Arresto cardiaco improvviso: come comportarsi?

Immaginate di trovarvi davanti ad una persona che ha immediato bisogno di aiuto: si trova a terra, sembra incosciente e non si evidenzia alcun segno di vita. Chiamare i soccorsi pubblici è la prima cosa da fare ma come comportarsi nell’attesa del loro arrivo? I primi soccorsi possono essere tanto importanti da cambiare il decorso di un grave incidente. Se i testimoni di un arresto cardiaco iniziano la rianimazione cardiopolmonare (RCP) prima dell’arrivo dell’ambulanza, le possibilità di sopravvivenza della vittima aumentano di due/tre volte rispetto ai casi in cui la RCP non viene iniziata. Nel 70% dei casi l’arresto cardiaco è testimoniato da qualcuno che può iniziare la rianimazione. Tuttavia in Europa la RCP viene iniziata dai testimoni dell’arresto cardiaco soltanto nel 15% dei casi.


Se riuscissimo ad aumentare la percentuale dal 15% al 50-60% dei casi potremmo salvare circa 100.000 persone all’anno.


Italian Resuscitation Council (IRC) un’associazione scientifica senza scopo di lucro ed il SEUS 118 Lecce attraverso il suo Centro di Formazione “Leccesoccorso 118” hanno raccolto con entusiasmo l’invito dell’Unione Europea istituendo dal 2013 “Viva! – la settimana per la rianimazione cardiopolmonare”. Seguendo gli ottimi risultati ottenuti negli ultimi 4 anni, anche per il 2017 ha avviato una serie di iniziative volte a realizzare gli obiettivi di “Viva!” attraverso il coinvolgimento delle Istituzioni preposte alla cura della salute dei cittadini.


L’ obbiettivo dell’associazione è la realizzazione di eventi volti a informare le diverse fasce della popolazione italiana circa la rilevanza dell’arresto cardiaco improvviso e l’importanza di conoscere e saper eseguire le manovre che possono salvare la vita di coloro che ne sono colpiti: manovre semplici, sicure, che chiunque di noi, anche senza una preparazione sanitaria specifica, è in grado di attuare.


Gli istruttori e gli operatori del SEUS 118 e di varie Associazioni di Volontariato, saranno a disposizione dei cittadini:

  • Domenica 15 ottobre, a partire dalle ore 9.30, in Piazza Tellini , Gallipoli
  • Domenica 22 ottobre, a partire dalle ore 9.30, in Piazza San Oronzo , Lecce

per insegnare le Manovre di Rianimazione Cardiopolmonare e le manovre di disostruzione delle vie aeree nell’ adulto ed in età pediatrica. Gli istruttori e gli operatori del SEUS 118 e di varie Associazioni di Volontariato saranno a disposizione dei cittadini nelle Scuole e nelle Piazze per insegnare le Manovre di Rianimazione Cardiopolmonare e le manovre di disostruzione delle vie aeree nell’ adulto ed in età pediatrica.

Tags:


Commenti

commenti