Connect with us

Cronaca

Aggressione in strada: tre arresti

Galatone: in tre e armati di coltello ridussero in fin di vita il 21enne Dario Potenza. Il GIP: «Un’aggressione bestiale, connotata da una ferocia inaudita»

Pubblicato

il

Avevano accoltellato un giovane in strada e sono stati catturati dopo un mese.

È il risultato dell’indagine condotta dalla Stazione Carabinieri di Galatone, con l’ausilio del NOR dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Gallipoli, conclusasi con l’esecuzione di tre ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP presso il Tribunale di Lecce, Dott.ssa Giulia Proto, su corrispondente richiesta del Sost. Proc. Dott.ssa Francesca Miglietta.

Gli arrestati sono i galatonesi Giuseppe Marzano, 53 anni, già condannato nel 2014 per tentato omicidio, Vincenzo Lanzillotto, 40 anni, con precedenti per stupefacenti e Marco Colazzo, 24 anni, incensurato. I tre fermati dovranno rispondere di tentato omicidio.

I fatti risalgono alla notte tra l’11 ed il 12 dicembre scorso, quando la vittima, Dario Potenza, 21 anni, venne raggiunta dai suoi aggressori, a volto scoperto, all’interno di un bar di Galatone. Tentò la fuga dalla porta posteriore e cercò di  nascondersi, invano, dietro una macchina. L’intera sequenza è stata ripresa dal sistema di videosorveglianza di un’abitazione prospicente al luogo del delitto. I tre, in particolare, dapprima colpirono la giovane vittima con calci e pugni, per poi sferrargli alla schiena 3 fendenti con un arma da taglio non meglio identificata. Non contenti, uno dei tre decise di sferrare anche un calcio al volto del giovane, ormai a terra agonizzante. Come ha sottolineato il GIP: «Un’aggressione bestiale, connotata da una ferocia inaudita da parte di tutti gli indagati».

Il raid punitivo terminò solo grazie all’intervento di un poliziotto, libero dal servizio, che dalla finestra della propria abitazione, udito il trambusto in strada, urlò agli aggressori per poi scendere in strada mettendoli in fuga.

La vittima venne trasportata in codice rosso prima all’ospedale di Gallipoli, poi a Lecce, dove, dopo la constatazione della perforazione del polmone con una perdita di ben 2 litri di sangue, a notte fonda subì un arresto respiratorio e fu salvato solo grazie al supporto di un rianimatore.

Intanto a Galatone i carabinieri avevano acquisito i filmati di videosorveglianza.

La spregiudicatezza dei tre aggressori, tutti a volto scoperto, non è rimasta impunita. Tutti, infatti, sono stati riconosciuti e compitamente identificati dai militari dell’Arma, che ben conoscevano la realtà sociale e delinquenziale galatonese. Catturati all’alba presso le proprie abitazioni, sono stati accompagnati presso la Casa Circondariale di Lecce con l’accusa di tentato omicidio.

Attualità

Il sindaco di Melendugno dopo i due casi positivi sulla nave: “Fermate il cantiere TAP”

Marco Potì:”Il cantiere va subito fermato. È un imperativo morale e legale a cui deve assolvere il nostro prefetto. Non possiamo correre il rischio di diventare una nuova Bergamo”.

Pubblicato

il

Dopo la notizia che due uomini che, a bordo della nave Protea impegnata nelle operazioni di preparazione la gasdotto Tap, sono risultati positivi al coronavirus, il sindaco Marco Potì ha chiesto al prefetto di sospendere “al più presto” i lavori.

La “Protea”, ora in rada a Brindisi in attesa di disposizioni, è impegnata nelle operazioni di monitoraggio ambientale e reimpianto delle biocostruzioni all’exit point a mare del microtunnel Tap.

Ieri è stato reso il secondo caso di positività: si tratta di un uomo, fatto sbarcare dalle autorità sanitarie ed ora ricoverato all’ospedale Perrino di Brindisi.

In precedenza era toccato ad un biologo marino risultato positivo il 28 marzo a Roma, la sua città dove era tornato nei suoi gironi liberi.

Il sindaco di Melendugno non ha dubbi: “Si deve fermare urgentemente l’attività del cantiere Tap a San Foca e a Melendugno e del cantiere Snam che va da Lecce a Brindisi”.

Il primo cittadino spiega anche perché: “Continue testimonianze riferiscono della commistione tra le persone delle ditte locali e quelle provenienti da fuori regione. In questo modo non vengono rispettate le prescrizioni per evitare il diffondersi del contagio”.

Il sindaco Potì ha informato della vicenda il prefetto Maria Teresa Cucinotta: “La Tap deve smettere i lavori e andare via, il cantiere va subito fermato. È un imperativo morale e legale a cui deve assolvere il nostro prefetto. Non possiamo correre il rischio di diventare una nuova Bergamo”.

 

Continua a Leggere

Attualità

Il sindaco di Miggiano: “Ancora nessuna comunicazione”

Michele Sperti a proposito della notizia appena comparsa sul Bollettino epidemiologico della Regione che riporta il caso di una persona positiva al Covid-19, fa notare: “Nei giorni precedenti casi di errata attribuzione”

Pubblicato

il

Cari concittadini, a proposito della notizia appena comparsa sul Bollettino epidemiologico della Regione Puglia che riporta il caso di un soggetto positivo al Covid-19, vi comunico che alcuna notizia ufficiale mi è stata recapitata dagli organi competenti”.

Il sindaco di Miggiano, Michele Sperti (foto di repertorio)

Lo ha postato alcuni minuti fa il sindaco di Miggiano, Michele Sperti, sulla pagina facebook del Comune a proposito del cambiamento di colore di Miggiano sulla mappa dei contagi del bollettino epidemiologico della Regione Puglia

Al momento”, scrive Sperti, “non sono in grado di fornirvi notizie ufficiali. Sono impegnato comunque in questi minuti a verificare la fondatezza della notizia. Non mancherò di comunicarvi appena sarò in possesso di notizie certe. Posso solo dirvi che di casi di errata attribuzione, in questi giorni, ce ne sono stati tanti. Vi invito vivamente pertanto ad essere sereni e fiduciosi”.

I contagi secondo la mappa epidemiologica diffusa dalla Regione Puglia

Continua a Leggere

Attualità

Altri 32 casi in provincia. Prima volta anche a Miggiano?

Il totale nel Salento sale a 353. La mappa dei paesi contagiati diffusa dalla Regione ci segnala in viola chiaro anche il primo caso positivo a Miggiano. Il sindaco Sperti: “Al momento non mi risulta”

Pubblicato

il

Sono 131 i nuovi casi in Puglia che portano il totale dei contagiati sul territorio regionale a 2.077.

In provincia di Lecce invece il totale dei positivi è a quota 353, compresi i 32 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore.

Da registrare purtroppo altri 15 decessi in Puglia, uno dei quali in provincia di Lecce.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 16.654 test.

Salgono a 65 i pazienti guariti.

Sono questi in sintesi i dati diffusi dalla Regione Puglia con l’odierno bollettino epidemiologico realizzato sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro.

In base alla mappa dei paesi contagiati diffusa dalla Regione ci sarebbe anche la prima volta di Miggiano (segnalata in viola chiaro) e Trepuzzi.

Utilizziamo il condizionale nonostante la mappa della Regione, visto anche il precedente di Corigliano d’Otranto, prima tinto e poi… “scolorito”.

In queste ore convulse il sindaco Michele Sperti, anche lui colto di sopresa dal cambiamento di colore del suo Comune sulla mappa (“Al momento non mi risulta alcun contagiato a Miggiano“), sta cercando di risalire a come realmente stiano le cose.

Bisognerà capire se, come successo a Matino, Tricase ed in altri Comuni, si tratti di una falla comunicativa e il sindaco per una sorta di black out nellacomunicazione, non sia stato informato (e quindi trattasi di cittadino residente a Miggiano) oppure se, effettivamente, può esserci stato un errore come a Corigliano d’Otranto.

Sulla base delle differenti colorazioni della mappa dei contagi che ormai abbiamo imparato a conoscere (vedi sotto), oltre a Lecce e, eventualmente, Miggiano, i paesi di cui almeno un residente sia risultato infetto sono: Alezio, Aradeo, Arnesano, Calimera, Cavallino, Campi Salentina, Cannole, Carmiano, Carpignano Salentino, Casarano, Castrì di Lecce, Castrignano del Capo, Castro, Collepasso, Copertino, Cursi, Cutrofiano, Gagliano del Capo, Galatina, Galatone, Gallipoli, Guagnano, Lequile, Leverano, Lizzanello, Maglie, Martano, Martignano, Matino, Melendugno, Melissano, Monteroni, Muro Leccese, Nardò, Neviano, Nociglia, Novoli, Otranto, Poggiardo, Porto Cesareo, Racale, Salice Salentino, San Cesario di Lecce, San Donato di Lecce, San Pietro in Lama, Scorrano, Soleto, Squinzano, Supersano, Surbo, Taurisano, Trepuzzi, Tricase, Ugento, Veglie, Vernole.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus