Connect with us

Corigliano

Ancora un’auto in trappola ad un passaggio a livello

Quando le sbarre si abbassano i salentini (non) vedono rosso e tirano dritto come tori

Pubblicato

il


Qualcosa scatta nella mente degli automobilisti salentini quando la campanella del passaggio a livello inizia a suonare. Poco importa se il semaforo è acceso. Anzi, forse è proprio il rosso a far partire i più, come dei tori infuriati.





E infatti i risultati si vedono. Si enumerano, in giro per tutta la provincia, sempre più conducenti (e non solo) protagonisti di episodi singolari…tra le sbarre.





L’ultimo è all’ingresso di Corigliano d’Otranto. Una vettura è rimasta bloccata sui binari. Il tentativo di sgattaiolare tra le transenne in movimento non ha sortito l’effetto sperato. Fortunatamente il treno non sopraggiungeva e si è risolto il tutto con qualche minuto di ritardo sul viaggio del convoglio.





Tra le sbarre




In una settimana siamo già ad almeno 3 casi. Quelli noti. Tra Maglie e Muro Leccese una donna aveva avuto sorte simile con la sua Punto. Per poi, nella concitazione del momento, minacciare di gettarsi sotto al treno.





A Casarano c’è chi si è incastrato a piedi. Non tra le sbarre, ma con i carabinieri. Notato dai militari, un uomo del posto è andato su tutte le furie quando ha capito che sarebbe stato multato. L’ira gli è costata un verbale…d’arresto.





Andando indietro nel tempo, in Salento si contano altri fatti di cronaca agli incroci tra strade e ferrovie. Tempo fa era il passaggio a livello di Tricase, su via Roma, a rendersi più volte scenario di mancati attraversamenti (uno qui). Altre volte, invece, son state le sbarre a non fare il dovere. Più di un passaggio a livello ha mancato di chiudersi all’arrivo del treno. Tragedie per fortuna sempre solo sfiorate.


Corigliano

Dalle sterpaglie al deposito: fiamme lambiscono abitazioni sulla Corigliano-Galatina

Pubblicato

il

Temperature alte, una fiammella ed un pizzico di incuria possono innescare in men che non si dica incendi di grande portata e pericolosità.

Sembrerebbero questi i fatali ingredienti che han provocato il rogo divampato questo pomeriggio nelle campagne lungo la strada che da Corigliano porta a Galatina. Gli stessi che, in questi giorni, stanno carbonizzando il Salento dalla costa all’entroterra, costringendo addirittura in alcuni casi i vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce a chiedere il supporto ai colleghi brindisini.

Nell’episodio che vi raccontiamo di quest’oggi, l’erba alta si è incendiata, dando due appezzamenti alle fiamme a poche centinaia di metri dallo stabilimento Colacem. Le lingue di fuoco, sempre più alte, sono avanzate fino a intaccare un deposito adiacente un casolare.

Minacciosa, la nube di fumo si è levata nell’aria, di un colore sempre più scuro. Dopo la vegetazione, infatti, han preso fuoco anche degli oggetti stipati sul posto. Da lì il fumo nero.

Ai vigili del fuoco ed alla protezione civile l’onere di contenere l’incendio. L’intervento, impegnativo, è durato a lungo. Apprensione per alcune abitazioni del posto. Due in particolare sono state lambite dalle fiamme. Per fortuna nessuna conseguenza per le persone.

Continua a Leggere

Alessano

Strade da rifare: ecco quanto arriva ad ognuno dei Comuni

Cento milioni per le strade pugliesi. L’ammontare del finanziamento paese per paese. Ogni Comune riceverà il contributo calcolato sulla base di due criteri: il 55% sulla base della popolazione residente; il 45% sulla base dell’estensione territoriale

Pubblicato

il

Si è spesso discusso della difficoltà (eufemismo) dei Comuni a riassestare le disastrate vie dei nostri paesi per l’assenza totale di finanziamenti dedicati dopo lo stop al contributo statale.

Ora la svolta perché parlare di vie disastrose sarà anche poco… intellettuale ma è esattamente ciò in cui ci imbattiamo ogni santo giorno.

È notizia di questi giorni che la Regione Puglia, ha stanziato 100 milioni di euro da distribuire ai Comuni pugliesi con un contributo a fondo perduto.

Con quei soldi si punta a rendere più sicure le strade (almeno una parte di loro) martoriate da buche di ogni forma e dimensione, spesso anche causa di incidenti e molte volte di cadute e infortuni delle persone, con ulteriore dolore e indubbio danno ulteriore sui bilanci comunali (quando si dice la beffa oltre il danno!).

Ogni Comune riceverà il contributo calcolato sulla base di due criteri: il 55% sulla base della popolazione residente; il 45% sulla base dell’estensione territoriale.

Il contributo in euro per ognuno dei centri della provincia di Lecce

Alessano 153.063,69

Alezio 117.632,05

Alliste 145.076,34

Andrano 101.093,42

Aradeo 146.180,71

Arnesano 86.807,02

Bagnolo del Salento 40.674,99

Botrugno 59.668,70

Calimera 121.032,20

Campi Salentina 244.529,43

Cannole 70.083,25

Caprarica di Lecce 57.858,77

Carmiano 219.264,60

Carpignano Salentino 164.349,25

Casarano 363.709,89

Castrì di Lecce 68.847,50

Castrignano dei Greci 74.728,62

Castrignano del Capo 120.272, 56

Castro 43.042,22

Cavallino 227.261,63

Collepasso 109.797,90

Copertino 461.645,24

Corigliano 144.711,41

Corsano 94.421,89

Cursi 74.887,73

Cutrofiano 253.227,52

Gagliano del Capo 108.540,99

Galatina 554.851,39

Galatone 319.122,65

Gallipoli 376.525,46

Giuggianello 39.719,33

Giurdignano 59.252,83

Guagnano 165.181,63

Lecce 1.860.880,43

Lequile 204.058,50

Leverano 307.110,31

Lizzanello 221.119,42

Maglie 245.468,18

Martano 173.459,42

Martignano 37.261,14

Matino 217.478,36

Melendugno 329.756,14

Melissano 124.632,33

Melpignano 55.904,84

Miggiano 65.417,63

Monteroni 228.774,45

Montesano Salentino 56.121,83

Morciano di Leuca 75.115,80

Muro Leccese 106.303,03

Nardò 872.910,91

Neviano 108.058,81

Nociglia 56.113,05

Novoli 149.262,32

Ortelle 55.543,01

Otranto 258.849,30

Palmariggi 40.551,50

Parabita 170.857,65

Patù 42.856,13

Poggiardo 128.215,49

Porto Cesareo 167.574,19

Presicce-Acquarica 232.832,09

Racale 206.009,92

Ruffano 223.702,72

Salice Salentino 249.853,91

Salve 139.471,34

San Cassiano 47.812,32

San Cesario di Lecce 129.748,65

San Donato di Lecce 126.923,76

San Pietro in Lama 67.243,08

Sanarica 50.309,42

Sannicola 143.480,78

Santa Cesarea Terme 102.595,94

Scorrano 176.090,05

Seclì 45.845,87

Sogliano Cavour 67.478,75

Soleto 144.229,05

Specchia 122.480,87

Spongano 77.754,21

Squinzano 259.249,10

Sternatia 69.495,59

Supersano 143.100,52

Surano 42.642,69

Surbo 250.933,12

Taurisano 215.164,69

Taviano 213.988,17

Trepuzzi 249.787,37

Tricase 339.814,24

Tuglie 91.376,36

Ugento 401.134,49

Uggiano La Chiesa 93.888,07

Veglie 333.688,49

Vernole 237.686.01

Zollino 49.305,41

Continua a Leggere

Corigliano

Vigili in sosta sul parcheggio per disabili: la foto fa il giro del web

Pubblicato

il

Scattata da un cittadino, ha presto fatto il giro delle app di messaggistica. Fino a finire su “Danni cerebrali“, la pagina salentina dalla satira mordace che non guarda in faccia nessuno.

Siamo a Corigliano D’Otranto dove un’auto di servizio della polizia locale è stata pizzicata in sosta su un parcheggio per disabili. Siamo certi che la circostanza che avrà portato i vigili ad utilizzare l’area dedicata sarà validissima. Resta però una foto che è un vero e proprio ossimoro.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus