Connect with us

Corigliano

Ancora un’auto in trappola ad un passaggio a livello

Quando le sbarre si abbassano i salentini (non) vedono rosso e tirano dritto come tori

Pubblicato

il


Qualcosa scatta nella mente degli automobilisti salentini quando la campanella del passaggio a livello inizia a suonare. Poco importa se il semaforo è acceso. Anzi, forse è proprio il rosso a far partire i più, come dei tori infuriati.





E infatti i risultati si vedono. Si enumerano, in giro per tutta la provincia, sempre più conducenti (e non solo) protagonisti di episodi singolari…tra le sbarre.





L’ultimo è all’ingresso di Corigliano d’Otranto. Una vettura è rimasta bloccata sui binari. Il tentativo di sgattaiolare tra le transenne in movimento non ha sortito l’effetto sperato. Fortunatamente il treno non sopraggiungeva e si è risolto il tutto con qualche minuto di ritardo sul viaggio del convoglio.





Tra le sbarre




In una settimana siamo già ad almeno 3 casi. Quelli noti. Tra Maglie e Muro Leccese una donna aveva avuto sorte simile con la sua Punto. Per poi, nella concitazione del momento, minacciare di gettarsi sotto al treno.





A Casarano c’è chi si è incastrato a piedi. Non tra le sbarre, ma con i carabinieri. Notato dai militari, un uomo del posto è andato su tutte le furie quando ha capito che sarebbe stato multato. L’ira gli è costata un verbale…d’arresto.





Andando indietro nel tempo, in Salento si contano altri fatti di cronaca agli incroci tra strade e ferrovie. Tempo fa era il passaggio a livello di Tricase, su via Roma, a rendersi più volte scenario di mancati attraversamenti (uno qui). Altre volte, invece, son state le sbarre a non fare il dovere. Più di un passaggio a livello ha mancato di chiudersi all’arrivo del treno. Tragedie per fortuna sempre solo sfiorate.


Appuntamenti

Il DAJS pensa al verde di domani

Lunedì a Maglie convocati i sindaci di 26 Comuni del leccese, aderiranno al Piano di Rigenerazione sostenibile e di riforestazione del territorio

Pubblicato

il

I TERRENI ABBANDONATI TORNANO VERDI, 26 SINDACI PRONTI A DARE LE PRIME ADESIONI

Aree destinate al rimboschimento: ci sono già le prime importanti adesioni.

Un ruolino di marcia straordinario quello che si sono dati il DAJS (Distretto Agroalimentare Jonico Salentino) e la Provincia di Lecce, che in poche settimane hanno già chiamato a raccolta 50 dei 96 Comuni della provincia di Lecce.

Il prossimo incontro è previsto lunedì 13 settembre a Maglie, nella sala consiliare del Municipio in piazza Aldo Moro, a partire dalle ore 18.

Oltre al Primo cittadino di Maglie, sono convocati i sindaci di altri 25 Comuni del Leccese, per un totale di 26 enti locali: Bagnolo del Salento, Botrugno, Calimera, Cannole, Carpignano Salentino, Castrignano de’ Greci, Corigliano d’Otranto, Cursi, Cutrofiano, Giuggianello, Giurdignano, Martano, Martignano, Melpignano, Minervino di Lecce, Muro Leccese, Otranto, Palmariggi, Sanarica, Scorrano, Sogliano Cavour, Soleto, Sternatia, Uggiano La Chiesa e Zollino.

A spiegare il variegato Piano di Rigenerazione sostenibile e di riforestazione del territorio saranno il presidente della Provincia, Stefano Minerva, il presidente del DAJS Pantaleo Piccinno, il direttore del DAJS Maurizio Mazzeo, insieme al magnifico rettore dell’Università del Salento Fabio Pollice, al vice-presidente del CIHEAM Teodoro Miano, e al dottor Fabrizio De Castro, coordinatore scientifico del Programma di Rigenerazione Sostenibile.

Il DAJS ha approntato un questionario attraverso il quale le amministrazioni comunali possono dichiarare la propria disponibilità, insieme ai privati, segnalando i terreni da candidare ad azioni di riforestazione. Un primo passo concreto per anticipare quel meccanismo di coinvolgimento tanto auspicato.

www.facebook.com/Dajsdistrettoagroalimentarejonicosalentino/to

Continua a Leggere

Corigliano

Non riesce a risalire la scogliera: bagnante muore ad Andrano

Pubblicato

il

Un uomo di 75 anni è deceduto nel pomeriggio di ieri nelle acque della Marina di Andrano.

Era in mare nei pressi del lido Cochabamba, in un tratto in cui l’accesso è libero. L’uomo, originario di Corigliano D’Otranto, non è però riuscito a tornare a riva. I suoi tentativi di risalire la scogliera, da dove si era tuffato, sono falliti. All’improvviso da terra lo hanno visto galleggiare, riverso nell’acqua.

Un gruppo di persone, tra i bagnanti presenti ed il titolare del vicino lido, lo hanno riportato a riva ed adagiato su una barella spinale in uso allo stesso lido.

Nel frattempo si sono recati sul posto la polizia locale (già in zona e richiamata dalla concitazione dei presenti), la guardia costiera di Leuca ed il 118.

Il personale sanitario in ambulanza, al suo arrivo, ha tentato di rianimare il 75enne, vanamente. Nel giro di pochi minuti si è consumata la tragedia: per quell’uomo, che era entrato in mare per fare il bagno poco prima, era stato già constatato il decesso. La sua salma è stata trasportata poi presso la camera mortuaria del Vito Fazzi. Sarebbe un infarto la causa della morte.

Continua a Leggere

Appuntamenti

SEI Festival: si riparte. Grande attesa per Vinicio Capossela

Il castello volante di Corigliano d’Otranto apre il sipario per la quindicesima edizione del SEI Festival

Pubblicato

il

Il castello volante di Corigliano d’Otranto riapre il sipario per la quindicesima edizione del SEI Festival, ideato, prodotto e promosso da Coolclub, con la direzione artistica di Cesare Liaci.

Si parte giovedì 29 luglio con i C’mon Tigre, un cantiere aperto fatto di commistioni con il jazz, l’afrojazz, le ritmiche dell’hip hop, il funk e la disco anni Settanta. La band si esibirà a partire dalle 22 (ingresso a pagamento) nel Fossato del Castello Volante. Alle 21 (ingresso libero), prima del concerto, sulle terrazze del Castello sarà svelato “Fili che legano“, manifesto d’artista realizzato da Michela Monaco per l’occasione. Un’edizione particolare, che parte in un momento di rinascita per tutti dopo il lungo stop forzato per il mondo della musica e dello spettacolo imposto dalla pandemia.

La rassegna prosegue venerdì 30 e sabato 31 luglio, con la performance della residenza artistica “FeelM” (FeelMusic – From primitives to the future), ideata in collaborazione con la sede leccese del Centro Sperimentale di Cinematografia e il DAMS dell’Università del Salento, con la direzione artistica di Underspreche.

Ospite d’eccezione Vinicio Capossela, che martedì 3 agosto alle 22 in Piazza San Giorgio a Melpignano inscenerà la Bestiale Comedìa. Quest’anno che ricorre il settecentesimo della morte di Dante Alighieri, Vinicio Capossela, ha scelto di omaggialo con un progetto che dal confronto con la Divina commedia tragga punti d’orientamento per una navigazione dantesca nel proprio repertorio.

Giovedì 5 agosto si torna al Castello di Corigliano con, alle 20:30, la presentazione di “Lo capisce anche un bambino” di Mattia Zecca (Feltrinelli) e alla 22  con il concerto del cantautore Roberto Angelini (ingresso a pagamento).

Il festival proseguirà al Castello di Corigliano d’Otranto con Paolo Benvegnù (6 agosto), Manu Funk e Nervi (8 agosto), Bombino e Adriano Viterbini (12 agosto), Inude e Post Nebbia (13 agosto), Oscar Giammarinaro (17 agosto), Sofia Brunetta e Tuma (20 agosto), Tutti Fenomeni La Malasorte (21 agosto),  Yorker e LEdera (22 agosto), Colombre e Vipera (26 agosto), Cristina Donà e Emma Nolde (27 agosto). In Piazza San Giorgio a Melpignano dopo Venerus e Vinicio Capossela, si esibiranno il cantautore Francesco Bianconi, leader dei Baustelle (14 agosto), la cantautrice Ariete e il giovane artista “(un)cool” Vipra (15 agosto). Il festival ospiterà anche un programma di presentazioni di libri (tra gli ospiti Doriana TozziGiulia CavaliereCristò), laboratori per bambini con Fermenti Lattici, in collaborazione con Storie cucite a mano, progetto selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, attività per ragazzi e ragazze a cura di SwapMuseum e una sezione dedicata al cinema musicale in collaborazione con Seeyousound festival.

 
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus