Connect with us

Andrano

Cereali antichi, patto di filiera locale

Castiglione d’Otranto: al via la procedura partecipata, opportunità per i piccoli contadini e strumento di rigenerazione delle aree agricole del Salento

Pubblicato

il

Sono uno strumento per creare un’alleanza tra i piccoli, piccolissimi, produttori del Salento, ma rappresentano anche un tentativo di rigenerazione delle aree agricole abbandonate: i patti di filiera locale per i cereali antichi diventeranno presto realtà sul territorio, grazie all’impegno di una cordata di realtà impegnate attivamente.


Domani, sabato 9 novembre, alle ore 17,30, presso la ex scuola elementare di Castiglione d’Otranto, l’associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino e l’omonima cooperativa organizzano il primo incontro partecipato sul tema, assieme a Rete Salento Km0.


L’appuntamento, patrocinato dal Comune di Andrano, rientra in “Gallery: un osservatorio partecipante”.


Quest’ultimo progetto, ideato da Coppula Tisa con il coinvolgimento di venti associazioni della provincia di Lecce, è risultato vincitore dell’avviso pubblico Puglia Partecipa nell’ambito della legge regionale sulla partecipazione n. 28 del 13 luglio 2017.


Un esercizio di cittadinanza attiva, osservato dall’Università del Salento: il Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo validerà, infatti, questo metodo come prassi adottabile in attuazione della Legge Regionale n. 28 del 13 luglio 2017, “Legge sulla Partecipazione”.


Casa delle Agriculture, chiamata a essere parte attiva in questo percorso, ha deciso di valorizzare questa opportunità per strutturare dal basso un vero e proprio patto economico-ambientale-sociale.


Dopo l’avvio del primo Mulino di Comunità della Puglia, inaugurato nel marzo scorso, dunque, si rilancia.


«L’obiettivo», sottolineano gli attivisti dell’associazione di Castiglione, «è stimolare una nuova produzione agricola con metodi sostenibili su terreni poco utilizzati; convincere i contadini o le famiglie proprietarie di un piccolo pezzo di terra a tornare a coltivare; generare economia territoriale creando una filiera del lavoro etica. E tutto ciò per aiutare i giovani a restare qui e per rigenerare bellezza nel Salento, ricucendo un paesaggio rurale ferito dalle patologie fitosanitarie e, prima ancora, da quelle dell’abbandono».

Nel processo sono, pertanto, coinvolti contadini, famiglie e piccoli proprietari di terre – e dunque di un pezzo di paesaggio – associazioni e amministrazioni, «mettendo a sistema la partecipazione dal basso e l’impegno istituzionale». E, «soprattutto, fuoriuscendo dalla tenaglia della concorrenza e dal giogo di un mercato che schiaccia i contadini, sganciando, dunque, anche il ragionamento economico dalle quotazioni della “borsa merci” e dai meccanismi perversi della grande distribuzione organizzata».


«Casa delle Agriculture», dichiarano da Coppula Tisa, «è nostro partner in questa edizione della Gallery in quanto espressione di una buona pratica per la salvaguardia del paesaggio attraverso la rigenerazione dei terreni improduttivi. Siamo convinti che includere nel nostro processo una tematica così rilevante sia utile a stimolare la cultura della partecipazione, anche in un’ottica di integrazione e messa in sicurezza dei percorsi generativi offerti dalla cittadinanza attiva locale».


Si comincia, dunque, nel pomeriggio di domani con una assemblea pubblica in cui verrà esposta l’idea dei patti di filiera e verrà resa nota l’esperienza virtuosa della cooperativa Gino Girolomoni, nelle Marche.


Il dibattito con i partecipanti servirà a raccogliere idee e proposte per il miglioramento della proposta, che include anche regole relative al reperimento di sementi bilogiche, alla rotazione delle colture per la fertilità dei terreni, all’introduzione di piante mellifere per aiutare le api a sopravvivere.


Lo sbocco commerciale è garantito dal circuito virtuoso creato in questi mesi dalla coop. Casa delle Agriculture grazie al Mulino di Comunità.


«Il territorio cresce grazie a progetti come questo, che utilizzano gli strumenti partecipativi nella definizione di strategie di filiera. Nelle fonti bibliografiche», sottolineano da Rete SalentoKm0, «i paesi del Capo di Leuca sono descritti come grandi produttori di cereali; Casa delle Agriculture ha valorizzato e recuperato questa vocazione con il progetto del Mulino di Comunità e continua a identificarsi come soggetto attuatore di crescita territoriale con lo sviluppo dei Patti di filiera, grazie ai quali un pubblico più ampio di piccoli produttori potrà trovare canali di distribuzione dei propri cereali. Crediamo che la Rete Salento Km0 possa ottenere grandi benefici da questo progetto. Lo sviluppo di sinergie di filiera è la chiave intorno alla quale stiamo lavorando, su fronti diversi ma comuni».


Info Casa delle Agriculture Tullia e Gino: 348/5649772, ass.casadelleagriculture@gmail.com, fb Casa delle Agriculture


Andrano

Centomila euro per gli impianti sportivi di Andrano

Potenziamento degli Impianti Sportivi comunali:a Bari, l’Assessore allo Sport Lara Accogli e il governatore Emiliano hanno firmato il documento per la concessione del contributo di 100 mila euro

Pubblicato

il

L’amministrazione comunale di Andrano ha firmato la concessione del finanziamento e l’accordo preliminare alla sottoscrizione del disciplinare per la realizzazione di “Interventi volti al potenziamento del patrimonio impiantistico sportivo delle amministrazioni comunali” con la Regione Puglia (foto in alto).

Per il Comune di Andrano erano presenti l’assessore allo sport, Lara Accogli, ed il vice sindaco ed assessore ai lavori pubblici, Rocco Surano.

 «Il potenziamento degli impianti sportivi è un investimento che non riguarda solo l’aspetto strutturale degli stessi», dichiara l’assessore Lara Accogli, «ma è, soprattutto, un grande investimento sulla qualità della vita, della salute, della socializzazione e dell’inclusione a partire dalla tenera età e per tutti i ragazzi».

«L’impianto interessato dai lavori di riqualificazione, co-finanziato dalla Regione e dal Comune e  che prevede una spesa complessiva di oltre 128 mila euro, è quello di Castiglione», continua il vice sindaco Rocco Surano, «un risultato importante conseguito dall’Amministrazione Musarò, ed in particolare dall’assessore allo Sport, Lara Accogli, poiché, per la prima volta dalla sua costruzione, si pone in essere un intervento sia in ordine ai terreni di gioco che in ordine all’efficientamento energetico della struttura sportiva».

«L’aver previsto l’implementazione delle attrezzature sportive con la realizzazione di un’area fitness inclusiva, che apre l’attività motoria anche ai diversamente abili»,  conclude il sindaco Salvatore Musarò, «qualifica ulteriormente la nostra azione amministrativa e certifica la sensibilità, la costante attenzione verso i bisogni dei giovani, convinti come siamo che lo svolgimento dell’attività motoria migliora il benessere psicofisico della persona».

Continua a Leggere

Andrano

Il Salento bolle: Galatone, Andrano e Marittima sfiorano i 40 gradi

Pubblicato

il

Era stato preannunciato: questa settimana i termometri salentini avrebbero sfiorato i 40 gradi.

Ed ecco che Supermeteo segna sulla mappa i picchi odierni (registrati poco prima delle 16) nelle principali zone della provincia.

A Galatone si toccano i 37,7 gradi. Bollente anche la zona Andrano e Marittima con 36,8 gradi centigradi.

Di seguito la mappa completa.

Continua a Leggere

Andrano

Onorificenze cavalleresche a Spongano

Onorificenza al dott. Pier Vitale Nuzzo, originario di Marittima e ricercatore negli USA; al presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani Fabio Bacile Di Castiglione, dentista di nobile famiglia sponganese,  autore di opere letterarie e noto per aver restaurato uno storico frantoio ipogeo di famiglia rendendolo visitabile e location per eventi culturali

Pubblicato

il

Non teme la pandemia il Gruppo Insigniti Onorificenze Cavalleresche del Salento “APS” che sabato 1° agosto , alle 21,  conferirà il Premio G.I.O.C. 2020.

L’evento si consumerà  in piazza Vittoria a Spongano e sarà patrocinato dalla Regione Puglia, dalla provincia di Lecce e dall’Unione dei Comuni Andrano-Diso-Spongano.

Serata speciale per i beneficiari del premio:

dott. Pier Vitale Nuzzo, originario di Marittima ma che da anni vive a lavora negli USA, dove ha ottenuto il premio ASCO 2020 per i suoi risultati dalle ricerche sulla prevenzione oncologica;

il presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani, avvocato e professore di Unisalento nonché autore di numerose pubblicazioni interesse internazionale;

dott. Fabio Bacile di Castiglione, dentista di nobile famiglia sponganese,  autore di opere letterarie e noto per aver restaurato uno storico frantoio ipogeo di famiglia rendendolo visitabile e location per eventi culturali.

Interverranno: Saverio Rizzello, presidente del G.I.O.C. Salento; Luigi Rizzello, sindaco di Spongano e presidente dell’Unione dei Comuni; Antonella Carrozzo, sindaco di Diso; Stefano Minerva, presidente della provincia e la dama di commenda dell’O.E.S.S.G. Anna Maria Scipioni Bacile di Castiglione.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus