Connect with us

Attualità

Costruzioni, rincari materie prime: allarme anche nel Salento

La denuncia di Confartigianato Lecce: «Aumenti vertiginosi. Il rischio è bloccare un intero comparto. Serve un intervento del Governo»

Pubblicato

il

Margini di guadagno ridotti e impossibilità di svolgere il lavoro. È la denuncia di Confartigianato Lecce che interviene in merito al problema dei rincari sui prezzi delle materie prime che sta mettendo in grave difficoltà tutto il comparto artigianale salentino legato all’edilizia.


«Le imprese del nostro territorio stanno soffrendo le conseguenze dell’aumento dei costi delle materie prime», afferma Luigi Marullo, presidente categoria costruzioni Confartigianato Lecce, «i rincari hanno colpito tutto il territorio nazionale e il Salento non è immune da questo problema. Parliamo di rincari importanti, registrati soprattutto negli ultimi mesi. Solo per citarne alcuni, i prezzi del ferro sono lievitati del 100%, così come quelli per i materiali dei cappotti esterni. Sono cifre astronomiche. L’aumento dei costi riduce l’utile per l’imprenditore, che rischia di dover lavorare in perdita o magari di dover chiudere il cantiere già in corso».


Secondo uno studio elaborato da Confartigianato Imprese i rincari maggiori si registrano per i metalli di base con +65,7% tra marzo 2020 e marzo 2021. Particolari tensioni per minerale di ferro con rincari annui del +88,1%, seguito da stagno (+77%), rame (+73,4%) e cobalto (+68,4%).


E ancora zinco (+46,7%), nickel (+38,5%,), alluminio (+36,%), molibdeno (+32,4%). Allarme anche sul fronte delle materie prime energetiche, i cui prezzi a marzo 2021 aumentano addirittura del 93,6% su base annua.

«Il rischio per le aziende», spiega il presidente Marullo, «è di dover abbandonare le commesse perché non generano più utili ma perdite o perché non si riesce a onorare le consegne per insufficienza di materie prime, oramai introvabili e carissime».


Per questo motivo Confartigianato Lecce sollecita il Governo affinché possa mettere in campo misure urgenti che possano ristabilire l’equilibro tra domanda e offerta.


«Il meccanismo di compensazione, previsto del decreto Sostegni bis proprio per mitigare l’aumento dei prezzi dei materiali da costruzione, non avrà effetto sui contratti privati ma riguarderà solo le aziende appaltatrici di opere pubbliche», conclude il presidente Marullo, «Questo è un grave danno per piccole e medie imprese del settore considerando che la maggior parte dei cantieri oggi attivi riguardano i privati. Attendiamo un intervento risolutivo da parte del Governo per evitare la paralisi del settore. In ballo c’è la ripresa e la sopravvivenza dell’intero comparto».


Attualità

Galatina: sciopero e sit-in alla Minermix

Il 6 febbraio nuovo incontro della task force regionale. I rappresentanti sindacali di Fillea Cgil, Filca Cisl e FenealUil di Lecce chiedono garanzie per la salvaguardia dei posti di lavoro

Pubblicato

il

Sciopero e sit-in dei lavoratori della Minermix, questa mattina, davanti alla sede dello stabilimento di Galatina.

Al loro fianco i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria Fillea-Cgil, Filca-Cisl e FenealUil Lecce, che già nei giorni scorsi avevano proclamato lo stato di agitazione del personale e annunciato azioni di protesta contro la procedura di licenziamento collettivo decisa dall’azienda di calce e derivati, il cui principale committente è l’ex Ilva di Taranto, oggi Acciaierie d’Italia.

Hanno sostenuto la protesta anche la segretaria generale della Cgil Lecce, Valentina Fragassi, la segretaria generale della Cisl Lecce, Ada Chirizzi e il coordinatore territoriale della Uil Lecce, Mauro Fioretti.

In vista del nuovo incontro della task force regionale, convocato per il prossimo 6 febbraio, i sindacati chiedono garanzie per la salvaguardia dei posti di lavoro e invitano i vertici aziendali a rivedere la propria posizione.

“Ribadiamo il nostro secco ‘no’ alla decisione di chiudere l’attività e mandare a casa i lavoratori perché altre soluzioni sono possibili”, dichiarano i Segretari provinciali Luca Toma (Fillea), Raimondo Zacheo (Filca) e Paola Esposito (FenalUil). “Gli investimenti che il Governo ha previsto per il colosso siderurgico di Taranto consentiranno di far ripartire anche l’indotto nel corso dell’anno, per cui non capiamo le ragioni di questa scelta di questa fuga improvvisa.

Continueremo con lo stato di agitazione del personale, oggi abbiamo previsto il blocco dell’attività lavorativa per tutti i turni ed organizzato un sit-in di protesta. Auspichiamo che si arrivi a un accordo-ponte per il ricorso agli ammortizzatori sociali, ma solo per il tempo strettamente necessario a contenere questa fase di crisi aziendale, perché con l’impennata dei costi dell’energia e delle materie prime, non possiamo gravare ulteriormente su queste famiglie.

Le Istituzioni siano al nostro fianco – concludono – e ci aiutino a trovare una soluzione che possa garantire il futuro di queste 59 famiglie”.

Continua a Leggere

Attualità

“UniSalento sia intitolata a Codacci Pisanelli”

Paolo Pagliaro in occasione della commemorazione: “Ne fu fondatore, atto dovuto”

Pubblicato

il

In occasione della commemorazione di Codacci Pisanelli tenutasi a Tricase, Paolo Pagliaro interviene proprio in memoria di colui che fu uno dei padri fondatori della Costituzione Italiana.

Giuseppe Codacci Pisanelli affermò l’idea politica di Regione Salento come unicum territoriale e culturale, si batté per l’istituzione dell’Università a Lecce. Per questo merita di essere ricordato tra le più importanti figure politiche salentine dell’ultimo secolo. Alla sua memoria, nel 35esimo anniversario della morte, è stato dedicato l’omaggio reso questa mattina al cimitero di Tricase”.

L’iniziativa, voluta dal consigliere regionale Paolo Pagliaro, presidente del MRS ispirato proprio al pensiero di Codacci Pisanelli, ha visto la partecipazione dello stesso Pagliaro e di amministratori locali del Movimento: il sindaco di Sogliano e consigliere provinciale di Lecce nonché portavoce del Movimento, Giovanni Casarano, il coordinatore cittadino MRS Tricase, Hervè Cavallera, la vice coordinatrice cittadina del MRS Tricase, Maddalena Antonaci Dell’Abate. Con loro il sindaco di Tricase, Antonio De Donno, il sindaco di Alessano, Osvaldo Stendardo, e Biancaneve Codacci Pisanelli figlia dello statista commemorato.

Nato nel 1913 e morto il 2 febbraio 1988, insigne giurista, per tre volte ministro, Giuseppe Codacci Pisanelli credeva fortemente nel valore della cultura come identità e motore dell’economia e del turismo. Fu tra i fondatori del Consorzio Universitario Salentino, primo rettore dell’Università del Salento e restò in carica per venti anni consecutivi.

“È doveroso che a Giuseppe Codacci Pisanelli venga intitolata la nostra Università – è il pensiero di Paolo Pagliaro – perché senza il suo impegno caparbio, la sua determinazione, l’Università del Salento sarebbe rimasta solo un progetto, un desiderio irrealizzato. È stato un pensatore straordinario ma anche un uomo del fare, e ha dedicato la sua vita al progetto di istituzione della Regione Salento. Un progetto presentato durante i lavori della Costituente e cancellato in una notte a seguito di un accordo politico fra Togliatti e Moro. Codacci Pisanelli ha sempre sottolineato l’unicità della penisola salentina, non assimilabile alla Puglia né geograficamente né per identità culturale e linguistica. Di questo progetto è erede il Movimento Regione Salento, che lo porta avanti con determinazione per il riscatto di quella che fu la gloriosa Terra d’Otranto”.
“Non si può dimenticare un costruttore della cultura leccese e un paladino della salentinità
– prosegue Pagliaro – e promuoverò iniziative istituzionali in Regione per onorare la memoria del padre costituente, insigne studioso e illuminato uomo politico che tanto lustro ha dato alla nostra terra. Riproporrò inoltre con forza al rettore Pollice, insieme al professor Wojtek Pankiewicz, la nostra proposta, condivisa e sottoscritta da molti nomi illustri, di intitolazione dell’Università degli studi del Salento a Giuseppe Codacci Pisanelli”.

Continua a Leggere

Attualità

Cerco personale, pago fino a 2000 euro al mese ma non ne trovo

E’ sempre colpa del RdC, delle fasce deboli accusate di essere “formate da fannulloni, felici di ricevere il sussidio dello Stato”, o sono…

Pubblicato

il

Sta facendo il giro dei quotidiani nazionali la vicenda dell’azienda Plastic Puglia, con sede a Monopoli (BA), e del proprietario il barone Vitangelo Colucci, che da mesi cerca personale, pagandolo fino a 2.000 euro al mese, ma non ne trova.

La Plastic-Puglia, un’azienda pugliese leader mondiale nel settore dell’irrigazione a goccia, infatti, pur offrendo un regolare contratto di lavoro, non riesce a trovare personale specializzato pronto a ricoprire i ruoli che offre.

Questo succede nel martoriato Mezzogiorno dove, stando agli ultimi dati disponibili, il tasso di disoccupazione registra tassi e cifre superiori alla media nazionale, ma nonostante questo, c’è chi rifiuta un lavoro ben retribuito.

E’ sempre colpa del RdC, delle fasce deboli accusate di essere “formate da fannulloni, felici di ricevere il sussidio dello Stato”, o sono condizioni di sfruttamento che subiscono tanti lavoratori, e quindi sono “costretti” a rifiutare?

La discussione è aperta! Chi vorrà candidarsi potrà mettersi in contatto diretto con l’azienda di Monopoli, chi vorrà esprimere la propria opinione potrà farlo utilizzando i nostri canali social, Fb, il numero Whatsapp 371 37 37 310, o via mail, info@ilgallo.it.

Intanto, per la precisione la Plastic-Puglia ricerca autisti in possesso di patenti C+CQC, disponibili alla mobilità nazionale, controllori di carico delle merci sul camion, verifiche dello stato del carico, compilazioni pianificazioni di documenti di viaggio,  controllo delle condizioni del veicolo prima di ogni viaggio, con particolare attenzione alla sicurezza.

Il contratto è quello previsto CCNL del settore, l’inserimento immediato.

Inoltre, si ricercano meccanici, elettricisti, carpentieri, oltre che di manovali generici per le operazioni di carico.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus