Connect with us

Attualità

Numero chiuso a medicina? Assurdo, in Italia mancano medici

Da più parti si sta levando l’appello a toglierlo, anche dallo stesso mondo universitario, per questo come Direzione Italia

Pubblicato

il

A Bari 1 su 10. A Foggia 1 su 7. Tutti gli altri dovranno rinunciare al sogno di diventare medico perché l’accesso alla Facoltà di Medicina e Chirurgia prevede il numero chiuso e un test di ingresso. Test che oggi si sono tenuti in tutta Italia e cha hanno visto a Bari impegnati oltre 2800 candidati, saranno presi solo 309,  e a Foggia oltre 700, saranno presi solo 72.

Al sogno infranto per tanti giovani, molti dei quali per tentare di superarlo hanno sostenuto corsi che sono costati anche migliaia di euro e che hanno pesato abbondantemente sui bilanci delle famiglie, si aggiunge il fatto che in Italia vi è una carenza di medici che il numero di coloro che si laurea annualmente non riesce a colmare.

E allora perché mantenere il numero chiuso? Da più parti si sta levando l’appello a toglierlo, anche dallo stesso mondo universitario, per questo come Direzione Italia presenteremo un disegno di legge perché l’accesso sia aperto a tutti, ma con una sorta di sbarramento/penality dopo il primo anno. E’ chiaro che bisognerà affrontare il problema didattico, dai professori agli spazi dove poter accogliere un numero di iscritti che al primo anno potrebbe essere molto consistente.

Per questo intendo avviare con i parlamentari Luigi D’Ambrosio Lettieri e Benedetto Fucci (entrambi componenti delle Commissioni Sanità al Senato e alla Camera) una  serie di incontri con i rettori delle Università e i presidi di Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bari e Foggia. Nei prossimi giorni, inoltre, saremo a Roma al Ministero della Sanità per chiedere l’istituzione di un tavolo dove l’argomento possa essere discusso a livello nazionale

Attualità

È ancora Briatore Vs Puglia

Da Instagram tuona contro il porto di Gallipoli che nega l’accesso al panfilo Tender

Pubblicato

il

Flavio Briatore ancora una volta insoddisfatto dalla Puglia.

Stavolta, tuona contro Gallipoli. Lo fa dal suo account Instagram dove racconta (taggando anche il profilo della Regione Puglia) di un accesso negato al panfilo di 60 metri denominato Tender. In tutto il suo disappunto, spiega come lo yacht con a bordo “importanti turisti”, come li definisce lui stesso, ha poi deciso di virare verso Otranto.

L’imprenditore ha quindi deciso di esternare il suo stupore sui social etichettando Gallipoli come esempio del “movimento del non fare”.

Già in passato Briatore aveva scatenato il dibattito sul turismo in Puglia e sulla sua gestione. Non sottraendosi a commenti sugli operatori turistici stessi, definiti impreparati e adatti al “deleterio turismo da ciabatte”.

A questo punto vien da chiedersi, se non è meta all’altezza o gradita, anziché elargire etichette del non fare, in Puglia o in Salento cosa ci viene a fare…?

Continua a Leggere

Attualità

Delfini nel mare di Leuca

La meraviglia al tramonto: il video che sta facendo il giro di chat e social

Pubblicato

il

La meraviglia nello spettacolo.

Nel mare di Leuca spuntano i delfini. Li ritrae un video amatoriale, sul già scenografico sfondo del tramonto. Mentre il sole scende verso il mare, loro spuntano sinuosi nelle acque blu a poche centinaia di metri dalla costa.

Ecco il video.

Continua a Leggere

Attualità

Addio al Guendalina: “Esperienza al capolinea”

Discoteca pronta a chiudere. Il direttore artistico: “Ci hanno lasciati soli, meglio Riccione o una capitale europea”

Pubblicato

il

guendalina

Dopo una estate travagliata, la dichiarazione che lascia di sasso tanti appassionati frequentatori: il Guendalina fa le valigie.

La discoteca di Santa Cesarea potrebbe chiudere definitivamente. Lo si apprende dalle dichiarazioni di Vincenzo De Robertis, riportare da Il Messaggero. De Robertis, direttore artistico del locale da 15 anni, avrebbe affermato: “Abbiamo sognato di trasformare il Salento in Ibiza o Mykonos ma il nostro sogno si è infranto: ci hanno lasciati soli. Meglio Riccione o una capitale europea. Abbiamo fatto il possibile per mantenere il Guendalina qui dove è nato ma penso che l’esperienza sia giunta al capolinea”.

Chiaro tra le righe il riferimento a quanto accaduto dopo le varie vicende di cronaca registrate nel locale negli ultimi anni. L’ultima, quella che avrebbe fatto traboccare il vaso, quella del 28 luglio scorso. Dopo una rissa all’interno della discoteca, il questore aveva deciso di imporne la chiusura per due settimane.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus