Connect with us

Casarano

Casarano-Taurisano: violento incidente, soccorsi in 4

Pubblicato

il

Un incidente stradale in serata ha interessato la via che collega i centri abitati di Taurisano e Casarano.

La strada è la provinciale 360 che, proprio a causa del sinistro, è stata chiusa temporaneamente al traffico.

Sul posto soccorsi, con 118 e vigili del fuoco, nonché forze dell’ordine.

Le ambulanze hanno trasportato i 4 coinvolti, tutti feriti, in ospedale. Si trovavano in 3 a bordo di una vettura, il quarto invece alla guida dell’altra auto.

I mezzi coinvolti, andati praticamente distrutti, sono una Fiat Punto ed una Volkswagen Cross. Impressionante la scena che si sono trovati davanti i soccorritori, con le auto accartocciate e ridotte ad un ammasso di lamiere.

Il punto dell’incidente, la rotatoria nei pressi dell’ingresso nel territorio di Casarano. Da chiarire la dinamica. Le due auto potrebbero essere entrate in collisione mentre viaggiavano nella stessa direzione.

Contributo video da Telegram-Protezione Civile Salento

Attualità

Ok il piano del consumatore ma…

Occhio ai tempi! Per la prima volta, un debitore si è visto omologare il proprio Piano (presentato all’OCC di Casarano) da parte del Tribunale di Lecce. Ma ci sono voluti 11 mesi…

Pubblicato

il

Un po’ di tempo fa parlammo dell’Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento; il nome è complesso e dà subito l’idea di uno di quei tanti organismi pressoché inutili di cui è piena l’Italia.

In realtà si tratta di uno strumento giuridico che, pur essendo previsto dalla nostra legislazione, solo pochissimi Comuni in Italia (si contano sulle dita) hanno deciso di dotarsene.

La legge che lo prevede è la n.3 del 2012 e, semplificando, è destinata a tutelare sia tutti quei cittadini che si trovano particolarmente esposti ai debiti, quei cittadini che, per intenderci, qualora fossero un’azienda sarebbe in liquidazione fallimentare, sia ovviamente anche tutti i creditori che da questi cittadini vorrebbero veder ripagati i propri crediti.

Il funzionamento è abbastanza semplice e consiste nella formulazione di un piano di risanamento (redatto ovviamente dall’Organismo in questione) in cui vengono definite appunto tutte le azioni che si ha intenzione di attuare al fine di consentire al debitore di poter chiudere la propria posizione (avendo comunque la garanzia di una sussistenza minima) e consentendo contemporaneamente a tutti i creditori di soddisfare, anche se in parte, le proprie ragioni. Si capisce come questo sia uno strumento importante anche per gli stessi creditori che, in moltissimi altri casi, vedono svanire del tutto i propri crediti a beneficio di altri cosiddetti “privilegiati” che magari sono meno comprensivi e per primi avviano azioni esecutive o esercitano prelazioni sul patrimonio del debitore.

La fase successiva è poi quella dell’omologazione da parte del Tribunale di questo piano e questa è la fase più importante perché consente di bloccare qualsiasi azione di recupero al fine di attuare il piano condiviso. La notizia di questi giorni è che, per la prima volta, un debitore si è visto omologare il proprio “Piano del Consumatore” da parte del Tribunale di Lecce e presentato appunto dall’OCC di Casarano.

Questo piano è risultato essere il più soddisfacente per i creditori rispetto alla liquidazione del patrimonio dell’indebitato che, nello specifico, era proprietario di un solo cespite (tra l’altro vincolato a garanzia dei cosiddetti “crediti con privilegio”), mentre quanto proposto rappresenta un ragionevole punto di equilibrio fra le aspettative dei creditori (soprattutto i piccolini, rispetto ad esempio alle banche) e la necessità di assicurare al debitore l’indispensabile per il proprio sostentamento.

Grande soddisfazione è stata ovviamente espressa dal sindaco Gianni Stefàno per la scelta di dotare Casarano di questo importante Organismo: «Una scelta che comincia così a dare i suoi primi frutti; uno strumento di alto valore sociale a beneficio di tutti i cittadini in difficoltà finanziaria. Ringrazio il Consigliere Giampiero Marrella ed il referente Dott. Merico” che insieme e con caparbietà sono stati i promotori di questa iniziativa».

Bene, il sindaco però non ha detto una cosa che non è certo di secondaria importanza.

Quando un debitore è attanagliato dai debiti ed i creditori sono al telefono o fuori dalla porta a vantare quanto dovuto, ogni giorno che passa sembra un’eternità; questo, come visto, è uno strumento importantissimo, come se fosse un salvagente lanciato in un mare in tempesta ma, se il Tribunale ci impiega undici mesi a valutare il piano e ad emettere una cavolo di omologazione con un timbro su una scartoffia, sapete dove se lo mette il salvagente quel povero debitore?

Lo strumento rimane ovviamente utilissimo e forse anche indispensabile in alcuni casi ma, per il futuro, non sarebbe male avere un Tribunale un pizzico più efficiente perché, ricordiamolo sempre: lo sciacallaggio delle banche e l’inefficienza dei tribunali consegnano i disperati nelle mani degli strozzini e di conseguenza della malavita.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Casarano

Piante di marijuana in giardino a Casarano e Taurisano

Pubblicato

il

L’attività di controllo dei carabinieri di Casarano ha eorsmesso, nel casaranese ed a Taurisano, di sorprendere degli spacciatori.

A Taurisano

A Taurisano un uomo del posto è stato locale deferito in stato di libertà: in seguito a perquisizione personale e domiciliare è stato sorpreso con, all’interno del proprio giardino, una pianta di marijuana dell’altezza di 70 cm. All’interno di un deposito di pertinenza, invece, involucro contenente 220 grammi della medesima infiorescenze, in fase di essiccazione.

A Casarano

A Casarano invece è stato deferito in stato di libertà un uomo sorpreso a coltivare su un terreno circa 20 piante di marijuana. L’uomo inoltre deteneva oltre 2 chili e mezzo della medesima sostanza.
Infine sono stati segnalati alla Prefettura di Lecce 5 giovani per “uso non teurapeutico sostanze stupefacenti”.

Continua a Leggere

Casarano

Ubriaco molesta clienti ristorante e sfonda finestrino auto carabinieri: arrestato

Pubblicato

il


Arresto a Casarano la notte scorsa.

I carabinieri del nucleo radiomobile hanno fermato dopo un controllo un 41enne di nazionalità marocchina.

L’uomo, K. J. le sue iniziali, era stato sorpreso ubriaco alla guida della sua auto. Era stato segnalato poco prima dai clienti di un ristorante che denunciavano di essere stati molestati.

Raggiunto dai militari, l’uomo si è opposto al controllo dando in escandescenze. I carabinieri hanno provveduto a trasportarlo in caserma ma all’arrivo l’uomo si è divincolato scalciando contro l’auto dell’Arma e sfondando un finestrino, per poi provare a fuggire.

L’uomo, regolare sul territorio e residente nel leccese, è stato poi condotto in ospedale. Qui è emerso esser affetto da malattia giudicata guaribile in 7 giorni. Il tasso alcolemico era invece pari a 3,2 g/l.

È scattato quindi l’arresto e, espletate le formalità di rito, il 41enne è stato tradotto presso la casa circondariale “Borgo san Nicola” di Lecce, così come disposto dall’autorità giudiziaria.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus