Connect with us

Appuntamenti

A Melendugno la Befana è “No Tap”

Pubblicato

il

L’associazione Bianca Guidetti Serra ed il Movimento No Tap lanciano una iniziativa solidale nei confronti di quanti saranno chiamati a giudizio per essersi opposti alla realizzazione del gasdotto tap.


Con il seguente comunicato l’associazione Bianca Guidetti lancia l’appello per una “Befana no Tap“:


Il 2020 da poco iniziato sarà ricordato come l’anno in cui un centinaio di salentini verranno costretti a subire il giudizio in un’aula di tribunale, non per aver cercato di trarre benefici personali tramite azioni delittuose ma per essersi attivati al fine di impedire la devastazione del proprio territorio.


Dal 9 gennaio, data della prima udienza, e per tutti i mesi successivi, le aule del tribunale di Lecce vedranno alla sbarra cittadini di tutte le età ed occupazione – casalinghe, pensionati, studenti, commercianti, artisti, tecnici, operai – accumunati dalla partecipazione alla resistenza popolare contro il TAP.


Questa alluvione di rinvii a giudizio, che si è aggiunta alle pesantissime multe comminate a tanti attivisti, ha il duplice obiettivo di cercare di fiaccare la resistenza di un movimento che da tre anni si sta opponendo all’imposizione dell’opera, e contemporaneamente fungere da avvertimento per chi volesse unirsi alla protesta.


Mentre da un lato l’informazione e la politica celebrano Greta Thunberg, che invoca un’azione decisa per contrastare i cambiamenti climatici, dall’altro vengono processati proprio coloro che materialmente si oppongono ad un’opera palesemente climalterante come il TAP, che contribuisce a legare per altri decenni il nostro futuro energetico ai combustibili fossili.


Tale situazione paradossale è diventata ormai oggetto di attenzione a livello internazionale. I procedimenti penali verranno monitorati dall’organizzazione Front Line Defenders, mentre un’apposita istruttoria sulla devastazione della Natura e le violazioni dei diritti delle comunità verrà aperta dal Tribunale Internazionale per i Diritti della Natura. Uno dei suoi autorevoli membri, l’economista Alberto Acosta, un mese fa ha potuto constatare direttamente la gravità della situazione salentina.


Per esprimere vicinanza agli attivisti e alle attiviste sotto processo, il Movimento No Tap e l’Associazione Bianca Guidetti Serra organizzano, domenica 5 gennaio a Melendugno, la “Befana No TAP”.


Programma:


h. 17.00 – Nuovo Cinema Paradiso

Non si processa chi difende la Terra

Incontro dibattito con gli avvocati del Legal Team.

Presentazione del Dossier “Defend the defenders of the Earth”, sulla repressione dei movimenti salentini e le violazioni delle Linee Guida OSCE sui difensori della Natura, a cura dell’avv. Elena Papadia.


h. 19,30 – Nuovo Cinema Paradiso

CANZONIERE GRECANICO SALENTINO

TREBLE

– Rocky and Dangeroots

“SUDDISMO”. I canti di Matteo Salvatore con: Roberto Licci, Enza Pagliara, Dario Muci, Emanuele Licci, Marco Tuma.

LA ROCHA feat RIFLE – NO FINGER NAIL dj-set


Durante l’evento sarà presente un Mercatino di Comunità – esposizione e vendita di prodotti a km 0 e artigianato locale – per promuovere un modello di sviluppo alternativo, a cura di Salento km 0 e Produttori Locali Miele.


Non mancheremo, durante la giornata, di ricordare Nicoletta Dosio e gli altri attivisti valsusini, in carcere perché colpevoli di difendere la propria terra”.


Appuntamenti

Il Presepe Stellato ai piedi della cascata di Leuca

Inaugurazione il 20, poi tre giorni di apertura della cascata

Pubblicato

il

Torna il Presepe Stellato a Santa Maria di Leuca. Una suggestiva installazione fatta di sagome luminose rappresentanti la Natività, collocate nella splendida cornice della cascata monumentale.

L’inaugurazione, organizzata dalla Pro Loco di Leuca, si terrà, alla presenza del vescovo Mons. Vito Angiuli, alle 18 di martedì 20 dicembre.

Nelle giornate di Natale, Capodanno ed Epifania vi sarà l’apertura della cascata monumentale.

Foto YouTube – Michele Rosafio

Continua a Leggere

Appuntamenti

Sapori, musica, arte e cultura: a Ruffano la Festa Multiculturale

Appuntamento sabato 10 con: degustazione di piatti tipici da oltre 15 nazionalità; esibizione musicale dal vivo; biblioteca vivente; cibo per l’anima; truccambimbi per la Pace e tanto altro

Pubblicato

il

Sabato 10 dicembre a Ruffano torna la Festa Multiculturale. Una serata in cui sapori e musica, attraverso un viaggio tra tradizioni culinarie e musicali dal mondo, daranno vita ad un evento all’insegna dell’incontro tra culture. Una preziosa occasione di convivialità, in un momento storico segnato da crescenti distanze e fratture fra i popoli.

L’appuntamento, promosso dall’assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Ruffano e giunto alla sua seconda edizione, è in piazza Libertà, dalle ore 19e30 di sabato 10 dicembre.

Il programma

Quest’anno il programma prevede una degustazione di piatti etnici da tutto il mondo (da ben 15 Paesi). Vi sarà poi un’esposizione di prodotti artigianali, con stand dedicati. Musica dal vivo, con una esibizione di percussioni africane a cura di “Troupe Jant Africa”. Un angolo culturale, con Cibo per l’Anima e la Biblioteca Vivente. Spazio anche ad arte ed incanto con lo spettacolo del mangiafuoco e con una incursione artistica estemporanea con il docente di arte Mirko Gabellone, del Liceo “Stampacchia” di Tricase. Spazio anche e soprattutto ai più piccoli, con il Truccabimbi per la Pace.

La Festa Multiculturale sarà infatti anche un messaggio di Pace, in corrispondenza con il 74esimo anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani.

Un’occasione perfetta per celebrare la bellezza della multiculturalità di Ruffano, paese caratterizzato da una storia di migrazioni e accoglienze”, ha commentato l’assessora alle Politiche Sociali Angela Bruno. “Diaspore ed arrivi che, sin dagli anni Settanta del secolo scorso, hanno reso la nostra comunità multiculturale e multireligiosa, popolata da tanti bambini e bambine, ruffanesi di seconda e terza generazione che, oggi, frequentano le scuole di Ruffano e si preparano a diventare protagonisti di nuove trasformazioni sociali”.

L’assessore Angela Bruno

Prenderanno parte alla serata anche il gruppo “Per Amor di Pace” del Liceo “Stampacchia” di Tricase, con una parentesi culturale, La Corte della Regina, We Africa to red earth, Amahoro Onlus, Salotto Culturale La Giara, Lupiae Comix, Portatori Sani di Sorrisi, Cooperativa Sociale Albanova, Cooperativa Libellula.

Ingresso all’evento libero. In caso di condizioni meteo avverse, l’evento sarà rinviato, con comunicazione sui canali ufficiali del Comune di Ruffano e di Pari – Associazione Culturale.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Albero di Natale speciale a Melpignano

Nel giorno dell’Immacolata, la scultura coi vinchi intrecciati si tinge dei colori dell’arcobaleno

Pubblicato

il

Non soltanto verde: il Natale lascia spazio a tutti gli altri colori. Contro il consumismo e a favore di quell’energia rinnovatrice che esplode, trasforma e fa rinascere. Cambia anche quest’anno l’albero di Natale di Melpignano: brillerà con le sue luci a partire da domani, 8 dicembre, in Piazza San Giorgio.

Una speciale “scultura” che per l’edizione del 2022 riporterà i colori della bandiera della Pace, realizzati dalle studentesse e dagli studenti della scuola secondaria di primo grado “Oriolo e Ceccato”, come simbolo di riflessione collettiva sulla condizione geopolitica degli ultimi mesi. Ma anche per “illuminare” i diritti civili e celebrare gli esseri umani con tutte le loro numerose, arricchenti diversità.

Non un albero qualunque, dunque. È infatti lo stesso realizzato nel 2020 dall’amministrazione comunale, in collaborazione con l’artista Fabio Pedone, ottenuto tramite l’intreccio dei cosiddetti “vinchi”, gli stralci della potatura. Un’opera di land art (l’arte della terra) che, inneggiando alla natura, è resistita a questi due anni. Per ricordarci come il potere della cura riesca a preservare, a far “rinascere”.

Infine, sempre in occasione del giorno di festa dell’Immacolata, il Comune di Melpignano offre la possibilità di una visita guidata teatralizzata lungo le vie del centro. Tramite i racconti del Cantastorie, i e le partecipanti potranno fare una viaggio tra i tesori nascosti del borgo. La prenotazione è obbligatoria poiché il numero dei posti limitato. Sarà possibile prenotare al numero 3498067219, tramite telefono o Whatsapp.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus