Connect with us

Attualità

Safe, siamo tutti sulla stessa barca

Dal Trentino alla Sicilia. L’obiettivo è attuare strategie e realizzare progetti che sensibilizzino sul tema della povertà sanitaria e dell’inclusione lavorativa. Coinvolto anche il Capo di Leuca con l’associazione Form.Ami e la Caritas Diocesana di Ugento-S.Maria di Leuca

Pubblicato

il

«È un grande onore, ma anche una grande responsabilità per noi essere capofila del progetto SAFE», racconta Mario Galasso, direttore della Caritas di Rimini, «abbiamo una grandissima opportunità: ampliare le nostre competenze per servire al meglio le persone che si rivolgono a noi».


Un progetto nato grazie  al finanziamento del Ministero del Lavoro, che ha il compito di coordinare l’attività di realtà presenti in modo capillare su tutto il territorio italiano. Realtà esperte, competenti, attive da anni per rispondere in maniera puntuale ai bisogni crescenti dei poveri sul nostro territorio. L’appello però è rivolto a tutti, dice Marco Pagniello, responsabile ufficio politiche sociali e promozione umana di Caritas Italiana: «la coesione sociale, la crescita del benessere delle comunità e la lotta alla povertà richiedono, sopratutto nella situazione attuale, la mobilitazione di tutti».


Ad oggi sono più di 2 milioni le famiglie che vivono in condizioni di povertà assoluta, il 7,7% del totale.


Non ci si può aspettare che gli  enti caritatevoli, da soli, risolvano problemi di questa portata.


Serve un intervento culturale, ed è quello che il progetto SAFE si propone. Non solo rispondere ad un problema, ma sostenere progetti di reinserimento lavorativo e la sensibilizzazione sul tema della povertà sanitaria. Promuovere le reti formali e informali di azione, far diventare patrimonio comune quanto emerge dalla sperimentazione di azioni sociali innovative nei singoli contesti, utilizzare sistemi di rendicontazione e di monitoraggio dei bisogni messi a disposizione dai vari partner coinvolti nel progetto.


Hanno aderito al progetto enti nazionali e locali, in un’ottica di sussidiarietà circolare, tra i quali: Banco Farmaceutico, ACLI – CTA, Caritas Italiana. Ma non meno importanti sono tutti i partner che attraverso le loro attività e disponibilità al lavoro di squadra si fanno portavoce del progetto per rafforzare la potenza del messaggio innovativo di SAFE.


Le attività progettuali si svolgeranno anche nel territorio del Capo di Leuca, grazie all’adesione al partenariato dell’associazione Form.Ami e della Caritas Diocesana di Ugento-S.Maria di Leuca.


Il progetto sarà comunicato in rete e descriverà le attività già in essere e le storie  vere di lavoratori, ospiti, volontari dei progetti in giro per l’Italia attraverso il sito internet www.progetto-safe.it e la pagina Facebook SAFE – rete per l’inclusione e la salute.

Siamo tutti sulla stessa barca


Safe – è un termine inglese che significa sicuro, protetto, affidabile, descrive  uno “stare bene” in relazione con gli altri, non da solo.


Il logo del progetto è una firma, semplice, autografa che chiunque può imparare a fare.


Questo simbolo vuole significare che tutti le persone e gli enti partner del progetto si impegnano a testimoniare questa appartenenza reciproca, offrendo spazi accoglienti, cure, beni necessari ma anche e soprattutto tempo, ascolto, sorrisi e risposte ai problemi.


Così Safe diventa una rete, spazio di confronto e di incontro dove ognuno ha qualcosa da dire, una storia da raccontare, un aiuto da donare: l’operatore come il volontario, l’ospite come il cuoco, il direttore come il senzatetto.


Un gioco delle parti, in cui non esiste chi salva e chi è salvato: siamo tutti sulla stessa barca.


 


Attualità

Mirko, 20enne leccese, nella Top 10 del Global Student prize

Allo studente “più impattante del mondo”, in caso di vittoria, è riservato un premio di 100mila dollari

Pubblicato

il

Mirko Cazzato, 20enne leccese, ideatore nel 2016 del progetto antibullismo ‘Mabasta’, è uno dei 10 studenti al mondo ad aver superato le doppie selezioni internazionali (3.500 candidature da 94 nazioni) qualificandosi nella ‘Top 10’ della prima edizione del ‘Global Student Prize’, dedicato agli studenti “più impattanti”. 

Gli altri nove finalisti arrivano da Canada, Kenya, Nigeria, India, Usa, Uk, Brasile, Sierra Leone.

Il premio è gemello del ‘Global Teacher Prize’, che dal 2015 premia i migliori docenti del mondo. Allo studente “più impattante del mondo” è riservato un premio di 100mila dollari.

Mirko Cazzato, si è diplomato nel 2020 all’istituto ‘Galilei-Costa’ di Lecce. Nel 2016, a 14 anni, quando frequentava il primo anno alle superiori, insieme agli altri alunni della sua classe, ha dato vita alla startup sociale ‘Mabasta’, un acronimo che si legge da sé: Movimento anti bullismo animato da studenti adolescenti. 

Dopo il diploma ha continuato a impegnarsi, studiare e lavorare a tempo pieno per ‘Mabasta’. Dal giugno 2020 ha fatto crescere la startup facendola conoscere in tutta Italia. 

Un anno fa ha realizzato il progetto ‘1000 a 0 – Sport Vince Bullismo Perde’, coinvolgendo il mondo dello sport italiano e ottenendo la collaborazione e il patrocinio di 34 federazioni sportive nazionali, di Sport e Salute (Coni), del Comitato Italiano Paralimpico, di 4 Leghe nazionali e decine e decine di squadre e team in tutta Italia. 

Per affinare conoscenze e competenze sta frequentando un corso dedicato all’imprenditorialità sociale presso la WeDo Academy in modalità “learning by doing”, con la guida di esperti coach.

Secondo Sunny Varkey, fondatore della Varkey Foundation, la storia di Mirko “evidenzia chiaramente l’importanza dell’istruzione nell’affrontare le grandi sfide che ci attendono, dal cambiamento climatico alla crescente disuguaglianza e alle pandemie globali“. 

Invece Lila Thomas, responsabile di ‘Chegg.org’, a asserito: “Mirko e gli altri finalisti rappresentano gli studenti coraggiosi e laboriosi di tutto il mondo, che stanno lottando per il loro futuro“.

Continua a Leggere

Attualità

Gallipoli, gabbiani affamati, mangiano sui tavoli i tarallini leccesi

La loro voracità per la specialità salentina è stata immortalata in un video…

Pubblicato

il

Il video è stato girato a Gallipoli: in un locale all’aperto che si affaccia sul lungomare di Gallipoli, tra le mete più note del turismo in Salento.

Alcuni gabbiani, probabilmente affamati, si fermano sui tavoli occupati da turisti dove le persone stanno per consumare l’aperitivo: gli uccelli, senza dimostrare timore, e come sovente accade, a dir poco invadenti, si posano tra le fila dei tavoli e mangiano dei tarallini rubandoli ai clienti seduti ai tavoli.

La loro voracità per la specialità salentina è stata immortalata in un video, un momento di allegria e stupore per i visitatori dei bar.

Giovanni D’Agata,  Sportello dei Diritti.

Continua a Leggere

Attualità

Tutti a Bari per la ‘terza volta’ della Buona Destra

“In questo panorama politico disastrato”, aggiunge Adriana Poli Bortone, “si impone una riflessione sulla destra…”

Pubblicato

il

Domani, martedì 19 ottobre, a partire dalle 18.30, al Caffè d’Arte, in via San Francesco d’Assisi 11, a Bari, si terrà il terzo incontro del partito fondato da Filippo Rossi, la Buona Destra.

Un dibattito pubblico che verte sul perché  “Perché serve una destra di governo” e che vedrà protagonisti il giornalista triestino, fondatore del Festival Caffeina, e Adriana Poli Bortone, tra le altre ex Ministro delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali ed ex Sindaco di Lecce.

Il partito, fondato nell’ottobre 2020 e lanciato verso la convenzione fondativa del prossimo 13 novembre, nasce con l’obiettivo di porsi come forza politica che si ispiri a principi di difesa del bene comune esplicati in un manifesto programmatico fondato su 20 punti.

Tra questi, la rinuncia “alle promesse che non si possono mantenere” e “al clientelismo”, la difesa costante dei diritti e non dei privilegi, la scelta di evitare “di ricorrere a forme disumane di chiusura o respingimento” dei “migranti con lo status di profughi e quelli economici in pericolo di vita” chiarendo “che il sacro dovere di salvare vite umane in mare non coincide con il dovere dell’accoglienza sempre e comunque”.

L’appuntamento di domani sarà il terzo delle ultime settimane in Puglia. Seguirà infatti l’incontro dello scorso 12 settembre a Lecce e quello del 16 ottobre di Taranto, durante il quale i coordinatori regionali Rocco Suma, Ascanio carlucci, Marcello Rizzo Affinito e Felicita Jirillo hanno rilevato “la presenza di una comunità pugliese viva e aperta, che guarda con attenzione alla Buona Destra”.

Quello del 19 ottobre“, spiega Rossi “è un evento singolo, ma tanti ne devono seguire ancora per costruire anche in Italia una destra di governo, capace di prendersi responsabilità; una destra europea, che sappia astenersi dal ricorso alla propaganda perpetua”.

In questo panorama politico disastrato“, aggiunge Adriana Poli Bortone, “si impone una riflessione sulla destra, per definirne esattamente l’identità rispetto all’attualità. Anche gli eventi degli ultimi giorni ci dicono che c’è confusione ed è difficile per i cittadini trovare oggi un partito che interpreti sentimenti, valori e missione di una destra moderna”.

L’incontro, nel rispetto delle normative vigenti per il contenimento dal contagio da COVID-19, è aperto a tutti.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus