenza di pattuglie di carabinieri accompagnate da un elicottero dell’Arma ha catalizzato l’attenzione sul territorio tricasino.
L’atterraggio del velivolo nei pressi del cimitero nuovo di Tricase, in corrispondenza della cerimonia per il conferimento della cittadinanza a Liliana Segre tenutasi proprio ieri mattina a Palazzo Gallone, ha fatto pensare all’arrivo proprio della senatrice.
Si trattava, invece, di un ordinario controllo programmato dai carabinieri della compagnia di Tricase, supportati da un elicottero del 6° nucleo di Bari.

I controlli

L’attività svolta ha portato a conclusione il servizio coordinato finalizzato al controllo della circolazione stradale e alla prevenzione di reati e illeciti in genere, svolto nei comuni di competenza del Capo di Leuca.
Le operazioni hanno portato alla denuncia in stato libertà di diversi utenti stradali per varie violazioni.

Nello specifico:
F. M., 40enne, è stato deferito per evasione. L’uomo, residente a Corsano, è sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ma è stato sorpreso fuori dalla propria abitazione.

Due ragazzi, un 20enne ed un 22enne, sono stati invece sorpresi alla guida in stato di alterazione psicofisica correlata a uso di stupefacenti. Avevano infatti assunto cannabinoidi ed era al volante di due differenti vetture, intestate a terzi. Per loro deferimento in stato di libertà.
Simil sorte è toccata ad un 23enne, anch’esso alla guida dopo aver assunto cannabinoidi. Per lui però ritiro della patente.
Altri automobilisti incappati in controlli sono invece un 51enne alla guida sotto l’effetto di cocaina, un 63enne alticcio, cui è stata ritirata la patente, ed un 36enne che rifiutava di sottoporsi a controllo in quanto, come emerso in seguito, privo di patente di guida, mai conseguita, e alla guida di autovettura sprovvista di copertura assicurativa, poi sottoposta a sequestro.
Come lui, un altro 30enne ha rifiutato i controlli alcolemici. Segnalato all’autorità giudiziaria anch’egli.

Il dispositivo impiegato

Il dispositivo impiegato per i controlli, che proseguiranno nei giorni a venire, conta l’impiego di 14 militari e 7 automezzi, con i seguenti esiti sin qui conseguiti:
11 controlli persone sottoposte arresti domiciliari;
99 automezzi controllati di cui 23 motoveicoli;
143 persone identificate;
5 controlli esercizi pubblici;
31 contravvenzioni al codice della strada elevate,
3 patenti di guida ritirate,
2 autovetture sottoposta a sequestro amministrativo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus