Connect with us

Cronaca

Coronavirus: audio fake su whatsapp

Pubblicato

il

Di virale nel Salento, grazie a Dio, c’è solo questo audio fake che è rimbalzato di telefonino in telefonino (clicca sotto).

Una voce femminile che informa come «al pronto soccorso di Lecce è stato ricoverato un cinese molto grave per il coronavirus, era rientrato da 10 giorni dalla Cina ed è affetto. Quindi se si può evitare ed andare in altri ospedali…».

Lo stesso fake è circolato anche con due varianti maschili. La prima recita: «Non so se vi è stato comunicato, l’ho saputo adesso ora: fate attenzione quando andate in pronto soccorso portate le mascherine, hanno appena portato un cinese che dieci giorni fa è stato in Cina: sta malissimo».

Più o meno dello stesso tenore anche l’altro audio registrato con tono maschile: «Sto andando a Taranto con un collega del 118, mi ha detto che al pronto soccorso di Lecce hanno ricoverato un cinese che sta malissimo e che dieci giorni fa era in Cina, evitate di andare al pronto soccorso di Lecce».

La smentita è arrivata direttamente dal primario del Pronto Soccorso dell’ospedale Fazzi di Lecce, dott. Silvano Fracella che, dai microfoni di Telerama ha dichiarato: «Si tratta di un falso allarme, ci sono stati solo degli accertamenti su un professore di musica da poco rientrato dalla Cina per un concerto che ha voluto, per precauzione, sottoporsi a tutti gli accertamenti, anche al tampone per il Coronavirus. Sta bene ed è stato rimandato a casa».

Resta da capire se il caso del musicista di ritorno dall’Oriente abbia innescato l’equivoco o se, invece, qualcuno con dolo abbia voluto innescare la psicosi su tutto il territorio.

Quindi se sul vostro smartphone arriverà un audio di un cinese infetto da coronavirus ricoverato in un ospedale salentino cancellate pure.

E ditelo a tutti: è un fake!

Cronaca

Ugento: sembra uno squalo ma è un grande pesce luna

Secondo gli esperti è salito in superficie per farsi ripulire il corpo dai parassiti da parte degli uccelli

Pubblicato

il

A primo impatto, può sembrare uno squalo.

Per le dimensioni importanti ma anche per la grossa pinna che esce dall’acqua.

In verità quello incontrato nelle acque di Ugento dagli occupanti di una piccola imbarcazione era un pesce luna (o mola mola), il più grande tra i pesci ossei viventi (lo squalo è un pesce cartilagineo).

Bello e non pericoloso, a differenza degli squali. Il pesce luna si nutre di plancton, di piccoli pesci e di meduse.

Il suo habitat naturale è rappresentato dalle acque costiere.

Vive anche in acque tropicali e temperate fino a spingersi in acque fredde come quelle delle coste norvegesi. Può essere avvistato nel Mediterraneo e ed è diffuso a largo delle coste di Sudafrica e Australia.

In Inghilterra è chiamato sunfish sia per le sue dimensioni sia perché durante le giornate di sole tende a salire in superficie. Si tratta di un evento eccezionale quello di avere ripreso il pesce luna in superficie, poichè quando sale dalle profondità, può passare molto tempo in attesa di ospitare, sul suo corpo, degli uccelli a caccia di piccoli organismi che si posano sul pesce per banchettare.

Il pesce mola mola è spesso ricoperto da parassiti acquatici e per questo usa uccelli o altri piccoli pesci per ripulirsi! Nel Mediterraneo il pesce luna è presente fin dai tempi antichi.

Il pesce luna è stato, in passato, oggetto di pesca (la sua carne è commestibile).

E’ stato alla fine degli anni Novanta che la sua pesca è stata vietata dalla Comunità Europea e questo divieto ha permesso al pesce luna di moltiplicarsi gradualmente.

Con questo nuovo avvistamento viene confermata la ripresa della natura che via via sta riconquistando gli spazi che l’uomo, abusando delle risorse marittime, si era illegittimamente appreso.

Sembra quasi un invito di questo pesce placido ed innocuo a non disturbare un ambiente che a fatica ritrova il suo equilibrio.

Le immagini spettacolari sono state girate da Gianfranco Coppola referente dello ““Sportello dei Diritti”.

Immagini quelle del video, quantomeno rare per i mari nostrani, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti poichè in Italia è stato avvistato a largo della costa ligure dove ha intensificato la sua presenza dal 2014. In particolare a Portofino e nelle altre acque liguri poichè è il più grande predatore di meduse e, l’aumento delle temperature dell’acqua ha visto un forte incremento delle meduse che a loro volta hanno attirato il pesce luna sotto costa in Liguria.

Continua a Leggere

Attualità

Bollettino covid: +11 in Puglia ma il Salento resta vergine

Dall’inizio della pandemia è di 4.458 il totale dei contagiati: sono 2.178 i pazienti guariti, 1.793 i casi attualmente positivi

Pubblicato

il

Altri 11 contagi in Puglia ma il Salento resta ancora esente da nuovi contagi.

Eseguiti nelle ultime 24 ore 1.832 test: il tasso di positività su tutto il territorio regionale è dello 0,60% in aumento rispetto allo 0,45% di ieri ma sempre contenuto.

Sottolineato che gli ultimi casi riguardano soprattutto la Capitanata (7) e il barese (3) ieri è stato registrato un altro decesso di Pugliese con covid nella provincia Bat.

Dall’inizio della pandemia sono stati effettuati 103.570 test.

Sono 2.178 i pazienti guariti; 1.793 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza sanitaria è di 4.458, di cui 511 nella provincia di Lecce.

IL BOLLERTTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 24 MAGGIO

 

Continua a Leggere

Cronaca

Il ritorno alla vecchia, triste normalità

Pubblicato

il

La fine del lockdown è il ritorno alla normalità. Quella vecchio stampo.

Ci eravamo detti che avremmo avuto più rispetto delle cose. Dell’ambiente. Degli altri. Del prossimo. Ma non è così.

Da Tricase Porto un esempio di rinnovata inciviltà, nelle foto scattate stamani da un nostro lettore: cartoni di pizza, scarti di cibo, bottiglie, plastica, vetro, spazzatura in abbondanza abbandonata lì dove, oggi, poche ore dopo in tanti stanno recandosi per godere finalmente del nostro mare.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus